PDA

Visualizza versione completa : Come viene "distribuita" la banda ADSL tra i clienti dei provider?


exion
04-02-2005, 01.23.33
C'è una cosa della ADSL che non ho mai capito, e un pò me ne vergogno perché con l'ADSL mi sono guadagnato da vivere per due anni.

A me è sempre stato detto che la banda disponibile per ogni singola utenza ADSL è condivisa, tenendo come riferimento minimo il prodotto della banda minima garantita per il numero totale delle linee su un singolo lotto.

Per fare un esempio: nel caso di una banda minima garantita di 128Kbps, se ho un lotto di 8 linee, non serve a Telecom impegnare 5Mbit di banda (cioé 640Kbps*8) ma basta 1Mbit (128Kbps*8).

Nel qual caso anche solo configurare 3Mbit complessivi a 8 clienti permetterebbe a Telecom di offrire una connessione più o meno intorno a 640 in una buona maggioranza dei casi, ma non sempre.
Ammettendo che tutti gli 8 clienti configurati sullo stesso lotto si mettano a scaricare come pazzi al massimo della banda disponibile contemporaneamente rimarebbe sempre comunque per ciascuno di loro 384Kbps, cioé il triplo della CIR, ma permettendo sempre a Telecom di ridurre i costi di gestione visto che impegna solo 3Mbit contro i 5Mbit teorici che servirebbero per avere una CIR di 640Kbps.
A quel punto stabilire se la banda minima su un singolo lotto debba essere di 5, 4, 3, 2, o 1 solo Mbit diventa esclusivamente un problema di marketing e di politica dei costi.

In realtà nella prassi ho notato che non è così. Personalmente ho provato 3 diverse connessioni ADSL con 3 diversi provider. Una nella mia ex casa di Milano, una a casa dei miei a Sanremo, e una recente nella mia nuova casa in Francia.

In tutti e tre i casi, riesco a scaricare a quasi 640Kbps pieni (i test indicano velocità oscillanti tra 580 e 620Kbps). E se non fosse per mancanza di materiale da scaricare, so che potrei tenere questo ritmo non per ore o giorni, ma per intere settimane. Se ci sono stati rallentamenti, sono stati sporadici e di corta durata: niente che possa farmi pensare che la mia banda fosse condivisa con chicchessia.
Forse è possibile a Sanremo, forse è possibile nel mio paesino tra i colli francesi, ma dubito che potessi avere un DSLAM tutto mio a Milano, in pieno centro. :p

Quindi o in tutti e tre i casi uno strano gioco del destino ha fatto che fossimo i soli clienti su quei lotti, o in realtà i miei "project manager" del cavolo mi hanno sempre raccontato un sacco di balle al lavoro, e in realtà la banda minima, nel caso dell'ADSL, dipende solo dalle condizioni fisiche del collegamento, non dalla configurazione della rete.


Dove sta la verità?

Dav82
04-02-2005, 01.43.58
Quando avevo la 320, andavo fisso a 320; ora che ho la 640 vado fisso a 640: questo in effetti per ore o anche giorni di fila... ho provato a fare un test tirando giù un po' di iso da server vari e non ho avuto cali di banda per 3 giorni consecutivi :eek:

Ogni tanto capita qualche rallentamento, ma è veramente minimo.

Secondo me ad ogni utenza sono effettivamente allocati i kbit dati come massima velocità di connessione, almeno con Libero.

Ah dimenticavo: sono in provincia di Milano, ma amici miei a Milano città hanno notato la stessa cosa :)

Carlo Casadio
04-02-2005, 18.53.45
Io uso Tin.it e sono vicino alla centrale telecom, vado a 320/800 dai miei controlli, sempre (da Agosto 2004), mai visto cali di banda.