PDA

Visualizza versione completa : Fotografia, è una rivoluzione: messa a fuoco dopo lo scatto


Cricchia
11-11-2005, 15.12.52
Macchine fotografiche, la svolta: si metterà a fuoco dopo lo scatto

E' un prototipo e si chiama Refocusing il sistema a base
di tante micro lenti messo a punto dai ricercatori di Stanford.

Niente foto mosse o sfocate. Una novità per la videosorveglianza.

http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/scienza_e_tecnologia/focusgrad/focusgrad/este_11111355_14230.jpg

ROMA - Si chiama refocusing e con tutta probabilità sarà il futuro della fotografia. Una serie di micro lenti, disposte tra il sensore di cattura digitale dell'immagine e la lente principale, in grado di misurare la luce ognuna in modo diverso, tenendo conto anche di come la misurano le altre. Il risultato? La possibilità di mettere a fuoco qualsiasi punto della foto dopo averla scattata.

Questa nuovo obiettivo è stato messo a punto nell'università di Stanford, ed anche se ora è solamente un prototipo i suoi risultati sono comunque stupefacenti. Le tante microlenti, disposte come gli occhi di una mosca, permettono alla macchina fotografica di elaborare foto definite a qualsiasi livello di profondità.

Ad oggi le macchine in commercio, allo stesso modo degli apparecchi analogici, devono decidere (o lo decide manualmente il fotografo) quale livello di profondità mettere a fuoco prima dello scatto, poichè in base a questo vanno impostati anche l'apertura del diaframma e i tempi d'esposizione. Con questo sistema sarà possibile scattare foto con anche tutto il campo visivo a fuoco (cioè sarà possibile estendere la profondità di campo) pure in condizioni di scarsa illuminazione o regolando volontariamente l'esposizione su tempi brevi. Evitando in questo modo l'effetto "mosso".

Al di là delle implicazioni più commerciali, questo nuovo sistema può essere molto utile in campi come quello della videosorveglianza, dove non solo sono sempre necessarie fotografie o filmati a fuoco, ma spesso si devono controllare nel medesimo campo due soggetti a profondità diverse, che quindi necessitano di messe a fuoco differenti, cosa che fino ad ora era impossibile.

Esempio (http://www.repubblica.it/2003/e/gallerie/scienzaetecnologia/messafuoco/1.html)
Fonte (http://www.repubblica.it/2005/k/sezioni/scienza_e_tecnologia/focusgrad/focusgrad/focusgrad.html)

handyman
13-11-2005, 10.07.29
Io sono già maestro di questa nuova tecnica,sono le macchine attuali ad essere inadeguate...vero Cri? :D

kirk
13-11-2005, 12.37.28
Interessante.. il prezzo delle suddette?? :rolleyes:

Dav82
13-11-2005, 13.54.34
Originariamente inviato da kirk
Interessante.. il prezzo delle suddette?? :rolleyes:

Nella notizia c'è scritto che è un prototipo... dubito siano già in commercio o che siano stati anche solo fatte previsioni sui prezzi :)
Normalmente fra invenzione universitaria e applicazione... hai voglia :)

RNicoletto
14-11-2005, 09.38.26
Era ora che la tecnologia inerente alla fotografia digitale cominciasse a presentare qualche novità di rilievo; ultimamente i vari produttori si limatavano ad una corsa al MegaPixel che sinceramente mi lascia un po' perplesso... :o

Xtefano
14-11-2005, 10.25.26
Per chi fosse interessato ad approfondire in alcuni thread del NG it.arti.fotografia.digitale è stato segnalato questo (http://graphics.stanford.edu/papers/lfcamera/lfcamera-150dpi.pdf) documento ......


HTH


Byez

Stefano