PDA

Visualizza versione completa : Killa 3d (pensieri, parole o missioni)


Ov3rKuNtZ
19-08-2002, 01.42.18
UNA CAROGNA
Ricordi tu l'oggetto, anima mia, che vedemmo quel mattino d'estate così dolce? Alla svolta d'un sentiero un'infame carogna sopra un letto di sassi, le gambe all'aria, come una femmina impudica, bruciando e sudando i suoi veleni, spalancava, con noncuranza e cinismo, il suo ventre pieno d'esalazioni. Il sole dardeggiava su quel marciume come volendolo cuocere interamente, rendendo centuplicato alla Natura quanto essa aveva insieme mischiato; e il cielo contemplava la carcassa superba sbocciare come un fiore. Il puzzo era tale che tu fosti per venir meno sull'erba. Le mosche ronzavano sul ventre putrido donde uscivano neri battaglioni di larve colanti come un liquame denso lungo gli stracci della carne. Tutto discendeva e risaliva come un'onda, o si slanciava brulicando: si sarebbe detto che il corpo gonfio d'un vuoto soffio, vivesse moltiplicandosi. E tutto esalava una strana musica, simile all'acqua corrente o al vento, o al grano che il vagliatore con ritmico movimento agita e volge nel vaglio. Le forme si cancellavano riducendosi a puro sogno: schizzo, lento a compiersi, sulla tela (dimenticata) che l'artista condurrà a termine a memoria. Dietro le rocce una cagna inquieta ci guardava con occhio offeso, spiando il momento in cui riprendere allo scheletro il brano abbandonato. - Eppure tu sarai simile a quell'immondizia, a quell'orribile peste, stella degli occhi miei, sole della mia natura, mia passione, mio angelo! Sì, tu, regina delle grazie, sarai tale dopo l'estremo sacramento, allora che, sotto l'erba e i fiori grassi, andrai a marcire fra le ossa. Allora, o bella, dillo, ai vermi che ti mangeranno di baci, che io ho conservato la forma e l'essenza divina di tutti i miei decomposti amori.
:mad:

Cereal Killer
19-08-2002, 03.18.20
molto ben scritta ma una domanda sorge spontanea....

KE KAKKIO E'????????

scusate l'ingnoranza....

ThEmAtRix
19-08-2002, 04.52.05
Azz! :eek:
Che è successo al tuo pc per buttarti su Baudelaire?
Hai problemi hardware/software? parliamone! :D

succhione
19-08-2002, 07.35.40
Autore "immorale" che preferiva il sogno alla triste e volgare realtà.....che x alcuni versi, è ciò che succede oggi, dove la mediocrità non è di moda !
In effetti...xchè hai scelto un pezzo così DARK ??

Topov
19-08-2002, 16.38.46
:o:o mi associo:

KE KAKKIO E'???????? :cool:
:o:o :p

ThEmAtRix
19-08-2002, 19.05.48
Non ha ancora risposto.... mi sà che aveva davvero problemi! :D

Ov3rKuNtZ
19-08-2002, 19.08.24
Potrei parlare di imposizioni culturali e devastazioni bibliche ... il fondamentale! e il sovrano... l'immorale tu cosa credi che sia moralità? ...
"Ricordi tu l'oggetto, anima mia, che vedemmo quel mattino d'estate così dolce?"
vi è destino nello scorrere della vita?
o è la vita....sentenza del destino?....
-------------------------------------------------------------------------------------------
"In effetti...xchè hai scelto un pezzo così DARK ??"


Il tempo kiede consiglio!... il consiglio giunge dal tempo... il mondo sublima il buongusto..."Allora, o bella, dillo, ai vermi che ti mangeranno di baci, che io ho conservato la forma e l'essenza divina di tutti i miei decomposti amori."....

Klapaucius
19-08-2002, 20.10.30
e non avete visto il sito di overquaxkxkxk
e pieno zeppo di stè cose:confused: :confused:


:D :D :D :)
quax quax quax
uauuauaua:p

succhione
19-08-2002, 20.24.50
Bene....sappiamo cosa regalargli x il compleanno.......la collezione tascabile di Baudelaire :p

Ov3rKuNtZ
19-08-2002, 21.17.55
:rolleyes:

ThEmAtRix
19-08-2002, 22.06.23
Come non abbiamo visto il sito! E' nei miei preferiti! nella cartella "Se sei indeciso di suicidarti vai qui!" :D:D:D

Scherzo! ;)

Ov3rKuNtZ
19-08-2002, 23.15.32
:eek:

succhione
19-08-2002, 23.27.25
Il pragmatismo è difficile da leggere...

Ov3rKuNtZ
19-08-2002, 23.29.31
forse perkè..... lo si rende difficile noi stessi nel leggerlO! ?!

succhione
19-08-2002, 23.41.23
Bè....con me sfondi una serie di porte aperte...il fascino dei pensieri però è cosa individuale, percui io penso rosso scrivo sfumato grigio e tu puoi leggere giallo...

Ov3rKuNtZ
19-08-2002, 23.55.02
mmm!... lo scrivere è anke questo? ...hai mai pensato ...alla miriade di critici ke kredono di aver kapito un poeta o uno scrittore? rimane un'interpretazione!... e forse sta li il bellO! ...

succhione
19-08-2002, 23.58.37
Si-si...almeno in questo possiamo permetterci originali e personali interpretazioni, in un sistema dove tutto ormai tende alla standardizzazione...è il minimo !

Ov3rKuNtZ
20-08-2002, 00.20.39
già! ormai il pensiero è andato a farsi! FO*************** alla grande! tutti più ghettizzati dell'era di noe! anke se forse noè era più originale!:(

indiano2
20-08-2002, 01.24.25
O K@zzo!!! Non mi viene in mente a quest'ora, ma chi era, Cecco Angiolieri? No, mi sovvien, era Olindo Stecchetti!!! (1550 o giù di li? Bho!) Il titolo è
" IL CANTO DELL'ODIO"
e diceva + o - così:
Quando tu dormirai sotto la terra grassa e la croce di Dio sarà piantata ritta sulla tua cassa, quando ti coleran marce le gote entro i denti malfermi e nelle occhiaie tue fetenti e vuote brulicheranno i vermi, per te quel sonno che per gli altri è pace sarà strazio novello ed un rimorso verrà freddo e tenace a morderti il cervello.
Un ricordo acutissimo ed atroce verrà nella tua fossa a dispetto di Dio, della sua croce, a rosicchiarti l'ossa.
Io sarò quel rimorso, io cercando entro la notte cupa, Lamia che fugge il dì, verrò latrando come latra una lupa.
Io con quest'ugne scaverò la terra per te fatta letame ed il turpe legno schioderò che serra la tua carogna infame.
Oh, come nel tuo cuor ancor vermiglio sazierò l'odio antico, oh, con che gioia afforderò l'artiglio nel tuo ventre impudico!
Sul tuo putrido ventre accoccolato io poserò in eterno, spettro della vendetta e del peccato, spavento dell'Inferno.
Ed all'orecchio tuo che fu si bello sussurrero' implacato detti che bruceranno il tuo cervello come un ferro infocato.
Quando tu mi dirai perchè mi mordi e di velen m'imbevi? Io ti risponderò: non ricordi che bei capelli avevi? Non ti ricordi dei capelli biondi che ti coprian le spalle e degli occhi nerissimi, profondi, pieni di fiamme gialle? E delle audacie del tuo busto e della opulenza dell'anca? non ti ricordi più di com'eri bella, provocatrice e bianca?
Ma non sei dunque tu che nudo il petto agli occhi altrui porgesti e, spumante Licisca, entro il tuo letto passar la via facesti?
Ma non sei tu che agli ebbri ed ai soldati spalancasti le braccia, che discendesti a baci innominati ed a me ridesti in faccia?
Ed io t'amavo,
ed io son caduto pregando innanzi, e vedi, qundo tu mi guardavi avrei voluto morir sotto a ' tuoi piedi.
Perchè negar, a me che pur t'amavo, uno sguardo gentile, quando per te mi sarei fatto schiavo, mi sarei fatti vile?
Perchè m'hai detto NO quando carponi misericordia chiesi e sulla strada intanto tuoi lenoni aspettavan gl'Inglesi?
Hai riso?
Senti!
Dal sepolcro cavo questa tua rea carogna, nuda la carne tua che tanto amavo l'inchiodo sulla gogna, e son la gogna tua i versi ov'io ti danno al vituperio eterno, a pene che rimpianger ti faranno le pene dell'inferno.
Quì rimorir ti faccio o maledetta,
piano,
a colpi di spillo e la vergogna tua,
la mia vendetta,
tra gli occhi ti sigillo.

Corsi e ricorsi storici, a lui non la dava agli altri si.
Qualche attinenza?
:D :D