PDA

Visualizza versione completa : un consiglio giusto.........


aliante
11-07-2002, 04.53.54
Ho grande confusione nei meandri dei vari linguaggi di programmazione.
Perciò desidererei che chi ne fosse in grado mi aiutasse a districarmi da questo gomitolone ........
Nn pretendo di imparare a scrivere un sistema operativo, ma certamente vorrei poter costruire un sito web senza l'ausilio di un programma per creare un sito.
Mi piacerebbe creare dei database , e anche se so bene che è sufficiente avere una buona conoscenza sul programma Access, nn è ciò che vorrei, ma creare dei dbs di sana pianta........
creare da me delle applet e riuscire a portare il tutto sul web.
Chiedo troppo, lo so, ma da dove iniziare?
Quali passi compiere'
Quale libro eventualmente scegliere.......
e ancora vorrei capire a cosa mi potrebbe servire il visual basic.
gradirei una spiegazione chiara ed esauriente.
GRAZIE (K)

P8257 WebMaster
11-07-2002, 15.36.12
Da quel che mi sembra di capire sei orientato verso la programmazione di applicativi client-server ... non male come inizio anche se personalmente dedicherei più tempo alle applicazioni native così da poter fare tutti i tentativi e gli "esperimenti" del caso senza dover ricorrere all'appoggio di un server.

La programmazione è un bellissimo mondo nel quale ogni giorno vengono sfornati migliaia e migliaia di algoritmi diversi e sempre più efficienti e stabili. La grande numerosità e complessità dei linguaggi potrebbe far credere a quanti se ne avvicinano per la prima volta che si tratta di un mondo confuso ed intricato e poco incline ai neofiti o agli autodidatti.

Questo non è affatto vero perché programmare è più una mentalità che un insieme di conoscenze di linguaggi.
La programmazione si compone infatti di un'elemento essenziale ed insostituibile: l'analisi .. l'analisi di un problema significa prendere in considerazione tutti i possibili aspetti di esso e trovare una soluzione che possa adattarsi a qualsiasi condizione dovesse porsi. Quando si deve fare un programma, la scrittura del codice è sempre l'ultimo passo nella realizzazione (successivamente c'é il test, naturalmente) in quanto il programmatore deve sapere fin dall'inizio dove e come strutturare le parti di codice necessarie e non buttare il codice a caso seguendo qualche esempio tratto magari dai manuali senza capirne il significato.
Alla luce di questo ci si potrebbe chiedere: allora, come imparare? Esiste anche qui un passo molto importante prima di giungere alla programmazione in codice vera e propria ed è la pseudocodifica (o pseudolinguaggio) su cui esistono molti, moltissimi libri; si tratta in effetti di programmazione con un linguaggio neutro stabilito a priori dall'apprendista stesso e composto da parole chiave di sua stessa invenzione per espletare le funzioni basilari che qualsiasi linguaggio di programmazione potrebbe offrire. Questo strumento non è soltanto utile per imparare, ma diviene una vera e propria guida costante e rimane nella mente del programmatore ad ogni algoritmo.
... E' un po' più o meno quando si vuol parlare una lingua straniera, prima si pensa in italiano e poi (solo dopo aver elaborato tutto il pensiero) si traduce in lingua...

La scelta del linguaggio

La scelta del linguaggio è una formalità che si prende in considerazione solo dopo aver fatto i passi di cui sopra, dipende essenzialmente dalle piattaforme, dalle specifiche di lavoro che si desidera effettuare, dagli scopi e dalla potenza di cui si vuole disporre.
Tradurre un programma pensato in pseudocodifica in codice è un'operazione quasi "meccanica" e non costituisce appunto il fulcro della programmazione .. ecco perché si insiste a dire che la mentalità del programmatore deve essere divincolata dal linguaggio ...
Se comunque ti sembra di sentirti perduto in questo mare di byte, esistono in internet numerosissimi manuali ed esempi molto ben fatti anche se occorre tener presente che, soprattutto gli esempi, sono appunto studiati per essere compresi e non per un semplice copia/incolla.

Nel tuo messaggio menzionavi Access e Visual Basic il che mi spinge a consigliarti di avvicinarti a VBScript come linguaggio di programmazione per pagine internet, realizzando le cosiddette pagine ASP ...
VBScript è un fratellino di Visual Basic, un linguaggio la cui versatilità viene da molti considerata fuori discussione ... personalmente ritengo che a lungo andare VB ingeneri nel programmatore alcune "cattive abitudini" sintattiche perché è un po' meno restrittivo di alcuni altri linguaggi presenti.
Inoltre, tieni presente che più "scende di livello" e si vuole magior potenza e interattività con la macchina, più il linguaggio diventa complesso e i problemi devono essere scomposti in parti "più piccole" per essere risolti.

VBScript (le specifiche ASP) ti fornisce un supporto molto compatibile con gli standard ora presenti nel mondo internet, inoltre può essere integrato con Visual Basic con ottimi risultati, sia in velocità che in efficienza del codice quindi, nonostante tutto il mio consiglio è di rimanere in ambiente ASP su piattaforma Win32 per ora...

Bye :cool:

aliante
12-07-2002, 01.17.27
Vuoi essere il mio professore?
Nn è difficile innamorarsene dopo la descrizione che ne hai fatto sulla disciplina in questione.
E con tutta sincerità mi poni di fronte a queste nuove materie per me, in modo decisamente diverso, sicuramente nuovo,
(anche se man mano che leggevo mi accorgevo che la struttura di questi linguaggi seguiva una logica scontata, un pò meno la sintassi!) e sicuramente + invitante perchè per te pare che la programmazione nn è vista solo come una serie di istruzioni di numeri e lettere, ma come tu stesso hai detto come una mentalità, un modo di porsi davanti ad un problema, un evento eccetera: lo si analizza per poi giungere alla soluzione dello stesso dipendente dalla condizione........
ma a priori c'è un elemento che nn si può trascurare ed è la conoscenza dello strumento che si utilizza.
Ed io lo conosco poco......
Si è vero la scelta del linguaggio è a posteriori e legato agli obiettivi da raggiungere, e dopo qualche copia ed incolla è nata in me la volontà e la necessità di capire di + perchè il tuo mondo mi affascina, mi attrae ma molto confusa sono.
Sono certa che dopo la confusione verrà la scelta accampognata dalla costante volontà di capire come vorrei questo mondo di byte.....
Grazie di cuore, graditissima risposta, nn potevo desiderare di + perchè sicuramente era te che cercavo tra i forumisti.........
Ciao
(K)