PDA

Visualizza versione completa : Novità dal fronte dell'autolesionismo: razzismo al contrario in casa nostra.


Pagine : [1] 2

davlak
10-07-2004, 20.27.16
Non riuscivo a credere alle mie orecchie:

Scuola: a Milano si sperimenta
la prima classe per soli studenti islamici


Tre ragazzi e 17 ragazze. Tutte con il velo. Nasce a Milano la prima classe per soli studenti islamici. È il liceo di scienze sociali Gaetana Agnesi, a due passi dall'Università Bocconi, a sperimentare questo nuovo metodo di integrazione. I programmi saranno quelli dettati dal ministero e applicati in tutti gli istituti superiori agli studenti italiani. Niente Corano né Vangelo. Forse in aula non ci sarà il crocifisso. E la ginnastica, per le ragazze, sarà riservata alle ore pomeridiane. Una piccola rivoluzione che permetterà ai giovani della comunità milanese di via Quaranta, soprattutto egiziani, di continuare gli studi. Tra loro ci sono molte ragazze. Difficile per le famiglie accettare di farle entrare in contatto con ragazzi italiani o, comunque, "diversi" per cultura e religione. L'alternativa per questi minorenni? Tornare in Egitto o interrompere gli studi. Ecco perché il liceo Agnesi va oltre le polemiche di chi sostiene che questa non sia vera integrazione. Il progetto è molto delicato. Ma, fanno sapere i responsabili dell'istituto, anche ai figli di famiglie integraliste è importante garantire il diritto allo studio. In questa sezione sui generis non ci sarà il venerdì libero. Né si festeggeranno altre ricorrenze legate alla loro religione. Lezioni in lingua araba? Forse. Ma solo al pomeriggio, nell'ambito dell'autonomia scolastica. E il progetto rivoluzionario suscita già polemiche. I rappresentanti di An e della Lega alla regione Lombardia dicono no alla classe per soli islamici. Nel mirino anche la scuola non riconosciuta di Via Quaranta. Quattrocento allievi che seguono regole e programmi propri. Ma il direttore scolastico regionale ne è certo: per una corretta integrazione etnica è bene spingere i genitori ad iscrivere i figli nelle nostre scuole italiane.

http://www.tg5.it/altre_notizie/schede/scheda_021027125757.shtml

Mi viene :S solo da :S commentare :S che non c'è più religione....e W la Fallaci.

Paco
10-07-2004, 20.50.54
É un passo indietro dell'integrazione.

Tommy_hell
10-07-2004, 20.52.22
Originariamente inviato da Paco
É un passo indietro dell'integrazione.

Appunto! Cioè, si parla tanto di integrare queste persone tra noi e poi accadono queste cose. Bo non ci si capisce + nulla.

Paco
10-07-2004, 20.57.48
Originariamente inviato da Tommy_hell


Appunto! Cioè, si parla tanto di integrare queste persone tra noi e poi accadono queste cose. Bo non ci si capisce + nulla.

Noi dobbiamo essere aperti all'integrazione e loro a integrarsi.
Se una persona non vuole integrarsi in Italia se la deve prendere solo con se stesso e non con il nostro sistema.

Abbiamo alcuni principi fondamentali a cui non dobbiamo rinunciare.

Sono invece daccordissimo con eventuali doposcuola gestiti dai mussulmani dove poter studiare la lingua, la religione e le tradizioni. In Italia si può fare, perchè non farlo?

Dav82
10-07-2004, 21.04.10
Originariamente inviato da davlak
Mi viene :S solo da :S commentare :S che non c'è più religione....e W la Fallaci.

Guarda davlak... io sono sempre stato molto aperto verso di loro, tanto da sostenere che il crocifisso non ci va... ma qui veramente si è oltrepassato il limite :S

Che cacchio vogliono sti qui? Tappeti rosse e moschee a scuola? Che se noi solo ci mettiamo a pregare in arabia, veniamo uccisi ancora un po'? :mad:

Tommy_hell
10-07-2004, 21.07.10
Io penso che se noi Italiani, o qualsiasi altro popolo del mondo si volesse stabilire la da loro, non credo che succederebbe una cosa simile.......

niconico
10-07-2004, 21.15.09
Mmmm...
Questa cosa è successa al nord e gia si capisce tutto.
Sono d'accordo con paco per l'ultima affermazione e con Tommy_hell...è vero che non succederebbe una cosa simile se andassimo noi li, però bisogna capire che non hanno hanno una società sviluppatissima, è dominata dal Corano il quale, secondo me, al 60% dice solo ca**ate...pareri personali però;)

Flying Luka
10-07-2004, 21.22.06
In linea di principio, avrei considerato l'idea giusta se questa scuola fosse stata ideata ad hoc, con un loro preciso e specifico piano di studi, quindi corano, arabo e altre delirii similari, giustificato dalla difficoltà, essendo la loro cultura TROPPO differente dalla nostra, di far conciliare nonchè assemblare un loro programma didattico con il nostro.

Ad ogni modo, dipendesse da me, li rispedirei tutti a calci in culo nel loro luogo di provenienza. Continuo a non capire cosa vogliono, ne dove vogliono arrivare.
Ci odiano, rappresentiamo il turpe mondo occidentale, il cattolicesimo e tante altre cose (per loro) indecenti, eppure rimangono qui e non si schiodano più.

davlak
10-07-2004, 21.28.50
Originariamente inviato da Paco


Noi dobbiamo essere aperti all'integrazione e loro a integrarsi.
Se una persona non vuole integrarsi in Italia se la deve prendere solo con se stesso e non con il nostro sistema.

Abbiamo alcuni principi fondamentali a cui non dobbiamo rinunciare.

Sono invece daccordissimo con eventuali doposcuola gestiti dai mussulmani dove poter studiare la lingua, la religione e le tradizioni. In Italia si può fare, perchè non farlo?
mai stato + d'accordo con te (Y)
nell'ottica di uno scambio culturale va benissimo quello che proponi e che approvo.
ma qui si comincia veramente a farcisi del male da soli...come diceva la Fallaci già 3 anni fà.

E aggiungo, sono uscito poco fà, a bere qualcosa al solito bar frequentato da quasi tutti cittadini italiani provenienti da paesi islamici e musulmani di religione.
Ho ascoltato i primi commenti, loro stessi dicono quello che hai scritto tu, che è un passo indietro per l'integrazione, solo che loro in Italia ci stanno da 30/40/50 anni e questa NON la considerano una svolta positiva, forse perchè hanno assimilato i concetti della vera democrazia...mentre questi venuti da noi da poco tempo staranno sicuramente cantando vittoria.
Non lo so...io credo che l'Occidente si stia veramente tagliando le @@ da solo...e non è così solo da noi...anzi, questi qui sono solo i primi segnali, in Francia, per esempio, già stanno messi sotto.
Te lo ricordi quel mio post che andò cancellato prima dell'ultimo down? Se non sbaglio lo definisti qualcosa tipo "l'IT + OT" che avevi mai letto.

Parlavo di Jazz, America, Schiavismo...e di poter cantare "Manhattan" nei giardini pubblici di Teheran.

Cavolo, mi era uscito bene quel post...peccato averlo perso, qui ci azzeccava proprio.

Ciao.

Thor
10-07-2004, 22.02.45
bah...è una goccia in più nel vaso del razzismo verso gli islamici, tutti visti come integralisti grazie al distorcimento delle varie vicende internazionali che tutti conosciamo.

non so se cavalco un sentimento diventato nazionale..ma tutte questi avvenimenti mi fanno provare sempre più astio verso gli islamici..siano essi integralisti o meno.
so che è "sbagliato", ma non cerco di combattere questo "odio"..

come è stato già detto, si tratta di un passo indietro sulla strada dell'integrazione.
ma io, ad esempio, non la voglio affatto, quest'integrazione..

tra l'altro sono ateo..e non ho nulla contro i cristiani perché non mi vengono a rompere le scatole e non cercano di convertirmi; conosco dei ragazzi islamici, e loro mi han spiegato che se non ci convertiamo, siamo "infedeli" (ora, mi sa che nel mondo musulmano ognuno interpreta il corano come gli pare!)..

ma questa gente che viene nel nostro paese, non si integra con i nostri usi e costumi, e pretende di essere servita e riverita, quando sa benissimo che il viceversa - noi da loro - non varrebbe affatto..mi sta davvero sulle scatole.
gente che non manda i figli nelle nostre scuole, perché non vuole che si mischino con noi, gli infedeli...e quel ç@220n3 di preside cosa fa?
fa capir loro che qui in Italia possono fare quel che par loro...tanto noi siamo imbecilli e ci ritroveremo coi minareti prima di accorgercene.

visione troppo fosca? lo spero proprio, ragazzi..lo spero davvero.

Eccomi
10-07-2004, 22.24.28
Originariamente inviato da thor


ma questa gente che viene nel nostro paese, non si integra con i nostri usi e costumi, e pretende di essere servita e riverita, quando sa benissimo che il viceversa - noi da loro - non varrebbe affatto..mi sta davvero sulle scatole.


Difficile non essere d'accordo...:rolleyes:

Albachiara
10-07-2004, 22.50.20
Originariamente inviato da Paco


Noi dobbiamo essere aperti all'integrazione e loro a integrarsi.
Se una persona non vuole integrarsi in Italia se la deve prendere solo con se stesso e non con il nostro sistema.

Abbiamo alcuni principi fondamentali a cui non dobbiamo rinunciare.

Sono invece daccordissimo con eventuali doposcuola gestiti dai mussulmani dove poter studiare la lingua, la religione e le tradizioni. In Italia si può fare, perchè non farlo?

Pienamente concorde :)

Morella
10-07-2004, 23.13.28
Ciao a tutti :)

Sono una grande estimatrice della Signora Fallaci, non sempre e non solo per quello che dice ma, per la passione che (anche quando parla di Ragione) traspare dalle sue parole.

Sono ASSOLUTAMENTE d'accordo sul principio di mantenere e salvaguardare la nostra cultura, così come penso possa essere utile ed istruttivo acquisire informazioni sulle culture altre.
Mi spavento un po', però, quando sento parlare di "odio" (anche se messo tra virgolette...), soprattutto perchè, a volte, capita di provarlo anche a me, e devo rammentare a me stessa che le eccessive generalizzazioni non sono mai utili a "conoscere" e a "capire" gli altri.
Insomma, credo che l'integrazione sia possibile solo se prendiamo in considerazione le persone, gli esseri umani, non gli stereotipi. Da qualunque cultura ci arrivino, anche dalla nostra.

E quale modo migliore di difendere i nostri valori, che mostrare il fatto che sappiamo viverli, non solo farne apologia?

:)

ClipperItaly
10-07-2004, 23.41.40
Per chi vuole sapere come vengono trattati gli italiani in terra araba consiglio il Blog di Lia (http://www.ilcircolo.net/lia/)

E per gli estimatori della Fallaci consiglio questo post (http://www.ilcircolo.net/lia/000483.php)

Personalmente penso che se verremo ''invasi'' ce lo saremo meritati: in fin dei conti l'unica vera fede dell'occidente e' il denaro, loro almeno hanno fede in un Dio.

Eccomi
11-07-2004, 02.28.06
Originariamente inviato da ClipperItaly


Personalmente penso che se verremo ''invasi'' ce lo saremo meritati: in fin dei conti l'unica vera fede dell'occidente e' il denaro, loro almeno hanno fede in un Dio.

Premessa: grazie per i links.
Con quanto sopra, sono parzialmente d'accordo... Solo che vorrei che venissero quei popoli che abbiamo sfruttato, depredato e affamato, a darci quel che ci meritiamo, a venirsi a prendere l'acqua e il cibo che noi sperperiamo, mentre loro muoiono di sete e di fame...:( Non gli Arabi.

Gigi75
11-07-2004, 03.01.54
O non ho capito quale sia il problema oppure non credo ci sia nulla di strano

bYe:)

Morella
11-07-2004, 09.28.00
Ciao

Se voglio affermare l'illegittimità dell'intolleranza (almeno così credo) NON POSSO farlo diventando io stessa intollerante. Soprattutto se non conosco perfettamente l'argomento di cui parlo (e, anche in questo caso, posso manifestare il mio disaccordo, non intolleranza, a meno che la questione non leda i miei diritti umani fondamentali, nel qual caso la questione è tutt'altra).
Ho come la sensazione che la "Signora Lia" di cui al link di ClipperItaly (che, comunque, ringrazio) si mostri un tantino intollerante nei confronti di chi non la pensa come lei...
Letto tutto, mi vien da ribadire il concetto di non generalizzazione, espresso più sopra: anche io ho conosciuto persone di religione musulmana con cui ho potuto dialogare e, persone di religione(o, per meglio dire, di cultura) cristiana assolutamente intolleranti.
Per questo non amo sentir parlare indifferentemente di Musulmani, Ebrei, Palestinesi, Irlandesi, Americani, ecc.... come "buoni" o "cattivi". Forse possono esserlo i loro governi, nei quali, forse, non tutta la popolazione si riconosce. Io non mi sento una "cattiva Italiana" a causa delle nefandezze del Presidente del Consiglio, nè sarei contenta di essere invasa da coloro che "abbiamo depredato": mia figlia non credo se lo meriti, questo. E neppure MOLTE altre persone, credo.
Penso che se mi reco in un paese straniero, ho il dovere di adeguarmi alle sue leggi,e lo faccio. Posso anche immaginare, però, che se tali leggi fossero (per me) lesive dei miei valori, probabilmente avrei delle difficoltà. Soluzioni? Potrei tornare al mio paese d'origine o potrei tentare di modificare quelle leggi o potrei adattarmi, venendo meni ai miei principi (e, magari, scoprendo che i principi altrui non sono poi tanto malvagi, e differiscono dai miei solo per alcune sfumature...). Per alcune delle persone che ho incontrato qui, era proprio così: questo non ne faceva tout court degli intolleranti o dei terroristi.
Certo che la linea di demarcazione fra "tolleranza" e "farselo mettere in quel posto" può essere vaga e, soprattutto, posta diversamente per ciascuno di noi: qui sta il problema.
Quello che cerco ancora di fare è non vedere tutti come se fossero uno o pochi. Recentemente una ragazza di circa quindici anni è stata "rapita" e stuprata da due giovani maschi di "cultura" musulmana; qualche giorno fa mia figlia (10 anni!) è stata fatta oggetto di commenti piuttosto pesanti (a sfondo sessuale) da quattro ragazzini della sua età, di passaggio nel cortile,tutti di "cultura" cristiana. Ora, certo che il paragone potrebbe non reggere, tuttavia il postulato rimane, a mio avviso, valido: non possiamo giudicare interi popoli sulla base del comportamento di alcuni soggetti.
Insomma, se "qualcuno" venisse a casa mia a dirmi come mi devo comportare, penso che la cosa mi darebbe parecchio fastidio. Credo, però, che prima di rimandarlo al suo paese (o "a quel paese"), tenterei di trovare un compromesso che non risulti lesivo: dopotutto "la tua libertà finisce dove comincia la mia". E viceversa.
"Ma se fossimo noi ad andare nel loro paese non avremmo tutte queste libertà".....Forse. Appunto.
Per questo io scelgo, ancora, di vivere qui e non altrove. Almeno per adesso... (F)

Scusate la lunghezza, a volte mi faccio prendere la mano dalla tastiera! ;)

Ciao :)

Paco
11-07-2004, 10.13.44
@Morella

É difficile non essere daccordo con il tuo discorso.
Non è possibile prendersela con il singolo mussulmano perchè qualcuno più in alto ha deciso che...
Credo inoltre che esista una comunità moderata, ma non basta. Sono molto di più quelli che vengono qui da noi per imporci le loro regole.

C'è chi dice che noi occidentiali non facciam figli, quindi non dobbiamo prendercela con i mussulmani che ne fanno molto di più. Questo è quello che penso anch'io, ma di nuovo bisogna fare una distinzione tra i mussulmani e i non-mussulmani. E se facessero tanti figli con un proposito? E se obbligassero le loro donne a fare tot figli per espandersi pacificamente nella nostra Europa? (la Fallaci parla di almeno 5 figli per donna)

É questo che non posso accettare, il fare tanti figli per un preciso obiettivo. Questo mi fa orrore!

Come dice bene Eccomi, preferirei che venissero qui quelli sfruttati da noi per preservare il nostro progresso spesso stupido. Loro hanno ragione di lamentarsi e lo stanno facendo. Brasile, India, parte dell'Africa, ma questo è un altro discorso.

Alla fine quei figli, quelle donne non meritano di essere discriminate perchè non dipende esclusivamente da loro, ma da qualcuno che sta più in alto. :rolleyes:

Paco
11-07-2004, 10.15.06
Originariamente inviato da davlak

mai stato + d'accordo con te (Y)
nell'ottica di uno scambio culturale va benissimo quello che proponi e che approvo.
ma qui si comincia veramente a farcisi del male da soli...come diceva la Fallaci già 3 anni fà.

E aggiungo, sono uscito poco fà, a bere qualcosa al solito bar frequentato da quasi tutti cittadini italiani provenienti da paesi islamici e musulmani di religione.
Ho ascoltato i primi commenti, loro stessi dicono quello che hai scritto tu, che è un passo indietro per l'integrazione, solo che loro in Italia ci stanno da 30/40/50 anni e questa NON la considerano una svolta positiva, forse perchè hanno assimilato i concetti della vera democrazia...mentre questi venuti da noi da poco tempo staranno sicuramente cantando vittoria.
Non lo so...io credo che l'Occidente si stia veramente tagliando le @@ da solo...e non è così solo da noi...anzi, questi qui sono solo i primi segnali, in Francia, per esempio, già stanno messi sotto.
Te lo ricordi quel mio post che andò cancellato prima dell'ultimo down? Se non sbaglio lo definisti qualcosa tipo "l'IT + OT" che avevi mai letto.

Parlavo di Jazz, America, Schiavismo...e di poter cantare "Manhattan" nei giardini pubblici di Teheran.

Cavolo, mi era uscito bene quel post...peccato averlo perso, qui ci azzeccava proprio.

Ciao.

Eh sì, quello era un gran post! Io non lo dimentico...mi dispiace che non possa essere recuperato per quelli che non l'hanno letto. ;)
Ciao

tisifone
11-07-2004, 13.46.31
Originariamente inviato da niconico
Mmmm...
Questa cosa è successa al nord e gia si capisce tutto.
Sono d'accordo con paco per l'ultima affermazione e con Tommy_hell...è vero che non succederebbe una cosa simile se andassimo noi li, però bisogna capire che non hanno hanno una società sviluppatissima, è dominata dal Corano il quale, secondo me, al 60% dice solo ca**ate...pareri personali però;)

non dire str@##@#e! un conto è il corano e un conto è l' interpretazione che ne da l' islam.
cosi' come per il vangelo e il cattolicesimo.

p.s. io rimango del parere che la fallaci la dovrebbe smettere di pontificare dall' america e di basare tutto sul proprio odio personale e professionale.

la vita è troppo breve per passarla ad odiare.

Eccomi
11-07-2004, 15.03.34
Originariamente inviato da tisifone


non dire str@##@#e! un conto è il corano e un conto è l' interpretazione che ne da l' islam.
cosi' come per il vangelo e il cattolicesimo.

(K)

Originariamente inviato da tisifone


la vita è troppo breve per passarla ad odiare.

(K)

jannaz
11-07-2004, 16.50.42
Razzismo al contrario? - pensavo si chiamasse ghettizzazione...

JaNnAz

Lu(a
11-07-2004, 16.53.05
Originariamente inviato da Flying Luka


Ad ogni modo, dipendesse da me, li rispedirei tutti a calci in culo nel loro luogo di provenienza. Continuo a non capire cosa vogliono, ne dove vogliono arrivare.
Ci odiano, rappresentiamo il turpe mondo occidentale, il cattolicesimo e tante altre cose (per loro) indecenti, eppure rimangono qui e non si schiodano più.

(Y)

Paco
12-07-2004, 11.18.34
Originariamente inviato da tisifone


non dire str@##@#e! un conto è il corano e un conto è l' interpretazione che ne da l' islam.
cosi' come per il vangelo e il cattolicesimo.

p.s. io rimango del parere che la fallaci la dovrebbe smettere di pontificare dall' america e di basare tutto sul proprio odio personale e professionale.

la vita è troppo breve per passarla ad odiare.

Cosa ne pensi della trovata?
Ti pare normale creare una classe per soli mussulmani in una scuola pubblica? :eek:

Come ha detto Jannaz è ghettizzazione! :rolleyes:

tisifone
12-07-2004, 11.27.56
si sicuramente è una ghettizzazione e un passo indietro nell' integrazione . Ma quello che vorrei capire è se gli immigrati ( soprattutto musulmani ) questa integrazione la vogliono veramente.

da che mondo è mondo integrazione significa che io immigrato accetto determinate condizioni del paese in cui vivo pur senza perdere le mie tradizioni , nel completo rispetto del prossimo .

non sempre mi pare sia così . Noto che questo atteggiamento e' tipico soprattutto degli arabi veri e propri mentre immigrati di altre etnie , ad esempio i senegalesi o gli immigrati dall' africa centrale , sono piu' propensi allo scambio culturale.

in definitiva quello che piu' mi lascia amareggiato è che molto probabilmente i genitori di quei ragazzi sono contenti della gjettizzazione che hanno subito i loro figli...

(ci tengo a precisare che qusto che faccio e' un discorso in generale e che quindi come tale e spesso per fortuna smentito da casi singoli positivi , con cio' il mio pensiero di fondo credo si sia arguito corretamente)

dave4mame
12-07-2004, 11.35.06
premetto, come ho già avuto modo di dire, che se esprimessi i miei sentimenti nei confronti di questa gente sarei io a essere cacciato a calci in culo da queste pagine.

visto che qualcuno l'ha già fatto, dico pure che ne sempre a calci in culo ne caccerei buona parte (buona parte... ci sono anche brave persone).

questo detto, volevo solo condividere due riflessioni.

la prima è che la "giustificazione" addotta dai fautori di queste classi è che DI FATTO, è l'unico modo in cui si può garantire a "un certo tipo" di studenti il prosiego degli studi (come vengano indottrinati poi è una bella discussione).

la seconda circa il fatto che siano "chiuse", è tutta mia.
non se se in una scuola tenuta da preti sarebbero bene accetti, chessò, degli ebrei...

Fëanor
12-07-2004, 11.49.51
stupidi noi che lo permettiamo.
è che non abbiamo le palle, tutto qua.

- vglio aprire una scuola privata in questo modo.
- NO. NON SI PUO' FARE. FINE DEL DISCORSO.
- si ma io..., è un mio diritto, ma come si permette?, lei non sa chi...
- FUORI DALLE PALLE.

dave4mame
12-07-2004, 12.01.42
se la pensiamo così (e siamo tanti, mi pare...) qualcuno mi spiega com'è che, quale che sia il governo che abbiamo, continuamo a permettere a cani e porci di passare i confini?

Thor
12-07-2004, 12.11.20
mah..è che forse si pensa che gli italiani siano tutti lì a 90 e ansiosi di farsi inkiapp!
forse pensano che siamo tutti pro integrazione razziale.
forse non pensano che se ce n'è 1milione a manifestare in piazza per il pacifismo (per dirne una) ce ne sono 10milioni a casa che "non manifestano" per il contrario...

siamo in tanti, è vero, ad avere questo sentimento di "tutti a casa a calci in culo"...allora dovremmo votare LegaNord, qui al nord appunto.. (ok, è un po' una cavolata, ma sono gli unici che ne fanno un punto del programma..)

oppure aspettare che la nostra generazione di "via gli islamici" arrivi a governare...

tisifone
12-07-2004, 12.20.47
non ci siamo capiti mi sa...

io via gli islamici non lo dico affatto ... e non sono assolutamente per le soluzioni generaliste e tagliamo-la-testa-al-toro da destra sociale!

Ghandalf
12-07-2004, 12.30.38
Originariamente inviato da tisifone



la vita è troppo breve per passarla ad odiare.

(Y)

Originariamente inviato da jannaz
Razzismo al contrario? - pensavo si chiamasse ghettizzazione...

JaNnAz

Assolutamente.

Aggiungo che, salvo fatto questo episodio, adoro le societa' multiraziali, purtroppo siamo troppi al mondo non si puo' pretendere di vivere sereni arroccati nei propri confini, sopratutto quando all'interno dei propri confini si parla ancora di chiudere le frontiere invece di trovare un modo construttivo di aprirle ( aprirle e' inevitabile, e' un fenomeno sociale e storico )-

Ma bisogna essere una societa' matura per affrontare un'integrazione, e in italia dove ancora l'omosessualita' e' vissuta come una "diversita'" mi pare siamo indietro anni luce.

dave4mame
12-07-2004, 12.36.19
Originariamente inviato da thor
siamo in tanti, è vero, ad avere questo sentimento di "tutti a casa a calci in culo"...allora dovremmo votare LegaNord, qui al nord appunto.. (ok, è un po' una cavolata, ma sono gli unici che ne fanno un punto del programma..)

oppure aspettare che la nostra generazione di "via gli islamici" arrivi a governare...



ma, guarda, il ragionamento fa un po' acqua.
e non sulla base di opinioni, ma su dati di fatto.

ti porto due esempi di due città che conosco bene.

la prima è verona, dove ormai abito da 6 mesi.
è una città con una forte presenza leghista (e anche "peggio": tanto per farti un esempio, nel giorno della memoria, qualche testa disabitata è riuscita a grafitare su un muro un "non ricordo!" a caratteri cubitali) eppure gli estracomunitari sono presenti in fortissimo numero.

e non ti parlo delle (pur tante) brave persone che fanno tranquillamente il loro lavoro (che fanno perchè tanti disoccupati italiani si rifiutano di fare...), ma di zingari e altra feccia varia ed assortita.


l'altro esempio è sondrio, città anche questa a fortissima componente leghista.
qui però gli estracomunitari (sia brava gente che feccia) li conti sulla punta delle dita di due mani....

Thor
12-07-2004, 13.03.41
hai ragione..infatti ho scritto che "è un po' una cavolata"

comunque, anche dove c'è forte componente leghista, non è che si possano fare regolamentazioni cittadine..è una legge (nazionale) che bisognerebbe metter giù e soprattutto attuare..

comunque, l'Italia sta sempre più diventando una polveriera, dal punto di vista "sopportazione per tutti i casini portati dagli immigrati irregolari" (ok, qui generalizzo un po'), anche se nel nostro caso si parla di islamici ("integralisti", ci viene subito in mente, no? è sbagliato, ok, ma ci viene, no?)...
prima o poi le polveriere saltano in aria.

anche se a me piacerebbe non aspettare sino a quel momento, ma che si agisse prima.

se no, qualsiasi cosa succederà, ce la saremo voluta.

dave4mame
12-07-2004, 13.19.48
forse al mio discorso mancava un pezzo.

non so se hai (avete) presente come è fatta sondrio.
è si capoluogo di provincia; ma è anche una città piccola incassata in una valle.
ora, io non do dirti se è per il freddo o per la natura molto "chiusa" degli abitanti... fattostà che come dicevo di stranieri in città non ce ne sono.

e sai una cosa?
sai chi trovi nei giardinetti della stazione ferroviaria? le nonne che portano i bambini a giocare....

porca pupazza, ma proprio non riuscivo a trovare un posto di lavoro a sondrio?

Flying Luka
12-07-2004, 13.48.32
Originariamente inviato da tisifone
non ci siamo capiti mi sa...

io via gli islamici non lo dico affatto ... e non sono assolutamente per le soluzioni generaliste e tagliamo-la-testa-al-toro da destra sociale!

Io invece si, lo dico eccome, anche se questo mi attirerà addosso non poche antipatie in questo forum e verrò bollato come uno stronzo.

Conosco molta gente che parla di integrazione, che parla di "poverini, aiutiamoli"... ma poi se li incontra per la strada cambia marciapiede.

Io il marciapiede non lo cambio, ma mi rifiuto di adattarmi a loro prima di tutto perchè che sono loro che non si adeguano a noi, io sono casa mia e sono STUFO di sentirmi quasi uno straniero nella mia città; in secondo luogo finchè non vedrò da parte "dei figli di halla" un po' più di rispetto verso le nostre usanze, la nostra cultura, le nostre tradizioni, il nostro mondo occidentale (bello o brutto che sia) e le nostre città, allora forse rivedrò le mie posizioni di insofferenza... Insciallah!

tisifone
12-07-2004, 13.53.46
Originariamente inviato da dave4mame
forse al mio discorso mancava un pezzo.

non so se hai (avete) presente come è fatta sondrio.
è si capoluogo di provincia; ma è anche una città piccola incassata in una valle.
ora, io non do dirti se è per il freddo o per la natura molto "chiusa" degli abitanti... fattostà che come dicevo di stranieri in città non ce ne sono.

e sai una cosa?
sai chi trovi nei giardinetti della stazione ferroviaria? le nonne che portano i bambini a giocare....

porca pupazza, ma proprio non riuscivo a trovare un posto di lavoro a sondrio?

a me risulta anche che sia una citta' con il tasso di suicidi sopra la media nazionale...

inoltre i collegamenti sono ancora quelli dl secolo scorso : unica strada e binario unico...

dave4mame
12-07-2004, 14.11.58
circa i suicidi non ti sò dire: senz'altro la cosa non mi stupirebbe.
non credo sia una realtà molto diversa dai paesi scandinavi: freddo, benessere e alcolici in abbondanza.

di sicuro posso dirti che i ragazzi ciu.ano come ricci :D

per la strada è verissimo che la strada è unica e a corsi unica per di più.
ma è anche vero che sono loro a volerla così; stanno facendo le battaglie per non avere il raddoppio di corsia in occasione dei mondiali di sci.

circa il binario è unico per un pezzetto solo, da colico a sondrio (2o minuti, non di più).
sta di fatto che il regionale non è quasi mai in ritardo...

Venom
12-07-2004, 14.35.21
Originariamente inviato da Flying Luka


Io invece si, lo dico eccome, anche se questo mi attirerà addosso non poche antipatie in questo forum e verrò bollato come uno stronzo.

Conosco molta gente che parla di integrazione, che parla di "poverini, aiutiamoli"... ma poi se li incontra per la strada cambia marciapiede.

Io il marciapiede non lo cambio, ma mi rifiuto di adattarmi a loro prima di tutto perchè che sono loro che non si adeguano a noi, io sono casa mia e sono STUFO di sentirmi quasi uno straniero nella mia città; in secondo luogo finchè non vedrò da parte "dei figli di halla" un po' più di rispetto verso le nostre usanze, la nostra cultura, le nostre tradizioni, il nostro mondo occidentale (bello o brutto che sia) e le nostre città, allora forse rivedrò le mie posizioni di insofferenza... Insciallah!
;) (Y)

Thor
12-07-2004, 15.56.52
perfettamente d'accordo con Flying Luka

Dinfra
12-07-2004, 18.38.30
Non sono d'accordo con questa iniziativa e mi sembra che per una volta opposizione e maggioranza siano tutti contro questo provvedimento anche se per motivi diversi.

Io penso che la scuola dev'essere multiculturale e laica e questa iniziativa spinge ad una scuola con basi religiose e monoculturale, un italiano non potrebbe frequentare quella classe.

D'altra parte lo trovo un modo per ghettizzare gli studenti islamici e autoghettizzarsi, quando avranno finito la scuola come affronteranno il mondo del lavoro in Italia, pretenderanno uffici di soli islamici? Mi sembra improbabile. Se hanno deciso di vivere in Italia devono fare uno sforzo per integrarsi.

:)

Gigi75
12-07-2004, 18.45.11
Io ciò che non ho capito,anche perchè ho letot la notizia di sfuggita, è se la cosa è stata imposta ai ragazzi islamici o è una loro richiesta. In quest'ultimo caso non ci vedo proprio nulla di così strano. Se è invece una costrizione...allora..:rolleyes:

Dinfra
12-07-2004, 18.55.00
Mi sembra che in via Quaranta a Milano ci fosse una scuola islamica chiusa perchè illegale e che il comune abbia deciso di dedicare un'aula di una scuola pubblica agli studenti sfrattati da via Quaranta.

Resta il fatto che la scuola pubblica dovrebbe essere laica e multiculturale, così non lo è.

:)

Gigi75
12-07-2004, 19.13.47
ci sono mille "dovrebbe essere" anche a favore "loro" che per un motivo o l'altro non sono rispettati, nè condannati, e se denunciati lo sono sempre con aria di sufficienza, come a dire "vabbè dai, cerchiamo di essere elastici.

Perciò se per un permesso di soggiorno non ci dovrebbero essere code che costringono a dormire di notte davanti alle questure, credo che si possa derogare a questo principio di laicità e multiculturalità a favore di un vantaggio, finalmente, per qualcuno che è o potrebbe essere il vicino a cui chiedo il caffè finito di colpo.

bYe

Paco
12-07-2004, 20.32.08
Originariamente inviato da Gigi75
ci sono mille "dovrebbe essere" anche a favore "loro" che per un motivo o l'altro non sono rispettati, nè condannati, e se denunciati lo sono sempre con aria di sufficienza, come a dire "vabbè dai, cerchiamo di essere elastici.

Perciò se per un permesso di soggiorno non ci dovrebbero essere code che costringono a dormire di notte davanti alle questure, credo che si possa derogare a questo principio di laicità e multiculturalità a favore di un vantaggio, finalmente, per qualcuno che è o potrebbe essere il vicino a cui chiedo il caffè finito di colpo.

bYe

Non sono daccordo, sono due questioni diverse, quindi vanno gestite separatamente.
Cosa c'entra la fila per il permesso di soggiorno con la scuola? Nulla!

Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Una classe di soli mussulmani in una scuola pubblica rispetta l'art.3 della nostra costituzione?

Dav82
12-07-2004, 20.43.03
Calma ragazzi, non ci siamo: ragioniamo!

Questi tizi hanno chiesto in giro, e poi trovato nel preside di questa scuola qualcuno che li ha ascoltati, di poter fare in sostanza i loro comodi: avere le feste quando vogliono loro e per le ragazze poter portare il velo in classe e fare ginnastica di pomeriggio, quando non ci sono ragazzi a scuola per non essere viste.

Ora, io capisco benissimo tutte le richieste normali e legittime, come quelle di non fare religione (e ci mancherebbe, cavolo!), di non avere carne di maiale quando si fermano a mensa (e anche qui ci mancherebbe) ma NON queste cose. Posso tollerare sul non farsi vedere a ginnastica... se c'è una palestra isolata si può piazzare un bidello che non fa entrare nessuno... ma far magari fermare di pomeriggio un insegnante, anzi a questo punto un'insegnante, per questa cosa mi sembra un po' esagerato. L'insegnante potrà anche farlo volentieri, ma è il principio che conta.
Quanto poi alle feste... mi spiace, ma qui siamo in Italia e si festeggiano, almeno nelle scuole pubbliche italiane, le feste ITALIANE, non quelle di altre nazioni o religioni, che caspita! Voglio vedere se io vado a scuola in Arabia Saudita e chiedo di farmi stare a casa Natale, l'Epifania, Pasqua e magari il 2 giugno e il 25 aprile!
Da pazzi poi è l'ultima richiesta, quella del velo per le ragazze... ma che, stiamo scherzando??? Ma siamo ammattiti? Tu vieni a scuola, io voglio vedere chi cavolo sei, altrochè! Fai il piacere di far vedere il tuo bel faccino (W) Arriveremo come in Francia dove chiesero (e mi sembra - menomale - non ottennero) di fare con il velo la foto per la carta d'identità.

Attenzione ragazzi, che accogliendo una loro richiesta, oltre a farci prendere in giro, daremo loro anche la possibilità poi, quando vorranno, di considerarsi e di farsi considerare ghettizzati, attribuendo a noi la colpa. E da qui risentimento, odio, violenza, integralismo, kamikaze. Sembra assurdo da dire, ma purtroppo la mentalità di questa gente è così... spiace dirlo, ma i passi fra una fase e l'altra sono brevi.

Occhio a non farci inchiappettare così facilmente!

Gigi75
12-07-2004, 21.08.50
Originariamente inviato da Paco


Non sono daccordo, sono due questioni diverse, quindi vanno gestite separatamente.
Cosa c'entra la fila per il permesso di soggiorno con la scuola? Nulla!

Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Una classe di soli mussulmani in una scuola pubblica rispetta l'art.3 della nostra costituzione?


Si perchè contrariamente a ciò che si pensa l'art3 non va interpretato nel senso che tutti sono soggetti alle stesse cose.
Ma a situazioni di fatto uguali devono corrispondere situazioni di diritto uguali.
Perciò...

Cmq l'esempio del permesso di soggiorno era un esempio per indicare uno dei tanti "svantaggi" ai quali sono sottoposti in modo ben poco civile gli extraeuropei, ai quali scusandosi per la fila enorme..si chiede (o si pretende) di comprendere.

bYe

Gigi75
12-07-2004, 21.10.16
Originariamente inviato da Dav82
Calma ragazzi, non ci siamo: ragioniamo!

Questi tizi hanno chiesto in giro, e poi trovato nel preside di questa scuola qualcuno che li ha ascoltati, di poter fare in sostanza i loro comodi: avere le feste quando vogliono loro e per le ragazze poter portare il velo in classe e fare ginnastica di pomeriggio, quando non ci sono ragazzi a scuola per non essere viste.

Ora, io capisco benissimo tutte le richieste normali e legittime, come quelle di non fare religione (e ci mancherebbe, cavolo!), di non avere carne di maiale quando si fermano a mensa (e anche qui ci mancherebbe) ma NON queste cose. Posso tollerare sul non farsi vedere a ginnastica... se c'è una palestra isolata si può piazzare un bidello che non fa entrare nessuno... ma far magari fermare di pomeriggio un insegnante, anzi a questo punto un'insegnante, per questa cosa mi sembra un po' esagerato. L'insegnante potrà anche farlo volentieri, ma è il principio che conta.
Quanto poi alle feste... mi spiace, ma qui siamo in Italia e si festeggiano, almeno nelle scuole pubbliche italiane, le feste ITALIANE, non quelle di altre nazioni o religioni, che caspita! Voglio vedere se io vado a scuola in Arabia Saudita e chiedo di farmi stare a casa Natale, l'Epifania, Pasqua e magari il 2 giugno e il 25 aprile!
Da pazzi poi è l'ultima richiesta, quella del velo per le ragazze... ma che, stiamo scherzando??? Ma siamo ammattiti? Tu vieni a scuola, io voglio vedere chi cavolo sei, altrochè! Fai il piacere di far vedere il tuo bel faccino (W) Arriveremo come in Francia dove chiesero (e mi sembra - menomale - non ottennero) di fare con il velo la foto per la carta d'identità.

Attenzione ragazzi, che accogliendo una loro richiesta, oltre a farci prendere in giro, daremo loro anche la possibilità poi, quando vorranno, di considerarsi e di farsi considerare ghettizzati, attribuendo a noi la colpa. E da qui risentimento, odio, violenza, integralismo, kamikaze. Sembra assurdo da dire, ma purtroppo la mentalità di questa gente è così... spiace dirlo, ma i passi fra una fase e l'altra sono brevi.

Occhio a non farci inchiappettare così facilmente!

Tu parli di "pretese" ed è proprio questo il punto che non ho capito.
Certo che se hanno "preteso" è sbagliato. Se invece sè semplicemente organizzato ocn l'accordo di tutti è giusto.

Su questo punto non sono informato:)

Dav82
12-07-2004, 21.13.10
Originariamente inviato da Gigi75


Tu parli di "pretese" ed è proprio questo il punto che non ho capito.
Certo che se hanno "preteso" è sbagliato. Se invece sè semplicemente organizzato ocn l'accordo di tutti è giusto.

Su questo punto non sono informato:)

Ciao Gigi ;)

La cosa sta così: i genitori si lamentavano che i propri figli non avrebbero potuto proseguire gli studi, poichè non c'erano le condizioni assurde che hanno chiesto. Non penso che abbiano detto "Vogliamo", ma un ricatto è spesso molto peggio di un'imposizione.

Gigi75
12-07-2004, 23.47.52
be' se è così allora sono quasi d'accordo con i giudizi in genere negativi.

Lascio aperta solo una porta: se è un luogo con una forte comunità islamica (o cmq diversa) sarebbe giusto che dall'amministrazione fossero ascoltate istanze diverse per adeguare la situazione:)

Cmq la pretesa, con un pacchiano braccio di ferro, mi sembra errata.

bYe


PS: che cafone, ho dimenticato di salutare. Ciao Dav;):p

Flying Luka
12-07-2004, 23.51.26
Originariamente inviato da Dav82
Calma ragazzi, non ci siamo: ragioniamo!

Questi tizi hanno chiesto in giro, e poi trovato nel preside di questa scuola qualcuno che li ha ascoltati, di poter fare in sostanza i loro comodi: avere le feste quando vogliono loro e per le ragazze poter portare il velo in classe e fare ginnastica di pomeriggio, quando non ci sono ragazzi a scuola per non essere viste.

Ora, io capisco benissimo tutte le richieste normali e legittime, come quelle di non fare religione (e ci mancherebbe, cavolo!), di non avere carne di maiale quando si fermano a mensa (e anche qui ci mancherebbe) ma NON queste cose. Posso tollerare sul non farsi vedere a ginnastica... se c'è una palestra isolata si può piazzare un bidello che non fa entrare nessuno... ma far magari fermare di pomeriggio un insegnante, anzi a questo punto un'insegnante, per questa cosa mi sembra un po' esagerato. L'insegnante potrà anche farlo volentieri, ma è il principio che conta.
Quanto poi alle feste... mi spiace, ma qui siamo in Italia e si festeggiano, almeno nelle scuole pubbliche italiane, le feste ITALIANE, non quelle di altre nazioni o religioni, che caspita! Voglio vedere se io vado a scuola in Arabia Saudita e chiedo di farmi stare a casa Natale, l'Epifania, Pasqua e magari il 2 giugno e il 25 aprile!
Da pazzi poi è l'ultima richiesta, quella del velo per le ragazze... ma che, stiamo scherzando??? Ma siamo ammattiti? Tu vieni a scuola, io voglio vedere chi cavolo sei, altrochè! Fai il piacere di far vedere il tuo bel faccino (W) Arriveremo come in Francia dove chiesero (e mi sembra - menomale - non ottennero) di fare con il velo la foto per la carta d'identità.

Attenzione ragazzi, che accogliendo una loro richiesta, oltre a farci prendere in giro, daremo loro anche la possibilità poi, quando vorranno, di considerarsi e di farsi considerare ghettizzati, attribuendo a noi la colpa. E da qui risentimento, odio, violenza, integralismo, kamikaze. Sembra assurdo da dire, ma purtroppo la mentalità di questa gente è così... spiace dirlo, ma i passi fra una fase e l'altra sono brevi.

Occhio a non farci inchiappettare così facilmente!


C.V.D.(Y)

Gigi75
13-07-2004, 00.08.19
Originariamente inviato da Dav82
Attenzione ragazzi, che accogliendo una loro richiesta, oltre a farci prendere in giro, daremo loro anche la possibilità poi, quando vorranno, di considerarsi e di farsi considerare ghettizzati, attribuendo a noi la colpa. E da qui risentimento, odio, violenza, integralismo, kamikaze. Sembra assurdo da dire, ma purtroppo la mentalità di questa gente è così... spiace dirlo, ma i passi fra una fase e l'altra sono brevi.

Occhio a non farci inchiappettare così facilmente!

Su questo non sono d'accordo.

Non vedo perchè l'ottica dovrebbe essere l'inchiappettamento.
La verità è che c'è un'istintiva resistenza a lasciare comportare queste persone sulla nostra terra secondo usi e costumi non nostri.

Dubito che acogliendo una loro istanza poi si ritorcerà contro, al constrario non accogliendola si potrebbe udire qualcuno dire che si sono dovuti snaturalizzare per adattarsi ai nostri usi.

Perchè non poter accontentare una richiesta diversa, se ciò non produce nessun reale danno per noi?

Per alcuni versi scorgo molte analogie con le varie critiche che ho studiato in merito ai patti lateranensi e alla revisione, sull'uguaglianza tra Stato e Confessioni acattoliche. Anche lì una resistenza istintiva a voler "concedere" alle altre religione una pari dignità davanti allo Stato.

La società progredisce, e dallo Stato-religione si passa alla microdimensione del cittadino-scuola.
Eppure sembrano gli stessi, umanissimi, problemi.

Io non ho ancora capito, e non parlo solo di questo episodio, quale danno concreto e reale, comporterebbe accettare istanze diverse.
Alcuni commenti sembrano presi direttamente da quelli che censuravano i matrimoni tra persone di culture profondamente diversi.
Se non c'è nessun danno, anzi, un arricchimento culturale, perchè nno aprirsi?

Secondo me, ed è molto diffuso, è solo un senso molto strisciante di paura, sentirsi in qualche modo "conquistati", una resistenza istintiva che di certo non produce nulla di buono.

Questa è secondo me l'unica cosa che potrebbe inchiappettarci.

Paco
13-07-2004, 08.06.56
Ma dove sta l'apertura creando una classe per soli mussulmani?
Devono studiare assieme a noi, poi fuori dalla scuola possono fare quello che vogliono.

dave4mame
13-07-2004, 09.10.53
ragionamento che ha perfettamente senso... per un occidentale.
per loro, credo di no.
ti pare che loro possano mischiarsi con degli infedeli inferiori come noi?

Dinfra
13-07-2004, 09.56.30
Originariamente inviato da Paco
Ma dove sta l'apertura creando una classe per soli mussulmani?
Devono studiare assieme a noi, poi fuori dalla scuola possono fare quello che vogliono.

Sono d'accordo, con una classe di soli musulmani non si integrano e avranno difficoltà a vivere in mezzo a noi quando avranno finito la scuola.
E poi chi dice che questi ragazzi così giovani vogliano frequentare una scuola islamica, forse vorrebbero essere come i loro coetani italiani, magari questa è stata una scelta dei loro genitori che ha trovato appoggio da parte dl preside di questa scuola, e i ragazzi sono stati costretti ad accettare questa soluzione, bisognerebbe chiedere a loro cosa vogliono davvero.

:)

Paco
13-07-2004, 10.12.30
Originariamente inviato da Dinfra


Sono d'accordo, con una classe di soli musulmani non si integrano e avranno difficoltà a vivere in mezzo a noi quando avranno finito la scuola.
E poi chi dice che questi ragazzi così giovani vogliano frequentare una scuola islamica, forse vorrebbero essere come i loro coetani italiani, magari questa è stata una scelta dei loro genitori che ha trovato appoggio da parte dl preside di questa scuola, e i ragazzi sono stati costretti ad accettare questa soluzione, bisognerebbe chiedere a loro cosa vogliono davvero.

:)

Pienamente daccordo!(Y)

Gigi75
13-07-2004, 10.18.22
Perchè supporre ciò e non supporre il contrario?
Diciamo che sono delle supposizioni comode.

Io, ripeto, non dico che è giusto o sbagliato. Perchè non vedo quale canone di giudizio dovrei usare.

Dico solo che se quella è la loro volontà e a noi non comporta danno alcuno, perchè non soddisfare le loro richieste, solo per questioni di principio?

bYe:)

Dav82
13-07-2004, 10.46.42
Originariamente inviato da Gigi75
cut...

Vedi Gigi, tutto quello che dici è sacrosanto se dall'altra parte trovi delle persone ragionevoli, che sanno pensare, capire, confrontarsi e - tra l'altro - ogni tanto fermarsi nelle proprie richieste.
Questi vengono qui e pretendono di avere delle cose che non stanno nè in cielo nè in terra: a scuola si viene SENZA il velo, a scuola si fa lezione nell'orario in cui tutti gli altri fanno lezione, a scuola si viene nei giorni in cui tutti gli altri vengono e si fa vacanza nei giorni in cui tutti gli altri fanno vacanza. Oltre ad una questione di principio, è anche proprio una questione di organizzazione: figuriamoci se io devo fare venire a scuola dei professori il giorno di natale, 25 aprile e festa della repubblica e dir loro: "No guardate, voi quest'anno fare festa durante le feste di quelli lì" solo perchè questi signori vogliono essere comodi, fare i loro porci comodi qua. E, non lo nascondo, mi dà fastidio - immenso fastidio - che vengano qui in Italia e pretendano. Perchè questo è quello che fanno.
Nessuno gli vieta di fondarsi una scuola loro, da loro gestita e con le loro tradizione, ottenere la parificazione e quindi poter conseguire titoli di studio equivalenti ai nostri. Possono, ma non lo fanno, vogliono "invadere" le nostre scuole.

Belle le pubblicità che passano durante l'estate: "Venite nei nostri paesi, ma rispettate i nostri costumi, le nostre usanze, le nostre tradizioni". Ora, non mi sembra che loro facciano altrettanto qui, anzi mi sembra che mandino proprio affan@@lo questo principio. Potrebbero vivere tranquillamente qui.. se una persona non è criminale - indipendentemente dalla nazionalità - non mi reca fastidio. E' il voler imporre i propri voleri, in una terra dove ci sono delle usanze, che non mi va giù.

L'integrazione deve sì essere operata dal paese ospitante, ma anche da chi vuole integrarsi.

dave4mame
13-07-2004, 10.55.39
beh, per le ferie degli insegnanti non credo ci sia problema....

non crederai davvero che vogliano essere (mal)educati da docenti cristiani, vero?

Dav82
13-07-2004, 11.08.52
Originariamente inviato da dave4mame
beh, per le ferie degli insegnanti non credo ci sia problema....

Bhe sai, digli di stare a casa il venerdì (o sabato, non ricordo mai) e di venire a lavorare alla domenica. (E pensa se in Arabia Saudita sarebbero disposti a venire a lavorare per te il venerdì e stare a casa la domenica, non sia mai! Infedele! Miscredente! Al rogo!)

Originariamente inviato da dave4mame
non crederai davvero che vogliano essere (mal)educati da docenti cristiani, vero?

E' quello che hanno chiesto loro.

dave4mame
13-07-2004, 11.18.15
uh? accettano di farsi "educare" da cristiani? incredibile!

davlak
13-07-2004, 11.27.12
Originariamente inviato da Dav82


Nessuno gli vieta di fondarsi una scuola loro, da loro gestita e con le loro tradizione, ottenere la parificazione e quindi poter conseguire titoli di studio equivalenti ai nostri.
esatto...e aggiungo che, tanto per fare un esempio, è già quello che fanno le comunità ebraiche.
Poi decidono liberamente se andare in una scuola statale o frequentarne una delle loro (che tra l'altro è aperta anche a studenti che non appartengono alla loro comunità e finanziata solo in minima parte dallo stato italiano)...e questo è rispetto della democrazia e della Costituzione e quindi delle leggi del paese ospitante.

Comunque sia: di cittadini italiani stiamo parlando, sia nel caso degli ebrei che in quello dei musulmani...perciò non capisco proprio, a maggior ragione, l' "apartheid" richiesto o concesso, voluto o non voluto che sia, in seno a una istituzione statale già esistente, diamine.
Siamo proprio alla frutta in fatto di libere interpretazioni....io non so cosa sia passato per la testa al preside di quell'istituto...se voleva rimediare una bella figura, o ottenere dei consensi, da parte della comunità musulmana...o se semplicemente ha voluto fare la parte del progressista a tutti i costi, tentare un esprimento...se ha ricevuto delle pressioni, se intende entrare in politica, o che altro, non saprei proprio...fatto sta che il tizio avrebbe da rispondere in primo luogo dei suoi atti alla pubblica amministrazione, e alle leggi del SUO, di paese, e alla SUA, di cultura...eccheccavolo....ma si sta davvero ribaltando il mondo?

:S

Gigi75
13-07-2004, 11.30.28
Dav non sono d'accordo con te neppure su una virgola :p

Giusto per dirlo perchè le motivazioni le ho già espresse:)

Ma vabbè, fa nulla, ci ritroviamo nel 3d sul jazz aperto da non mi ricordo chi ieri:)

bYe

Fletcher_Christian
13-07-2004, 11.32.41
Originariamente inviato da davlak

esatto...e aggiungo che, tanto per fare un esempio, è già quello che fanno le comunità ebraiche.
Poi decidono liberamente se andare in una scuola statale o frequentarne una delle loro (che tra l'altro è aperta anche a studenti che non appartengono alla loro comunità e finanziata solo in minima parte dallo stato italiano)...e questo è rispetto della democrazia e della Costituzione e quindi delle leggi del paese ospitante.

Comunque sia: di cittadini italiani stiamo parlando, sia nel caso degli ebrei che in quello dei musulmani...perciò non capisco proprio, a maggior ragione, l' "apartheid" richiesto o concesso, voluto o non voluto che sia, in seno a una istituzione statale già esistente, diamine.
Siamo proprio alla frutta in fatto di libere interpretazioni....io non so cosa sia passato per la testa al preside di quell'istituto...se voleva rimediare una bella figura, o ottenere dei consensi, da parte della comunità musulmana...o se semplicemente ha voluto fare la parte del progressista a tutti i costi, tentare un esprimento...se ha ricevuto delle pressioni, se intende entrare in politica, o che altro, non saprei proprio...fatto sta che il tizio avrebbe da rispondere in primo luogo dei suoi atti alla pubblica amministrazione, e alle leggi del SUO, di paese, e alla SUA, di cultura...eccheccavolo....ma si sta davvero ribaltando il mondo?

:S

Solo una precisazione:essendo questi studenti minorenni essi non sono ancora cittadini italiani come, penso, anche i loro genitori.

Qualcuno mi corregga se sbaglio.

dave4mame
13-07-2004, 11.32.42
davlak; col cavolo.
il 90% degli immigrati non sono cittadini italiani...

Gigi75
13-07-2004, 11.38.05
Originariamente inviato da sterminator


Solo una precisazione:essendo questi studenti minorenni essi non sono ancora cittadini italiani come, penso, anche i loro genitori.

Qualcuno mi corregga se sbaglio.

:eek: :eek: :eek:

Se pagano le tasse...c'è poco da distinguere :eek:

dave4mame
13-07-2004, 11.48.07
non vuol dire.
uno può pagare le tasse e non essere cittadino italiano; sono due cose diverse.

ribadisco che la stragrande maggioranza degli immigrati non sono cittadini italiani (altrimenti non dovrebbero avere il permesso di soggiorno, no?).

non sono sicuro circa i figli nati in italia.
qualcuno sa se è come negli stati uniti che se nasci li sei automaticamente cittadino?

Fletcher_Christian
13-07-2004, 11.53.20
No,se si è figli di stranieri fino al raggiungimento della maggiore età si ha la cittadinanza dei genitori.
Se si nasce invece in Italia forse cambia solo la nazionalità.
Ma gli effetti civili sono legati alla cittadinanza(tipo il voto alle elezioni etc)

davlak
13-07-2004, 11.53.20
Originariamente inviato da Gigi75
Dav non sono d'accordo con te neppure su una virgola :p

Giusto per dirlo perchè le motivazioni le ho già espresse:)

Ma vabbè, fa nulla, ci ritroviamo nel 3d sul jazz aperto da non mi ricordo chi ieri:)

bYe
Gigi il fatto che non siamo d'accordo non è affatto un problema, almeno per me. :)

Quel 3D sul Jazz è un pò "particolare" :D ...come ho detto non saprei proprio da dove cominciare se intendessi fare una raccolta...anche perchè l'ultima cosa che mi passerebbe per la testa in fatto di musica è fare una raccolta di pezzi "sciolti" sia di Jazz che di Classica.

Originariamente inviato da dave4mame

davlak; col cavolo.
il 90% degli immigrati non sono cittadini italiani...

non è questo il punto; cmq, io non ho ben capito se quella classe è composta da cittadini italiani o meno, diciamo che l'ho dato per scontato, ma se così non fosse, a maggior ragione: MACCHECCAVOLO vogliono???
Gigi dice che se pagano le tasse c'è poco da distinguere; io dico che possono pagare tutte le tasse che gli pare, ma devono avere la cittadinanza italiana per poter accampare delle richieste in fatto di scuola e simili...e comunque, anche con la cittadinanza, se vogliono farsi le loro scuole, liberissimi, nessuno credo che glielo impedirebbe, ma che si debba arrivare a creargli una nicchia all'interno di strutture già esistenti lo trovo un atto di follia autolesionista insensato...non so nemmeno come definirlo, a dire il vero.
Inoltre, riporto dal post di apertura:


In questa sezione sui generis non ci sarà il venerdì libero. Né si festeggeranno altre ricorrenze legate alla loro religione. Lezioni in lingua araba? Forse. Ma solo al pomeriggio, nell'ambito dell'autonomia scolastica.


cioè dico: Ma allora, a maggior ragione: ma che cavolo di senso ha?

no, qualcuno me lo spieghi, per favore.
cos'è? la storia del velo? il fatto che essendo integralisti non possono convivere coi nostri costumi?
embè: macchiccavolo gliel'ha ordinato, il dottore forse di venire a stabilirsi qui?

davlak
13-07-2004, 12.01.32
Originariamente inviato da davlak

...io non ho ben capito se quella classe è composta da cittadini italiani o meno, diciamo che l'ho dato per scontato...
mi autoquoto per correggere: mi riferisco ai genitori degli studenti.

io non ho ben capito se quella classe è composta da figli di cittadini italiani

ecco.

dave4mame
13-07-2004, 12.05.20
anche sulle tasse non sono pienamente convinto
sulle amministrative con ogni probabilità si (ammesso che l'amministrazione pubblica li peschi... mica facile).

circa quelle sul reddito ho dei seri dubbi; sulle trattenute previdenziali, pure.

io vorrei che qualche simpatico politico ci spiegasse quanto ci costa tutta sta gente.

ce li hanno spacciati come ancora di salvezza per un paese che sta invecchiando sempre di più e che non sarà altrimenti in grado di pagare le pensioni.

ma è davvero un caso che il tenore di vita di tutti peggiori via via che sta gente arriva?

Fletcher_Christian
13-07-2004, 12.20.17
Originariamente inviato da davlak

mi autoquoto per correggere: mi riferisco ai genitori degli studenti.

io non ho ben capito se quella classe è composta da figli di cittadini italiani

ecco.


Le regole per i cittadini italiani sono diverse:c'è l'obbligo di frequentare la scuola fino all'età stabilita.Invece un cittadino straniero o un figlio di un extracomunitario se volesse potrebbe anche non andare alle elementari.In pratica sarebbe una facoltà.
Per quanto riguarda le tasse sono tenuti a pagarle così come le paghiamo noi.Differente è il pagamento verso l'INPS per la pensione:se uno di essi decidesse di tornare nel paese di origine dopo 5 anni,gli verrebbe liquidato il montante versato,cosa non possibile per un italiano.In pratica se un italiano versasse 5 anni di contributi solamente,questi sarebbero inevitabilmente persi:l'extracomunitario invece se li riprende.

Grazie Italia

dave4mame
13-07-2004, 12.29.39
sul discorso tasse (quelle "grosse", sul reddito) non sono mica tanto se si paghino nel Paese in cui si percepisce il reddito.
altrimenti non si spiega il perchè le gente ricca chieda la cittadinanza monegasca...

Gigi75
13-07-2004, 12.33.06
NO Dav, ovviamente non c'è problema sulla diversità di vedute, ci mancherebbe:)

Anzi, l'avevo scritto già su:)

PS: per le tasse (almeno alcune) non intendevo che fosse prova della cittadinanza, ovviamente!

bYe

Fletcher_Christian
13-07-2004, 13.02.08
Originariamente inviato da dave4mame
sul discorso tasse (quelle "grosse", sul reddito) non sono mica tanto se si paghino nel Paese in cui si percepisce il reddito.
altrimenti non si spiega il perchè le gente ricca chieda la cittadinanza monegasca...

Qualsiasi fonte di reddito regolarmente percepito in Italia viene tassato in Italia.Non importa se italiano o comunitario o extracomunitario.
In pratica chi risiede a Montecarlo viene tassato in quel paese(che tassa in maniera molto inferiore).Come se il reddito lo producesse lì.

Paco
13-07-2004, 13.23.39
Originariamente inviato da sterminator
No,se si è figli di stranieri fino al raggiungimento della maggiore età si ha la cittadinanza dei genitori.
Se si nasce invece in Italia forse cambia solo la nazionalità.
Ma gli effetti civili sono legati alla cittadinanza(tipo il voto alle elezioni etc)

No, chi nasce in Italia da genitori stranieri ha diritto alla doppia cittadinanza.

Fletcher_Christian
13-07-2004, 13.34.17
Originariamente inviato da Paco


No, chi nasce in Italia da genitori stranieri ha diritto alla doppia cittadinanza.

Ma non c'è nessuno che lavora all'anagrafe?

Anche se fosse così,alla maggiore età si decide e decide il maggiorenne.Mantenere la doppia cittadinanza mi pare che sia consentito in Canada e qualche altro paese.

Rimarrebbe cmq un diritto e con 'sti musulmani chi sa se lo esercitano.

dave4mame
13-07-2004, 13.48.19
Originariamente inviato da sterminator


Qualsiasi fonte di reddito regolarmente percepito in Italia viene tassato in Italia.Non importa se italiano o comunitario o extracomunitario.
In pratica chi risiede a Montecarlo viene tassato in quel paese(che tassa in maniera molto inferiore).Come se il reddito lo producesse lì.


premetto che non voglio fare il bastian contrario, ma insisto proprio perchè non conosco l'argomento.

ma mi sembra che la prima affermazione siano antitetica alla seconda;
se io sono cittadino monegasco (ergo estero, anzi extracomunitario!) ma lavoro in italia, sono tassato dall'italia (come dici nella prima frase) o come monegasco (come si desume dalla seconda)?

dave4mame
13-07-2004, 13.50.09
aggiungo che, circa la cittadinanza non è che il primo pirla che nasce a lampedusa diventa automaticamente italiano:

http://www.gens.info/cittadinanza/cittadinanza.html

(emmenomale...)

Fletcher_Christian
13-07-2004, 14.07.13
Originariamente inviato da dave4mame



premetto che non voglio fare il bastian contrario, ma insisto proprio perchè non conosco l'argomento.

ma mi sembra che la prima affermazione siano antitetica alla seconda;
se io sono cittadino monegasco (ergo estero, anzi extracomunitario!) ma lavoro in italia, sono tassato dall'italia (come dici nella prima frase) o come monegasco (come si desume dalla seconda)?

Sarai tassato in italia.Questo per i comuni mortali:immagina ora di essere un pilota di F1, i tuoi redditi provengono da decine di paesi e quindi non è un reddito unico.Troppo lungo da spiegare...
Se questo pilota guadagna in italia 100.000 euro esso sarà tassato alle aliquote vigenti in italia.In altri paesi verresti tassato alle rispettive aliquote che sono sempre più basse:Ma alla fine dove presenti la dichiarazione dei redditi?Nel paese di residenza che se fosse l'italia ti lascerebbe ben poco con tutti i redditi cumulati.

Fletcher_Christian
13-07-2004, 14.12.25
Originariamente inviato da dave4mame
aggiungo che, circa la cittadinanza non è che il primo pirla che nasce a lampedusa diventa automaticamente italiano:

http://www.gens.info/cittadinanza/cittadinanza.html

(emmenomale...)

(Y)

dave4mame
13-07-2004, 14.13.20
hai ragione; facevo un errore di base (non da poco, oltretutto); confondevo cittadinanza con residenza.

e in effetti credo (o meglio spero...) che uno straniero risulti perlomeno residente in italia.
se parliamo di regolari; figuriamoci i clandestini...

Paco
13-07-2004, 15.33.52
Originariamente inviato da sterminator


Ma non c'è nessuno che lavora all'anagrafe?

Anche se fosse così,alla maggiore età si decide e decide il maggiorenne.Mantenere la doppia cittadinanza mi pare che sia consentito in Canada e qualche altro paese.

Rimarrebbe cmq un diritto e con 'sti musulmani chi sa se lo esercitano.

Personalmente darei la cittadinanza italiana a chi nasce in Italia da entrambi genitori stranieri che lavorano qui almeno da qualche anno. Butto lì un dato, 5 anni.

Dinfra
13-07-2004, 19.21.52
Ascoltavo adesso alla radio che la classe di soli musulmani è stata dichiarata illegittima e quindi non si farà.

Paco
13-07-2004, 19.42.05
Originariamente inviato da Dinfra
Ascoltavo adesso alla radio che la classe di soli musulmani è stata dichiarata illegittima e quindi non si farà.

Meglio così! (Y)

Thor
14-07-2004, 00.34.04
Originariamente inviato da Dinfra
Ascoltavo adesso alla radio che la classe di soli musulmani è stata dichiarata illegittima e quindi non si farà.

l'han detto pure al TG5..perfetto!! (Y)

http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=36111

http://news2000.libero.it/primopiano/pp5166.html

Fëanor
14-07-2004, 09.28.26
meno male...

Dinfra
14-07-2004, 09.28.49
Cmq penso che il problema vada prima o poi affrontato con una legge a livello nazionale che mette un po d'ordine nel settore delle scuole private.

:)

Paco
15-07-2004, 08.28.30
Da un sondaggio di repubblica il 74 % di chi ha votato è daccordo con il ministero che ha bloccato le classi:

http://www.repubblica.it/speciale/poll/islam_risultato.html

7000 voti non sono pochi

afterhours
15-07-2004, 17.25.49
"Quella classe islamica si farà"
I prof: "Non manderemo via i ragazzi"

Nonostante il ministro dell'Istruzione, Letizia Moratti, abbia detto "no" alle classi speciali per soli islamici, i professori delll'Istituto Agnesi di Milano hanno deciso che porteranno avanti la loro sfida. "I ragazzi sono iscritti, non li manderemo via. A costo di farlo da volontari, faremo studiare quegli alunni. Non devono essere loro a pagare per questi pregiudizi", ha detto Maurizia Franzini, la docente che era incaricata del progetto.

Le incognite, dunque, restano, soprattutto per quei venti giovani (tre ragazzi, il resto ragazze), che a settembre non sanno ancora quale sarà il loro destino scolastico. Il problema, invece, non sembra aver coinvolto il preside dell'istituto di scienze sociali milanese, Giovanni Gaglio, che con una lettera alla commissione consiliare cultura e problemi, ha rinunciato a partecipare al vertice di Palazzo Marino. "Il mio referente istituzionale non è il Comune, ma la Provincia", ha scritto.

Situazione ben più tranquilla pare essere quella dell'Istituto comprensivo Elsa Morante, sempre di MIlano, dove tutti, professori in testa, sono convinti che il progetto previsto per due classi elementari e due classi medie, compensivo anche dell'insegnamento della lingua araba, sembra non aver subito alcuno stop. Almeno per ora.

dave4mame
15-07-2004, 17.27.39
massi, caliamo le braghe...
io comincerei anche ad abolire la carne di maiale PER TUTTI.
la carne di capra (rigorosamente dissanguato da vivo) è così buona...

Fletcher_Christian
15-07-2004, 18.03.40
Originariamente inviato da dave4mame
massi, caliamo le braghe...
io comincerei anche ad abolire la carne di maiale PER TUTTI.
la carne di capra (rigorosamente dissanguato da vivo) è così buona...

E per finire niente (B) (B)

Paco
15-07-2004, 18.55.30
Originariamente inviato da dave4mame
massi, caliamo le braghe...
io comincerei anche ad abolire la carne di maiale PER TUTTI.
la carne di capra (rigorosamente dissanguato da vivo) è così buona...

Adesso non esageriamo! ;)

dave4mame
16-07-2004, 09.42.43
per carità, era una esagerazione polemica.

però, porca putt.na.. ma mai possibile che dobbiamo sempre essere noi quelli senza coglioni in europa?

Flying Luka
16-07-2004, 10.22.24
E' un classico del popolo italico, finisce tutto a vino e tarallucci, e tra un po' avremo anche una moschea per ogni quartiere...ah, dimenticavo, durante il Ramadan digiuno assoluto, tutto chiuso, tutti a casa.

afterhours
16-07-2004, 10.52.16
appena letto su Indymedia...secondo Voi la situazione e' cosi' pericolosa???

Solo Allah


Dato fornito oggi in giornata:

Inversione di tendenza aumenta la popolazione italiana+6000 nascite rispetto all'annno scorso. Sono tutti stranieri.
Entro 35/40 anni razza italiana rischia scomparsa.
Boom di arrivi dai paesi musulmani, aumentano le moschee, inziano i primi attriti (velo si velo no) crocifisso si, crocifisso no , classi per soli musulmani, fiume in piena di imam che camuffandosi tra i clandestini sbarcano in Europa per redimere gli infedeli con le buone o le cattive.
Tribunali islamici, moschee, minareti, muezin, sermoni infuocati di odio mortale contro Occidente. Si infibula, si copre, si festeggia l'attentato a New York.
Lampedusa ventre molle d'Europa. Sbarchi a centinaia quotidianamente , Lipari ecc. Orami 16 milioni i musulmani di stanza in Europa presto saranno il doppio entro trent'anni la popolazione musulmana sarà il triplo. Si ipotizza a ragion veduta una grande repubblica islamica europea retta dalla sharia e da sette saggi musulmani. Via il perizoma, donne senza tacchi, più tardi burqa, niente rossetto, niente birra, niente vodka, niente discoteche, niente no-global.Solo moschee, minareti, turbanti, barbe, terrorismo, autobombe tra sunniti europei e sciiti europei. Viene costruita la Città Santa dei musulmani europei, forse a Roma, forse a Parigi o a Londra. Niente televisione, niente palestra, niente piscina, niente di niente solo Allah Allah e ancora Allah.

Flying Luka
16-07-2004, 11.03.08
Già. Una specie di "take over" demografico.

Thor
16-07-2004, 11.35.33
che schifo...se continua così, mi trasferisco in Islanda..

io spero che ci accorgeremo di dove stiamo andando, e legifereremo di conseguenza...sapete, la speranza è l'ultima a morire.. :rolleyes:

Brunok
16-07-2004, 11.38.01
Originariamente inviato da dave4mame
per carità, era una esagerazione polemica.

però, porca putt.na.. ma mai possibile che dobbiamo sempre essere noi quelli senza coglioni in europa?

Senza dici?
Ma se ne è pieno sto paese!!! basta cominciare a guardare il Parlamento :D :D :D

Flying Luka
16-07-2004, 11.39.01
Originariamente inviato da thor
che schifo...se continua così, mi trasferisco in Islanda..

io spero che ci accorgeremo di dove stiamo andando, e legifereremo di conseguenza...sapete, la speranza è l'ultima a morire.. :rolleyes:

Vengo con te!

Brunok
16-07-2004, 11.39.51
Originariamente inviato da Dinfra
Ascoltavo adesso alla radio che la classe di soli musulmani è stata dichiarata illegittima e quindi non si farà.

Peccato.... una volta tanto che fanno una proposta sensata la scartano... :rolleyes: