PDA

Visualizza versione completa : La caduta in Israele.


davlak
14-04-2005, 18.53.18
14/04/2005 - Il film su Hitler in sala tra le polemiche. Le associazioni per i diritti umani: "Un'offesa"


La caduta a Tel Aviv. Il controverso film su Hitler, contestato in Germania per il ritratto "troppo umano" del dittatore, arriverà presto nei cinema israeliani. La coraggiosa scelta di far uscire la pellicola, interpretata da Bruno Ganz e quest'anno candidata all'Oscar, è maturata in seguito a un positivo test-screening a cui il distributore Nurit Shani ha sottoposto un campione di pubblico. "So che per molti sarà difficile confrontarsi con il lato umano e privato di Hitler - ha dichiarato alla BBC -, ma sarebbe ancora più ingiusto evitare un simile argomento, soltanto perchè doloroso". In attesa che il film venga sottoposto al vaglio della censura, una levata di scudi proviene intanto dall'organizzazione per i diritti umani Simon Wiesenthal. A complicare ulteriormente la situazione e' la data scelta per la distribuzione in sala. Stando alle previsioni, La caduta dovrebbe approdare nei cinema a partire dal 19 maggio, appena due settimane dopo la giornata nazionale per la commemorazione dell'Olocausto. In Italia il film uscirà il 29 aprile.

http://www.cinematografo.it/Cinemedia/00002613.html

con largo anticipo...che ne pensate?

infinitopiuuno
14-04-2005, 19.01.59
Ho visto dei filmini girati da quella poveretta della sua fidanzata e altri ancora in un documento della RAI.

Ne usciva una personalità instabile e si rilevava una contraddizione di fondo tra la razza ariana e Hitler; bruttino come un bergamasco della montagna:)

Il cinema deve toccare tutte le tematiche, anche quelle scomode e dolorose.

Se il regista, ne ha fatto un ritratto compassionevole, per esempio di un uomo travolto dagli eventi, ci si può sputare sopra tranquillamente.

Se il regista avesse fatto l'apologia di Hitler, allora censura a 360 gradi.

Lu(a
14-04-2005, 19.04.19
Siamo ancora alla censura (N)

einemass
14-04-2005, 19.09.35
un film è un film quindi per quanto mi riguarda può e deve dire qulasiasi cosa anche le più ignobili aberrazioni .
Se invece è un documentario o altro di simile allora vabbè.
NO alla censura su tutti i fronti

ciao
einemass

succhione
14-04-2005, 19.18.01
..è doloroso pensare che attraverso un film si possa rivivere la tragedia o, peggio, risvegliare quel male sepolto...( succede )...e succederà sempre.
La censura rischia di amplificare il fenomeno, anzi, mi azzardo di pensare che alcune volte e pura strategia commerciale...

davlak
14-04-2005, 19.38.58
ricordate il caso de "La Passione di Cristo" ?

non mi pare che l'appello alla censura ne abbia amplificato il successo a giudicare adesso, dopo un anno dalla prima.

c'era anche una discussione:

http://www.wintricks.it/forum/showthread.php?s=&threadid=67069

succhione
14-04-2005, 20.15.43
..no, certo non è una regola...poi, non tutti i film shok...hanno successo.....

davlak
14-04-2005, 20.34.21
un link interessante (http://http://fc.retecivica.milano.it/Rete%20Civica%20di%20Milano/Arte%20e%20Sapere/Popoli%20e%20Religioni/Ebraismo/Israele/05E58C00-000F4A4A-05E58C58)

«Per me è stato difficile da sopportare
- racconta Katriel Schory, che guida il Fondo israeliano per il cinema e che ha visto La Caduta al Festival di Berlino -
Hitler non può venire ritratto come una persona normale. Credo che la scelta della Lev Cinema sia comunque un esempio di democrazia. Dimostra la loro sensibilità verso il pubblico». Altri critici israeliani considerano la mossa una campagna di marketing per creare attenzione attorno al film. «Qualcuno può considerare la nostra decisione come semplici pubbliche relazioni - risponde la regista Nurit Shani, proprietaria della catena, che ha sostenuto storie molto discusse, giudicate anti-israeliane come «Terra promessa» di Amos Gitai - Non è così. Sono i media a essere cinici e a vedere ovunque trucchi e strategie».

Eccomi
15-04-2005, 01.38.21
Trovo poco interessante questo genere di film.
Preferisco quelli "per non dimenticare", come Schindler's list.

Yavanna Palurien
15-04-2005, 08.46.58
Non ne ho sentito parlare...mi informo e vi fo sapere

cicciobello
15-04-2005, 10.03.32
non vedo mai film di questo genere, preferisco sempre qualcosa di leggero e/o divertente

Giorgio Drudi
15-04-2005, 10.16.54
I revionismi storici sono una costante nella storiografia moderna ( dal '700 in poi ...almeno). Dipendono dalla "ideologia" dominante...