PDA

Visualizza versione completa : Quelle strane clausole delle licenze Microsoft


Gigi75
05-09-2002, 18.34.00
Limitazioni alla libertà di espressione, obbligo di concedere l'accesso ai propri computer, violazioni della privacy: nelle nuove licenze Microsoft c'è un po' di tutto. Alcune domande su cui ogni utente Microsoft dovrà riflettere.

Qui (http://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03/01/200209030101)

Frequency
05-09-2002, 18.49.27
robe da matti....
spero di imparare linux nel minor tempo possibile....:rolleyes: :p

ekerazha
05-09-2002, 19.28.27
Si, comunque quelli del sito hanno interpretato il tutto a modo loro, insinuando cose non vere...

Frequency
05-09-2002, 19.50.52
Originariamente inviato da ekerazha
Si, comunque quelli del sito hanno interpretato il tutto a modo loro, insinuando cose non vere...

tipo?

ekerazha
06-09-2002, 12.09.04
Originariamente inviato da frequency


tipo?

Tipo quella che autorizza Microsoft a tenere il software aggiornato, loro l'hanno tramutata in licenza di entrarti nel computer :rolleyes:

Gigi75
06-09-2002, 12.26.14
In primo luogo, anche interpretando la clausola contrattuale alla lettera si nota comunque un abuso di posizione dominante. Nel momento in cui acquisto una licenza d'uso ho diritto di disporre del sw secondo quanto previsto nel contratto . Posso anche acquistare 200 licenze, installarle su 200 pc e tenerli spenti per sempre. Secondo quanto leggo nella licenza M$ incorrerei in un illecito contrattuale.
Inoltre, se secondo la licenza ho il dovere di aggiornare, verosimilmente M$ ha il potere di controllare l'ottemperanza al mio dovere. Questo potere, del tutto arbitrario se si considera la prevaricazione degli interessi societari sugli interessi dell'utenza, implica un potere di "controllo" (altrimenti la clausola non avrebbe alcun effetto pratico e potrebbe considerarsi nulla).
Ultima e più importante considerazione è l'assoluta inosservanza delle norme sulle "Condizioni generali di contratto". Ve la faccio breve per non uscire OT: nei casi in cui chi predispone il contratto prevede delle clausole di quel tipo (limitazione di responsabilità..e mille altre cose), le clausole devono essere specificamente approvate.

Bai;)

ekerazha
06-09-2002, 12.29.52
Originariamente inviato da Gigi75

Inoltre, se secondo la licenza ho il dovere di aggiornare, verosimilmente M$ ha il potere di controllare l'ottemperanza al mio dovere. Questo potere, del tutto arbitrario se si considera la prevaricazione degli interessi societari sugli interessi dell'utenza, implica un potere di "controllo" (altrimenti la clausola non avrebbe alcun effetto pratico e potrebbe considerarsi nulla).


Certo possono controllare che tu abbia installato gli aggiornamenti (tramite un estensione di Windows Update ad esempio), ma non vuol dire che un dipendente Microsoft si fa dei giretti nei tuoi dati riservati ;)

Gigi75
06-09-2002, 12.35.21
"Controllo" non significa cmq "giretto" significa monitorare l'utilizzo che l'utente fa del pc. Ogni controllo sull'attività altrui è arbitrario se non giustificato da esigenze superiori alle strategie commerciali di parte. Questo prolema investe sia problematiche strettamente contrattuali, sia di privacy. Nè la rassicurazione da parte della M$ che le informazioni acquisite rimarranno confiodenziali può essere una giustificazione al "monitoraggio" (sia la M$, siano altri) che l'utente deve subire senza possibilità di scelta, nè di approvazione specifica.
Bai;)