PDA

Visualizza versione completa : Internet: il blog ti può uccidere?


Robbi
08-04-2008, 09.03.11
http://digilander.libero.it/absinthlacasinista/immagini/varie/blogger.jpg



La morte arriva col blog: lo stress di tener aggiornato 24 ore su 24 un diario on line combinato con l'assenza di esercizio fisico e di sonno e con una dieta irregolare e malsana, sono un cocktail potenzialmente letale che ha cominciato a mietere vittime nel mondo del web.

Due settimane fa in Florida è stato celebrato il funerale di Russell Shaw, un prolifico blogger di temi tecnologici morto improvvisamente di infarto a 60 anni.

In dicembre un altro blogger suo amico, Marc Orhant, era finito sottoterra per un esteso blocco alle coronarie. Un terzo, Om Malik, ha avuto un infarto negli stessi giorni ma ce l'ha fatta: ha appena 41 anni.

Sono casi isolati o la punta di un iceberg? Se lo è chiesto il New York Times raccogliendo le lamentele di persone rete che hanno perso peso o sono diventati obesi, che non riescono più a dormire regolarmente o crollano esausti sulla tastiera: tutti disturbi, se non proprio malattie, attribuite allo stress di dover produrre notizie in un ciclo di informazione non stop in cui la concorrenza è spesso feroce.

Un mese fa su Problogger.com l'australiano Darren Rowse, che contribuisce a una ventina di blog oltre ai due da lui curati, ha offerto ai suoi lettori un piccolo manuale di sopravvivenza: tra i consigli, quello di tagliare le catene della scrivania e "tornare a buttar giù idee su taccuini di carta.




Altre info (http://news.wintricks.it/framer.php?ID=25075)

Sbavi
08-04-2008, 09.06.25
Vabè però mica si sta parlando di ragazzini..

The Saint
08-04-2008, 10.14.30
Anche io all'epoca, quando ero newser a tempo pieno e praticamente quasi solo, ho avuto 2-3 infarti....... :p


Scherzi a parte... penso siano casi molto isolati, e cmq provocati anche da altri fattori non legati per forza al web...

Jessi Bell
08-04-2008, 10.38.23
Secondo me è assurdo... Sono da almeno 4 anni una blogger accanitissima e, sovrappeso a parte (che non è determinato comunque dal blog, perchè è sempre stato il mio 'status'),
non mi identifico in questa decrizione. E' ora di dire basta a chi punta il dito contro la 'rete' e non nè conosce i meccanismi. Se una persona ha dei 'problemi', li ha comunque, internet o non internet.

DanLee
08-04-2008, 14.35.16
Jessi, credo che la notizia, almeno in questo caso, non si debba leggere come un "attacco al web".
E' indubbio che determinati comportamenti influiscano positivamente o negativamente sulla nostra salute, statisticamente intendo.
E' sempre la solita solfa... Io fumo da anni ma non mi viene nessuna malattia, e un mio amico non fumatore è morto con un tumore ai polmoni...
E di queste cose ne sento quotidianamente purtroppo, anche sul clima e problemi connessi, e in questo modo si tende a giustificare e a minimizzare i rischi!

Ovviamente, lo stare seduti davanti ad un PC può portare a disturbi alimentari (non si rispettano gli orari biologici e si mangia di fretta), non si fa attività fisica ovviamente perchè seduti, si può entrare in una fase come dire di "dipendenza". Ma la cosa potrebbe valere per la TV, per i videogames, per il telefonino, per il modellismo ecc ecc

Ma questo ovviamente non solo per i bloggers, ovviamente. Pensa a chi è dipendente da pornografia in rete, ai giocatori incalliti, ai totali altruisti che per aiutare gli internauti e per sfoggiare le porprie capacità tecniche dorme davanti a un forum!

Ma in tutto ciò ci sono miliardi di variabili, magari tu sei dipendente dalla rete però non usi l'automobile e quindi cammini molto. Oppure il tuo fisico è portato a risanare velocemente le cellule, o ancora nonostante la tua vita sacrificata alla rete, riesci a ritagliarti quel tempo necessario per mangiare con serenità, svagarti e staccare la spina quando necessario!

Quindi, in sintesi, ci sono delle condizioni e comportamenti che posso causare problemi, e quindi semplicemnte è bene starci attenti e non sottovalutarli.

Poi che un certo tipo di giornalismo e una società ottusa ci ricamino attorno questo è un altro discorso. Seguendo questi elementi potrei tranquillamente dirti che anche il lavoro è stressante e causa di morte (e questo è un discorso molto serio meglio non affrontarlo), ma ovviamente un politico contemporaneo col suo lavoro non avrà mai di questi problemi ;D

Ciao

alfonso60
09-04-2008, 14.35.33
bhè si, quoto e sono completamente d'accordo con il contenuto l'articolo. Per alcuni (quindi non tutti) il blogger assiduo ed in genere i computer dipendenti si possono considerare anche come persone affette da una sorta di vera e propria malattia e che può anche uccidere.

E' innegabile che ad una certa età (dai 40 anni in su) e con il concorso anche di altri fattori di rischio.. una attività che ti inchioda parecchio tempo davanti ad un monitor, ti procura stress (fattore di rischio per il cuore), sedentarietà (fattore di rischio per cuore), magari fumo e/o anche alcool (fattore di rischio per il cuore), alimentazione sregolata ed approssimativa (fattori di rischio per il cuore) magari consumata anche davanti al computer, orari non dettati dal sorgere e dal tramonto del sole.. insomma direi uno stile di vita altamente rischioso per le coronarie e per la propria vita! ;)

Buona fortuna ai blogger!