Win Base Win Adv Win XP Vista Windows 7 Registri Software Manuali Humor Hardware Recensioni Blog Download Foto
INDICE SEZIONE NEWS WEB NEWS SOFTWARE PUBBLICITA'
WINDOWS ME FINALE - RECENSIONE

Il nuovo sistema operativo Microsoft è disponibile in vendita a partire dal 15 Settembre. I prezzi si aggirano intorno alle 130mila lire per la versione upgrade da Windows 98, fino alle 440mila della versione completa.

Vale la pena procedere all' aggiornamento del proprio sistema?

di Casper.

La presentazione di WinMe. Il coloratissimo video promette mari e monti...È trascorso appena qualche mese da quando, incrociando le dita, ho messo alla prova la versione beta di WinMe. La recensione è ancora disponibile, ma rispetto a quanto scritto in quell’occasione ci sono non poche sorprese, alcune delle quali indubbiamente positive e altre meno entusiasmanti.

La casa di Redmond sta promuovendo Millennium Edition in modo piuttosto enfatico, sottolineando quelle che dovrebbero essere le eccezionali caratteristiche della versione definitiva appena rilasciata: funzionalità multimediali avanzate, una sofisticata integrazione con il Web e semplicità d’uso senza precedenti.

Nella preview di qualche tempo fa, io stesso lasciavo intendere che WinMe sembrava avere i numeri per diventare il leader incontrastato dei sistemi operativi nella fascia consumer. Si potrebbe osservare che Microsoft sarebbe comunque leader nel settore anche se si fosse limitata a minimi aggiornamenti di Windows 95, considerata la presenza trascurabile di OS alternativi sul mercato.


I piccoli problemi riscontrati nella versione beta sono stati risolti. Guida in linea e funzionalità di ricerca interna, in particolare, segnalavano difetti di secondaria importanza, ma piuttosto fastidiosi.

I nuovi test sulla versione definitiva hanno confermato la semplicità di installazione e il pieno supporto per un’ampia gamma di periferiche: WinMe dispone di driver aggiornatissimi, al punto che sul mio sistema ho registrato un interessante aumento delle prestazioni nel trasferimento dati su HD, grazie ai nuovi driver del controller IDE, quantificabile intorno al 15% rispetto a Windows 98 e Windows 2000.

Come forse ricorderete, si è discusso molto sull’utilità della nuova funzione System Restore, in grado di “fotografare” le condizioni del sistema e di ripristinarle in caso di problemi. Nel video promozionale, Microsoft visualizza ironicamente questa possibilità con un simpatico bambino che devasta il PC dei genitori armato di un temibile martello di plastica.(wintricks.com copyright) Una volta fatto il danno, il pupo taglia la corda, ma la dolce mammina non se la prende affatto: calma e sorridente, con un paio di clic lancia System Restore et voilà, tutto ritorna a funzionare come se nulla fosse successo.


Se nel mondo dei sogni Microsoft tutto è semplice, veloce e plug&play, nella realtà può invece accadere che qualcosa si inceppi. Messo alla prova, System Restore ha funzionato in modo soddisfacente, anche se devo confessare che non mi convince ancora del tutto.

Decine di innovazioni visibili semplificano il lavoro, rendendolo più piacevole. Spesso si tratta di dettagli minimi, magari proprio quelli che l’utente medio si aspettava da tempo. L’estetica è curatissima fin nei minimi particolari: WinMe è un sistema operativo estremamente amichevole, molto gradevole da vedere, organizzato in modo da essere accessibile a utenti di qualsiasi livello. Una delle sorprese più apprezzabili è rappresentata dalla nuova guida in linea, una vera e propria enciclopedia interattiva, niente a che vedere con i gelidi strumenti di supporto di Windows 95 e 98.

Il browser integrato è il nuovo Internet Explorer 5.5, che a dire il vero non brilla certo per le innovazioni introdotte rispetto al predecessore. Insieme a Explorer vengono installati il classico client di posta elettronica Outlook Express, una versione leggermente superata del software di messaggistica MSN Messenger e la piccola suite di comunicazione NetMeeting. È possibile condividere la connessione a Internet fra più PC.


Nuova anche tutta una serie di strumenti integrati nel sistema operativo, a partire dal supporto nativo per i files compressi con lo standard Zip, che permette di accedere agli archivi e al relativo contenuto come se si trattasse di cartelle normali, senza necessità di installare un software esterno per la decompressione.

Gli appassionati di video amatoriali troveranno il loro bravo software di editing video, i fotografi un supporto senza precedenti per le macchine fotografiche digitali e gli scanner, con relativo software di base per il trattamento delle immagini; i teledipendenti la Web Tv e i maniaci del walkman il famigerato Media Player 7, la cui unica funzione mancante probabilmente è la capacità di preparare le uova al tegamino, considerata l’incredibile gamma di formati multimediali supportati e le funzionalità di encoding digitale nel nuovo formato compresso WMA.


Bello e impossibile… cantava qualche anno fa Gianna Nannini, in tutt’altro contesto. Potremmo prendere in prestito la sua vena artistica e coniare una definizione calzante per Windows Millennium Edition: bello e improbabile.

Vediamo insieme cosa mi lascia perplesso… tanto per cominciare, una installazione personalizzata che conceda qualcosa alle nuove funzionalità integrate, ma non a tutto quello che Microsoft vorrebbe propinarci, occuperà sul vostro hard disk la bellezza di oltre 550 megabyte.

Se non vi affretterete a modificare le impostazioni predefinite di System Restore, inoltre, il vostro invisibile angelo custode arriverà a occupare qualcosa come almeno altri 400 megabyte di spazio, senza contare le copie di backup del registro di sistema (5 predefinite, una ogni santo giorno) e il restante contenuto della cartella Sysbckup. Se avete installato la versione OEM, in una sottocartella di Windows troverete dulcis in fundo 150 megabyte occupati dai files di installazione originali del sistema operativo, trasferitosi dal CD ROM direttamente sull’hard disk.


Quando vorrete ascoltare un brano musicale, guardare un video o mettere su un CD (inutile dire che WinMe include anche il software di lettura DVD), avvierete Media Player 7 e cominceranno i dolori. Intendiamoci: splendido programma… peccato che ingoi quantità fenomenali di memoria e che l’agilità non sia esattamente il suo forte.

È possibile fare un discorso simile per quasi tutte le applicazioni del sistema operativo, a partire da Explorer 5.5. La quantità di memoria richiesta è solo leggermente superiore rispetto agli standard di Windows 98, ma l’impressione generale è che il sistema soffra di un generale appesantimento della struttura.

Non si tratta di un rallentamento sensibile e misurabile, quanto piuttosto di un ritardo appena percettibile nella prontezza di risposta del sistema operativo. Per farla breve: dopo averlo installato, avrete la vaga sensazione che Windows 98 fosse più veloce.


Il rincorrersi di voci in rete prima del rilascio della versione definitiva ha lasciato spazio a molte vere e proprie idiozie: DOS sarebbe stato eliminato, non sarebbe più possibile eseguire programmi in modalità reale, tutti i drivers andrebbero aggiornati perché incompatibili con WinMe, la nuova struttura del registro impedirebbe l’installazione di alcuni programmi pienamente funzionanti in Windows 98.

L’ultima perla è opera di un giornalista di un noto giornale italiano, che sul numero unico di Luglio/Agosto 2000 candidamente afferma che WinMe introduce una procedura di installazione ulteriormente semplificata, in quanto è possibile scegliere solamente tre configurazioni preimpostate”.

Non è vero niente, e leggere queste preziose informazioni vi costerebbe le 8k lire della rivista, ma che importa? L’importante è vincere la gara fra chi le spara più grosse...


In definitiva, ecco le alternative per l’utente medio: conservare il collaudato Windows 98 o passare subito al suggestivo Windows Millennium?

Chi ha felicemente traslocato baracca e burattini su Windows 2000, come il sottoscritto, osserverà la battaglia da lontano e sarà molto incuriosito dai dati di vendita, appena WinMe sarà disponibile in un sufficiente numero di localizzazioni.

Nel frattempo, possiamo dormire sonni tranquilli: il bello deve ancora venire.


Verifica la possibiltà di risparmiare soldi ed implementare parte di Win ME nel tuo Windows 9X


Articoli correlati:

Settaggi di base di Windows ME
Settaggi avanzati di Win ME
Eliminare il System Restore
Win ME bug
Recensione Windows ME finale

 In evidenza Registrare la TV da iPhone e iPad



Nel Web in WinTricks
Copyright © 1999-2012 Master New Media s.r.l. p.iva: 02947530784
COPYRIGHT . PRIVACY . REDAZIONE . STORIA . SUPPORTA
 

Warning: include(/mnt/host/www/wintricks/wintricks.it/www/bottom.php) [function.include]: failed to open stream: Permission denied in /mnt/host/www/wintricks/wintricks.it/www/recensioni/winme-final.html on line 300

Warning: include() [function.include]: Failed opening '/mnt/host/www/wintricks/wintricks.it/www/bottom.php' for inclusion (include_path='.:/usr/share/php:/usr/share/pear') in /mnt/host/www/wintricks/wintricks.it/www/recensioni/winme-final.html on line 300