PDA

Visualizza versione completa : Uniti per la sicurezza informatica


Robbi
02-04-2008, 08.01.59
https://www.cittadininternet.org/UserFiles/Image/logo_aci_onlus.gif




In occasione del convegno “La sicurezza non più solo fattore di costo, ma occasione di sviluppo e immagine: Esperienze e soluzioni a confronto” organizzato a Roma dall’ANSSAIF (Associazione Nazionale Specialisti Sicurezza in Aziende di Intermediazione Finanziaria), è stato presentato il protocollo d’intesa tra l’associazione dei consumatori Adiconsum e Cittadini di Internet ONLUS : associazione che ha come finalità la promozione culturale, la solidarietà sociale e la tutela dei diritti costituzionali nei settori delle comunicazioni sociali e commerciali, di Internet e delle attività informatiche.

Pur incoraggiando l’uso del web, le due associazioni hanno deciso di unire le loro forze per evidenziare i pericoli della Rete e insegnare a utilizzarla senza correre rischi. Per questo motivo, hanno pianificato assieme una serie di iniziative mirate a informare e difendere i milioni di utenti che ogni giorno utilizzano Internet.

L’uso imprudente dei mezzi di comunicazione e di Internet compromette seriamente la privacy. Ciò rende necessario che esperti del settore gestiscano una costante e aggiornata azione di informazione e comunicazione sui rischi che tutti corrono on-line, al fine di chiarire il modo in cui inserire il software necessario a ogni computer per affrontare con sicurezza la “navigazione”, l’invio di posta elettronica, l’acquisto on-line e i servizi pubblici o bancari.

“Cittadini di Internet” e Adiconsum lavoreranno assieme per stipulare accordi con Software House che possano offrire gratuitamente i loro prodotti a tutti gli utenti di Internet.







Home Page (http://news.wintricks.it/framer.php?ID=25000)

RNicoletto
02-04-2008, 09.59.14
“Cittadini di Internet” e Adiconsum lavoreranno assieme per stipulare accordi con Software House che possano offrire gratuitamente i loro prodotti a tutti gli utenti di Internet.Ho sempre pensato alla sicurezza in Rete come una questione culturale. Più che a stipulare accordi con le Software House penserei a sistemi per forzare l'inserimento di corsi di formazione all'interno di scuole, aziende e Pubblica Amministrazione. Ad es. in merito alla legge 626 sulla "Sicurezza sul lavoro" è stata fatta moltissima informazione e potrebbe essere un esempio da ricalcare per quanto concerne l'uso consapevole di Internet. :o