PDA

Visualizza versione completa : [*buntu]Ubuntu from scratch: la distro (quasi) perfetta


tiger.forum
12-11-2009, 09.38.03
Ciao a tutti, è il mio primo post; dopo aver provato decine di distribuzioni, ho capito che forse sono arrivato al traguardo finale che poi è una partenza per un'altra fase di conoscenza: volevo realizzare una mia personale distribuzione basata su Ubuntu.

Inizio nel dire che ho appreso che esiste un progetto chiamato "Ubuntu Mini Remix" che non è una vera e propria distribuzione, bensì in poco più di 130 MB è racchiuso il cuore di Ubuntu, vale a dire solo alcuni meta-pacchetti essenziali al boot e di base ad Ubuntu stessa, il tutto senza nessun ambiente desktop ma solo UI a riga di comando; insomma è Ubuntu ridotta all'osso; lo scopo del progetto è quello che poi l'utente customizza la distro tramite qualsiasi tool di remastering (UCK, Reconstructor, RemasterSys) aggiungendo ogni sorta di pacchetto/meta-pacchetto a piacimento.

Ed è proprio ciò che voglio fare io, cioè "cucirmi" addosso come un vestito la mia personale distro basata (e dunque compatibile al 100) su Ubuntu; come D.E. vorrei metterci LXDE, come Window manager OpenBox e file manager PcManFileManager; chiaramente a seguire gli altri pacchetti che io ritengo debbano esserci (codec proprietari, apps specifiche ecc.)

Vengo al cuore del post: il progetto Ubuntu Mini Remix dichiara di avere i meta-pacchetti base come ad esempio Ubuntu-standard, Ubuntu-mini, casper...; mi domando ma come è possibile ottenerli in maniera "stand-alone" singolarmente? Mi spiego meglio, avete presente quando ho vari file e voglio farci un archivio .ZIP? Non faccio altro che archiviare tutto i file che mi servono e creo il file .ZIP; si può fare la stessa cosa anche con i meta-pacchetti? Ho cercato sul sito ufficiale di Ubuntu se era possibile scaricarli singolarmente "stand-alone" ma non li ho trovati.

Bisogna obbligatoriamente effettuare talune operazioni su una distro installata e funzionante? E se non si dispone di una connessione ad Internet sul proprio computer di appartenenza?

Oppure l'unica strada da percorrere è quella di "snellire" una Ubuntu ufficiale con tool di remastering (fino a farla diventare quella che oggi è conosciuta appunto come Ubuntu Mini remix) e poi aggiungere i vari pacchetti? (e dunque assemblare i vari meta-pacchetti)? Se è così è una vera fregatura...

Aspetto vostre illuminazioni, ciao!

volkov
21-07-2012, 11.26.44
Scusa ma in quanto tempo hai provato tutte queste distro?
Ubuntu nell'ambiente linux è ufficiosamente chiamata "il windows dell'opensource".
Secondo me non hai approfondito abbastanza altre distro come fedora, per esempio, che ha molta più stabilità di ubuntu LTS anche se possiede pacchetti aggiornatissimi.
Provala (fedora) con serietà e dedizione e vedrai che non potrai non essere d'accordo con me.

mes1970
26-07-2012, 14.42.34
Beh ... se parliamo di stabilità dire Debian e basta!! ;)
Ho usato diverse distro, Ubuntu fin dalle sue prime uscite, RedHat, Fedora, OpenSuse ecc. e posso dire che Debian rimane sempre la migliore più stabile, performante ecc.;)

booty island
26-07-2012, 16.53.52
Dipende anche dal DE.

mes1970
27-07-2012, 17.50.12
Dipende anche dal DE.

??DE?? :timid: scusa ma cosa intendi???

borgata
27-07-2012, 17.58.55
Immagino intenda Desktop Environment.

mes1970
27-07-2012, 18.09.21
Ok - ma a quel punto siamo già ad un livello più alto e il DE non è legato alla distro (+/-) se non erro ;):rolleyes:

booty island
28-07-2012, 00.03.17
Mi riferivo alla leggerezza.