PDA

Visualizza versione completa : Berlusca & Co.


Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 [31] 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42

Cecco
18-06-2003, 18.50.48
Originariamente inviato da Lello

La tua devozione a Berlusconi non è seconda a null'altro...
anche su argomenti + importanti vedo il dubbio, foriero di nuove scoperte...
di nuova buona....

sul Berlusca non hai dubbi...

beato te....


Chi si contenta gode....

Hai pensato di far parte del suo staff, tipo: Elio Vito, o Bondi, Schifani, Nitto Palma...???
NO?
Hai la loro stessa "illuminata" certezza..
vivono tutti lo stesso messianico (:p) candore

e incedono sicuri tra le folle di infedeli.....

Il loro dio li ama....
e li protegge dalle toghe rosse.... :D

Siamo alle solite, se non sei un fan del pool di Milano, sei un devoto, un servo o non so che altro di berlusconi.
Quando vi sveglierete? Noi siamo ben desti, siamo possibilisti sul fatto che un grande imprenditore possa aver sbagliato, siamo più che certi che fini politici e di potere stiano da anni cercando di disarcionarlo. Ma l'uomo per fortuna è molto tosto, se qualcuno vuole sbarazzarsene, beh dovrà farlo in senso letterale e chissà che qualcuno non ci stia già pensando.

totore
18-06-2003, 19.00.18
L’ultima udienza del processo Sme conferma che i magistrati milanesi sono impegnati in una corsa contro il tempo per lanciare l’ennesimo affondo mediatico contro il presidente del Consiglio prima dell’approvazione del Lodo Maccanico ed alla vigilia del semestre di presidenza italiana.
E costituisce, secondo l’ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga, la dimostrazione inequivocabile che Silvio Berlusconi deve considerarsi a tutti gli effetti un “perseguitato politico”. Ma a quando la fine del golpismo giudiziario e la riforma per la giustizia


http://www.opinione.it/1.copertina/home_frame_copertina.htm


..rispetto le opinioni altrui e cerco di "non imporre" la mia, pero'...sono pro-Berlusca!

Giorgio Drudi
18-06-2003, 19.02.29
Originariamente inviato da Lello

La tua devozione a Berlusconi non è seconda a null'altro...
anche su argomenti + importanti vedo il dubbio, foriero di nuove scoperte...
di nuova buona....

sul Berlusca non hai dubbi...

beato te....


Chi si contenta gode....

Hai pensato di far parte del suo staff, tipo: Elio Vito, o Bondi, Schifani, Nitto Palma...???
NO?
Hai la loro stessa "illuminata" certezza..
vivono tutti lo stesso messianico (:p) candore
.
e incedono sicuri tra le folle di infedeli.....

Il loro dio li ama....
e li protegge dalle toghe rosse.... :D +

Se tu non fossi oppiato dall'ideologia e dal partito... :) avresti dovuto ormai capire il mio punto di vista:
non si fanno tanti soldi senza rubare,...ma berluska è stato eletto democraticamente e tutti... ma proprio tutti sapevano chi era.
Ha un suo stile assai più autentico di tutti i burocrati-politici-insignificanti, dalla "repubblica" fino ad oggi, esclusi De Gasperi,Berlinguer e Pertini.
Si capisce cosa dice e cosa fa ...si sia d'accordo o meno sui contenuti...è anche una macchietta :D ...ma pochi uomini avrebbero potuto fare quella "impresa" politica.

Vi sono cose che mi piacciono ed altre ...per niente....non voglio che sia, non dico smantellato ma nemmeno indebolito il sistema assistenziale...non voglio che vengano vaporizzate le future pensioni...non m'importa che i soldi non ci siano...li dovranno cacciare le classi ricche...e sarà così un modo di perequare i redditi....vorrei che chi governa ponessee rimedio ad una invasione deregolata di extra-comunitari...vorrei che il governo rendesse la vita difficile ai criminali.
La sua politica estera è dignitosa...anche se piuttosto presuntuosa.
Devo dire che umanamente mi è simpatico...ma vedo i suoi difetti...
Dio ama la giustizia e solo lui è giusto...non guarda l'appartenenza razziale, sociale, politica ma guarda al cuore .
Ho una sola illuminata certezza, la pochezza di noi umani e il nostro assoluto bisogno di purificazione e salvezza.
Ciao PaCo :)

PS. Ho messo i miei "desiderata" alla rinfusa ...ne ho altri

afterhours
18-06-2003, 19.12.31
Originariamente inviato da Cecco


Siamo alle solite, se non sei un fan del pool di Milano, sei un devoto, un servo o non so che altro di berlusconi.
Quando vi sveglierete? Noi siamo ben desti, siamo possibilisti sul fatto che un grande imprenditore possa aver sbagliato, siamo più che certi che fini politici e di potere stiano da anni cercando di disarcionarlo. Ma l'uomo per fortuna è molto tosto, se qualcuno vuole sbarazzarsene, beh dovrà farlo in senso letterale e chissà che qualcuno non ci stia già pensando.

Siamo alle solite...se nn sei un fan di Berlusconi sei uno che dorme....beh...x tua informazione io sono ben sveglio...

io nn so se Berlusconi ha sbagliato o meno...so solo che se ha sbagliato deve pagare...xche' la legge fino a prova contraria dev'essere uguale x tutti.
se Berlusconi nn ha niente da nascondere xche' si fa le leggi su misura?

fare una legge x curare i propri interessi secondo me nn e' giusto...e nn lo penso xche' e' Berlusconi..se fosse d'Alema,Bertinotti o chiunque altro a comportarsi cosi' penserei lo stesso...

ciao

exion
18-06-2003, 19.37.49
Al di là di qualsiasi considerazione, partigiano o oggettiva, sulla situazione attuale, vorrei poter viaggiare nel tempo e vedere cosa si dirà di questi anni nei libri di storia del 2030....

Forse solo allora, spente le polemiche del presente, riusciremo davvero a capire come sono davvero andate le cose.

Giorgio Drudi
18-06-2003, 20.21.35
Originariamente inviato da Lello


Sarà la mia mente malata...
ma vedo troppi fronzoli freudiani...

Indicibile piacere, carceri (magari sado-maso)
e ombrelli (virtuali) vaganti....:eek:

Forse interpreto male... Prof...
ma che finezza il tuo post.... :(


Niente male...
anche tu come il Drudi sulla strada dell'apostolato :o

:inn:
ciao Lello

Giorgio Drudi
18-06-2003, 20.28.28
Originariamente inviato da exion
Al di là di qualsiasi considerazione, partigiano o oggettiva, sulla situazione attuale, vorrei poter viaggiare nel tempo e vedere cosa si dirà di questi anni nei libri di storia del 2030....

Forse solo allora, spente le polemiche del presente, riusciremo davvero a capire come sono davvero andate le cose.

Sono persuaso..."cambiamento epocale" in quanto fine dei dinamismi politici e culturali dell'800 ed inizio.....???
Ciao Exion

exion
18-06-2003, 21.07.16
no comment, solo da ascoltare :D :devil:

http://digilander.libero.it/falcemar/file/Berluska%20Comunista.mp3

Paco
18-06-2003, 21.13.58
Permettetemelo: "io sono più uguale degli altri" :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek:

Lello
18-06-2003, 21.31.08
Originariamente inviato da Paco
Permettetemelo: "io sono più uguale degli altri" :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek: :eek:
Ceausescu....
lo trovate nel culto della personalità espresso nelle prove di italiano....

"Citazioni del grande Statista..."
"Passi dai volumi cult del maggiore editore...."


che paese, non vorrei offendere sudamericani, bulgari e rumeni....
on the border....

Maturità, frasi del premier nei temi: la polemica arriva in Parlamento (http://www.repubblica.it/online/cronaca/materie/berlusconi/berlusconi.html)

Lello
18-06-2003, 21.37.12
L'aula di Montecitorio ha approvato la norma che sospende
i processi per le 5 più alte cariche dello Stato
Sì definitivo della Camera
il lodo blocca-processi è legge

Il provvedimento riguarda premier e Presidente della Repubblica
ma anche i presidenti di Camera e Senato e quello della Consulta


ROMA - La norma blocca-processi è legge. Il cosiddetto "lodo Maccanico", il provvedimento che sospende i processi per cinque alte cariche istituzionali (Presidente della Repubblica, premier, presidenti di Camera e Senato, presidente della Corte Costituzionale), è stato approvato in via definitiva dalla Camera con 302 voti a favore, 17 contrari e 13 astenuti. I 'sì' sono quelli della maggioranza di centrodestra. La gran parte dei deputati dell'Ulivo e Rifondazione Comunista (non lo Sdi e l'Udeur che si sono astenuti) non hanno partecipato al voto finale in segno di protesta.

In piazza Montecitorio, mentre si avvicinava il voto, centinaia di manifestanti riuniti dai "girotondi" hanno invitato i parlamentari dell'opposizione a uscire dall'aula, "un gesto simbolico", scondo Nanni Moretti e altri rappresentanti del movimento, "contro l'emmesimo provvedimento ad personam varato dalla maggioranza"

http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrosei/lodo/lapresse003be556cxw200h205c00.jpg

Intanto l'aula di Montecitorio ha respinto, come previsto, tutti gli emendamenti presentati dall'opposizione. Se infatti fossero state apportate modifiche, il "lodo" (che ora ha come primo firmatario il capogruppo forzista al Senato Schifani) sarebbe dovuto tornare al Senato per un altra lettura. Invece da stasera è legge, che attende solo la firma del capo dello Stato. Dopo, l'immunità dai processi "fino al termine del mandato" sarà garantita alle cinque più alte cariche istituzionali. Anche al presidente del consiglio Silvio Berlusconi, attualmente imputato nel processo Sme. Per il quale il procedimento sarà sospeso.

Nel dettaglio la nuova norma prevede infatti che chi ricopre le cariche sopra elencate "non può essere sottoposto a processi penali per qualsiasi reato, anche riguardante fatti antecedenti l'assunzione della carica o della funzione e fino alla cessazione della carica". I processi - dice ancora il testo - vengono sospesi "in ogni stato e fase o grado e per qualsiasi reato siano stati iniziati". A partire dalla data di sospensione, infine, viene sospeso il decorso dei termini per la prescrizione del reato.

(18 giugno 2003)

http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrosei/lodo/lodo.html

indiano2
18-06-2003, 23.28.55
Ma che skifo... se fossi innocente non lo accetterei mai!!! dico male cari cecco, giorgio drudi, the_prof? il berlusca deve lavorare per il bene di tutti noi italiani, non di una sola classe d'imprenditori, non può essere distratto da magistrati rossi; il bene del "suo" popolo prima di tutto. ;)

Giorgio Drudi
19-06-2003, 09.47.02
Originariamente inviato da Lello

Ceausescu....
lo trovate nel culto della personalità espresso nelle prove di italiano....

"Citazioni del grande Statista..."
"Passi dai volumi cult del maggiore editore...."


che paese, non vorrei offendere sudamericani, bulgari e rumeni....
on the border....

Maturità, frasi del premier nei temi: la polemica arriva in Parlamento (http://www.repubblica.it/online/cronaca/materie/berlusconi/berlusconi.html)

Povero Fassino sempre "inquieto, sconcertato, allibito, indignato "...forse ha bisogno di una vacanza e di una buona cura... :D .

Ceausescu un celebrato leader del socialismo reale, criminale efferato, affamatore del suo popolo...mai sentita una parola contro di lui...ora entrato nel lessico comunista per criticare gli oppositori democraticamente eletti...:D questa applicazione dice una cosa sola: il contenuto, non il termine, di DEMOCRAZIA non è assimilabile dalla sinistra...il sistema "democrazia" serve solo tatticamente per imporre nuove oppressioni e dittature, facendo leva sulle fragilità dei sistemi fondati sulla libertà.
Non cè bisogno di leggere la storia degli orrori del comunismo nel libro edito da Mondadori....basta guardare all'oggi: Cuba, Cina ecc. Gli orrori del comunismo documentati nel libro comunque sono una lettura importante della storia del XX secolo...per chi ama conoscere la verità e crescere.
La conoscenza degli orrori dei totalitarismi sono parte fondamentale di una educazione alla Civiltà...ma, fino ad oggi, l'egemonia culturale delle sinistre ha soffocato la divulgazione degli orrori del comunismo.

Gli statisti della sinistra...:D che ironizzano sul berluska statista... quali statisti ? Fassino Occhetto Dalema Bertinotti Salvi Mussi, il sindaco di Roma.... Cossuta :D :D :D ...non so se riescano a distinguere, data la loro radice ideologica, fra stato e statalismo...fra statisti e burocrati di partito.
Statista nel senso elogiativo è riservato a pochi, in Italia solo a De Gasperi capace, di fronte alle potenze alleate vincitrici, di sollevare la posizione dell'Italia, con l'ottenimento del piano Marshall.
Un piano simile è stato delineato per la Palestina ed è la cosa più saggia e pragmatica che sia stata proposta da quando esiste il problema israelo-palestinese... e Berluska, cui non si può certamente ancora dare il titolo di statista, se n'è fatto promotore.

Sul piano della politica italica :D ha fatto le scarpe a parecchi, senza essere cresciuto nelle segreterie dei partiti...per questo Berlusconi verrà ricordato...dubito che lo sarà lo scandalizzato, inquieto e tremolante Fassino, le cui mosse politiche sono state ...ridicole...,ci sarà da ridere ancor più in occasione delle politiche... :D lui e bertinotti...cric e croc... :D ...mentre dalla mischia esce rotella che non sa a chi passare la palla..perchè c'è solo mortadella libero...se non sarà impegnato a dimostrare che non ha fatto bidoni...che invece ha fatto.
Povera Italia...:crying:

Giorgio Drudi
19-06-2003, 10.01.30
Originariamente inviato da afterhours


Siamo alle solite...se nn sei un fan di Berlusconi sei uno che dorme....beh...x tua informazione io sono ben sveglio...

io nn so se Berlusconi ha sbagliato o meno...so solo che se ha sbagliato deve pagare...xche' la legge fino a prova contraria dev'essere uguale x tutti.
se Berlusconi nn ha niente da nascondere xche' si fa le leggi su misura?

fare una legge x curare i propri interessi secondo me nn e' giusto...e nn lo penso xche' e' Berlusconi..se fosse d'Alema,Bertinotti o chiunque altro a comportarsi cosi' penserei lo stesso...

ciao


Vorrei diventare "fan" della verità, anzi vorrei che lo fossimo in molti. Vorrei ricordarti una affermazione di Dalema ,..ai tempi di mani pulite cui guardammo tutti con speranza, credo,... affermazione pubblica ad un TG : " Se la magistratura mette sotto accusa le cooperative rosse si delegittima.."

FUORI DA TUTTO, LIBERI DI CRITICARE E CONTROLLARE CHIUNQUE CI AMMINISTRI...TRASPARENZA.
Questa sarà la nuova fase politica...lo credo...ma di più lo spero.
Ciao afterhours

totore
19-06-2003, 10.15.45
Ciao Gio'

chissa' perche' ma condivido sempre "in toto" i tuoi interventi
Sempre cosi'
Ciao

The_Prof
19-06-2003, 11.10.51
Originariamente inviato da Lello
L'aula di Montecitorio ha approvato la norma che sospende
i processi per le 5 più alte cariche dello Stato
Sì definitivo della Camera
il lodo blocca-processi è legge

Il provvedimento riguarda premier e Presidente della Repubblica
ma anche i presidenti di Camera e Senato e quello della Consulta


ROMA - La norma blocca-processi è legge. Il cosiddetto "lodo Maccanico", il provvedimento che sospende i processi per cinque alte cariche istituzionali (Presidente della Repubblica, premier, presidenti di Camera e Senato, presidente della Corte Costituzionale), è stato approvato in via definitiva dalla Camera con 302 voti a favore, 17 contrari e 13 astenuti. I 'sì' sono quelli della maggioranza di centrodestra. La gran parte dei deputati dell'Ulivo e Rifondazione Comunista (non lo Sdi e l'Udeur che si sono astenuti) non hanno partecipato al voto finale in segno di protesta.

In piazza Montecitorio, mentre si avvicinava il voto, centinaia di manifestanti riuniti dai "girotondi" hanno invitato i parlamentari dell'opposizione a uscire dall'aula, "un gesto simbolico", scondo Nanni Moretti e altri rappresentanti del movimento, "contro l'emmesimo provvedimento ad personam varato dalla maggioranza"

http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrosei/lodo/lapresse003be556cxw200h205c00.jpg

Intanto l'aula di Montecitorio ha respinto, come previsto, tutti gli emendamenti presentati dall'opposizione. Se infatti fossero state apportate modifiche, il "lodo" (che ora ha come primo firmatario il capogruppo forzista al Senato Schifani) sarebbe dovuto tornare al Senato per un altra lettura. Invece da stasera è legge, che attende solo la firma del capo dello Stato. Dopo, l'immunità dai processi "fino al termine del mandato" sarà garantita alle cinque più alte cariche istituzionali. Anche al presidente del consiglio Silvio Berlusconi, attualmente imputato nel processo Sme. Per il quale il procedimento sarà sospeso.

Nel dettaglio la nuova norma prevede infatti che chi ricopre le cariche sopra elencate "non può essere sottoposto a processi penali per qualsiasi reato, anche riguardante fatti antecedenti l'assunzione della carica o della funzione e fino alla cessazione della carica". I processi - dice ancora il testo - vengono sospesi "in ogni stato e fase o grado e per qualsiasi reato siano stati iniziati". A partire dalla data di sospensione, infine, viene sospeso il decorso dei termini per la prescrizione del reato.

(18 giugno 2003)

http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrosei/lodo/lodo.html


Quante contraddizioni in questo articolo.....

Il giornalista dà per scontato che il Presidente della Repubblica firmi questa legge, forse per assicurarsi un'immunità della quale non credo abbia bisogno.

Se in questo processo fossero emerse delle prove incontrovertibili della corruzione dei giudici per aggiustare processi da parte di Berlusconi, e visto che il processo è iniziato ben prima delle elezioni politiche, chi ha permesso ad un imputato, allora deputato e quindi senza immunità parlamentare, di presentarsi alle elezioni politiche ?

Forse prima delle elezioni non era colpevole ?

Quindi e' diventato colpevole durante il suo incarico, mentre i fatti ascrittigli risalgono a molti anni prima ?

X Lello.
Da te mi aspettrei ben altro che riportare articoli della Repubblica, o rispondere con post canzonatori.
Delle due l'una o non sai pensare con la tua testa, ma lo escluderei, oppure non hai argomentazioni con cui ribattere, peccato.

X Exion.
Mi rifaccio al tuo post delle riflessioni e delle ipotesi.
Hai fatto un quadro molto esauriente della situazione, in base ad ipotesi che potrebbero reggere.
Ma non capisco come da mere ipotesi, tu possa trarre delle certezze.

Ciao :)

Giorgio Drudi
19-06-2003, 11.16.38
Originariamente inviato da totore
Ciao Gio'

chissa' perche' ma condivido sempre "in toto" i tuoi interventi
Sempre cosi'
Ciao
Mi fa piacere...cercherò costantemente di "ripulirmi" per essere il più possibile oggettivo ed incontrare ogni mio prossimo nella verità.
Ciao totore dall'"occhio ceruleo" :)

Giorgio Drudi
19-06-2003, 11.28.56
Originariamente inviato da Lello
Duro attacco del quotidiano verso il governo italiano
"Questa manovra è un profondo imbarazzo per l'Italia e l'Ue"

Immunità, il "Financial Times"
"Un abuso di potere del premier"


ROMA - La legge che garantirà al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e alle altre quattro alte cariche dello Stato l'immunità dai processi rappresenta "un abuso di potere, che danneggia l'Italia e l'Europa". Proprio nel giorno in cui il provvedimento è all'esame del parlamento italiano, arriva il durissimo attacco del Financial Times contro il cosiddetto lodo Maccanico, che molti deputati sostengono nella convinzione che risparmierà all'Italia forti imbarazzi durante il semestre si presidenza dell'Ue. "Si sbagliano di grosso - scrive in un editoriale il quotidiano britannico - Questa manovra trasparente è un profondo imbarazzo per l'Italia e per l'Ue, e pone dubbi sulla qualità della democrazia che i cittadini possono aspettarsi".

"Perché un primo ministro che usa la sua maggioranza parlamentare per porsi al di sopra della legge in un caso in cui è evidente l'interesse personale, e che dovrebbe essere tollerato dagli altri governi - scrive ancora il Financial Times - getta un'ombra su tutta l'Ue".

http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrosei/giuscontrosei/ap003bd9a4cxw200h273c00.jpg

Secondo il quotidiano londinese, in Italia "ci dovrebbe essere un vero dibattito sulla giustizia", ma dovrebbe essere condotto in "un clima più calmo, non attraverso provvedimenti affrettati per tirare fuori dai guai il premier".

"Rifiutando di battersi attraverso i tribunali, Berlusconi assesta un colpo alla fiducia nelle istituzioni del Paese - conclude il Financial Times - Gli altri leader europei difficilmente oseranno interferire. Questo provvedimento è tuttavia un abuso di potere, diminuisce la posizione dell'Italia e, per estensione, quella dei leader europei che chiudono un occhio sull'argomento".

(18 giugno 2003)

http://www.repubblica.it/online/politica/giuscontrosei/giuscontrosei/giuscontrosei.html

Che il "Financial Time" sia indipendente da interessi economici, comincio a dubitare. Sarebbe interessante dare una occhiata, forse il luogo comune di giornale oggettivo e super-partes ha bisogno di una revisione per circolare ancora. Le questioni "financial" difficilmente lo sono.

Fëanor
19-06-2003, 11.45.10
stamattina berlusconi si è allacciato prima la scarpa destra che la sinistra.
non c'è più rispetto per la libertà.
che vergogna.

bruciamolo vivo.

:rolleyes:

Giorgio Drudi
19-06-2003, 11.49.29
Originariamente inviato da Fëanor
stamattina berlusconi si è allacciato prima la scarpa destra che la sinistra.
non c'è più rispetto per la libertà.
che vergogna.

bruciamolo vivo.

:rolleyes:


...:)

totore
19-06-2003, 11.55.35
..questo non doveva ......attiveremo subito i....girotondini,,,,,

wolf76
19-06-2003, 13.37.53
Leggendo gli ultimi post di questa discussione sono rimasto esterefatto da come il servilismo introdotto da F.I. si sia diffuso prima in tutta la coalizione politica di appartenenza (A.N. sta scomparendo..... e se ne sono accorti solo ora!) e poi nel paese intero!
1 - Credete sia normale che un imprenditore, senza dubbio capace, abbia solo per questo motivo la presunzione di essere anche un buon premier??? Anche il mio idraulico è bravissimo e sa di esserlo, ma non per questo si candiderebbe come premier! Forse perchè come tutti i cittadini, se fosse accusato di qualcosa, si andrebbe a difendere in tribunale!! O credete che Berlusca si sia candidato perchè gli premevano le sorti del paese?
2 - Sapete che gli avvocati del Berlusca al processo Sme sono anche componenti della commissione giustizia del nostro parlamento....?? Lo considerate normale? Ma questo ha a che fare con un discorso più grande riguardante il conflitto di interessi che a dire il vero io non credo esista: in effetti in Italia è tutto suo..... egli ha il più grande potere economico, il più grande potere mediatico e il più grande potere istituzionale! Può mica entrare in conflitto con se stesso??!
3 - Berlusca è stato eletto democraticamente..... bene! Ai tempi di Hitler i tedeschi erano tutti nazisti, per non parlare del plebiscito italiano per Benito!! Ma come è andata a finire in questi casi? La componente che unisce questi tre personaggi è la DEMAGOGIA e la personalizzazione dell'azione politica!!! Che fine credete farà FI quando il Cav. non ci sarà più? Morto (politicamente) il creatore, morirà la creatura! Il berlusca è solo un'anomalia e, come ha detto exion, i posteri lo riveleranno per quello che è!!!

Lello
19-06-2003, 15.46.07
Gli esami di governo
di Michele "Fortebraccio" Serra

CHE i temi della maturità possano riflettere l'aria che tira, permeabili alle tendenze politiche e culturali dominanti, può essere discutibile ma non è uno scandalo. Fioccavano, negli anni passati, le riflessioni su Croce e Gramsci, lo spirito repubblicano era pane e lo storicismo companatico, il neorealismo e la letteratura civile del dopoguerra facevano capolino tra Leopardi e Verga. Diciamo - gentilmente - che quest'anno, Anno Terzo dell'era berlusconiana, s'è leggermente sbracato.

E la permeabilità (fisiologica) dei funzionari ministeriali agli orientamenti del momento si è trasformata nel desiderio (patologico) di compiacere il governo: tanto che la tradizionale dicitura "esami di Stato" appare decisamente soppiantata da quella, più appropriata, di "esami di governo" o, come direbbe il senatore Schifani, "esami di maggioranza". Non si spiegano altrimenti i due temi che hanno scatenato la comprensibile ira di mezzo Paese. Nel primo fa il suo trionfale ingresso, tra i testi formativi della gioventù italiana, il "Libro nero del comunismo", base scientifica ideale per giustificare un tema sui regimi totalitari del '900 nel quale (riassumo) il fascismo viene presentato come una sgradevole robetta, il nazismo come una gran brutta faccenda e il comunismo come il Male Assoluto, Satana incarnato.

Nel secondo, un innocuo e interessante tema sull'acqua come risorsa fondamentale, il ministero è riuscito a inserire, incredibilmente, una frase di Berlusconi, tratta nientepopodimenoché dall'Introduzione alla Celebrazioni Ufficiali Italiane per la Giornata Mondiale dell'Alimentazione.

http://www.repubblica.it/online/cronaca/materie/prima/storico003be084cxw200h134c00.jpg

Se il primo caso (quello d'un tema sui totalitarismi che rovescia esattamente, in una democrazia nata dalle ceneri del nazifascismo e dopo la carneficina bellica causata da Hitler e Mussolini, il rapporto tra il rosso e il nero) è un classicissimo esempio di revisionismo storico applicato alla scuola, il secondo, quello della citazione di Berlusconi, noto esperto di questioni idriche, in un tema di politica ambientale, è un clamoroso esempio di cavoli a merenda. Spiegabile soltanto con lo zelo ottuso e controproducente di qualche pensatore ministeriale.

Non per caso, è stata soprattutto la citazione di Berlusconi - acqua fresca, appunto - a scatenare le reazioni più allarmate, seppure venate di ilarità. Mentre la beatificazione del Libro nero del comunismo, in mancanza di testi più accreditati, era infatti funzionale alla tesi politica di chi ha stilato il tema, la frasetta del premier sull'acqua potabile ha il solo evidente scopo d'omaggiarlo, e puzza terribilmente, e ridicolmente, di regime. Parola che va usata (vedasi il tema sui totalitarismi) con cautela, soprattutto per rispetto a chi ha sofferto sotto i regimi veri. Ma che tecnicamente indica in maniera appropriata quel salto di mentalità, quella resa psicologica che rende possibile un così ridicolo e appariscente caso di servilismo, per giunta in un atto pubblico significativo e a suo modo solenne come gli esami di Stato.

Potremmo dire che il secondo tema, quello sull'acqua berlusconiana, aggrava, e di molto, la posizione del primo. Perché svela, maldestramente, uno spirito propagandistico molto contingente, e molto cheap, che vanifica gli sforzi "scientifici" del neoanticomunismo da "Libro nero", e li riduce a pura sete di applausi per il beneamato premier. Fossimo in Berlusconi, saremmo furiosi con l'ideatore del tema idrico, grottesco episodio che mette alla berlina una corte ossequiosa e strafacente, incapace di capire il cattivo gusto e soprattutto il cattivo servigio reso a un Capo che è già padrone, governante, imprenditore, assicuratore, re del calcio, del cinema, dell'editoria, della tv, e oggi si scopre anche Regolatore delle Acque. Ne aveva bisogno?

Altra osservazione. Non crediamo che mai, prima d'ora, un presidente del Consiglio in carica sia stato citato nei temi della maturità. È un primato del quale Berlusconi, probabilmente, non ha colpa. Ma un leader si giudica anche, se non soprattutto, dalla classe dirigente della quale si circonda. Berlusconi è il responsabile dei berlusconiani e del berlusconismo. A giudicare dai temi di maturità, non è una responsabilità da poco.

(19 giugno 2003)

http://www.repubblica.it/online/cronaca/materie/serra/serra.html

Giorgio Drudi
19-06-2003, 20.41.57
Originariamente inviato da wolf76
Leggendo gli ultimi post di questa discussione sono rimasto esterefatto da come il servilismo introdotto da F.I. si sia diffuso prima in tutta la coalizione politica di appartenenza (A.N. sta scomparendo..... e se ne sono accorti solo ora!) e poi nel paese intero!
1 - Credete sia normale che un imprenditore, senza dubbio capace, abbia solo per questo motivo la presunzione di essere anche un buon premier??? Anche il mio idraulico è bravissimo e sa di esserlo, ma non per questo si candiderebbe come premier! Forse perchè come tutti i cittadini, se fosse accusato di qualcosa, si andrebbe a difendere in tribunale!! O credete che Berlusca si sia candidato perchè gli premevano le sorti del paese?
2 - Sapete che gli avvocati del Berlusca al processo Sme sono anche componenti della commissione giustizia del nostro parlamento....?? Lo considerate normale? Ma questo ha a che fare con un discorso più grande riguardante il conflitto di interessi che a dire il vero io non credo esista: in effetti in Italia è tutto suo..... egli ha il più grande potere economico, il più grande potere mediatico e il più grande potere istituzionale! Può mica entrare in conflitto con se stesso??!
3 - Berlusca è stato eletto democraticamente..... bene! Ai tempi di Hitler i tedeschi erano tutti nazisti, per non parlare del plebiscito italiano per Benito!! Ma come è andata a finire in questi casi? La componente che unisce questi tre personaggi è la DEMAGOGIA e la personalizzazione dell'azione politica!!! Che fine credete farà FI
quando il Cav. non ci sarà più? Morto (politicamente) il creatore, morirà la creatura! Il berlusca è solo un'anomalia e, come ha detto exion, i posteri lo riveleranno per quello che è!!!

1- La presunzione di essere un leader non è così presuntuosa dal momento che lo è stato come imprenditore e come politico. Per la qualifica di premier nè la presunzione nè la modestia
sono sufficienti perchè il premier deve vincere le elezioni...e chi sarà premier lo decide la maggioranza dei votanti, non berluska.
Lo stesso potrà dirsi del tuo idraulico se saprà organizzare una formazione e se riceverà il consenso degli elettori, o non lo ritieni all'altezza perchè è un artigiano?
Non sono i titoli di studio nè qualsiasi altra capacità a fare di un uomo un leader e un premier...occorre seguito e voti.
2- :crying:
3- :crying:
Ciao

afterhours
19-06-2003, 20.49.19
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Vorrei diventare "fan" della verità, anzi vorrei che lo fossimo in molti. Vorrei ricordarti una affermazione di Dalema ,..ai tempi di mani pulite cui guardammo tutti con speranza, credo,... affermazione pubblica ad un TG : " Se la magistratura mette sotto accusa le cooperative rosse si delegittima.."

FUORI DA TUTTO, LIBERI DI CRITICARE E CONTROLLARE CHIUNQUE CI AMMINISTRI...TRASPARENZA.
Questa sarà la nuova fase politica...lo credo...ma di più lo spero.
Ciao afterhours


grazie della risposta Giorgio Drudi...condivido quello che hai scritto :)

indipendentemante da chi e' al governo..spero solo che lavori x il bene della collettivita'...

D'alema personalmente nn mi piace...

ciao :)

Giorgio Drudi
19-06-2003, 21.01.33
Originariamente inviato da Lello
Gli esami di governo
di Michele "Fortebraccio" Serra

CHE i temi della maturità possano riflettere l'aria che tira, permeabili alle tendenze politiche e culturali dominanti, può essere discutibile ma non è uno scandalo. Fioccavano, negli anni passati, le riflessioni su Croce e Gramsci, lo spirito repubblicano era pane e lo storicismo companatico, il neorealismo e la letteratura civile del dopoguerra facevano capolino tra Leopardi e Verga. Diciamo - gentilmente - che quest'anno, Anno Terzo dell'era berlusconiana, s'è leggermente sbracato.

E la permeabilità (fisiologica) dei funzionari ministeriali agli orientamenti del momento si è trasformata nel desiderio (patologico) di compiacere il governo: tanto che la tradizionale dicitura "esami di Stato" appare decisamente soppiantata da quella, più appropriata, di "esami di governo" o, come direbbe il senatore Schifani, "esami di maggioranza". Non si spiegano altrimenti i due temi che hanno scatenato la comprensibile ira di mezzo Paese. Nel primo fa il suo trionfale ingresso, tra i testi formativi della gioventù italiana, il "Libro nero del comunismo", base scientifica ideale per giustificare un tema sui regimi totalitari del '900 nel quale (riassumo) il fascismo viene presentato come una sgradevole robetta, il nazismo come una gran brutta faccenda e il comunismo come il Male Assoluto, Satana incarnato.

Nel secondo, un innocuo e interessante tema sull'acqua come risorsa fondamentale, il ministero è riuscito a inserire, incredibilmente, una frase di Berlusconi, tratta nientepopodimenoché dall'Introduzione alla Celebrazioni Ufficiali Italiane per la Giornata Mondiale dell'Alimentazione.

http://www.repubblica.it/online/cronaca/materie/prima/storico003be084cxw200h134c00.jpg

Se il primo caso (quello d'un tema sui totalitarismi che rovescia esattamente, in una democrazia nata dalle ceneri del nazifascismo e dopo la carneficina bellica causata da Hitler e Mussolini, il rapporto tra il rosso e il nero) è un classicissimo esempio di revisionismo storico applicato alla scuola, il secondo, quello della citazione di Berlusconi, noto esperto di questioni idriche, in un tema di politica ambientale, è un clamoroso esempio di cavoli a merenda. Spiegabile soltanto con lo zelo ottuso e controproducente di qualche pensatore ministeriale.

Non per caso, è stata soprattutto la citazione di Berlusconi - acqua fresca, appunto - a scatenare le reazioni più allarmate, seppure venate di ilarità. Mentre la beatificazione del Libro nero del comunismo, in mancanza di testi più accreditati, era infatti funzionale alla tesi politica di chi ha stilato il tema, la frasetta del premier sull'acqua potabile ha il solo evidente scopo d'omaggiarlo, e puzza terribilmente, e ridicolmente, di regime. Parola che va usata (vedasi il tema sui totalitarismi) con cautela, soprattutto per rispetto a chi ha sofferto sotto i regimi veri. Ma che tecnicamente indica in maniera appropriata quel salto di mentalità, quella resa psicologica che rende possibile un così ridicolo e appariscente caso di servilismo, per giunta in un atto pubblico significativo e a suo modo solenne come gli esami di Stato.

Potremmo dire che il secondo tema, quello sull'acqua berlusconiana, aggrava, e di molto, la posizione del primo. Perché svela, maldestramente, uno spirito propagandistico molto contingente, e molto cheap, che vanifica gli sforzi "scientifici" del neoanticomunismo da "Libro nero", e li riduce a pura sete di applausi per il beneamato premier. Fossimo in Berlusconi, saremmo furiosi con l'ideatore del tema idrico, grottesco episodio che mette alla berlina una corte ossequiosa e strafacente, incapace di capire il cattivo gusto e soprattutto il cattivo servigio reso a un Capo che è già padrone, governante, imprenditore, assicuratore, re del calcio, del cinema, dell'editoria, della tv, e oggi si scopre anche Regolatore delle Acque. Ne aveva bisogno?

Altra osservazione. Non crediamo che mai, prima d'ora, un presidente del Consiglio in carica sia stato citato nei temi della maturità. È un primato del quale Berlusconi, probabilmente, non ha colpa. Ma un leader si giudica anche, se non soprattutto, dalla classe dirigente della quale si circonda. Berlusconi è il responsabile dei berlusconiani e del berlusconismo. A giudicare dai temi di maturità, non è una responsabilità da poco.

(19 giugno 2003)

http://www.repubblica.it/online/cronaca/materie/serra/serra.html

Quella "traccia" sull' problema acqua riflette la sensibilità ecologica di tutti gli italiani...che l'abbia ufficializzata berluska
e che qualcuno l' abbia proposta all'esame di maturità non mi sembra per niente scandoloso...se fosse stata firmata,... che so.. Pecoraro gli indignati di oggi avrebbero applaudito....parlato di importante sensibilazzione delle coscienze ecc. ecc.
Nessuna operazione libresca può aggiungere o diminuire i settanta anni di orrori, di oppressione, di criminalità politica dei regimi comunisti...nè quelli in atto....nè alcun revisionismo puo fare lo stesso con gli orrori ecc. ecc. del nazifascismo .
Ciò che è stato non può non essere stato.
E tutti e due sono senza futuro e senza onore .

Che poi qualche funzionario abbia voluto "lisciare il pelo" al berluska...sinceramente fa sorridere :) se non avessero chiuso "Cuore"
lo avremmo fatto,... Forattini starà "meditando"...:D . L'adulazione è un vizio frequente...chi disse già che Bossi era una costola della sinistra... :D ?
A me è piaciuta Regolatore delle Acque...:D
Ciao Lello

Paco
19-06-2003, 23.02.04
Il processo è bloccato. E siam tutti contenti. :D
Finalmente Berlusconi è libero di vedersi una bella partita di pallone in santa pace senza interruzioni giudiziarie. :D

Cecco
20-06-2003, 12.05.25
Originariamente inviato da afterhours


Siamo alle solite...se nn sei un fan di Berlusconi sei uno che dorme....beh...x tua informazione io sono ben sveglio...

io nn so se Berlusconi ha sbagliato o meno...so solo che se ha sbagliato deve pagare...xche' la legge fino a prova contraria dev'essere uguale x tutti.
se Berlusconi nn ha niente da nascondere xche' si fa le leggi su misura?

fare una legge x curare i propri interessi secondo me nn e' giusto...e nn lo penso xche' e' Berlusconi..se fosse d'Alema,Bertinotti o chiunque altro a comportarsi cosi' penserei lo stesso...

ciao


Ritengo sia giunta l'ora di smetterla! Dal 1994 decine e decine di processi, perquisizioni, indagini ad ogni livello e di tutto ciò cosa rimane? Il nulla, e cosa può significare questo?
1) Evidentemente, per volontà o insufficienza indagativa,si iniziano processi che mai dimostrano le tesi accusatorie in quanto mancano quelle prove che alcuni ritengono superflue per berlusconi.
2) Berlusconi sottoposto da dieci anni a questo fuoco incrociato vede
umiliato il consenso popolare ricevuto, riceve fango che disonora la sua persona oltre che l'intero paese e deve intramezzare la sua azione
di governo con l'attenzione ai processi.
Questa storia non può farci piacere, comunque la si pensi, il paese e le istituzioni si vanno logorando anche perchè berlusconi non è certo
uno che si fa mettere sotto e reagisce ed attacca quella istituzione che egli giudica motivata solo da intenti politici e di potere.
E' giusto continuare così o non è meglio congelare i processi? Se poi
un domani, una volta eventualmente cessato il mandato e riaperti i processi, gli inquisitori sapranno fornire ai giudici le prove della colpevolezza, allora in tal caso berlusconi si beccherà quella condanna che in tanti si aspettano e noi non ci rimarrà che prenderne
atto, contenti però che abbia esaurito il mandato popolare per fine della legislatura. Questa non è solo la tesi mia o della mia parte politica, è anche quella di tanti altri uomini giusti che militano nell'opposto schieramento di centro-sinistra: vedi sdi, vedi udeur, vedi il maccanico od il verde boato o quant'altri si son resi conti da tempo del pericolo di degragrazione istituzionale.

Cecco
20-06-2003, 12.32.03
Originariamente inviato da exion
Al di là di qualsiasi considerazione, partigiano o oggettiva, sulla situazione attuale, vorrei poter viaggiare nel tempo e vedere cosa si dirà di questi anni nei libri di storia del 2030....

Forse solo allora, spente le polemiche del presente, riusciremo davvero a capire come sono davvero andate le cose.

Ecco exion, mi piace moltissimo questa tua sintesi, son sicuro che, prima o poi, la storia potrà fare finalmente giustizia della verità.
Ci dovrà dire, al di là della figura berlusconiana, se l'azione di quei magistrati rientri nell'ambito della propria corretta funzione o se invece sia stata dettata da altre motivazioni.
Io voglio a proposito ancora una volta ricordare, da napoletano l'ho
vissuto in maniera ancora più sentita, la figura dell'ex presidente della repubblica Giovanni Leone e dal punto di vista politico e da quello umano.
Chi come me ha una certa età ricorderà i terribili momenti dell'uomo
oggetto di attacchi violenti per un suo presunto coinvolgimento in sporchi affari che alla fine lo costrinsero, massacrato ed umiliato, alle dimissioni dalla prima carica dello stato.
Ebbene, da poco sappiamo che Leone con quelle accuse c'entrava come cavolo a merenda, si trattò evidentemente di una subdola manovra che sortì il suo effetto anche per l'estrema debolezza della DC che sacrificò il suo uomo sull'altare del compromesso politico.
Vi sono state delle scuse, ormai l'uomo è morto, ma chi potrà ridare
lui, a parte l'onorabilità, quegli anni infernali che certamente ha vissuto e che hanno portato alla sua fine politica!
Senza contare, vedi i ricorsi storici, che quell'azione portò poi conseguenze anche negli equilibri politici e di governo.
No, in un paese liberale davvero, quest'andazzo non è consentito e pertanto ben venga il lodo maccanico col rammarico di non averlo preso
in considerazione quando fu proposto dal centro-sinistra durante la discussione per la Cirami, un grande errore del polo che ha causato danni al paese, alla sua credibilità, alle istituzioni più logore.

Cecco
20-06-2003, 12.37.18
Originariamente inviato da Paco
Il processo è bloccato. E siam tutti contenti. :D
Finalmente Berlusconi è libero di vedersi una bella partita di pallone in santa pace senza interruzioni giudiziarie. :D

Non lo so, aspettiamo a dirlo! A me, in tal caso, piacerà vedere se finalmente potrà esserci maggior pace istituzionale.
Le partite ha continuato sempre a vederle, come sempre ha continuato a fare e dire quelle cose che lo rendono sicuramente l'uomo più amato
e più odiato d'italia. Ciao paco

Giorgio Drudi
20-06-2003, 14.54.08
500 MILIARDI sarebbero stati "prelevati", in combutta con Milosevich dalla cassa Italia per nutrire i partiti, sostenere i loro giornali, organizzare la propaganda...pagare sottobanco i funzionari...ecc.
Il discorso di Craxi fu forzatamente sincero, era stato colto con le mani nel sacco, ....li abbiamo presi quei soldi... ma li prendono tutti,... ed era vero.
Questa faccenda, si, è un motivo valido per l'"inquietudine" di Fassino, e di "sconcerto" per Dini salta-fossi( che grande istinto per i soldi...un vero cane da tartufi), cui potrebbe capitare una indagine patrimoniale a tutto sesto, e anche per Prodi, cui sembra proprio piacere l'osmosi fra i soldi pubblici e le sue attività( Nomisma...), le cose non si metterebbero così bene...(la fetta più grande...per altri funzionari che poi arrotondano con pensioni eccezionali...si capisce... hanno tali e tante responsabilità...:D)
Applicando a se stesso ciò che si esigeva dal berluska, dare le dimissioni sarebbe il primo passo da fare per Prodi...anche perchè a livello europeo è spuntata un'altra cosina,...ma non sarebbe giusto dare tanto potere ad accuse non ancora provate, la vita politica...e il potere esecutivo cadrebbero nelle mani di magistrati faziosi...non è vero?

davlak
20-06-2003, 15.10.03
Originariamente inviato da Cecco


Ritengo sia giunta l'ora di smetterla! Dal 1994 decine e decine di processi, perquisizioni, indagini ad ogni livello e di tutto ciò cosa rimane? Il nulla, e cosa può significare questo?
1) Evidentemente, per volontà o insufficienza indagativa,si iniziano processi che mai dimostrano le tesi accusatorie in quanto mancano quelle prove che alcuni ritengono superflue per berlusconi.
2) Berlusconi sottoposto da dieci anni a questo fuoco incrociato vede
umiliato il consenso popolare ricevuto, riceve fango che disonora la sua persona oltre che l'intero paese e deve intramezzare la sua azione
di governo con l'attenzione ai processi.
Questa storia non può farci piacere, comunque la si pensi, il paese e le istituzioni si vanno logorando anche perchè berlusconi non è certo
uno che si fa mettere sotto e reagisce ed attacca quella istituzione che egli giudica motivata solo da intenti politici e di potere.
E' giusto continuare così o non è meglio congelare i processi? Se poi
un domani, una volta eventualmente cessato il mandato e riaperti i processi, gli inquisitori sapranno fornire ai giudici le prove della colpevolezza, allora in tal caso berlusconi si beccherà quella condanna che in tanti si aspettano e noi non ci rimarrà che prenderne
atto, contenti però che abbia esaurito il mandato popolare per fine della legislatura. Questa non è solo la tesi mia o della mia parte politica, è anche quella di tanti altri uomini giusti che militano nell'opposto schieramento di centro-sinistra: vedi sdi, vedi udeur, vedi il maccanico od il verde boato o quant'altri si son resi conti da tempo del pericolo di degragrazione istituzionale.

cecco, meno male che ci siete tu...mi devo risparmiare pure la fatica di digitare ;)

totore
20-06-2003, 16.09.48
ciao Gio', ogni giorno una "chicca".
Sempre cosi' (Y) (Y)

Paco
20-06-2003, 16.20.28
Originariamente inviato da Cecco


Non lo so, aspettiamo a dirlo! A me, in tal caso, piacerà vedere se finalmente potrà esserci maggior pace istituzionale.
Le partite ha continuato sempre a vederle, come sempre ha continuato a fare e dire quelle cose che lo rendono sicuramente l'uomo più amato
e più odiato d'italia. Ciao paco

Sono commosso. :p

Guarda che io non lo amo e non lo odio. Nè carne, nè pesce. :D

wolf76
20-06-2003, 16.45.36
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


1- La presunzione di essere un leader non è così presuntuosa dal momento che lo è stato come imprenditore e come politico. Per la qualifica di premier nè la presunzione nè la modestia
sono sufficienti perchè il premier deve vincere le elezioni...e chi sarà premier lo decide la maggioranza dei votanti, non berluska.
Lo stesso potrà dirsi del tuo idraulico se saprà organizzare una formazione e se riceverà il consenso degli elettori, o non lo ritieni all'altezza perchè è un artigiano?
Non sono i titoli di studio nè qualsiasi altra capacità a fare di un uomo un leader e un premier...occorre seguito e voti.
2- :crying:
3- :crying:
Ciao

Caro Giorgio
rispondi a questa domanda: perchè Berlusconi nel '94 ha deciso di candidarsi?
Nella storia della nostra Repubblica ci sono altri esempi di persone nella sua posizione che hanno fatto la stessa cosa? Sai cosa gli disse Montanelli (..che di sinistra sicuramente non era!!) quando seppe della sua scelta? "Dalle poltrone del Parlamento le urleranno tutti: Biscione! Biscione!" E così è stato!
Se egli veramente avesse voluto mettere la sua indiscussa capacità al servizio del paese lo avrebbe potuto fare anche senza entrare in politica, così come aveva fatto fino a quel momento (Infatti era stato insignito della carica di Cavaliere del lavoro per i suoi meriti!) La verità è che la maggior parte dei processi, compresi quello sulla corruzione della GDF riguardante l'avviso di garanzia del '96 e il processo Sme, riguardano fatti e indagini risalenti a fine anni '80 inizio anni '90, e berlusca&co più che difendersi in tribunale (sapendo forse di non essere innocenti!) hanno deciso di rendersi impunibili!!! Adesso le sentenze si avvicina(va)no ed è per questo che sentiamo parlare da 2 anni solo di giustizia: Rogatorie, Cirami, lodo Maccanico e adesso arriverà anche l'immunità per quel brav'uomo di Previti che, insieme al suo compare è indagato anche in Spagna (...e non dirmi che anche i giudici spagnoli sono comunisti, altrimenti FI tra poco comincerà a parlare di complotto interplanetario!?!)
Essendo il mio settore, conosco bene e capisco le vicende giudiziarie del berlusca! So che le nostre opinioni politiche sono diverse e, come è giusto che sia in un paese democratico, le rispetto, ma la verità giuridica è sempre una sola e berlusca&co non vogliono che venga svelata! Non sono i magistrati che fanno politica, è l'imputato che si è buttato in politica con TUTTI i suoi amici per difendersi con mezzi non convenzionali e per ora ci è riuscito! Ma, come ogni anomalia, anche questa avrà breve vita!!

davlak
20-06-2003, 16.55.12
Originariamente inviato da Giorgio Drudi
500 MILIARDI sarebbero stati "prelevati", in combutta con Milosevich dalla cassa Italia per nutrire i partiti, sostenere i loro giornali, organizzare la propaganda...pagare sottobanco i funzionari...ecc.
Il discorso di Craxi fu forzatamente sincero, era stato colto con le mani nel sacco, ....li abbiamo presi quei soldi... ma li prendono tutti,... ed era vero.
Questa faccenda, si, è un motivo valido per l'"inquietudine" di Fassino, e di "sconcerto" per Dini salta-fossi( che grande istinto per i soldi...un vero cane da tartufi), cui potrebbe capitare una indagine patrimoniale a tutto sesto, e anche per Prodi, cui sembra proprio piacere l'osmosi fra i soldi pubblici e le sue attività( Nomisma...), le cose non si metterebbero così bene...(la fetta più grande...per altri funzionari che poi arrotondano con pensioni eccezionali...si capisce... hanno tali e tante responsabilità...:D)
Applicando a se stesso ciò che si esigeva dal berluska, dare le dimissioni sarebbe il primo passo da fare per Prodi...anche perchè a livello europeo è spuntata un'altra cosina,...ma non sarebbe giusto dare tanto potere ad accuse non ancora provate, la vita politica...e il potere esecutivo cadrebbero nelle mani di magistrati faziosi...non è vero?
anche tu, Giò, mi togli le parole da... i tasti...:) ;) (B)

Giorgio Drudi
20-06-2003, 17.33.58
Originariamente inviato da wolf76


Caro Giorgio
rispondi a questa domanda: perchè Berlusconi nel '94 ha deciso di candidarsi?
Nella storia della nostra Repubblica ci sono altri esempi di persone nella sua posizione che hanno fatto la stessa cosa? Sai cosa gli disse Montanelli (..che di sinistra sicuramente non era!!) quando seppe della sua scelta? "Dalle poltrone del Parlamento le urleranno tutti: Biscione! Biscione!" E così è stato!
Se egli veramente avesse voluto mettere la sua indiscussa capacità al servizio del paese lo avrebbe potuto fare anche senza entrare in politica, così come aveva fatto fino a quel momento (Infatti era stato insignito della carica di Cavaliere del lavoro per i suoi meriti!) La verità è che la maggior parte dei processi, compresi quello sulla corruzione della GDF riguardante l'avviso di garanzia del '96 e il processo Sme, riguardano fatti e indagini risalenti a fine anni '80 inizio anni '90, e berlusca&co più che difendersi in tribunale (sapendo forse di non essere innocenti!) hanno deciso di rendersi impunibili!!! Adesso le sentenze si avvicina(va)no ed è per questo che sentiamo parlare da 2 anni solo di giustizia: Rogatorie, Cirami, lodo Maccanico e adesso arriverà anche l'immunità per quel brav'uomo di Previti che, insieme al suo compare è indagato anche in Spagna (...e non dirmi che anche i giudici spagnoli sono comunisti, altrimenti FI tra poco comincerà a parlare di complotto interplanetario!?!)
Essendo il mio settore, conosco bene e capisco le vicende giudiziarie del berlusca! So che le nostre opinioni politiche sono diverse e, come è giusto che sia in un paese democratico, le rispetto, ma la verità giuridica è sempre una sola e berlusca&co non vogliono che venga svelata! Non sono i magistrati che fanno politica, è l'imputato che si è buttato in politica con TUTTI i suoi amici per difendersi con mezzi non convenzionali e per ora ci è riuscito! Ma, come ogni anomalia, anche questa avrà breve vita!!

Caro Wolf, non è detto che le nostre opinioni siano sempre diverse, non milito in nessun partito, esprimo opinioni secondo la mia coscienza , e talvolta queste potrebbero coincidere con le tue. Ho una opzione fondamentale però, credo che il "comunismo" e nella sua radice filosofica e nella sua prassi storica sia radicalmente negativo e lo stesso penso degli altri totalitarismi del XX secolo.

Quando berluska "scese in campo" si era creato un vuoto nella classe politica, non c'era alcuna rappresentanza per coloro che non si ritrovano nella sinistra pc . Berlusconi sarebbe stato "eliminato" dopo la caduta in disgrazia di Craxi, quindi il primo fine della sua attività politica credo sia stato "salvare l'azienda"... concediamo però anche a lui come ad ogni essere umano una visione del mondo ed una qualche motivazione ideale. , Nella sua posizione politica, inoltre, si sono identificati moltissimi italiani...in quel vuoto si gettò anche Segni se ricordi e subito trovò moltissimi consensi ma non seppe gestire quel patrimonio di voti che emigrarono altrove...non è un leader Segni.
Quali sarebbero i mezzi non convenzionali di cui si è servito...non sono gli stessi strumenti di cui gli altri si servono? Tv, stampa, case editrici, clientelismo...e la sinistra è stata molto abile ad accapparsene molti....pensa al premio Nobel per la letteratura a Foa ...non vorrai dire che non fu politico? Simpaticissimo, se vuoi,...ma non ha mai prodotto letteratura...:)...è l'esempio di cosa intendeva Gramsci per "egemonia culturale".
Così va il mondo.
I magistrati fanno politica e come , certo non tutti...ma molti si...via...lo ammettono anche prestigiosi rappresentanti della sinistra,... lo sostenne, clamorosamente, Toni Negri che non è di destra.
Dici:
"Non sono i magistrati che fanno politica, è l'imputato che si è buttato in politica con TUTTI i suoi amici per difendersi..."
Invece i magistrati fanno politica e come...(pensa anche a Dipietro fatto eleggere in un collegio pc-sicuro)...questo non è lecito perchè il sistema democratico espresso dalla costituzione ha diviso in tre i poteri " legislativo-esecutivo-giudiziario "...e non è stato l'esecutivo ad invadere il giudiziario ...quello giudiziario, invece, si arroga perfino il diritto di contestare quello legislativo.
Tutti fanno politica per difendere i propri interessi individuali, corporativi e di classe ed i propri diritti.
Se questo ti sembra scandaloso è perchè tu, forse, identifichi ideologia e stato come fonti della verità e della moralità...la tua formazione politica ti ha indotto questa "COSCIENZA"...ma dovresti riflettere...se vuoi essere libero.
Ciao Wolf

Giorgio Drudi
20-06-2003, 17.44.11
Originariamente inviato da davlak

anche tu, Giò, mi togli le parole da... i tasti...:) ;) (B)

ciao Old Man River, Abbronzatissimo, Biciclettaro,Viso Pallido, Pittore Pazzo, Admin.... e poi...? :D

PS. Papà sono registrato ma non posso fare un fico secco...colà :confused:

davlak
20-06-2003, 18.28.50
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


ciao Old Man River, Abbronzatissimo, Biciclettaro,Viso Pallido, Pittore Pazzo, Admin.... e poi...? :D

PS. Papà sono registrato ma non posso fare un fico secco...colà :confused:
cacchio, te li ricordi tutti (o quasi...:p...)

per quella cosa vedo poi ti fò sapere.


....non è detto che le nostre opinioni siano sempre diverse, non milito in nessun partito, esprimo opinioni secondo la mia coscienza , e talvolta queste potrebbero coincidere con le tue. Ho una opzione fondamentale però, credo che il "comunismo" e nella sua radice filosofica e nella sua prassi storica sia radicalmente negativo e lo stesso penso degli altri totalitarismi del XX secolo.

------------
Quali sarebbero i mezzi non convenzionali di cui si è servito...non sono gli stessi strumenti di cui gli altri si servono? Tv, stampa, case editrici, clientelismo...e la sinistra è stata molto abile ad accapparsene molti....pensa al premio Nobel per la letteratura a Foa ...non vorrai dire che non fu politico? Simpaticissimo, se vuoi,...ma non ha mai prodotto letteratura......è l'esempio di cosa intendeva Gramsci per "egemonia culturale".
Così va il mondo.
I magistrati fanno politica e come , certo non tutti...ma molti si...via...lo ammettono anche prestigiosi rappresentanti della sinistra,... lo sostenne, clamorosamente, Toni Negri che non è di destra.
Dici:
"Non sono i magistrati che fanno politica, è l'imputato che si è buttato in politica con TUTTI i suoi amici per difendersi..."
Invece i magistrati fanno politica e come...(pensa anche a Dipietro fatto eleggere in un collegio pc-sicuro)...questo non è lecito perchè il sistema democratico espresso dalla costituzione ha diviso in tre i poteri " legislativo-esecutivo-giudiziario "...e non è stato l'esecutivo ad invadere il giudiziario ...quello giudiziario, invece, si arroga perfino il diritto di contestare quello legislativo.
Tutti fanno politica per difendere i propri interessi individuali, corporativi e di classe ed i propri diritti.
Se questo ti sembra scandaloso è perchè tu, forse, identifichi ideologia e stato come fonti della verità e della moralità...la tua formazione politica ti ha indotto questa "COSCIENZA"...ma dovresti riflettere...se vuoi essere libero.




(Y) (B)

Fëanor
20-06-2003, 19.09.59
..:: FëanorNews 19:06 ::..

Il Premier Berlusconi è stato visto scaccolarsi con la mano destra (indice quindi di una estrazione nazi-fascista) invece che con la ben più politically correct sinistra.
è stato immediatamente denunciato, per vilipendio alla bandiera, sfruttamento della classe operaia che si identifica con la mano sinistra e per inneggiamento a regimi dittatoriali.

------ searching for news... -------

wolf76
20-06-2003, 19.21.11
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Caro Wolf, non è detto che le nostre opinioni siano sempre diverse, non milito in nessun partito, esprimo opinioni secondo la mia coscienza , e talvolta queste potrebbero coincidere con le tue. Ho una opzione fondamentale però, credo che il "comunismo" e nella sua radice filosofica e nella sua prassi storica sia radicalmente negativo e lo stesso penso degli altri totalitarismi del XX secolo.

Quando berluska "scese in campo" si era creato un vuoto nella classe politica, non c'era alcuna rappresentanza per coloro che non si ritrovano nella sinistra pc . Berlusconi sarebbe stato "eliminato" dopo la caduta in disgrazia di Craxi, quindi il primo fine della sua attività politica credo sia stato "salvare l'azienda"... concediamo però anche a lui come ad ogni essere umano una visione del mondo ed una qualche motivazione ideale. , Nella sua posizione politica, inoltre, si sono identificati moltissimi italiani...in quel vuoto si gettò anche Segni se ricordi e subito trovò moltissimi consensi ma non seppe gestire quel patrimonio di voti che emigrarono altrove...non è un leader Segni.
Quali sarebbero i mezzi non convenzionali di cui si è servito...non sono gli stessi strumenti di cui gli altri si servono? Tv, stampa, case editrici, clientelismo...e la sinistra è stata molto abile ad accapparsene molti....pensa al premio Nobel per la letteratura a Foa ...non vorrai dire che non fu politico? Simpaticissimo, se vuoi,...ma non ha mai prodotto letteratura...:)...è l'esempio di cosa intendeva Gramsci per "egemonia culturale".
Così va il mondo.
I magistrati fanno politica e come , certo non tutti...ma molti si...via...lo ammettono anche prestigiosi rappresentanti della sinistra,... lo sostenne, clamorosamente, Toni Negri che non è di destra.
Dici:
"Non sono i magistrati che fanno politica, è l'imputato che si è buttato in politica con TUTTI i suoi amici per difendersi..."
Invece i magistrati fanno politica e come...(pensa anche a Dipietro fatto eleggere in un collegio pc-sicuro)...questo non è lecito perchè il sistema democratico espresso dalla costituzione ha diviso in tre i poteri " legislativo-esecutivo-giudiziario "...e non è stato l'esecutivo ad invadere il giudiziario ...quello giudiziario, invece, si arroga perfino il diritto di contestare quello legislativo.
Tutti fanno politica per difendere i propri interessi individuali, corporativi e di classe ed i propri diritti.
Se questo ti sembra scandaloso è perchè tu, forse, identifichi ideologia e stato come fonti della verità e della moralità...la tua formazione politica ti ha indotto questa "COSCIENZA"...ma dovresti riflettere...se vuoi essere libero.
Ciao Wolf

Giorgio, io non ho avuto una formazione politica, se per questa intendi una partecipazione ad un partito, nè credo che il comunismo sia mai stato nella sua prassi storica positivo per qualcuno! (ma chissà perchè in questo paese o sei berlusconiano o sei comunista!!) La mia coscienza è però fortemente improntata all'onestà intellettuale e forse, te lo concedo :p, subisco su questo argomento un po' di più una sorta di deformazione professionale, da cui la mia fermezza nel ribadire determinati concetti!! Il punto base per me è il seguente: io credo che nella nostra classe politica ci sia ancora un grande vuoto... non di uomini, ma di idee!! Credo che la collusione fra un così forte potere economico e un così alto ruolo istituzionale debba essere impedita per legge perchè è a mio parere intollerabile in un paese democratico (infatti è presente solo ed esclusivamente in Italia!)! Probabilmente se non ci fosse il berlusca al governo, io e te non staremmo a discutere di uomini e processi, ma di occupazione, infrastrutture, riforme, ecc! Sai perchè non possiamo farlo?? Perchè in 2 anni non è stato fatto UN passo serio su questi argomenti e non credo che questo sia dovuto alla politicizzazione della magistratura (che sicuramente in parte c'è, c'è stata e ci sarà sempre e ci sarebbe molto di più con la separazione delle carriere...), ma al fatto che berlusca si è occupato solo ed esclusivamente dei SUOI INTERESSI PERSONALI come nessun altro ha mai fatto prima in maniera così vergognosa, a tal punto che Fini per un motivo e Bossi per un altro chiedono a gran voce un cambio di rotta!
Se io fossi statalista o vincolato ideologicamente, non starei qui a discutere tranquillamente con te, anche perchè fortunatamente il disegno di legge sulla criminalizzazione dei reati di opinione è stato ritirato..... almeno quello!! In più io stimo molto le persone schiette ed intelligenti come te e mi sento libero anche di mettere in discussione le mie idee, perchè sono MIE e non frutto di una coercizione mediatica fatta di BALLE E DEMAGOGIA!!!

Lello
20-06-2003, 20.00.05
La Lega lascia il governo....
colpa dele sconfitte elettorali...
del ministro Pisanu..
del caldo Immigrato Clandestino...
dei soliti comunisti... ( sì, sicuramente.... )



e io dico, magari...
così questo paese prende una faccia + europea, dato che la
evidente xenofobia era uno scandalo che per fortuna la Chiesa, ovunque ha rilevato (con accenti + o - marcati...)


O forse non succede nulla...
è solo un teatrino politico...
se è così è alzare il prezzo sulla vita e la pelle degli immigrati....

e la cosa sarebbe ancora + squallida...

Ma ormai in questo paese se ne vedono di tutti i colori...
(non parlo degli immigrati sia ben chiaro)

Ah dimenticavo la fonte:
http://www.repubblica.it/online/politica/scontroimmigrati/lega/lega.html

un equilibrato giornale post-debenedettiano







Benvenuto Wolf76 hai grinta
(Y)

exion
20-06-2003, 20.02.36
Originariamente inviato da Lello
......

Ma ormai in questo paese se ne vedono di tutti i colori...
(non parlo degli immigrati sia ben chiaro)

.......


A chi lo dici..... :crying: :( :S

Paco
21-06-2003, 00.45.21
Originariamente inviato da wolf76


Giorgio, io non ho avuto una formazione politica, se per questa intendi una partecipazione ad un partito, nè credo che il comunismo sia mai stato nella sua prassi storica positivo per qualcuno! (ma chissà perchè in questo paese o sei berlusconiano o sei comunista!!) La mia coscienza è però fortemente improntata all'onestà intellettuale e forse, te lo concedo :p, subisco su questo argomento un po' di più una sorta di deformazione professionale, da cui la mia fermezza nel ribadire determinati concetti!! Il punto base per me è il seguente: io credo che nella nostra classe politica ci sia ancora un grande vuoto... non di uomini, ma di idee!! Credo che la collusione fra un così forte potere economico e un così alto ruolo istituzionale debba essere impedita per legge perchè è a mio parere intollerabile in un paese democratico (infatti è presente solo ed esclusivamente in Italia!)! Probabilmente se non ci fosse il berlusca al governo, io e te non staremmo a discutere di uomini e processi, ma di occupazione, infrastrutture, riforme, ecc! Sai perchè non possiamo farlo?? Perchè in 2 anni non è stato fatto UN passo serio su questi argomenti e non credo che questo sia dovuto alla politicizzazione della magistratura (che sicuramente in parte c'è, c'è stata e ci sarà sempre e ci sarebbe molto di più con la separazione delle carriere...), ma al fatto che berlusca si è occupato solo ed esclusivamente dei SUOI INTERESSI PERSONALI come nessun altro ha mai fatto prima in maniera così vergognosa, a tal punto che Fini per un motivo e Bossi per un altro chiedono a gran voce un cambio di rotta!
Se io fossi statalista o vincolato ideologicamente, non starei qui a discutere tranquillamente con te, anche perchè fortunatamente il disegno di legge sulla criminalizzazione dei reati di opinione è stato ritirato..... almeno quello!! In più io stimo molto le persone schiette ed intelligenti come te e mi sento libero anche di mettere in discussione le mie idee, perchè sono MIE e non frutto di una coercizione mediatica fatta di BALLE E DEMAGOGIA!!!

Il tuo discorso è così semplice da capire, così logico, così fresco che nessuno di questi signori ti darà ragione. Il povero Berlusconi (e sia chiaro, io non sono libero, appartengo a un partito :p ) non ha pensato ai suoi affari, ma bensì a quelli del paese. Ora ti spiego il perchè: salvaguardando la sua persona e tutto quello che ha combinato per arrivare a fare il Presidente del Consiglio gli permette poi di governare e di mettere in pratica il suo liberismo. Allora, io che sono onesto, lotto contro il liberismo di Berlusconi e compagnia, contro la Lega (uno dei peggiori partiti che abbiamo avuto), contro certi proibizionismi che stanno venendo fuori. Ecco tutto, anch'io vorrei parlare di questi argomenti e non del signore Berlusconi, ma a lui fa comodo, a lui piace essere vittima e noi che lo seguiamo pure. :(

Ciao ;)

Giorgio Drudi
21-06-2003, 15.52.05
Originariamente inviato da wolf76


Giorgio, io non ho avuto una formazione politica, se per questa intendi una partecipazione ad un partito, nè credo che il comunismo sia mai stato nella sua prassi storica positivo per qualcuno! (ma chissà perchè in questo paese o sei berlusconiano o sei comunista!!) La mia coscienza è però fortemente improntata all'onestà intellettuale e forse, te lo concedo :p, subisco su questo argomento un po' di più una sorta di deformazione professionale, da cui la mia fermezza nel ribadire determinati concetti!! Il punto base per me è il seguente: io credo che nella nostra classe politica ci sia ancora un grande vuoto... non di uomini, ma di idee!! Credo che la collusione fra un così forte potere economico e un così alto ruolo istituzionale debba essere impedita per legge perchè è a mio parere intollerabile in un paese democratico (infatti è presente solo ed esclusivamente in Italia!)! Probabilmente se non ci fosse il berlusca al governo, io e te non staremmo a discutere di uomini e processi, ma di occupazione, infrastrutture, riforme, ecc! Sai perchè non possiamo farlo?? Perchè in 2 anni non è stato fatto UN passo serio su questi argomenti e non credo che questo sia dovuto alla politicizzazione della magistratura (che sicuramente in parte c'è, c'è stata e ci sarà sempre e ci sarebbe molto di più con la separazione delle carriere...), ma al fatto che berlusca si è occupato solo ed esclusivamente dei SUOI INTERESSI PERSONALI come nessun altro ha mai fatto prima in maniera così vergognosa, a tal punto che Fini per un motivo e Bossi per un altro chiedono a gran voce un cambio di rotta!
Se io fossi statalista o vincolato ideologicamente, non starei qui a discutere tranquillamente con te, anche perchè fortunatamente il disegno di legge sulla criminalizzazione dei reati di opinione è stato ritirato..... almeno quello!! In più io stimo molto le persone schiette ed intelligenti come te e mi sento libero anche di mettere in discussione le mie idee, perchè sono MIE e non frutto di una coercizione mediatica fatta di BALLE E DEMAGOGIA!!!

Ciao Wolf, sono perfettamente d'accordo con te sul vuoto... e sul fatto che siamo costretti a dibattere su temi "beluskoniani"...non per amore ma per forza di cose...mentre vorremmo parlare in positivo...di lavoro, di infrastrutture, di progetti a largo respiro.
L'insoddisfazione c'era anche prima, però, dell'avvento di berluska... la nausea per la classe politica era già stata raggiunta nei primi anni sessanta...forse più disperata di oggi...non si vedeva una via d'uscita,.... gli scandali si succedevano ininterrottamente...ma il boom economico anestetizzava le coscienze...si aspettava,comunque un grande rinnovamento...mani pulite, dopo la caduta del muro, parve la primavera...anzi due primavere.
Immagino che tu non abbia vissuto quella fase...chi l'ha vissuta ha visto una lunga sequela di brevissimi governi di centro sinistra governare in consociazione pratica con il Pc.
La politica è fatta dagli uomini e non viceversa... e chi ci governa è eletto da noi che spesso siamo costretti a scegliere ciò che riteniamo il meno peggio...e questo vale per tutti ma proprio tutti quelli che devono scegliere. Dovremmo ammetterlo e così non ci scaglieremmo l'uno contro l'altro, e non diventeremmo fanatici manichei: qui tutto il male, là tutto il bene. Dovremmo ricordare che qualunque "parte" abbiamo votato "ci siamo turati il naso", per dirla con Montanelli.
Il fatto è che le nostre esigenze sono più umili e più alte di quelle che la classe politica, in toto, porta avanti...non si auto-sradicherà, nè si auto-riformarà questo modo di fare politica...continuerà ad auto-rigenerarsi...nessuno lascerà potere e poltrone...materialismo teorico da una parte e materialismo pratico dall'altra.
Seconda mia convinzione è che oggi i cittadini siano migliori di chi li governa.
Queste due considerazioni mi fanno concludere che non ci sia altro mezzo per un radicale rinnovamento che lasciarli soli...dunque
FUORI DA TUTTO.
Che tu ed io possiamo parlare ...e che io non scorga ostilità
nelle tue parole rafforza la mia convinzione.
Ciao Wolf (B)

PS Di idee bellisime ce ne sono tante e pure i politici che sono esseri umani dopo tutto...:) ed hanno poco da fare, a parte la lettura dei quotidiani per vedere cosa hanno detto di loro e preparare le risposte, di idee ne hanno tante...il fatto è che non le mettono in pratica.

Giorgio Drudi
21-06-2003, 16.25.32
Originariamente inviato da Paco


Il tuo discorso è così semplice da capire, così logico, così fresco che nessuno di questi signori ti darà ragione. Il povero Berlusconi (e sia chiaro, io non sono libero, appartengo a un partito :p ) non ha pensato ai suoi affari, ma bensì a quelli del paese. Ora ti spiego il perchè: salvaguardando la sua persona e tutto quello che ha combinato per arrivare a fare il Presidente del Consiglio gli permette poi di governare e di mettere in pratica il suo liberismo. Allora, io che sono onesto, lotto contro il liberismo di Berlusconi e compagnia, contro la Lega (uno dei peggiori partiti che abbiamo avuto), contro certi proibizionismi che stanno venendo fuori. Ecco tutto, anch'io vorrei parlare di questi argomenti e non del signore Berlusconi, ma a lui fa comodo, a lui piace essere vittima e noi che lo seguiamo pure. :(

Ciao ;)
Non essendo un signore, immagino di non essere neppure nella tua lista di proscrizione.
Sono contento di essere libero dai partiti così posso sperare di seguire, una buona volta, la mia coscienza, cercando il bene comune e non il bene di una parte.
Credo che nessuno possa dirsi onesto in assoluto....Francesco di Assisi quando indignati cristiani vituperavano qualcuno, rispondeva;
" Se io mi fossi trovato nei loro panni, avrei fatto peggio " e lo diceva con profonda convinzione.
La Lega non è l'antipaticissimo e sguaiato Bossi ( sempre un pò carogna devo dire, che anche l'altra parte ha legittimato ed apprezzato...la famosa costola...addirittura, come Eva da Adamo...:D )...ma di una bella fetta d'italiani come te e me, coi loro diritti ad esprimere disagi ed aspirazione.
Federalismo espresso dalla Costituzione e non attuato e poi affarismo "romano" ed ancora il diritto a pretendere una immigrazione razionalmente regolata, repressione della criminalità....se pensi che le istanze leghiste non siano condivise dalla stragrande maggioranza degli italiani non conosci la realtà civile di questo paese: tutte le esternazioni ideologiche non valgono un furto o una rapina perpetrata in un quartiere o in un paese ove non era mai successo o quasi di dover chiudere le finestre dei balconi in estate, ecc. ecc.
Chi ha figli ha applaudito al "proibizionismo" di chiudere le d.teche alle tre alla faccia di interessi cresciuti sulla incoscienza giovanile...e chi difenderà i gestori non lo farà che per accappararsi voti e ci saranno...purtroppo.
Ciao Paco

Paco
21-06-2003, 18.58.20
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Non essendo un signore, immagino di non essere neppure nella tua lista di proscrizione.
Sono contento di essere libero dai partiti così posso sperare di seguire, una buona volta, la mia coscienza, cercando il bene comune e non il bene di una parte.
Credo che nessuno possa dirsi onesto in assoluto....Francesco di Assisi quando indignati cristiani vituperavano qualcuno, rispondeva;
" Se io mi fossi trovato nei loro panni, avrei fatto peggio " e lo diceva con profonda convinzione.
La Lega non è l'antipaticissimo e sguaiato Bossi ( sempre un pò carogna devo dire, che anche l'altra parte ha legittimato ed apprezzato...la famosa costola...addirittura, come Eva da Adamo...:D )...ma di una bella fetta d'italiani come te e me, coi loro diritti ad esprimere disagi ed aspirazione.
Federalismo espresso dalla Costituzione e non attuato e poi affarismo "romano" ed ancora il diritto a pretendere una immigrazione razionalmente regolata, repressione della criminalità....se pensi che le istanze leghiste non siano condivise dalla stragrande maggioranza degli italiani non conosci la realtà civile di questo paese: tutte le esternazioni ideologiche non valgono un furto o una rapina perpetrata in un quartiere o in un paese ove non era mai successo o quasi di dover chiudere le finestre dei balconi in estate, ecc. ecc.
Chi ha figli ha applaudito al "proibizionismo" di chiudere le d.teche alle tre alla faccia di interessi cresciuti sulla incoscienza giovanile...e chi difenderà i gestori non lo farà che per accappararsi voti e ci saranno...purtroppo.
Ciao Paco

Io difendo una parte e non me ne vergogno, anzi! La repressione è ignobile e io per fortuna non li ho votati. :mad: Cosa significa regolare? Regolare cosa? La fame? Io non so regolarla! E poi ci vorrebbe oggi un regolamento europeo, e non una legge del piffero come la Bossi-Fini. Giorgio, quando parli di rapine mai avvenute nel nostro paese mi fai ridere, senza offese ovviamente. ;)

Sai quante rapine e furti ci sono stati qui a Modena commessi da miei compaesani? Non ti immagini quanti! Fino a ieri, e continuano. Vengono, rubano e vanno via. C'è una legge contro gli spostamenti degli italiani? :D Rido per non arrabbiarmi! :S

Non è lasciandoli fuori dal nostro paese che i problemi si risolvono.

Per quanto riguarda le discoteche, altra battuta. :D
Adesso i miei genitori sono più tranquilli, finalmente non mi ubriaco più. :eek: Io le chiuderei le discoteche! :D

Non riesco a fare un discorso serio oggi.

Ciao

Giorgio Drudi
21-06-2003, 20.21.15
Originariamente inviato da Paco


Io difendo una parte e non me ne vergogno, anzi! La repressione è ignobile e io per fortuna non li ho votati. :mad: Cosa significa regolare? Regolare cosa? La fame? Io non so regolarla! E poi ci vorrebbe oggi un regolamento europeo, e non una legge del piffero come la Bossi-Fini. Giorgio, quando parli di rapine mai avvenute nel nostro paese mi fai ridere, senza offese ovviamente. ;)

Sai quante rapine e furti ci sono stati qui a Modena commessi da miei compaesani? Non ti immagini quanti! Fino a ieri, e continuano. Vengono, rubano e vanno via. C'è una legge contro gli spostamenti degli italiani? :D Rido per non arrabbiarmi! :S

Non è lasciandoli fuori dal nostro paese che i problemi si risolvono.

Per quanto riguarda le discoteche, altra battuta. :D
Adesso i miei genitori sono più tranquilli, finalmente non mi ubriaco più. :eek: Io le chiuderei le discoteche! :D

Non riesco a fare un discorso serio oggi.

Ciao
Chi ha detto che te ne devi vergognare?
Da parte mia preferisco il "bene comune", cioè il bene di ognuno e di tutti, ovviamente partendo dai più poveri.
Per dire che la repressione è inutile devi confondere il suo significato...non conosco nessun tipo di societa, nè ieri nè oggi, che non abbia represso il crimine,.... tu ne conosci per caso?
E' ovvio che la prevenzione è l'optimum ma in nessuna epoca della storia, presso nessun popolo, è mai stata tanto efficace da evitare i crimini.
Ti faccio ridere perchè invece di conoscere i fatti, parti da principi ideologici, questi sì del piffero: la percentuale di ospiti extra-comunitari nelle carceri è superiore al 60% della popolaazione carceraria totale, il numero di crimini in aree rurali come quelle di cui ti parlo è cresciuto esponenzialmente, così pure nei quartieri periferici delle piccole città...
Regolare l'immigrazione significa, per esempio, pretendere che essi forniscano identità autentiche, contingentare in relazione alle possibilità di lavoro, fornire loro un alloggio umanamente decente e assistenza sociale, ecc.
Dici che "...non è lasciandolo fuori.. che risolvi i loro problemi ".
Possiamo forse risolvere noi tutti i loro problemi,...magari prima i loro dei nostri...vero? Assai meglio fare quello che possiamo, ma farlo bene.
Se la generosità degli italiani e degli europei è reale, per quanti non possiamo introdurre nei nostri paesi...dobbiamo intervenire nei loro e metterli nella possibilità di crescere economicamente.
Ridi dei provvedimenti "proibizionisti", come li chiami tu ,perchè vivi ancora da figlio...quando sarai padre non sorriderai più tanto riguardo a questi problemi.
Che tu non riesca a fare un discorso serio oggi si era capito... :) ...a domani allora.
Ciao Paco

Paco
22-06-2003, 10.15.09
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Chi ha detto che te ne devi vergognare?
Da parte mia preferisco il "bene comune", cioè il bene di ognuno e di tutti, ovviamente partendo dai più poveri.
Per dire che la repressione è inutile devi confondere il suo significato...non conosco nessun tipo di societa, nè ieri nè oggi, che non abbia represso il crimine,.... tu ne conosci per caso?
E' ovvio che la prevenzione è l'optimum ma in nessuna epoca della storia, presso nessun popolo, è mai stata tanto efficace da evitare i crimini.
Ti faccio ridere perchè invece di conoscere i fatti, parti da principi ideologici, questi sì del piffero: la percentuale di ospiti extra-comunitari nelle carceri è superiore al 60% della popolaazione carceraria totale, il numero di crimini in aree rurali come quelle di cui ti parlo è cresciuto esponenzialmente, così pure nei quartieri periferici delle piccole città...
Regolare l'immigrazione significa, per esempio, pretendere che essi forniscano identità autentiche, contingentare in relazione alle possibilità di lavoro, fornire loro un alloggio umanamente decente e assistenza sociale, ecc.
Dici che "...non è lasciandolo fuori.. che risolvi i loro problemi ".
Possiamo forse risolvere noi tutti i loro problemi,...magari prima i loro dei nostri...vero? Assai meglio fare quello che possiamo, ma farlo bene.
Se la generosità degli italiani e degli europei è reale, per quanti non possiamo introdurre nei nostri paesi...dobbiamo intervenire nei loro e metterli nella possibilità di crescere economicamente.
Ridi dei provvedimenti "proibizionisti", come li chiami tu ,perchè vivi ancora da figlio...quando sarai padre non sorriderai più tanto riguardo a questi problemi.
Che tu non riesca a fare un discorso serio oggi si era capito... :) ...a domani allora.
Ciao Paco

Siamo a domani.

Il nostro paese ha tanto spazio, e potrebbe regolare tanti extra-comunitari, ma la CDL è arrivata al potere promettendo ai poveri italiani (che hanno tanta paura dell'uomo nero) di impedire che lo straniero conquisti il nostro territorio.
Parliamo di carceri, di percentuali. Ci sarà pure un motivo perchè molti finiscono con il rubare, spacciare, ecc. Questo non ti importa, noi guardiamo le percentuali delle carceri, solo questo importa.
Io ribadisco che la Lega Nord è il peggior partito che abbiamo avuto nel nostro paese. Infatti gli esponenti di quel partito sono uno peggio dell'altro. Tremonti in primis! Ci manca solo che Forza Nuova conquisti lo stesso potere! :rolleyes:

Ma ti rendi conto? La Lega sta minacciando il governo per la Bossi-Fini e tu accetti tutto questo? Io personalmente sono indignato! :mad:

Abito in una città con una buona percentuale di stranieri. Ci sono spacciatori, rapinatori pochissimi (ti ho detto, la maggior parte delle rapine sono fatte da ITALIANI). BASTA! Un clandestino è obbligato ad arrangiarsi in un qualche modo perchè non è regolare. Invece di sparare cannonate è necessario migliorare i rapporti con le ambasciate come del resto già avviene con alcuni paesi africani per esempio.

E poi come si fa a non pensare alla solitudine di quelle persone? Prendono una nave per il loro futuro e noi che abbiamo le possibilità di aiutarli cosa facciamo? Contiamo i carcerati. :eek:

Mi stupisco sempre di più. :rolleyes:

Ciao Giorgio

Paco
22-06-2003, 13.41.33
''Sono favorevole a nuove quote d'ingresso, se non si procedera' in questa direzione avremo solo nuova clandestinita' e nuovi rischi per le vite umane. l'immigrazione e' un fenomeno che si puo' governare ma non arrestare''. E' quanto afferma , in un'intervista al Corriere della Sera, il sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano per il quale sono pochi gli 80 mila ingressi previsti per il 2003. ''Gli industriali ne chiedono oltre 200 mila, non so se e' una cifra giusta, ma certamente avremo bisogno di aprire di piu' le frontiere''

Ovviamente parla un politico in termini tecnici. Io difendo queste persona del lato umano, però voglio dimostrarvi che il nostro paese sarebbe in grado di regolarizzare più stranieri.

É una bugia che dobbiamo risolvere prima i nostri problemi!

Giorgio Drudi
23-06-2003, 09.03.45
Originariamente inviato da Paco


Siamo a domani.

Il nostro paese ha tanto spazio, e potrebbe regolare tanti extra-comunitari, ma la CDL è arrivata al potere promettendo ai poveri italiani (che hanno tanta paura dell'uomo nero) di impedire che lo straniero conquisti il nostro territorio.
Parliamo di carceri, di percentuali. Ci sarà pure un motivo perchè molti finiscono con il rubare, spacciare, ecc. Questo non ti importa, noi guardiamo le percentuali delle carceri, solo questo importa.
Io ribadisco che la Lega Nord è il peggior partito che abbiamo avuto nel nostro paese. Infatti gli esponenti di quel partito sono uno peggio dell'altro. Tremonti in primis! Ci manca solo che Forza Nuova conquisti lo stesso potere! :rolleyes:

Ma ti rendi conto? La Lega sta minacciando il governo per la Bossi-Fini e tu accetti tutto questo? Io personalmente sono indignato! :mad:

Abito in una città con una buona percentuale di stranieri. Ci sono spacciatori, rapinatori pochissimi (ti ho detto, la maggior parte delle rapine sono fatte da ITALIANI). BASTA! Un clandestino è obbligato ad arrangiarsi in un qualche modo perchè non è regolare. Invece di sparare cannonate è necessario migliorare i rapporti con le ambasciate come del resto già avviene con alcuni paesi africani per esempio.

E poi come si fa a non pensare alla solitudine di quelle persone? Prendono una nave per il loro futuro e noi che abbiamo le possibilità di aiutarli cosa facciamo? Contiamo i carcerati. :eek:

Mi stupisco sempre di più. :rolleyes:

Ciao Giorgio
Caro Paco fai un gran minestrone fra i tuoi personali sentimenti, la realtà civile ed economica, la legge, il crimine, la solitudine.
Per essere fedele alla tua coscienza comincia a prendere un paio di extra-comunitari senza permesso di soggiorno a casa tua..., e siccome in un post hai accennato alla morte per fame di questa gente
sfamane un'altro paio tutti i giorni....non è fuori dalla tua portata immagino...dato che neghi ogni limite alla possibilità di risolvere gli altrui problemi.
La solitudine è un problema esistenziale che non hanno,... sono famiglie sempre numerose e " se arrivano soli" si aggregano subito e facilmente...se veramente vuoi occuparti di solitudine, questo è un problema tutto occidentale, non hai che da occupare il tuo tempo libero con questi anziani, numerosissimi, ma anche meno anziani...che con redditi minimi difficilmente rappresentano una apprezzabile compagnia. Risolvere i loro problemi significa dividercene l'onere e... saresti estremamente convincente se tu cominiciassi col portartene qualcuno a casa.
Le cannonate le ha sparate Castro che accoglie i ricchi e spara sui poveri che se ne vogliono andare....il tuo zelo sembrerebbe più autentico se tu ti impegnassi quanto ti impegni contro il governo italiano, altrettanto contro le dittature che fanno milioni di profughi.
Dell'uomo nero hai paura solo tu ...e si chiama berluska e non fai altro che pensare a lui e al suo governo...
La tua parte politica non ha fatto meglio di questa ....non ha fatto nulla se non lasciare ai cittadini più deboli tutte le conseguenze di una immigrazione selvaggia.
Il tuo Basta, questo si rivelatore, puoi pronunciarlo solo a casa tua,...e ribadisco come risaputo che la piccola criminalità ,lo sfruttamento della prostituzione, lo spaccio della droga, gli accoltellamenti, i furti nelle case sono oggi in gran parte appalto degli extra-comunitari.
Chi ha la tua visione delle cose non è affidabile per governare...e infatti non governa.
Ciao Paco

Giorgio Drudi
23-06-2003, 09.24.35
Originariamente inviato da Paco
''Sono favorevole a nuove quote d'ingresso, se non si procedera' in questa direzione avremo solo nuova clandestinita' e nuovi rischi per le vite umane. l'immigrazione e' un fenomeno che si puo' governare ma non arrestare''. E' quanto afferma , in un'intervista al Corriere della Sera, il sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano per il quale sono pochi gli 80 mila ingressi previsti per il 2003. ''Gli industriali ne chiedono oltre 200 mila, non so se e' una cifra giusta, ma certamente avremo bisogno di aprire di piu' le frontiere''

Ovviamente parla un politico in termini tecnici. Io difendo queste persona del lato umano, però voglio dimostrarvi che il nostro paese sarebbe in grado di regolarizzare più stranieri.

É una bugia che dobbiamo risolvere prima i nostri problemi!
Sarà una bugia per te ,... ( è per questo che sembri comprendere così così poco degli altri?!) e non puoi smentirlo dopo questa affermazione....strano mi ricordo post (anche se vagamente...) sulle pensioni, sulla sanità, sulla mancanza di alloggi per i giovani che oltre tutto usciti da una scuola pessima non trovano lavoro...ecc. ecc.....di colpo pur di convincere...non ne abbiamo più...:D ...trovo ridicolo quello che dici.
Il bene si fa partendo dal nostro circolo prossimo, estendendolo a cerchi sempre piu vasti e più lontani....uomo famiglia...città ...patria....europa.... mondo intero.

Il problema, se non hai ancora capito, non è di quanti ne facciamo entrare ma quanti ne possiamo occupare ed ospitare civilmente....lo stesso per i profughi.

Ciao Paco... calmati e rifletti un poco prima di sparare.

Paco
23-06-2003, 09.40.16
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Caro Paco fai un gran minestrone fra i tuoi personali sentimenti, la realtà civile ed economica, la legge, il crimine, la solitudine.
Per essere fedele alla tua coscienza comincia a prendere un paio di extra-comunitari senza permesso di soggiorno a casa tua..., e siccome in un post hai accennato alla morte per fame di questa gente
sfamane un'altro paio tutti i giorni....non è fuori dalla tua portata immagino...dato che neghi ogni limite alla possibilità di risolvere gli altrui problemi.

Non mi sono spiegato bene, oppure mi sono spiegato benissimo e fai finta di non aver capito. Questa minaccia "prendili a casa tua" non ti fa onore Giorgio. (N)
Ribadisco, l'Italia è in grado di aiutarli senza ombra di dubbio.

Originariamente inviato da Giorgio Drudi

La solitudine è un problema esistenziale che non hanno,... sono famiglie sempre numerose e " se arrivano soli" si aggregano subito e facilmente...se veramente vuoi occuparti di solitudine, questo è un problema tutto occidentale, non hai che da occupare il tuo tempo libero con questi anziani, numerosissimi, ma anche meno anziani...che con redditi minimi difficilmente rappresentano una apprezzabile compagnia. Risolvere i loro problemi significa dividercene l'onere e... saresti estremamente convincente se tu cominiciassi col portartene qualcuno a casa.

La solitudine c'è, sei tu che non la vedi. I più fortunati possono portarsi dietro la famiglia. Altri sono soli e si aggregano, ma restano soli. Non in tutto il paese per fortuna! Stai generalizzando adesso.

Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Le cannonate le ha sparate Castro che accoglie i ricchi e spara sui poveri che se ne vogliono andare....il tuo zelo sembrerebbe più autentico se tu ti impegnassi quanto ti impegni contro questo governo altrettanto contro le dittature che fanno milioni di profughi.
Dell'uomo nero hai paura solo tu ...e si chiama berluska e non fai altro che pensare a lui e al suo governo...
La tua parte politica non ha fatto meglio di questa ....non ha fatto nulla se non lasciare ai cittadini più deboli tutte le conseguenze di una immigrazione selvaggia.

Questa la prendo come un battuta, sei ironico Giorgio. É inutile che metti in mezzo Castro, Berlusca, ecc perchè qui stiamo parlando di immigrazione, di Italia e del peggior partito italiano quale la Lega. Ormai ti aggrappi a qualsiasi cosa pur di darmi torto. Mi sa che sei proprio tu dentro a qualcosa! Fuori da tutto! Ma per favore, sei peggio dei leghisti, almeno loro sono onesti. Mi parli di parte politica, di Berlusca. mhà! :rolleyes:

Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Il tuo Basta, questo si rivelatore, puoi pronunciarlo solo a casa tua,...e ribadisco come risaputo che la piccola criminalità ,lo sfruttamento della prostituzione, lo spaccio della droga, gli accoltellamenti, i furti nelle case sono oggi in gran parte appalto degli extra-comunitari.
Chi ha la tua visione delle cose non è affidabile per governare...e infatti non governa.
Ciao Paco

E pensare che molti sono regolari, per niente clandestini. Fatti due conti e poi vedi.

Bhè, devo essere sincero, che se dovessi governare con la maggioranza del paese che la pensa come te, stai certo preferirei non governare, perchè me ne vergognerei.

Ciao

Paco
23-06-2003, 09.43.57
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Sarà una bugia per te ,... ( è per questo che sembri comprendere così così poco degli altri?!) e non puoi smentirlo dopo questa affermazione....strano mi ricordo post (anche se vagamente...) sulle pensioni, sulla sanità, sulla mancanza di alloggi per i giovani che oltre tutto usciti da una scuola pessima non trovano lavoro...ecc. ecc.....di colpo pur di convincere...non ne abbiamo più...:D ...trovo ridicolo quello che dici.
Il bene si fa partendo dal nostro circolo prossimo, estendendolo a cerchi sempre piu vasti e più lontani....uomo famiglia...città ...patria....europa.... mondo intero.

Il problema, se non hai ancora capito, non è di quanti ne facciamo entrare ma quanti ne possiamo occupare ed ospitare civilmente....lo stesso per i profughi.

Ciao Paco... calmati e rifletti un poco prima di sparare.

Ancora una volta non mi sono spiegato bene.

NON HO DETTO CHE IL NOSTRO PAESE NON HA PROBLEMI.

Spero che questo sia chiaro. :rolleyes:

Ho detto che una cosa non esclude l'altra come invece la pensi tu. :eek:

Giorgio Drudi
23-06-2003, 10.18.10
[QUOTE]Originariamente inviato da Paco
[B]

Non mi sono spiegato bene, oppure mi sono spiegato benissimo e fai finta di non aver capito. Questa minaccia "prendili a casa tua" non ti fa onore Giorgio. (N)

Io non la considero una minaccia, a casa mia ne ho sempre presi...e non è facile....lo è solo per chi dice e non fa.
Non cerco nessun onore, mi sforzo solo di essere autentico e di comportarmi come un essere umano...e non è facile.

La solitudine è un problema esistenziale universale e questo non lo può risolvere nessun governo, nessuna sociologia, nessuna politica, tantomeno i partiti che ...si occupano solo della loro parte.

davlak
23-06-2003, 10.19.05
Originariamente inviato da Paco

.......

Abito in una città con una buona percentuale di stranieri. Ci sono spacciatori, rapinatori pochissimi (ti ho detto, la maggior parte delle rapine sono fatte da ITALIANI). BASTA! Un clandestino è obbligato ad arrangiarsi in un qualche modo perchè non è regolare. Invece di sparare cannonate è necessario migliorare i rapporti con le ambasciate come del resto già avviene con alcuni paesi africani per esempio.

E poi come si fa a non pensare alla solitudine di quelle persone? Prendono una nave per il loro futuro e noi che abbiamo le possibilità di aiutarli cosa facciamo? Contiamo i carcerati.



...


Ovviamente parla un politico in termini tecnici. Io difendo queste persona del lato umano, però voglio dimostrarvi che il nostro paese sarebbe in grado di regolarizzare più stranieri.

É una bugia che dobbiamo risolvere prima i nostri problemi!

Se veramente vuoi (vogliamo) aiutare queste persone, vediamo di fare davvero qualcosa di concreto a livello di diplomazia internazionale.
Quelle di cui parli tu sono delle "pezze" che non solo non risolvono il problema alla radice, ma lo esaperano e continuano a generarlo reiteratamente, ingigantendolo sempre di più.
NON è affatto una bugia che dobbiamo risolvere prima i nostri problemi, visto che ne abbiamo, e che continuando ad accumulare profughi arriverà il giorno che non riusciremo a risolvere nè i nostri nè i loro, di problemi.

Ciao Pacones :p :)

Giorgio Drudi
23-06-2003, 10.30.39
Originariamente inviato da Paco

Questa la prendo come un battuta, sei ironico Giorgio. É inutile che metti in mezzo Castro, Berlusca, ecc perchè qui stiamo parlando di immigrazione, di Italia e del peggior partito italiano quale la Lega. Ormai ti aggrappi a qualsiasi cosa pur di darmi torto. Mi sa che sei proprio tu dentro a qualcosa! Fuori da tutto! Ma per favore, sei peggio dei leghisti, almeno loro sono onesti. Mi parli di parte politica, di Berlusca. mhà! :rolleyes:


Bhè, devo essere sincero, che se dovessi governare con la maggioranza del paese che la pensa come te, stai certo preferirei non governare, perchè me ne vergognerei.

Ciao
La lega diventa il peggior partito solo quando non è alleato dellla sinistra...in quest'ultimo caso tappeto ROSSO e attribuzioni onorifiche... (N)...:)

Sono ironico perchè considero l'ironia un valida forma...invece di parlare di onore ...o di espressioni quali: " sei peggio dei leghisti almeno loro sono onesti.."(sic!)(N)

Il pacifismo che è una ideologia inadeguata e presuntuosa mostra poi nella pratica dei suoi aderenti( salvo gli ingenui) , l'atteggiamento ipocrita e strumentale di quanto proclama: "... se dovessi governare con la maggioranza del paese che la pensa come te, stai certo preferirei non governare, perchè me ne vergognerei."
Credo proprio che questa maggioranza governerà ancora ...e mi dispiace perchè credo nell'alternanza e non negli odi tribali ideologici che hanno già causato tanti mali e tante guerre.(N)
Ciao ...:)

Giorgio Drudi
23-06-2003, 10.52.04
Originariamente inviato da Paco



Fuori da tutto!

Ciao

L'unica affermazione che condivido!

Sono fuori da tutto e dentro tutto perchè voglio essere solidale con tutta l'umanità ( NONOSTANTE I MIEI ATTUALI LIMITI), e guardando al VECCHIO E DECREPITO MONDO della politica sono felice di essere LIBERO E DI TESTIMONIARE QUESTA LIBERTA'.
Ciao Paco...la tua posizione è stata sconfitta dalla storia... FUORI DA TUTTO
:) Ciao Paco...

Paco
23-06-2003, 10.58.55
Originariamente inviato da Giorgio Drudi
Io non la considero una minaccia, a casa mia ne ho sempre presi...e non è facile....lo è solo per chi dice e non fa.
Non cerco nessun onore, mi sforzo solo di essere autentico e di comportarmi come un essere umano...e non è facile.

La solitudine è un problema esistenziale universale e questo non lo può risolvere nessun governo, nessuna sociologia, nessuna politica, tantomeno i partiti che ...si occupano solo della loro parte.

Invece è una minaccia. Non è un argomentazione, ma solo un modo per demonizzare chi ti sta di fronte.

É vero, ci sono i partiti che si occupano solo della loro parte. Forza Italia e Lega Nord. Come vedi, ci troviamo daccordo.

La solitudine è un problema che si può risolvere, si può risolvere evitando quello che sta facendo la Lega in questo momento. Un partito che incita alla violenza. :mad: La gente verso gli stranieri è sempre fredda e distante. Tu no, e mi fa piacere.

Ciao

Giorgio Drudi
23-06-2003, 10.59.14
Originariamente inviato da Paco


E pensare che molti sono regolari, per niente clandestini. Fatti due conti e poi vedi.

Ciao
Se sono regolari devono avere contratto di lavoro ...:)

Paco
23-06-2003, 11.01.28
Originariamente inviato da davlak



...



Se veramente vuoi (vogliamo) aiutare queste persone, vediamo di fare davvero qualcosa di concreto a livello di diplomazia internazionale.
Quelle di cui parli tu sono delle "pezze" che non solo non risolvono il problema alla radice, ma lo esaperano e continuano a generarlo reiteratamente, ingigantendolo sempre di più.
NON è affatto una bugia che dobbiamo risolvere prima i nostri problemi, visto che ne abbiamo, e che continuando ad accumulare profughi arriverà il giorno che non riusciremo a risolvere nè i nostri nè i loro, di problemi.

Ciao Pacones :p :)

Sono convinto che i nostri problemi non escludano quello dell'immigrazione. É quello che dico, è necessario un cambiamento a livello internazionale. Noi europei per esempio dovremmo trovarci daccordo su punti importanti e fondamentali. Se ne sta parlando, speriamo! ;)

Paco
23-06-2003, 11.04.28
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

La lega diventa il peggior partito solo quando non è alleato dellla sinistra...in quest'ultimo caso tappeto ROSSO e attribuzioni onorifiche... (N)...:)

Sono ironico perchè considero l'ironia un valida forma...invece di parlare di onore ...o di espressioni quali: " sei peggio dei leghisti almeno loro sono onesti.."(sic!)(N)

Il pacifismo che è una ideologia inadeguata e presuntuosa mostra poi nella pratica dei suoi aderenti( salvo gli ingenui) , l'atteggiamento ipocrita e strumentale di quanto proclama: "... se dovessi governare con la maggioranza del paese che la pensa come te, stai certo preferirei non governare, perchè me ne vergognerei."
Credo proprio che questa maggioranza governerà ancora ...e mi dispiace perchè credo nell'alternanza e non negli odi tribali ideologici che hanno già causato tanti mali e tante guerre.(N)
Ciao ...:)

Bhè, secondo me è alleata alla sinistra in questo momento. :D

Non sono ipocrita quando dico che preferirei non governare con una maggioranza ostile. Non ti conosco, ma il primo passo è indignarsi di fronte alla Lega e alla Bossi-Fini.

Purtroppo la mia famiglia non è in grado di prendere in casa un extra-comunitario, ma l'intera città è in grado di accoglierli e lo ha fatto e lo sta facendo.

Paco
23-06-2003, 11.05.09
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


L'unica affermazione che condivido!

Sono fuori da tutto e dentro tutto perchè voglio essere solidale con tutta l'umanità ( NONOSTANTE I MIEI ATTUALI LIMITI), e guardando al VECCHIO E DECREPITO MONDO della politica sono felice di essere LIBERO E DI TESTIMONIARE QUESTA LIBERTA'.
Ciao Paco...la tua posizione è stata sconfitta dalla storia... FUORI DA TUTTO
:) Ciao Paco...

Quale posizione?

Paco
23-06-2003, 11.06.04
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Se sono regolari devono avere contratto di lavoro ...:)

Ma come fanno ad entrare in Italia prima di trovare un contratto di lavoro?

Giorgio Drudi
23-06-2003, 11.19.55
Originariamente inviato da Paco


Ma come fanno ad entrare in Italia prima di trovare un contratto di lavoro?

Questa è una delle incongruenze reali della legge!
Quelli che conosco hanno fatto così: entrata con visto turistico ...presa di contatto con i possibili datori...di solito iniziano a lavorare in nero...alla scadenza rientrano e vengono richiesti da uno dei datori che hanno conosciuto...costui deve garantire un alloggio...rientrano poi se il lavoro è stagionale ( in agricoltura) come per gli addetti all'agricoltura ( anche i nostri braccianti vengono licenziati e ricevono l'indennità di disoccupazione...erano circa tre milioni)...nei magazzini della frutta l'indennità è più alta...
Il successivo rientro è fatto su richiesta...ecc.
Per l'esperienza che ho io ritengo che il modo più civile e razionale
sarebbe di concordare con i paesi di provenienza un contingente (ovviamente un poco superiore) alle offerte di lavoro...provvedendo poi ad organizzare il viaggio insieme ai governi dei loro paesi e garantendo strutture abitative a livello comunale...prefabbricati dignitosi.
Ciao Paco...la mia è solo una proposta minima ...non conosco tutti i settori...

PS Proprio ieri è tornato dall'Albania un bracciante che aveva già lavorato con me...richiesto da un agricoltore che conosco...è contento come una Pasqua.

Paco
23-06-2003, 11.29.57
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Questa è una delle incongruenze reali della legge!
Quelli che conosco hanno fatto così: entrata con visto turistico ...presa di contatto con i possibili datori...di solito iniziano a lavorare in nero...alla scadenza rientrano e vengono richiesti da uno dei datori che hanno conosciuto...costui deve garantire un alloggio...rientrano poi se il lavoro è stagionale ( in agricoltura) come per gli addetti all'agricoltura ( anche i nostri braccianti vengono licenziati e ricevono l'indennità di disoccupazione...erano circa tre milioni)...nei magazzini della frutta l'indennità è più alta...
Il successivo rientro è fatto su richiesta...ecc.
Per l'esperienza che ho io ritengo che il modo più civile e razionale
sarebbe di concordare con i paesi di provenienza un contingente (ovviamente un poco superiore) alle offerte di lavoro...provvedendo poi ad organizzare il viaggio insieme ai governi dei loro paesi e garantendo strutture abitative a livello comunale...prefabbricati dignitosi.
Ciao Paco...la mia è solo una proposta minima ...non conosco tutti i settori...

PS Proprio ieri è tornato dall'Albania un bracciante che aveva già lavorato cone me...richiesto da un agricoltore che conosco...è contento come una Pasqua.

Questa è già una proposta che mi piace, ma il problema è che non possiamo far finta di nulla di quelli vengono qui in Italia con la fame agli occhi. Non basta una legge dello stato Italiano, ci vuole qualcosa di più come ha ben detto davlak.

Giorgio Drudi
23-06-2003, 12.01.34
Originariamente inviato da Paco


Questa è già una proposta che mi piace, ma il problema è che non possiamo far finta di nulla di quelli vengono qui in Italia con la fame agli occhi. Non basta una legge dello stato Italiano, ci vuole qualcosa di più come ha ben detto davlak.

Ci vuole un intervento a livello europeo.
Quelli che vengono nel nostro paese e verranno rispediti sono accolti nei centri appositamente allestiti...e vengono sfamati...in più ci sono molte organizzazioni che se ne occupano...proprio perchè è un problema gigantesco non può essere risolto da nessun singolo governo... sarebbe meglio cooperare...invece di...
Inoltre ci sono aspetti negativi gravi che devono essere tenuti in considerazione...e sono reali...non ideologici

non mi è parso comunque che Davlak condividesse la tua posizione...
...
Ciao Paco....:)

Paco
23-06-2003, 12.10.53
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Ci vuole un intervento a livello europeo.
Quelli che vengono nel nostro paese e verranno rispediti sono accolti nei centri appositamente allestiti...e vengono sfamati...in più ci sono molte organizzazioni che se ne occupano...proprio perchè è un problema gigantesco non può essere risolto da nessun singolo governo... sarebbe meglio cooperare...invece di...
Inoltre ci sono aspetti negativi gravi che devono essere tenuti in considerazione...e sono reali...non ideologici

non mi è parso comunque che Davlak condividesse la tua posizione...
...
Ciao Paco....:)

Sono daccordo sull'intervento a livello europeo, ma con la Bossi-Fini non si va da nessuna parte.

Condivido in parte l'intervento di davlak, cioè la prima parte. :)

wolf76
23-06-2003, 12.14.00
Ciao ragazzi,
io credo che sull'immigrazione, così come su tanti altri temi nel nostro paese, regnino i luoghi comuni!
Personalmente io sono un internazionalista! Se guardassimo lontano, lontanissimo, nel nostro futuro (Star Trek...?:eek: ), capiremmo che l'immigrazione è uno di quei fenomeni a cui nessun paese industrializzato potrà mai opporsi: nel mondo c'è un'innegabile sperequazione nella distribuzione della ricchezza.... è questa la radice del problema! E su questo credo che siamo tutti d'accordo! Come lottare contro questa piaga? Senza demagogia forzitaliota, cominciamo a spendere nei negozi per il commercio equo e solidale ce ne sono tanti e trattano molti buoni prodotti, già questo è un piccolo passo :) !
Per quanto riguarda la Lega, ciò che a me non piace sono i propositi e i toni estremisti! La apprezzo nella parte in cui rappresenta il disagio di una fetta di italiani del nord stremati dalle continue rapine nelle loro case e nei loro negozi da parte di extracomunitari organizzati in bande! Ma chi credete comandi quelle bande? Chi credete organizzi questa criminalità, godendone dei frutti senza esporsi? Su questo condivido l'idea di Paco(Y) .... è un problema di criminalità, non di immigrazione e in questo senso va risolto! Se rubi commetti un crimine, non mi interessa che tu sia nero o bianco! In Olanda, Francia, Belgio, Inghilterra, l'integrazione con con gli stranieri è una realtà e volenti o nolenti, prima o poi, lo sarà anche in Italia, dove, per la posizione geografica, la situazione è più difficile da gestire! E' vero, va legalizzata, come ogni altra cosa, e non proibita! Il problema è che i leghisti la confondono con il commercio di persone, che è quello che avviene con gli sbarchi! Giorgio, credi che in Libano gruppi di 400-500 persone si organizzino, comprino un peschereccio, arruolino un marinaio e partano? Credo che tu sappia che ci sono organizzazzioni criminali che promettono vita migliore in altri paesi in cambio di tanti tanti soldi (frutto della vendita di tutti i beni che quella gente possiede!:( ) Questo è commercio di persone, per certi versi identico a quello di droga o di sigarette, con il vantaggio per i "commercianti" di avere i soldi prima e non dopo! Prendersela con gli immigrati, che spesso si dedicano al crimine, non avendo molte altre vie d'uscita, sarebbe come prendersela con le sigarette e non con chi le commercia:eek: ! Il problema va risolto sia in loco, con sforzi diplomatici e sia in Italia finanziando centri di accoglienza e integrazione..... ma a livello europeo, non italiano! Con i soldi spesi per solo 10 di quelle superbombe lanciate in Iraq, si sarebbe potuto fare tanto.... ma tanto queste vengono bollate come opinioni pacifiste, giusto perchè è difficile ammettere che sia vero!! L'Europa ha l'obbligo e la necessità di affrontare questo problema, oltre che la possibilità ovviamente, ma posizioni assunte in quella sede, come quella del berlusca e di Aznar, sul mantenimento del voto all'unanimità in politica estera, non fanno altro che isolarci ed allontanarci da una soluzione europea!
Ciao!

Giorgio Drudi
23-06-2003, 12.15.18
Originariamente inviato da Paco


Quale posizione?
Quella ideologica...qualunque posizione ideologica, che pretenda di sottomettere i popoli in nome di un misero castellino di concetti partoriti dalla superbia degli uomini...
FUORI DA TUTTO
Ciao Paco...:)

wolf76
23-06-2003, 12.17.51
Ciao Giorgio,
ho scritto il msg precedente mentre tu rispondevi :p , condivido questa tua posizione, come vedi!:D

Paco
23-06-2003, 12.20.23
Originariamente inviato da wolf76
Ciao ragazzi,
io credo che sull'immigrazione, così come su tanti altri temi nel nostro paese, regnino i luoghi comuni!
Personalmente io sono un internazionalista! Se guardassimo lontano, lontanissimo, nel nostro futuro (Star Trek...?:eek: ), capiremmo che l'immigrazione è uno di quei fenomeni a cui nessun paese industrializzato potrà mai opporsi: nel mondo c'è un'innegabile sperequazione nella distribuzione della ricchezza.... è questa la radice del problema! E su questo credo che siamo tutti d'accordo! Come lottare contro questa piaga? Senza demagogia forzitaliota, cominciamo a spendere nei negozi per il commercio equo e solidale ce ne sono tanti e trattano molti buoni prodotti, già questo è un piccolo passo :) !
Per quanto riguarda la Lega, ciò che a me non piace sono i propositi e i toni estremisti! La apprezzo nella parte in cui rappresenta il disagio di una fetta di italiani del nord stremati dalle continue rapine nelle loro case e nei loro negozi da parte di extracomunitari organizzati in bande! Ma chi credete comandi quelle bande? Chi credete organizzi questa criminalità, godendone dei frutti senza esporsi? Su questo condivido l'idea di Paco(Y) .... è un problema di criminalità, non di immigrazione e in questo senso va risolto! Se rubi commetti un crimine, non mi interessa che tu sia nero o bianco! In Olanda, Francia, Belgio, Inghilterra, l'integrazione con con gli stranieri è una realtà e volenti o nolenti, prima o poi, lo sarà anche in Italia, dove, per la posizione geografica, la situazione è più difficile da gestire! E' vero, va legalizzata, come ogni altra cosa, e non proibita! Il problema è che i leghisti la confondono con il commercio di persone, che è quello che avviene con gli sbarchi! Giorgio, credi che in Libano gruppi di 400-500 persone si organizzino, comprino un peschereccio, arruolino un marinaio e partano? Credo che tu sappia che ci sono organizzazzioni criminali che promettono vita migliore in altri paesi in cambio di tanti tanti soldi (frutto della vendita di tutti i beni che quella gente possiede!:( )

...cut...
Ciao!

Ottimo discorso wolf76. (Y)
Il mercato equo e solidale è una realtà che si sta affermando sempre più, anche grazie ad alcune multinazionali che hanno deciso di cambiar rotta. ;)

Ciao

Paco
23-06-2003, 12.22.33
Originariamente inviato da Giorgio Drudi

Quella ideologica...qualunque posizione ideologica, che pretenda di sottomettere i popoli in nome di un misero castellino di concetti partoriti dalla superbia degli uomini...
FUORI DA TUTTO
Ciao Paco...:)

La mia sarebbe una posizione ideologica? :eek: :D

Giorgio Drudi
23-06-2003, 12.40.20
Ho cancellato perchè si sono incasinati i colori...:D risponderò appena posso
Ciao Fuori da tutto ...:D

Giorgio Drudi
23-06-2003, 13.15.12
Originariamente inviato da Paco


Ottimo discorso wolf76. (Y)
Il mercato equo e solidale è una realtà che si sta affermando sempre più, anche grazie ad alcune multinazionali che hanno deciso di cambiar rotta. ;)

Ciao
Finalmente una buona notizia ...:)

Giorgio Drudi
23-06-2003, 13.16.20
Originariamente inviato da Paco


La mia sarebbe una posizione ideologica? :eek: :D

Noooo......... Paco :S ....:D

Giorgio Drudi
23-06-2003, 13.20.55
Originariamente inviato da Paco


Bhè, secondo me è alleata alla sinistra in questo momento. :D

Non sono ipocrita quando dico che preferirei non governare con una maggioranza ostile. Non ti conosco, ma il primo passo è indignarsi di fronte alla Lega e alla Bossi-Fini.

Purtroppo la mia famiglia non è in grado di prendere in casa un extra-comunitario, ma l'intera città è in grado di accoglierli e lo ha fatto e lo sta facendo.

Dunque c'è qualcosa che non sei in grado di fare...:D ...lo stesso dicasi per gli altri....o hai adottato la massima "socialista"...ciò che tuo è mio ...e ciò che è mio è mio..:D

Ti trovo più disteso...ti sei fatto una pasta..?...:D

Giorgio Drudi
23-06-2003, 13.22.22
Originariamente inviato da Paco


Ottimo discorso wolf76. (Y)
Il mercato equo e solidale è una realtà che si sta affermando sempre più, anche grazie ad alcune multinazionali che hanno deciso di cambiar rotta. ;)

Ciao

Alla faccia di Illy...:)

wolf76
23-06-2003, 13.22.29
[QUOTE]Originariamente inviato da Giorgio Drudi
[B]
Sì...sì...sarebbe assai meglio se tutti fossimo santi...

...sì...sì...voi tutti saggi...e gli altri tutti cattivi... ...e cosa si poteva fare con le bombe sganciate per quasi due mesi sulla Serbia...


Dimenticavo ...ciao...:)

A volte mi sembra di parlare una lingua diversa!
hai mai sentito parlare di PESC? E' la sigla che nel trattato dell'Unione Europea identifica uno dei due pilastri: la Politica Estera e di Sicurezza Comune! La sussidiarietà, come tu mi insegni, è un principio e va concepito come mezzo e non come fine! La PESC è il fine! E' chiaro che in termini pratici dovremmo essere noi a risolvere il problema, ma esso andrebbe concepito e pensato a livello europeo, questo intendevo dire! In questo senso dovrebbe essere l'Europa a delegare l'Italia nell'affrontare il problema e non il contrario, perchè anche se sbarcano sulle nostre coste non si fermano solo da noi!
Per il resto, perdonami Giorgio, ma anche io credo che tu sia molto meno libero da preconcetti schemi mentali (ideologia...?) di quello che tu vuoi far credere.... ti ho già detto che il mio mondo non è fatto di destra e sinistra, come sembra essere per te! Credo semplicemente che Berlusconi sia un mistificatore..... punto! Degli altri non mi interessa: io voto l'idea, non l'uomo!

Giorgio Drudi
23-06-2003, 13.28.03
Originariamente inviato da wolf76
Ciao Giorgio,
ho scritto il msg precedente mentre tu rispondevi :p , condivido questa tua posizione, come vedi!:D

Ho fatto un tale numero di correzioni ortografiche e colorigrafiche che non so più a cosa ti riferisci...forse ti sei "convertito"?...:D
bene figliuolo....va in pace....amen... :) :D

Giorgio Drudi
23-06-2003, 14.04.05
Originariamente inviato da wolf76
[QUOTE]Originariamente inviato da Giorgio Drudi
[B]
Sì...sì...sarebbe assai meglio se tutti fossimo santi...

...sì...sì...voi tutti saggi...e gli altri tutti cattivi... ...e cosa si poteva fare con le bombe sganciate per quasi due mesi sulla Serbia...


Dimenticavo ...ciao...:)

A volte mi sembra di parlare una lingua diversa!
hai mai sentito parlare di PESC? E' la sigla che nel trattato dell'Unione Europea identifica uno dei due pilastri: la Politica Estera e di Sicurezza Comune! La sussidiarietà, come tu mi insegni, è un principio e va concepito come mezzo e non come fine! La PESC è il fine! E' chiaro che in termini pratici dovremmo essere noi a risolvere il problema, ma esso andrebbe concepito e pensato a livello europeo, questo intendevo dire! In questo senso dovrebbe essere l'Europa a delegare l'Italia nell'affrontare il problema e non il contrario, perchè anche se sbarcano sulle nostre coste non si fermano solo da noi!
Per il resto, perdonami Giorgio, ma anche io credo che tu sia molto meno libero da preconcetti schemi mentali (ideologia...?) di quello che tu vuoi far credere.... ti ho già detto che il mio mondo non è fatto di destra e sinistra, come sembra essere per te! Credo semplicemente che Berlusconi sia un mistificatore..... punto! Degli altri non mi interessa: io voto l'idea, non l'uomo!

Vediamo...dunque nel panorama non vedi quale mistificatore che il solo berluska..?

E' ovvio che ho un punto di vista "preconcetto":
Considero il significato e la funzione della politica, nel suo valore e nel suo limite... perchè siamo fatti per qualcosa di più grande e di più vero.
La politica, chiamata a ordinare questo mondo che passa, non può rispondere ad una aspirazione che va oltre ed è gia presente...
La politica mette in luce un altro limite: essa persegue fini temporali importanti e doverosi per il buon ordinamento della vita sociale, ma non ha da se sola la capacità di raggiungerli.

Essa può soltanto disporre i mezzi, le condizioni, le risorse, le strutture, i provvedimenti, le leggi in vista di quei fini: ma per attingerli davvero bisogna partire da prima della politica e andare oltre la politica.
Questo è il mio assunto... preconcetto.
Ciao Wolf


Parliamo sì una lingua diversa ma non del tutto...se non hai un preconcetto che sia contrario ed opposto al mio.
Il Pesc è uno strumento...non il fine...solo una concezione statalista vede le istituzioni come fine...sei ideologizzato e come....e non te ne rendi conto affatto...mentre sarebbe meglio conoscerla la propria...

Aggiungo un altro preconcetto:

Guai dunque a caricare la politica di attese messianiche, in chiave ideologica: i drammatici esiti dell'immane sforzo operato in tal senso dal messianismo nazionalista e dal messianismo marxista sono lì a dirci la follia del tentativo di affidare alla politica la salvezza dell'umanità...

L'attesa di un "leader", di un "messia" è radicata nello spirito dell'uomo...lo è da sempre...re...grandi sacerdoti...rivoluzionarii...condottieri...e meno pericolosamente divi e campioni sportivi...sono l'oggetto di questa aspirazione-intuizione insopprimibile...io ho scelto il Cristo e sono persuaso che sia un gran bel pregiudizio.

Amen...:)

Maurice_B
23-06-2003, 15.10.49
Wolf ha messo a fuoco il problema molto bene ma forse è un po' ottimista quando dice:

"In Olanda, Francia, Belgio, Inghilterra, l'integrazione con con gli stranieri è una realtà e volenti o nolenti, prima o poi, lo sarà anche in Italia..."

Se l'integrazione può essere una realtà forse lo sarà prima in Italia che in questi paesi grazie ai nostri sentimenti di umanità e di tolleranza molto, ma molto più sviluppati che altrove.

Wolf, non sei mai stato a Bradford o in certi comuni della grande Londra, oppure in certi quartieri della periferia parigina a toccare con mano xenofobia e discriminazione, a dispetto di leggi, sulla carta, più avanzate delle nostre?

La mia speranza, per quello che riguarda il nostro paese, è che i figli degli attuali immigrati, cocciutaggine o bigottismo dei loro genitori permettendo, saranno italiani come i nostri figli nonostante il cognome albanese, magrebino, singalese, egiziano, cinese, somalo, ecc.

Frequento uno dei paesi summenzionati da più di trent'anni, ne conosco la lingua meglio di tanti nativi, ma rimango un corpo estraneo.
Mia moglie, il giornio dopo essere arrivata in Italia era già una di noi.

Cecco
23-06-2003, 16.50.18
Che tanti paesi avanzati, gli stati uniti in primis, abbiano da tempo
assorbito l'integrazione è un fatto. L'Italia sarà certamente più indietro, ma non dimentichiamo che fino a poco tempo fa era essa stessa una nazione di emigrati ed il fenomeno inverso avviene di fatto
da troppo poco per porsi al livello di quegli altri paesi.
E però gli italiani, differentemente da quegli altri popoli non hanno
mai frequentato il razzismo disgustoso, fatte le dovute eccezioni, semmai in certi momenti ed in certe zone carenti di benessere e servizi, hanno visto nello straniero un pericolosissimo concorrente per la propria occupazione e per la propria vita di tutti i giorni.
L'italia ha radici e cultura profondissime, è coacervo di tante razze
che nei secoli l'hanno dominata, non possiede il gene maligno del razzismo che è odio suupido e cieco per il diverso. Dunque più disagiata che razzista, ed anche laddove si sia manifestato qualche fenomento d'intransigenza, credo in pochi casi si sia trattato di razzismo vero come nel caso americano con i negri.
Detto questo che mi sembra fatto scontato, se dobbiamo lamentare qualche fenomeno negativo, esso non ha bandiera politica, al di là delle esternazioni ridicole ed elettoralistiche della lega, è semmai
dovuto a sacche ancor presenti d'arretratezza culturale in alcune zone del paese magari pure baciate dal benessere.

Giorgio Drudi
23-06-2003, 16.53.11
Originariamente inviato da Maurice_B
Wolf ha messo a fuoco il problema molto bene ma forse è un po' ottimista quando dice:

"In Olanda, Francia, Belgio, Inghilterra, l'integrazione con con gli stranieri è una realtà e volenti o nolenti, prima o poi, lo sarà anche in Italia..."

Se l'integrazione può essere una realtà forse lo sarà prima in Italia che in questi paesi grazie ai nostri sentimenti di umanità e di tolleranza molto, ma molto più sviluppati che altrove.

Wolf, non sei mai stato a Bradford o in certi comuni della grande Londra, oppure in certi quartieri della periferia parigina a toccare con mano xenofobia e discriminazione, a dispetto di leggi, sulla carta, più avanzate delle nostre?

La mia speranza, per quello che riguarda il nostro paese, è che i figli degli attuali immigrati, cocciutaggine o bigottismo dei loro genitori permettendo, saranno italiani come i nostri figli nonostante il cognome albanese, magrebino, singalese, egiziano, cinese, somalo, ecc.

Frequento uno dei paesi summenzionati da più di trent'anni, ne conosco la lingua meglio di tanti nativi, ma rimango un corpo estraneo.
Mia moglie, il giornio dopo essere arrivata in Italia era già una di noi.

Credo che molti di loro effettuate le rimesse in patria, rimesse che costituiscono un apporto determinante per le loro economie, ritorneranno ai loro amati paesi, ai loro profumi, ai loro cibi, alle loro tradizioni più di quanto non abbiamo fatto noi italiani in Europa e nell'America del Sud ...perchè i dinamismi economici sono assai più veloci di allora...e credo che sia positivo....far rifiorire i loro deserti, nell'Africa del Nord, per esempio, rimettere in moto speranze ed energie imprenditoriali nell'Est Europa ecc.. auguro a loro quello che augurerei a me stesso.
Che sia determinante l'impegno economico e tecnologico per i paesi con una economia quasi di scambio è evidente...intanto però sarebbe meglio affrontare i problemi dell'oggi e di casa nostra con maturità politica ...come sarà possibile raggiungere autentiche intese a livello europeo e globale se la misera politica italica si focalizza sulle misere questioni che hanno fatto di questo 3d uno dei top-topic ?
Come possiamo intervenire nel mondo se la missione di pace degli alpini fu bocciata dall'opposizione che poi ne votò il finanziamento...
e Bossi...che tutti giurano di ripudiare per sempre e poi accolgono scodinzolando fra le loro fila...ecc. ecc.
Sì, fuori dai partiti tutti,... corrotti tutti...
Ciao

davlak
23-06-2003, 17.17.03
Originariamente inviato da Cecco
.....
L'italia ha radici e cultura profondissime, è coacervo di tante razze
che nei secoli l'hanno dominata, non possiede il gene maligno del razzismo che è odio suupido e cieco per il diverso. Dunque più disagiata che razzista, ed anche laddove si sia manifestato qualche fenomento d'intransigenza, credo in pochi casi si sia trattato di razzismo vero come nel caso americano con i negri.
....

(Y)

mio padre non era italiano, e conosceva davvero tutto il mondo (Cina a parte) e, parlando correntemente 11 lingue, poteva entrare a fondo in "contatto" con le culture dei paesi che visitava.
Diceva spesso che non esiste popolo al mondo dotato di un tale background culturale, di una tale apertura nei confronti di altre etnie e professioni, di un così sviluppato senso auto-critico.
Era un uomo autoritario e intransigente ("nonostante" fosse politicamente di sinistra), pertanto le minime sbavature del "sistema" lo facevano uscire dai gangheri (ho assistito a certe sue sparate, in uffici pubblici e anche al cospetto di autorità e cariche istituzionali, mica da ridere!)...ma quando si trattava di mettere sul piatto della bilancia pregi e difetti di questo nostro paese e di chi lo popola non aveva dubbi e diceva: "Nonostante tutto non cambierei questo paese con nessun altro al mondo".

(F) :)

Ci ho messo più di 40 anni per capire che aveva ragione.

Giorgio Drudi
23-06-2003, 17.35.57
Il nucleo positivo che ha ha fatto dell'Italia e dei paesi europei una realtà "speciale" è la sua anima cristiana ...fuori di questo non c'è molto altro, nella sua storia....e nella sua modernità, di cui gloriarsi.
Il decadimento relativo della sua identità cristiana ha spostato oltre atlantico il fuoco dell'attenzione e della cultura....e il fascino che ne consegue.

Le arti moderne, la musica, la cinematografia, la pittura non sono più,... molto di casa , ora...decadente, tronfia, presuntuosa e noiosa la cultura europea,... la realtà politica dell'ultimo secolo non ha bisogno di essere commentata...l'informatica, la tecnologia, la ricerca...per quanto diciamo non è "cosa nostra"...sostanzialmente...nè la capacità di intervenire realmente a livello planetario è a nostra portata.

Ciò che ha reso la nostra realtà diversa è solo la cristianità vissuta nella preferenza per lo stile francescano, tollerante ...comprensiva...raramente fanatica...sempre diffidente per la ricchezza... che guarda al povero con rispetto,...se perdessimo questo saremmo ben poco...ma non lo perderemo.
Ciao

Cecco
23-06-2003, 17.39.02
Originariamente inviato da davlak


(Y)

mio padre non era italiano, e conosceva davvero tutto il mondo (Cina a parte) e, parlando correntemente 11 lingue, poteva entrare a fondo in "contatto" con le culture dei paesi che visitava.
Diceva spesso che non esiste popolo al mondo dotato di un tale background culturale, di una tale apertura nei confronti di altre etnie e professioni, di un così sviluppato senso auto-critico.
Era un uomo autoritario e intransigente ("nonostante" fosse politicamente di sinistra), pertanto le minime sbavature del "sistema" lo facevano uscire dai gangheri (ho assistito a certe sue sparate, in uffici pubblici e anche al cospetto di autorità e cariche istituzionali, mica da ridere!)...ma quando si trattava di mettere sul piatto della bilancia pregi e difetti di questo nostro paese e di chi lo popola non aveva dubbi e diceva: "Nonostante tutto non cambierei questo paese con nessun altro al mondo".

(F) :)

Ci ho messo più di 40 anni per capire che aveva ragione.

E non posso che esser d'accordo con lui. Vorrei solo a volte che fosse un paese più semplice, che non rombasse ogni volta si tenta
di cambiar qualcosa, meno polemico, più unito di fronte al mondo, più
sicuro dei propri mezzi e della propria valenza, meno chiacchiereccio
e più fattivo. Mi deprime ogni tanto sentire di attacchi alla democrazia, attentato alla costituzione, alle istituzioni, alla informazione ed a quant'altro. Basterebbe avere un pò di buon senso in più ed evitare frasoni altisonanti ed intrisi di catastrofismo e pensare realmente a quei paesi, tanti ancor oggi, che non hanno ancor
conosciuto la democrazia. Beh, quelle cassandre le invierei un pò lì.
Ciao

wolf76
23-06-2003, 17.49.47
Originariamente inviato da Maurice_B
Wolf ha messo a fuoco il problema molto bene ma forse è un po' ottimista quando dice:

"In Olanda, Francia, Belgio, Inghilterra, l'integrazione con con gli stranieri è una realtà e volenti o nolenti, prima o poi, lo sarà anche in Italia..."

Se l'integrazione può essere una realtà forse lo sarà prima in Italia che in questi paesi grazie ai nostri sentimenti di umanità e di tolleranza molto, ma molto più sviluppati che altrove.

Wolf, non sei mai stato a Bradford o in certi comuni della grande Londra, oppure in certi quartieri della periferia parigina a toccare con mano xenofobia e discriminazione, a dispetto di leggi, sulla carta, più avanzate delle nostre?

La mia speranza, per quello che riguarda il nostro paese, è che i figli degli attuali immigrati, cocciutaggine o bigottismo dei loro genitori permettendo, saranno italiani come i nostri figli nonostante il cognome albanese, magrebino, singalese, egiziano, cinese, somalo, ecc.

Frequento uno dei paesi summenzionati da più di trent'anni, ne conosco la lingua meglio di tanti nativi, ma rimango un corpo estraneo.
Mia moglie, il giornio dopo essere arrivata in Italia era già una di noi.


Ciao Maurice,
ho 27 anni ed è normale che sia ottimista e idealista, probabilmente è proprio grazie a questo mio modo di essere che ho raggiunto i miei piccoli traguardi nella vita!
Non volevo screditare l'Italia rispetto a quegli altri paesi... anche io credo che in quanto a spirito di accoglienza, calore umano e sensibilità non siamo secondi a nessuno! Ma non puoi negare che quelle società sono molto più multietniche della nostra!! E' un dato di fatto ed è solo questo che volevo mettere in evidenza!!!
Ciao:D :D

wolf76
23-06-2003, 18.16.52
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Vediamo...dunque nel panorama non vedi quale mistificatore che il solo berluska..?

E' ovvio che ho un punto di vista "preconcetto":
Considero il significato e la funzione della politica, nel suo valore e nel suo limite... perchè siamo fatti per qualcosa di più grande e di più vero.
La politica, chiamata a ordinare questo mondo che passa, non può rispondere ad una aspirazione che va oltre ed è gia presente...
La politica mette in luce un altro limite: essa persegue fini temporali importanti e doverosi per il buon ordinamento della vita sociale, ma non ha da se sola la capacità di raggiungerli.

Essa può soltanto disporre i mezzi, le condizioni, le risorse, le strutture, i provvedimenti, le leggi in vista di quei fini: ma per attingerli davvero bisogna partire da prima della politica e andare oltre la politica.
Questo è il mio assunto... preconcetto.
Ciao Wolf


Parliamo sì una lingua diversa ma non del tutto...se non hai un preconcetto che sia contrario ed opposto al mio.
Il Pesc è uno strumento...non il fine...solo una concezione statalista vede le isituzioni come fine...sei ideologizzato e come....e non te ne rendi conto affatto...mentre sarebbe meglio conoscerla la propria...

Aggiungo un altro preconcetto:

Guai dunque a caricare la politica di attese messianiche, in chiave ideologica: i drammatici esiti dell'immane sforzo operato in tal senso dal messianismo nazionalista e dal messianismo marxista sono lì a dirci la follia del tentativo di affidare alla politica la salvezza dell'umanità...

L'attesa di un "leader", di un "messia" è radicata nello spirito dell'uomo...lo è da sempre...re...grandi sacerdoti...rivoluzionarii...condottieri...e meno pericolosamente divi e campioni sportivi...sono l'oggetto di questa aspirazione-intuizione insopprimibile...io ho scelto il Cristo e sono persuaso che sia un gran bel pregiudizio.

Amen...:)



Dietro la PESC ci sono uomini e idee.... se credere (...non venerare!!) in un'istituzione come la UE significa per te essere statalista ed ideologizzato, beh..... allora lo sono :o (Così mettimo fine a questa storia!!:p ) Capisco la tua disillusione, ma io preferisco guardare al futuro con fiducia..... e l'Unione Europea è il mio e il nostro futuro!!
E' la forza delle mie idee e dei miei ideali, anche quelli cristiani, a farmi andare avanti nei momenti difficili! La speranza in un mondo migliore.....:cool:

Giorgio Drudi
23-06-2003, 20.27.04
Originariamente inviato da wolf76


Dietro la PESC ci sono uomini e idee.... se credere (...non venerare!!) in un'istituzione come la UE significa per te essere statalista ed ideologizzato, beh..... allora lo sono :o (Così mettimo fine a questa storia!!:p ) Capisco la tua disillusione, ma io preferisco guardare al futuro con fiducia..... e l'Unione Europea è il mio e il nostro futuro!!
E' la forza delle mie idee e dei miei ideali, anche quelli cristiani, a farmi andare avanti nei momenti difficili! La speranza in un mondo migliore.....:cool:
Hai detto tu che la Pesc era un fine...ti ho fatto notare il "lapsus"...le istituzioni sono inutili senza un cambiamento di mentalità... inutili come lo è stato l'ONU nonostante la sua bellissima a-confessionale carta dei diritti universali dell'uomo, mai fatti rispettare... .
L'Europa... significherà nulla se non farà riferimento alla sua anima cristiana e sarà nulla, se non un ricco mercato, senza l'unità delle chiese cristiane.

L'ottimismo è molto temperato ....si è già tentato di screditare la prossima presidenza italiana...per i soliti meschini interessi...la "dialettica" politica che sperimentiamo si riproduce a livello europeo....ricordi l'accoglienza della deputatessa francese alla nostra delegazione culturale...per citare solo il più ridicolo e demagogico episodio.

Tutto regolare... l'ottimismo è dei giovani...il realismo dei meno giovani.
Ciao Wolf
PS. Non hai risposto alla domanda se berluska sia il solo mistificatore...

Maurice_B
23-06-2003, 20.46.23
Wolf scrive:

"Non volevo screditare l'Italia rispetto a quegli altri paesi... anche io credo che in quanto a spirito di accoglienza, calore umano e sensibilità non siamo secondi a nessuno! Ma non puoi negare che quelle società sono molto più multietniche della nostra!! E' un dato di fatto ed è solo questo che volevo mettere in evidenza!!!"

Lungi da me dubitare che volessi screditare il nostro paese: avevo inteso che in altri paesi europei esiste una maggior integrazione e secondo me questo non avviene nella realtà quotidiana, nonostante essi abbiano, formalmente, leggi più avanzate delle nostre. E' indubbio che in Gran Bretagna, Germania e Francia, per es., la presenza di comunità etniche precede di molto quelle che si stanno installando nel nostro paese.

MI auguro però che certi aspetti delle società "multietniche" esistenti altrove in Europa non attecchiscano anche da noi, se penso ai ghetti magrebini della Francia, a quelli caraibici o pakistani della Gran Bretagna e a quelli turchi della Germania.

Per questo mi auguro e spero che nel nostro paese questo non avvenga, ma che al contrario si arrivi ad un arricchimento reciproco, anche se ci vorrà tempo.

Stalker
23-06-2003, 22.34.28
Da it.media.tv

Ultimo giorno al Corriere di Corrado Stajano

Caro direttore,

la parola d'ordine nelle stanze alte del Corriere è sopire, troncare,
minimizzare, allontanare il fuoco dalla paglia, fare in fretta, soprattutto,
a collocare il nuovo direttore sulla poltrona con l'Enciclopedia Treccani di
spalle.

Io mi sono dimesso stamattina perché non credo per nulla nella versione
ufficiale delle dimissioni di Ferruccio De Bortoli - i motivi personali - e
non credo neppure nelle assicurazioni date sulla continuità del giornale,
più o meno provvisoria. Una conquista, persino, il meno peggio che potesse
accadere, secondo alcuni protagonisti di questa vicenda che è un po' il
simbolo della vecchia politica delle stanze chiuse, dei patti riservati,
degli occhieggiamenti, dei favori, delle poco sublimi mediazioni, delle
trattative sottobanco, dell'eterna ambiguità.

Mi dimetto per protesta.

Contro l'arroganza del governo e dei suoi ministri, contro una Proprietà
subalterna, contro le interferenze, difficili da negare, piovute dall'alto
ai danni di un possibile libero giornalismo. In un momento grave per la
Repubblica in cui non è certo il caso di fare gli struzzi. Ho consegnato la
mia lettera di dimissioni alla Rita, una delle intelligenti segretarie di
direzione e nel giornale deserto della prima mattina sono andato su e giù
per i corridori dei vari piani. Ho dato un'occhiata alle vuote stanze della
direzione, poi alla celebrata sala Albertini, coi tavoli simili a quelli del
Times, con le lampade di ottone che hanno sostituito le lampade verdi.
Chissà che cosa è successo qui dentro nel Novecento, conflitti, bassezze,
viltà, crimini e misfatti. Ma anche il coraggio di tanti e la passione. Che
cosa significa, mi sono detto, il concetto di continuità predicato ora in un
giornale come questo che ha segnato la vita nazionale? Da Bava Beccaris e
dalla parte dei suoi cannoni al fascismo dopo le non sempre focose
resistenze di Albertini fino a quel famoso direttore del dopoguerra esaltato
dai manuali, Missiroli, che era solito dire, negli anni 50: «Ci vorrebbe un
giornale. Oh, se avessi un giornale!».

La continuità arriva fino alla P2-Di Bella, Rizzoli, Tassan Din o per
continuità - speriamo - si vuole intendere soltanto la parte civile della
storia, Mario Borsa, Ottone, Cavallari, Stille, Mieli? E Ferruccio de
Bortoli. Che ha diretto con dignità un giornale moderato dove a occupare la
prima pagina sono stati soprattutto Panebianco, Galli Della Loggia, Merlo,
Ostellino e qualcun altro, guardie bianche da cui Berlusconi non ha avuto
certo da temere, soltanto benevolenza e consigli filiali.

Io sono stato accolto da Ugo Stille nel 1987. Lo ricordo con affetto. Aveva
lo sguardo di un uomo che molto sa e molto ha vista, sa del presente e
intuisce del futuro, come l'ignoto marinaio del romanzo di Vincenzo Consolo.
Con lui ho scritto molto, di cultura, di politica. Era curioso, gentilmente
beffardo. Solo una volta parlò del suo grande amico Giaime Pintor. Nel 1999,
poi, de Bortoli mi ha affidato una rubrica di politica e società, «Storie
italiane», e in quattro anni non mi ha mai chiesto di togliere una riga o
una sola parola garantendo con correttezza esemplare una rubrica dissonante
dal resto del giornale. Sono grato anche a lui.

«Come mai - dicono adesso gli ingenui cittadini di Milano che si incontrano
per la strada e ti fanno domande allarmate - Ferruccio de Bortoli era inviso
al governo o ad alcuni governanti e il suo successore non lo è?». «Come
mai - dicono altri - si sostiene che non è successo niente?».

Berlusconi vuole tutto. Non gli bastano le sue tre reti televisive, la Rai,
i giornali parentali e quelli amici, le radio e le case editrici, come non
succede in nessun paese del mondo. Il Corriere, nonostante non fosse nemico,
era ed è un inciampo da togliere di mezzo. Perché adesso? Le elezioni non
sono state un successo. L'economia ristagna. Non pochi elettori forzisti
fanno i conti della spesa, il vecchio carisma del capo è entrato in crisi,
il loro cuore è tremulo e intristito. Il semestre europeo può essere un
ostacolo micidiale, non un'occasione dorata. E il Corriere conta, resta una
spina, ha mantenuto intatto il suo prestigio. Può influenzare milioni di
persone.

Che cosa dà fastidio al Cavaliere? La quantità di informazioni che de
Bortoli ha sempre cercato di dare non gli giova. Alcuni collaboratori di
certo non gli piacciono, Giannelli e le sue vignette, qualcun altro, il
professor Sartori, liberale autentico, che ha battuto per anni sull'incudine
del conflitto di interessi e non si è stancato mai perché questo è l'
insoluto problema generatore di tanti disastri reali e d'immagine per l'
Italia in tutto il mondo. Il 15 maggio, Giovani Sartori ha avuto l'impudenza
che non è stata perdonata né a lui né a De Bortoli di scrivere: «Lei ha
dichiarato, signor Presidente del Consiglio, che "non sarà consentito a chi
è stato comunista di andare al potere". Queste cose le diceva Mussolini. Lei
non ha nessun motivo di aver paura. Io sì». Figuriamoci il Cavaliere che con
i suoi fedeli vassalli non ha mai dimenticato il no alla guerra di de
Bortoli. Le pressioni governative sono state assillanti, padronali,
offensive. A proposito dell'economia e di inchieste su questioni
finanziarie. A proposito della giustizia, tema ossessivo. Il direttore de
Bortoli l'ha affrontato nell'unico modo possibile per un giornalismo civile
pubblicando gli articoli dei bravi, generosi e minacciati cronisti
giudiziari che non ritengono il presidente del Consiglio e l'onorevole
Previti al riparo dalle notizie documentate. Questi eminenti imputati dei
processi di Milano che debbono rispondere di un reato comune così grave come
la corruzione di magistrati e che stanno per ottenere l'impunità dalla
maggioranza parlamentare con una legge ad personam che certo viola la
Costituzione, vogliono essere liberati anche da ogni controllo dell'
informazione. Sorretti dai loro avvocati-parlamentari che fanno il diavolo a
quattro in difesa dei loro clienti. Le ricusazioni toccano anche alla stampa
libera.

Gli azionisti, poi. Quella del Corriere è una proprietà frantumata, un
pentolone che contiene tutti i possibili beni e servizi, le auto, i cavi, le
telecomunicazioni, i frigoriferi, la finanza, Mediobanca, le assicurazioni.
Appassionati sostenitori del libero mercato gli azionisti si sono rivelati
fedifraghi, bisognosi come sono delle stampelle e dei favori del governo che
certo non dà senza nulla ricevere in cambio. Anche loro hanno protestato
infuriati ed esterrefatti - un reato di lesa maestà - quando l'informazione
economica del giornale ha rivelato, per alcuni, oscure verità su traffici e
affari. Il capitalismo democratico è di là da venire. Anche coloro che
deprecano a parole i comportamenti di una società che opera solo in nome
degli interessi e lamentano la mancanza di idee e l'assenza di ideali, in
quest'occasione non hanno rotto un fronte comune che non li rappresenta. Il
grido della foresta è stato più forte.

Mentre nella mia passeggiata d'addio dentro il giornale deserto passavo
davanti alle stanze dell'Economia, al secondo piano, nel vecchio fabbricone
di vetro, mi venivano in mente «gli interessi inconfessabili» denunziati da
un grande maestro non certo marxista-leninista, Luigi Einaudi quando, forse
proprio sul Corriere, si riferiva ai traffici dei cotonieri, dei
siderurgici, degli armatori, degli agrari che si servivano dei giornali di
cui erano proprietari non certo per difendere idee, ma per calcoli
mercantili e usavano i loro poteri e i loro denari per promuovere disegni di
legge adatti agli interessi di casa.

Quel che è accaduto al Corriere è grave. È sbagliato usare anche qui i
criteri perdenti della tattica anziché cercare di aprire un po' la mente e
capire quali possono essere le conseguenze rovinose di un Corriere del tutto
addomesticato ai voleri di Berlusconi. E questo vale per la sinistra.

Stalker
23-06-2003, 22.35.11
Il cambio di un direttore di giornale avvenuto chiaramente per impulso
governativo non è, come ha detto qualcuno dall'anima questurina, simile a un
banale cambio di prefetti. Soprattutto in via Solferino, dove la forza della
tradizione conta, nonostante la retorica, dove, malgrado tutto, anche se con
fatica, il giornale ce l'ha quasi sempre fatta a uscire dalle tempeste. (La
P2 non era un club di gentiluomini: basta ricordare che Giuliano Turone e
Gherardo Colombo, allora giudici istruttori, arrivarono alle liste di Gelli
indagando sulla mafia, sul finto rapimento di Sindona in Sicilia, sull'
assassinio dell'avvocato Giorgio Ambrosoli).

Sono uscito dal palazzo pieno solo di ombre e di fantasmi scendendo per le
antiche scale. Sulle pareti sono appese le fotografie dei redattori e dei
collaboratori illustri. Mi guardano, li guardo. Soltanto alcuni,
faziosamente. Memoria e monito. Giovanni Amendola, Benedetto Croce, Giovanni
Verga, G.A. Borgese, Federico De Roberto, Eugenio Montale, Italo Calvino. E
Ferruccio Parri, con i suoi occhiali sulla fronte

afterhours
24-06-2003, 00.17.25
by clarence.com

Silvio Berlusconi, accusato di aver alterato bilanci, conti e fatture, non è "processabile". La pensionata di Catania, che rubava elettricità da un lampione, è in carcere. Ma che legge è?
di Riccardo Orioles
"La legge era uguale per tutti"
***
Cronaca. Roma. Approvato in via definitiva il provvedimento per tenere in libertà il costruttore milanese Silvio Berlusconi, accusato di avere alterato bilanci, conti, fatture e bolle di provvisione per un totale di 145 biliardi, 911 bilioni, 196mila 736 milioni, 15mila 356 euri e 6 cent. L'imputato, scarcerato con scuse e ossequi dalle massime Autorità dello Stato (anzi no, non era stato nemmeno arrestato), è stato immediatamente nominato Presidente del Consiglio, capo del principale partito di governo, Cavaliere al Merito con Gran Croce e infine Presidente pro-tempore della Comunità Europea. Per ulteriori particolari: studio avv. Ponzio Azeglio Ciampi, Roma.
***
Cronaca. Catania. Resta in carcere la pensionata Nunzia G. di anni 76, condannata a tre mesi di reclusione a conclusione di un procedimento giudiziario conclusosi nelle stesse settimane. La donna, nell'autunno-inverno del 1986, aveva abusivamente allacciato alla propria abitazione un cavo elettrico mediante il quale indebitamente sottraeva energia elettrica da un vicino lampione. Prontamente individuata e arrestata dalle Forze dell'Ordine, la donna veniva successivamente processata e condannata per appropriazione indebita e truffa ai danni dello Stato. Vane le richieste del difensore (d'ufficio) per ottenere la concessione della libertà condizionata o degli arresti domiciliari. Per ulteriori particolari: studio avv. Pino Lipera, Catania.

wolf76
24-06-2003, 02.03.39
Originariamente inviato da Stalker
Il cambio di un direttore di giornale avvenuto chiaramente per impulso
governativo non è, come ha detto qualcuno dall'anima questurina, simile a un
banale cambio di prefetti. Soprattutto in via Solferino, dove la forza della
tradizione conta, nonostante la retorica, dove, malgrado tutto, anche se con
fatica, il giornale ce l'ha quasi sempre fatta a uscire dalle tempeste. (La
P2 non era un club di gentiluomini: basta ricordare che Giuliano Turone e
Gherardo Colombo, allora giudici istruttori, arrivarono alle liste di Gelli
indagando sulla mafia, sul finto rapimento di Sindona in Sicilia, sull'
assassinio dell'avvocato Giorgio Ambrosoli).

Sono uscito dal palazzo pieno solo di ombre e di fantasmi scendendo per le
antiche scale. Sulle pareti sono appese le fotografie dei redattori e dei
collaboratori illustri. Mi guardano, li guardo. Soltanto alcuni,
faziosamente. Memoria e monito. Giovanni Amendola, Benedetto Croce, Giovanni
Verga, G.A. Borgese, Federico De Roberto, Eugenio Montale, Italo Calvino. E
Ferruccio Parri, con i suoi occhiali sulla fronte

(Y) Grande Stalker,(B) (Y) (Y)
forse anche Stajano è statalista ed ideologizzato, perchè la pensa esattamente come me!!

X Giorgio:
quest'articolo è un'ulteriore conferma delle mistificazioni del Berluska, di Silvio il liberale, "l'unto dal Signore" (a proposito, cosa prova un cristiano convinto a sentire questa frase?)!
Mi chiedi se è l'unico? Beh... permettimi di risponderti a "modo mio": questa domanda è tendenziosa e nasconde un tranello dialettico (sei un penalista... :confused: ?) Inoltre, nei tuoi discorsi, la tua disillusione ti porta spesso a generalizzare, così voglio risponderti con la frase di una nota canzone di un cantautore italiano (anche lui statalista e ideologizzato:eek: !) come De Gegori:
".....E poi ti dicono: "Tutti sono uguali, tutti rubano alla stessa maniera". Ma è solo un modo per convincerti a restare chiuso dentro casa quando viene la sera......"

+6dB
24-06-2003, 02.15.20
MI auguro però che certi aspetti delle società "multietniche" esistenti altrove in Europa non attecchiscano anche da noi, se penso ai ghetti magrebini della Francia, a quelli caraibici o pakistani della Gran Bretagna e a quelli turchi della Germania.

Hai detto bene: ghetti! Non localita' di villeggiatura. Poi se analizzassi anche le responsabilita' e i crimini contro l'umanita' della Francia in Algeria o come Il Fondo Monetario Internazionale dove gli USA, Gran Bretagna e Giappone hanno percentualmente molto piu' potere di tutte le altre nazioni del mondo, abbia affamato l'Africa ed i Caraibi con politiche di "ricostruzione" molto discutibili (e noi ci lamentiamo del Piano Marshall) o come la Gran Bretagna abbia sfruttato l'India ed il Pakistan sino al 20' secolo nonostante la schiavitu' (da loro inventata) fosse stata abolita, forse magari potrai interpretare meglio l'esistenza di questi ghetti. Poi non parliamo dell'Italia...il razzismo in Italia non esiste...e' una societa' molto piu' tollerante...ma, stiamo scherzando oppure si fa sul serio?
Io in una citta' "multietnica" (prendo in prestito le virgolette) ci vivo e la presenza di varie etnie, culture, religioni puo' portare qualche problema ma e' fonte di enorme progresso culturale e civile, cosa che non si trova da nessuna parte in Italia. D'altra parte ci sono milioni di italiani che si contentano di essere famosi per la pasta, la pizza, "'O Sole mio", i monumenti, il Rinascimento ed il mare. Sveglia!!! Quello era il passato, questo e' il presente (e pochi se ne sono accorti) e altre nazioni in Europa stanno costruendo gia' il futuro. Facciamo qualcosa o continueremo a guardare il Maurizio Costanzo Show?

+6dB
24-06-2003, 02.38.48
Giorgio Drudi wrote

Credo che molti di loro effettuate le rimesse in patria, rimesse che costituiscono un apporto determinante per le loro economie, ritorneranno ai loro amati paesi, ai loro profumi, ai loro cibi, alle loro tradizioni più di quanto non abbiamo fatto noi italiani in Europa e nell'America del Sud ...perchè i dinamismi economici sono assai più veloci di allora...e credo che sia positivo....far rifiorire i loro deserti, nell'Africa del Nord, per esempio, rimettere in moto speranze ed energie imprenditoriali nell'Est Europa ecc.. auguro a loro quello che augurerei a me stesso.

Apprezzo veramente questa immagine poetica (esaltata dal punteggiato sospensivo) e questo festival dell'utopia improvvisato su due piedi...peccato che la realta' dei paesi del Terzo Mondo sia differente e che l'unico profumo del quale possano godere e' di solito quello della fame piu' disperata (provocata dalle nazioni del mondo "civilizzato") o quello della guerra (alimentata dalle suddette in qualche attimo di tempo libero ovvero quando non si cerca di "ristabilire l'ordine e la legalita' nel Medio Oriente). Scusa il mio essere brusco ma ho letto qualcuno dei tuoi post, deduco che sei una persona informata e preparata e proprio non riesco a mettere queste due cose assieme. Forse perche' quando sento "dinamismi economici", "speranze ed energie imprenditoriali" ed "apporto determinante per le loro economie" mi girano non poco le palle. Dalla bassezza della mia ignoranza in questioni economiche/politiche io, che vuoi che ti dica, capisco piu' parole come "solidarieta'", "mercato equo", "annullamento del debito"...insomma le solite stronzate demagogiche che al giorno d'oggi tutti disprezziamo, perche siamo tutti imprenditori e figli del miracolo italiano.
Cordiali saluti

Stalker
24-06-2003, 08.12.57
Originariamente inviato da wolf76


".....E poi ti dicono: "Tutti sono uguali, tutti rubano alla stessa maniera". Ma è solo un modo per convincerti a restare chiuso dentro casa quando viene la sera......"

Grande Francesco. :)

Paco
24-06-2003, 08.27.25
Originariamente inviato da Giorgio Drudi


Dunque c'è qualcosa che non sei in grado di fare...:D ...lo stesso dicasi per gli altri....o hai adottato la massima "socialista"...ciò che tuo è mio ...e ciò che è mio è mio..:D

Ti trovo più disteso...ti sei fatto una pasta..?...:D

É la mia nuova filosofia. :D
No, non mi sono fatto una pasta, ma un piatto di pasta con il pomodoro. :D

Paco
24-06-2003, 08.28.08
Originariamente inviato da Stalker


Grande Francesco. :)

Grazie Stalker per la lettera che hai pubblicato. ;)