PDA

Visualizza versione completa : WORK UNITS COUNTDOWN


james
12-06-2001, 12.44.12
Si potrebbe proporre a quelli di Standford di mettere un bel conto alla rovescia che indichi le caccole rimanenti alla conclusione del progetto

Cosa ve ne pare?

james
12-06-2001, 14.54.58
Ok non vi piace;)

Oberdan
12-06-2001, 15.12.20
Ciao James, scusa... mi ero ripromesso di rispondere e poi, preso da altro mi sono distratto.
L'idea sarebbe molto simpatica, ma non è applicabile. Nemmeno a Stanford sanno quanto a lungo si dovrà lavorare su ogni singola proteina, dunque nemmeno quanto durerà l'intero progetto.
Da quello che ho capito le cose funzionano più o meno così: i servers inviano le WUs di una ceta proteina ai clients e questi elaborano e restituiscono i dati; Stanford analizza i dati restituiti e, non appena ottiene i risultati attesi, passa allo stadio successivo. Il punto è che nessuno può sapere in anticipo quante WUs dovranno essere elaborate perché si arrivi ai risultati voluti. ;)

koff
12-06-2001, 15.22.53
sapete quale sarebbe una bella statistica? visualizzare per ciascun nick oltre al totale WU, anche il numero di betahairpin, DNA, villin, altzheimer ecc. elaborate...
sarebbe interessante, no?
ma mi sa che è improponibile... :(

eporta
12-06-2001, 17.25.19
Ciao Koff,
Penso anch'io che sia impossibile...
Innanzitutto non penso proprio che a Stanford, con tutti i
casini che hanno, abbiano uno storico di tutto quello che è
stato scaccolato da ciascuno di noi e poi se si iniziasse
anche da oggi, non ci sarebbe tanto gusto visto che ci
rifilano DNA_Mimic e DNA_Mimic2 da mezzo sacco l'una senza
troppi problemi...

Comunque bella l'idea!! :cool:
Cenko

P.S. Il PC dopo il varo con la bottiglia di champagne
è poi ripartito? (D)(D)

Oberdan
12-06-2001, 17.33.21
Anche se non è la stessa cosa, chi utilizza EM ha già una statistica del genere. Naturalmente con partenza dal momento in cui ha installato EM... ;)
Questi sono i miei dati riassuntivi aggiornati alla scorsa settimana:

dna_binder_mimic,220
betahairpin,134
designed,1
altzheimer1,9
villin,16
275,8

Purtroppo sono dati parziali. :(

james
12-06-2001, 20.09.19
Oberdan non incavolarti ma a me un progetto di cui non si sa la fine non è che entusiasmi molto

Cioè per farti un esempio le Aziende Farmaceutiche investono migliaia di miliardi nella ricerca (3000-6000 miliardi) l'anno e poi passano alla sperimentazione che va dai 3 ai 6 anni dipende da molti fattori ma in linea di massima i tempi li sanno....

Cmq le mie sono solo riflessioni e non voglio fare polemica e neppure mettere in cattiva luce il progetto che dopo tutto reputo valido

[Edited by james on 12-06-2001 at 20:26]

Oberdan
12-06-2001, 23.17.00
Perchè mai dovrei incavolarmi? ;)
Io non sono un biologo e quindi non ho e non posso avere certezze su questo argomento. Credo solo che, per la natura stessa di questa ricerca, sia difficile stabilire un termine temporale al progetto. Lo scopo è dichiarato: comprendere il processo di folding delle proteine e riuscire a simularlo, per avere poi una concreta possibilità di "correggere", diciamo così, gli errori che causano alcune malattie. Con molta probabiltà si saranno anche dati un limite di tempo, entro il quale decidere se questa ricerca va continuata o abortita; ma io non ne sono a conoscenza. Per quanto tempo si dovrà lavorare sulle singole proteine, non è però dato saperlo in anticipo; per le ragioni che dicevo nel precedente messaggio.
Risultati incoraggianti ne hanno già avuti e hanno anche pubblicato qualcosa in merito; quindi credo che, almeno al momento, vi siano ottime ragioni per proseguire. Per il futuro... chi vivrà, vedrà. ;)