PDA

Visualizza versione completa : Sars, polmonite atipica


Giorgius
29-03-2003, 17.32.53
Dott. CARLO URBANI
La prima vittima italiana (di Ancona) che muore ricoverato a Bankok a causa di questo Virus con il sospetto recentemente che fosse di origine artificiale (mutogeno).

VIRUS MISTERIOSO: MORTO PRIMO ITALIANO, ERA UN MEDICO
http://www.ansa.it/fdg01/200303291314103443/200303291314103443.shtml

Lello
29-03-2003, 19.44.53
Carlo Urbani, 47 anni, è morto a Bangkok. Lavorava per l'Oms
ed è stato il primo a individuare la comparsa della malattia
La polmonite atipica
uccide un medico italiano
Nel '99 ritirò il Nobel a Medici senza frontiere, di cui era presidente



ANCONA - E' stato il primo ad individuare la comparsa della polmonite killer e oggi è morto a Bangkok vittima proprio di quella tremenda malattia. Si tratta di un medico italiano, Carlo Urbani, 47 anni, originario di Castelplanio, nelle Marche. L'annuncio è arrivato dall'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, per cui Urbani lavorava. Il medico, si legge nel comunicato dell'Organizzazione, è stato "il primo responsabile dell'Oms ad aver identificato questa nuova malattia in un uomo d'affari americano, in un ospedale di Hanoi".

Urbani, infettivologo, si trovava in Vietnam per conto dell'Oms e si era occupato in un primo momento della programmazione nel settore delle malattie infettive. Ed è ad Hanoi che ha diagnosticato per primo la polmonite atipica, quella Sindrome respiratoria acuta grave (Sars)che sta terrorizzando l'Asia e il resto del mondo e che ha già fatto 56 vittime. Negli ultimi giorni aveva però sviluppato una febbre molto alta ed era stato ricoverato a Bangkok, in Thainlandia, mentre i suoi figli (di 17, 10 e 5 anni) erano stati rimandati in Italia, a Castelplanio, dai nonni. Con lui era rimasta la moglie Giuliana che potrebbe rientrare già lunedì con la salma del marito.
.....


http://www.repubblica.it/online/cronaca/virus/medico/medico.html

Lello
29-03-2003, 19.47.19
Un caro saluto a Carlo da MSF

(29/03/2003)
http://www.msf.it/msfinforma/comunicati_stampa/images/carlo.gif

Un amico ironico, un volontario convinto, un medico appassionato: così lo ricordiamo a poche ore dalla sua morte, avvenuta lontano da casa ma vicina alla gente che aveva scelto di aiutare.

http://www.msf.it/images/logo.gif

Da Bangkok ci giunge notizia della sua morte causata dalla polmonite atipica, questa SARS per la quale si cerca ancora una cura. E Carlo Urbani, parassitologo, stava ricercando le cause della malattia che non lo ha risparmiato.
Era arrivato a MSF nel 1996 quando, partito per la Cambogia, ha dato anima e corpo ad un progetto per il controllo della schistosomiasi - una malattia parassitaria intestinale - per un anno. Dopo quell'esperienza ha continuato a seguire il programma con missioni più brevi fino al 1999, anno in cui ad aprile l'Assemblea Generale dei soci di MSF Italia lo aveva eletto presidente. Un presidente innovatore, compreso nel suo importante ruolo di rappresentante di un'organizzazione internazionale che centra il suo intervento sulla prossimità alle vittime. E di questa prossimità Carlo era maestro: nelle sue scelte professionali è sempre stato centrale il suo bisogno di essere accanto alla popolazione più bisognosa di aiuto. Scriveva dalla Cambogia: noi volontari siamo "… osservatori privilegiati che possono vedere l'orrore di fatti ed eventi che fanno della dignità umana un sanguinante misero fardello. E poi raccontare, urlare, le privazioni dei diseredati, la lontananza degli esclusi, indicare in abusi e violenze i veri terremoti contro cui è davvero difficile, se non impossibile, costruire argini o rifugi..".
La notizia della sua morte ci lascia sconvolti e crea un vuoto che solo chi ha conosciuto Carlo può comprendere. Per questo i nostri pensieri vanno ai suoi familiari, privati di un affetto che anche noi di MSF abbiamo avuto il privilegio di condividere.




http://www.msf.it/msfinforma/news/29032003.shtml
(F) (F) (F)

Medici senza Frontiere: http://www.msf.it/index.shtml

Marco Redaelli
29-03-2003, 20.09.07
certo ke la guerra batteriologica è la prospettiva peggiore di questa guerra...


...personalmente è quello ke mi preoccupa di più...

Lello
29-03-2003, 22.44.22
Originariamente inviato da Marco Redaelli
certo ke la guerra batteriologica è la prospettiva peggiore di questa guerra...


...personalmente è quello ke mi preoccupa di più...
Per fortuna qui non si parla di guerra Marco.
:)

Lionsquid
29-03-2003, 23.38.11
Originariamente inviato da Lello

Per fortuna qui non si parla di guerra Marco.
:)

già... ma è impossibile non pensarci...come ha fatto Marco :(


(F) (F) (F) a Carlo!

IrONia
30-03-2003, 15.47.06
(F) (F) (F) (F)