PDA

Visualizza versione completa : 4 Novembre


Sergio Neddi
05-11-2000, 00.17.00
Oggi... anzi, ieri era il 4 Novembre. Festa delle forze armate, ecc. ecc.
Sono stato alla Basilica di Monte Berico a Vicenza con il mio coro a cantare per l'occasione.
Messa celebrata del vescovo, poi i discorsi ufficiali in piazza.
Ciò mi ha fatto riflettere: ma come viene vissuta questa festa dalla popolazione, si, insomma, dalla gente comune?
Ha un senso oppure sono considerate baggianate?

Billow
05-11-2000, 20.40.07
Beh a me... da bravo Triestino non può essere indifferente...

è la data in cui Trieste e Trento sono tornate all'Italia... ;)

Sergio Neddi
05-11-2000, 22.21.23
Bene, vedo che siamo allineati... dal canto mio mi sono commosso...

beza
05-11-2000, 22.37.07
mi sento un po' intimorito a entrare in discussione con i "pezzi grossi" del forum...

Però l'argomento è interessante. Io credo che sarebbe una buona cosa se ricorrenze come queste potessero servire per invogliare, stimolare a ricordare, interessarsi e, perché no, studiare "cose" come WW1 (che non c'entra col web). E' chiaro che chi ha vissuto direttamente tali avvenimenti, o chi, come Billow, è in altro modo coinvolto, provi emozioni anche forti, ma, e qui viene il mio dubbio, credo che la "popolazione", se andassimo a interrogarla, potrebbe darci parecchie delusioni... o mi sbaglio?

Sergio Neddi
05-11-2000, 22.42.21
Appunto per questo ho avviato questa discussione.

beza
05-11-2000, 22.56.40
Beh, io non credo di sentirmi patriota, per lo meno non nell'accezione del termine che può portare a pensare anche a certe cosucce non proprio simpatiche... è un termine, IMHO, un po' "pericoloso" per la storia che ha avuto, soprattutto ultimamente. Però, a pensare alla catastrofe della Grande Guerra, alla inettitudine di certi generaloni, e alla resistenza, anche eroica degli uomini... io ho ventisette anni e certe cose riesco a malapena a immaginarle.

marlab
05-11-2000, 23.52.10
Allora, non pensavo che qualcuno parlasse dell'argomento, ma già che ci siamo, ho voglia di buttare fuori il rospo, anzi un rospone di quelli...(Ocio che sparo a zero, non so se alla fine cancellerò tutto).

Dunque mettiamola così: in mezzo alla città ed alla gente indaffarata c'è un gruppo nutrito di militari, civili e militari-pensionati-civilizzati-che-non-si-levano-dalle-palle-finchè-non-sono-morti che sta di fronte (di faccia, proprio, 1 metro!) ad una giostra per bambini (per fortuna chiusa).

Si inquadrano e si spostano una mezza dozzina di volte ma, si sa, i militari coi civili non usano la stessa impostazione. Poi tutti quelli che danno gli ordini e dispongono le file nessuno li conosce.

Arriva qualche politico di m... (quale che sia il suo partito). Sembrano ubriaconi: barba incolta, senza cravatta e scarpe di colore sbagliato sul vestito sdrucito. (Sì, però hanno la banda tricolore! Eh! sdrucita anche quella!)

Oh, bello quello col baschetto da parà ed il cespuglione di capelli tenuti dietro con l'elastico a formare un bel codone. Rimpiangi i bei tempi della naja, quando ti rapavano a zero eh, bastardo? Cosa vuoi dimostrare adesso? Che sei libero? Di che cosa?

Poi una banda musicale tipo Oggi-Le-Comiche comincia a suonare e la gente si accorge di quel gruppo di strani personaggi, chiedendosi da dove escono quei soggetti e che cazzo vogliono, che bloccano il traffico alla gente che lavora.

Infatti qualcuno che comanda ha deciso all'improvviso di farsi una parata per la strada, in mezzo alle auto che passano, tipo corteo di scioperati dei miei anni 80 ("Andreottiiiii: booiaaaa" chi se li ricorda certi slogan?), banda in testa. Militari che passeggiano ciondolanti come le bandiere ed i gonfaloni, invece di marciare (quando mischi militari e civili...).

Camminando lungo la strada, si finge che un monumento sia ai caduti e ci si appone la corona. Invece su quel monumento i ragazzi ci si siedono per farsi le canne.

Saluti, attenti, riposo ecc. Tutti sparpagliati ed ufficiali che si dimenticano di dare il riposo. I militari scogli o nati che non vedono l'ora di andarsene.

Continua la passeggiata, coi CC sulle moto che per passare in testa e fermare il traffico in tempo si fanno 300 metri contromano in moto zigzagando tra le auto.

Alla fine tutti in chiesa a messa. Dopo la messa, altra passeggiata sulla via del ritorno... ma no, un momento, vanno tutti al cinema (chi vuole entra chi non vuole non sa che deve fare, chi vuole se ne va e chi vuole si accende una sigaretta...). Ah, c'è uno che fa un discorso lì dentro... Dai che ci vado subito a sentirlo!

Disgregazione e smenbramento: ognuno va dove vuole. Divise, civili, politici, pensionati, reduci. Si mischiano ancora per un po'...
Ma di chi era la festa? Ma che divise sono quelle lì?
Ma 4 novembre della prima o della seconda guerra mondiale?
:(

DOV'E' IL SENSO DI TUTTO CIO'?
QUANTI RAGAZZI SONO STATI AMMAZZATI IN MODI COSI' ATROCI...
E PER ARRIVARE A QUESTO? PER FARLI MORIRE DI NUOVO ALTRE MILLE VOLTE?
:(
Nessuno più piange per i caduti alle Termopili.
Se i valori sono morti con loro facciamola finita con le ipocrisie ed eliminiamo anche la ricorrenza del 4 novembre! Almeno, evitando le buffonate, porteremo a questi morti molto, molto ma molto più rispetto col nostro silenzio e con l'oblio che segue a tutte le grandi tragedie dell'umanità!
:(

(ehm, devo aver battuto qualche record stasera... Colpa di Sergio che mi ha provocato ;))

Billow
06-11-2000, 11.12.33
Marlab... anche se espresso in un modo un po' crudo... il tuo ragionamento non fa una piega...

c'è troppa gente che mangia e vive sull'orgoglio nazionale.... e sui ns. morti


personalmente mi vedo defraudato dagli attuali politici ( ma quelli prima erano peggio) dei valori di quella che è stata la + brutta tra le guerre moderne... ovvero l'ultima delle guerre classiche...

e ti spiego il perchè....


a Plezzo (attuale Bovec in Slovenia) ci ha lasciato le penne un caporale triestino di 26 anni ... che ha ricevuto poi dallo stato 2 croci di guerra....

lasciando una moglie di 23 anni ed un figlio nato postumo...
ebbene quel figlio era mio padre
nato il 28.02.1918 :( :(

P.s. lo so che mi ha fatto a 48 anni ;) ;)

Eteria
06-11-2000, 13.36.44
C'è da dire una cosa!!! Dall'anno prossimo il 4 Novembre diventerà festa nazionale, quindi se casca in settimana si sta a casa da lavoro o da scuola!!! hehhee!!!
Per il resto la penso come Marlab, lasciamo stare i morti e portiamogli rispetto!!! Non si meritano di essere presi in giro da queste manifestazioni modello circensi che vengono organizzate al giorno d'oggi e adattate alla società per trovare un pretesto per far consumo. Pure io ho un nonno che ha combattuto in quella guerra e mi da fastidio vedere con quanta superficialità organizzano ste giornate commemorative... dateci sti giorni di ferie e non se ne parli più che le mascherate son finite tre giorni prima e fino a carnevale c'è da augurarsi di non vederne più.

Etabeta
06-11-2000, 14.59.15
Originally posted by beza
mi sento un po' intimorito a entrare in discussione con i "pezzi grossi" del forum...



se parli di billow......:D guarda le ultime foto........che cmq non è che abbia molto pancetta....:D :D :p

scherzo!

cmq dal mio punto di vista, oltre che per Trst ( trieste in serbo...) ....boh...non saprei.........

beza
06-11-2000, 15.19.32
Beh, avevo visto solo le foto di Neddi... :D

Quello che volevo suggerire è il "pericolo" di incendiarsi su questi argomenti, perché ci vanno di mezzo - e lo si è visto bene anche "qui" - dei sentimenti molto forti, che in questo caso specifico sono da parte mia totalmente condivisi, ma che rischiano di far acquistare alla discussione elementi pericolosamenre emotivi, nel senso che diventa facile feririsi a vicenda e alzare la voce...
Se ci fosse la possibilità di provare a evitare "sentenze" socio economico politiche definitive, forse si potrebbe scoprire qualche elemento inedito dagli altri, ascoltarlo e discuterne. Ma mi rendo perfettamente conto che siamo su un terreno minato, io stesso temo di essere frainteso. Tuttavia, trovo molto bello che ci sia spazio (mentale) per le nostre parole.
Ad esempio, rischiando di debordare dal tema, io amo il cinema e ho avuto l'occasione di vedere film bellissimi sulla Grande Guerra, come "Orizzonti di gloria" di Kubrick, o "Uomini contro", di Rosi, per fare due nomi. qualcuno li ha visti?, che ne pensa? Anche l'"arte nuova" offre materiale, tempo e spazio per le idee.