PDA

Visualizza versione completa : >Referendum Art.18 (si vota)<


Pagine : 1 [2]

Paco
11-06-2003, 06.57.24
Invece ti capisco benissimo, io che ho aperto questo thread, io che avrei preferito astenermi.

La flessibilità è giusta, ma adesso si sta esagerando. Con i contratti a chiamata il futuro non esiste. Potrebbero essere utili in attesa di un contratto a tempo indeterminato, ma sappiamo bene che non sarà così.

Non ho cambiato idea su questo referendum, ma accetto la richiesta di Bertinotti. Lui vuole un voto tecnico e il votà avrà. ;)

Ciao after

Stalker
11-06-2003, 08.16.30
Originariamente inviato da Paco
Invece ti capisco benissimo, io che ho aperto questo thread, io che avrei preferito astenermi.

La flessibilità è giusta, ma adesso si sta esagerando. Con i contratti a chiamata il futuro non esiste. Potrebbero essere utili in attesa di un contratto a tempo indeterminato, ma sappiamo bene che non sarà così.

Non ho cambiato idea su questo referendum, ma accetto la richiesta di Bertinotti. Lui vuole un voto tecnico e il votà avrà. ;)

Ciao after

Grande Paco. (Y)

Poi, referendum o non referendum, la sinistra e il sindacato, deve pensare al mondo dei cococò (che presto non esisteranno più e si parlerà di "job sharing" se non erro... :rolleyes: )...

Sauzer
11-06-2003, 12.22.39
Io penso che un referendum del genere possa solo danneggiare le piccole imprese.

Da considerare principalmente il fatto che il motore dell' economia italiana sono le piccole e medie imprese.

Se inoltre togliamo a queste una delle possibilità per lavorare bene...

Già ce ne sono tante che faticano a vivere...

Io non andrò a votare.

totore
11-06-2003, 12.25.12
MI ASTENGO!

Paco
11-06-2003, 14.16.56
Originariamente inviato da Stalker


Grande Paco. (Y)

Poi, referendum o non referendum, la sinistra e il sindacato, deve pensare al mondo dei cococò (che presto non esisteranno più e si parlerà di "job sharing" se non erro... :rolleyes: )...

Purtroppo è vero,
hià prima era senza garanzie, ora ancora meno...ti do una brutta notizia, dobbiamo aspettare che cambi governo perchè quello di adesso ha l'appoggio anche dei sindacati tranne la CGIL.

Giorgio Drudi
11-06-2003, 14.49.31
(S) astensione (S)

Maurice_B
11-06-2003, 15.58.15
Ciò che mi pare sia stato trascurato dal thread è che non abbiamo una VERA legislazione del lavoro che garantisca a TUTTI i lavoratori indistintamente un comune ammortizzatore sociale quando per svariate, validissime ragioni uno si trova senza lavoro.

Di luoghi comuni e di sottintesi politicizzati e politicizzanti sulla situazione in cui si trova il mondo del lavoro nero, dell’art. 18, ecc. sentiamo parlare (anzi sentite, perché io non guardo la TV) fino alla nausea e, scusatemi, ma lo dico col cuore, anche in questo thread.

In Italia abbiamo lavoratori privilegiati dalla legislazione sul lavoro e altri totalmente discriminati (contro), con o senza art.18.
C'è infatti chi nell'industria si trova posto in cassa integrazione per mesi ed anni, poi in mobilità. Questo è il lavoratore di serie A.
C'è poi chi nell’azienda commerciale, a seguito di un piano di ristrutturazione concordato coi sindacati, viene invitato a dare le dimissioni con una buon'uscita. Questo è il lavoratore di serie B.
C'è infine chi in un'azienda industriale o commerciale con meno di 15 dipendenti questa sera viene licenziato punto e basta.
Ci sarebbe anche il lavoratore di serie D, quello impiegato da un'azienda con max (credo) 5 dipendenti, ma sorvoliamo.

Quanto sopra nel presupposto che le rispettive aziende di serie A, B o C avessero dei validissimi motivi per ridurre la forza lavoro, garantendo in tal modo la propria sopravvivenza e il posto di lavoro dei dipendenti "superstiti".
Non perdiamoci in disquisizioni su imprenditori "padroni delle ferriere" o su lavoratori tipo "Rag. Ugo". Io sto pensando ad aziende “normali” con dipendenti “normali”

La discriminazione nei confronti di alcuni lavoratori è il motivo fondamentale della mia diffidenza (non chiamatelo odio) nei confronti dei nostri sindacati, a mio avviso votati a ritagliarsi nello scenario sociale un peso politico e basta. Un secondo motivo alla base di questa diffidenza è il vedere le comode poltrone che aspettano i nostri sindacalisti quando cessano di fare gli “interessi” del loro gregge: Benvenuto insegna e penso che fra poco anche il Cinese ce ne darà una dimostrazione.

Dimenticavo, nel nostro paese non esiste un reale sussidio di disoccupazione come in altri paesi europei. Amici che ho in Gran Bretagna, dal laureato al lavoratore agricolo, al negoziante andato in fallimento ricevono un sussidio che permette almeno di fare la spesa, oltre a riduzioni di determinate imposte e altre agevolazioni. A loro l’art.18 non dice niente. Ma se si ritengono licenziati senza giusta causa, o discriminati per razza, religione, sesso, ecc. ottengono nel giro di settimane un giudizio dal tribunale del lavoro che, se a loro favore, può anche essere molto consistente.

Quando sono stato licenziato dall’azienda (con meno di 15 dipendenti) presso la quale lavoravo, ho ricevuto dopo qualche mese un assegno dal collocamento, sufficiente a garantire la mera sopravvivenza per 8 o 9 mesi, poi basta. Fortunatamente il licenziamento non mi ha causato problemi di rilievo e presto sono riuscito a trovare altre fonti di reddito (al mio comune poco importava se fossi disoccupato o meno, l’ICI la voleva lo stesso), ma se fosse toccato al collega con 3 figli e moglie semi-invalida? Avrei dovuto spiegare a questi che come figli di un lavoratore licenziato dalla ditta con meno di 15 dipendenti era loro dovere aver meno fame di quelli del cassaintegrato della megaditta?

Scusate lo sfogo e, senza giustificarmi, capite perché di questo referendum non me ne importa un accidente.

exion
15-06-2003, 14.35.06
15/06 13:41
Referendum: alle 12 affluenza del 4,5%

Bassa l'affluenza alle urne per i referendum riguardanti l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e la servitù di elettrodotto. Alle 12 ha votato il 4,5% degli aventi diritto.

Se l'affluenza rimane a questi livelli fino a stasera, è presumibile pensare che neanche la base di rifondazione e dei verdi stia andando a votare compatta.

Meditate gente, meditate....

Stalker
15-06-2003, 21.24.23
10.4 alle 19.00

Mi sa che è andato a votare solo il fronte del Sì. RC, Comunisti Italiani e parte dei Ds.

Paco
15-06-2003, 22.52.25
Originariamente inviato da Stalker
10.4 alle 19.00

Mi sa che è andato a votare solo il fronte del Sì. RC, Comunisti Italiani e parte dei Ds.

Credo proprio che tu abbia ragione.

exion
15-06-2003, 22.57.19
Originariamente inviato da Stalker
10.4 alle 19.00

Mi sa che è andato a votare solo il fronte del Sì. RC, Comunisti Italiani e parte dei Ds.

Assolutamente così.

Considerato anche che potrebbe esserci in questo 10% una componente significativa di gente che non era propriamente parte del fronte del sì, probabilmente il fronte del sì non è nemmeno stato particolarmente compatto alle urne.

LoryOne
16-06-2003, 10.37.21
Io credo che se l'applicazione dell'art. 18 per le imprese con n° di dipendenti >15 è giusta, a maggior ragione deve essere giusta anche l'estensione alle imprese con un numero di dipendenti inferiore.

La giusta causa di licenziamento DEVE ESSERE SOLO QUELLA CHE PERMETTE IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE PERCHE' NON RENDE ALL'AZIENDA.
Solo questo può essere il giusto motivo di un licenziamento e nessun altro. E' ovvio che la motivazione deve essere provata. :)

Paco
16-06-2003, 11.27.58
Ascolta,
anche se sono andato a votare Sì resto della mia idea iniziale.
Questo Referendum è deleterio, divide la sinistra e non pone le basi a nulla.
Non è possibile un Referendum su un art. di uno statuto che fra l'altro è stato approvato dai sindacati di allora, compresa la CGIL.

Come ha ben detto in passato exion, a te piacerebbe tornare a lavorare in una piccola impresa con il reintegro? A me personalmente no, anzi mi piacerebbe trovare lavoro facilmente altrove.

Non mi parlate di 16 dipendenti perchè mi arrabbio...contatemi le imprese con 15+1 e poi ne riparliamo. Secondo me non esistono imprese con 16 dipendenti, non ci voglio credere. :p

Ciao

Lu(a
16-06-2003, 11.30.08
Ma come è finito?

Paco
16-06-2003, 11.32.00
Originariamente inviato da Lu(a
Ma come è finito?

Si saprà oggi, cmq il quorum sarà difficile raggiungerlo.

Klapaucius
16-06-2003, 18.01.05
clap clap clap ! mi congratulo con tutti quelli che nn sono andati a votare.... Avete fatto il gioco di Berlusconi ! complimenti !

exion
16-06-2003, 18.05.11
Originariamente inviato da Klapaucius
clap clap clap ! mi congratulo con tutti quelli che nn sono andati a votare.... Avete fatto il gioco di Berlusconi ! complimenti !

beh allora anche Cofferati ha fatto il gioco di Berlusconi....

Mi spiace, ma era un referendum sbagliato nei modi e nei tempi ancor più che nei contenuti.

Lo ha ammesso lo stesso Cossutta, che di certo non è un filo-berlusconiano:


16/06 17:25
Cossutta: referendum errore Bertinotti

"Sono andato a votare" secondo le indicazioni della Cgil e "del mio stesso partito". "Ora -afferma il presidente del Pdci, Cossutta- dobbiamo valutare tutti, con amarezza e con rabbia, la gravità dell'errore compiuto". "Non siamo riusciti ad evitarlo -attacca Cossutta- perché Bertinotti aveva concepito e voluto la raccolta delle firme in modo propagandisticamente strumentale, con l'unico obiettivo dichiarato di dividere la sinistra e l'Ulivo". "Bertinotti -conclude- rifletta sulle sue responsabilità".

tirex
16-06-2003, 18.58.08
E finita come doveva finire... e poi non dimentichiamo che l'art 18 lo aveva gia firmato cosi come è ora tempo fa la CGIL.... e allora non era Berlusconi il presidente del consiglio.....

pone
16-06-2003, 19.18.56
io a votare ci sono andato... di chi ho fatto il gioco? sinceramente non lo so, però almeno ho già tre bollini sulla tessera elettorale (o come diavolo si chiama)
:D
un bene per tutti sicuramente non c'è, ma ci stanno rendendo difficile scegliere anche il male minore :rolleyes:

Giorgio Drudi
16-06-2003, 22.43.40
Originariamente inviato da Paco


Si saprà oggi, cmq il quorum sarà difficile raggiungerlo.
Se si saprà oggi...adesso che è notte...come è andata...non ho visto i tigì...:D ...veramente...:)

Giorgio Drudi
16-06-2003, 22.46.46
Originariamente inviato da exion


beh allora anche Cofferati ha fatto il gioco di Berlusconi....

Mi spiace, ma era un referendum sbagliato nei modi e nei tempi ancor più che nei contenuti.

Lo ha ammesso lo stesso Cossutta, che di certo non è un filo-berlusconiano:


16/06 17:25
Cossutta: referendum errore Bertinotti

"Sono andato a votare" secondo le indicazioni della Cgil e "del mio stesso partito". "Ora -afferma il presidente del Pdci, Cossutta- dobbiamo valutare tutti, con amarezza e con rabbia, la gravità dell'errore compiuto". "Non siamo riusciti ad evitarlo -attacca Cossutta- perché Bertinotti aveva concepito e voluto la raccolta delle firme in modo propagandisticamente strumentale, con l'unico obiettivo dichiarato di dividere la sinistra e l'Ulivo". "Bertinotti -conclude- rifletta sulle sue responsabilità".

LICENZIAMOLI TUTTTIII (N)
...i biechi blù...

totore
16-06-2003, 22.46.54
...e' notte'...e' nera...e' piu' nera ...della mezzanotte

exion
16-06-2003, 22.51.35
Originariamente inviato da pone
io a votare ci sono andato... di chi ho fatto il gioco? sinceramente non lo so, però almeno ho già tre bollini sulla tessera elettorale (o come diavolo si chiama)
:D
un bene per tutti sicuramente non c'è, ma ci stanno rendendo difficile scegliere anche il male minore :rolleyes:

Quando la tessera è piena di bollini ti danno in omaggio il servizio di piatti Richard-Ginori :D

Giorgio Drudi
16-06-2003, 23.00.12
Originariamente inviato da exion


Quando la tessera è piena di bollini ti danno in omaggio il servizio di piatti Richard-Ginori :D

:D

Giorgio Drudi
16-06-2003, 23.02.49
Originariamente inviato da LoryOne
Io credo che se l'applicazione dell'art. 18 per le imprese con n° di dipendenti >15 è giusta, a maggior ragione deve essere giusta anche l'estensione alle imprese con un numero di dipendenti inferiore.

La giusta causa di licenziamento DEVE ESSERE SOLO QUELLA CHE PERMETTE IL LICENZIAMENTO DEL DIPENDENTE PERCHE' NON RENDE ALL'AZIENDA.
Solo questo può essere il giusto motivo di un licenziamento e nessun altro. E' ovvio che la motivazione deve essere provata. :)

Potremmo licenziare tutti i senatonorevoli ?
Sono più di 15 ...:D