PDA

Visualizza versione completa : Persi 25 milioni di dati personali!


Robbi
22-11-2007, 08.36.38
<p align="center"><img class="" style="width: 305px; height: 280px" height="304" width="297" alt="" src="http://gallery.panorama.it/albums/userpics/10023/normal_brown2~0.jpg" /></p><p align="justify">A volte sembra che certi pasticci siano prerogativa delle Amministrazioni di&nbsp; paesi come il nostro dove vige un certo pressapochismo nell'affrontare&nbsp;tematiche legate alla sicurezza dei dati. Sentite che&nbsp;&egrave; successo&nbsp;in terra di Albione.</p><p align="justify">Venticinque milioni di dati personali finiti nelle mani di chiss&agrave; chi. Data di nascita, indirizzo, numero della tessera dell&rsquo;assicurazione sociale, conto corrente bancario. Praticamente met&agrave; della popolazione britannica &egrave; ora a rischio di frode monetaria e d'identit&agrave; a causa della pi&ugrave; imponente perdita di dati mai verificatasi nell'ambito dei servizi della pubblica amministrazione.</p><p align="justify">L'ufficio delle tasse inglese &egrave; infatti riuscito a smarrire due dischi contenenti tutte le informazioni relative ai beneficiari dei sussidi per i figli che in Inghilterra sono numerosissimi dato che si tratta di un finanziamento governativo a cui tutti i genitori con figli al di sotto di 16 anni hanno diritto. Il suo ottenimento &egrave; praticamente automatico e non esiste limite di reddito per la richiesta.</p><p align="justify">I due dischetti erano stati inviati via corriere ad un ufficio londinese della Corte dei conti di Londra che li aveva richiesti, ma non sembrano essere mai giunti a destinazione. Intendiamoci: la perdita in s&eacute; non &egrave; grave dato che si trattava di copie, il problema &egrave; sapere in quali mani siano andate a finire.</p><p align="justify">Il governo ha subito messo le mani avanti affermando di non credere che i dati siano in possesso di malintenzionati, ma di certo la vicenda &egrave; gravissima sia per come si sono svolte le cose che per il ritardo con il quale sono state avvertite le autorit&agrave; competenti.</p><p align="justify">Ieri lo stesso Primo ministro Gordon Brown &egrave; stato costretto a scusarsi per lo smarrimento dei dati.</p><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.corriere.it/esteri/07_novembre_21/persi_dato_fisco_cf0c3b24-983a-11dc-89d7-0003ba99c53b.shtml" target="_blank">Altre Info </a><br /><br /><br /><br /><br />

rondix
22-11-2007, 09.47.07
Non credo se ne faranno qualcosa di quei dati, ammesso che verranno usati per scopi illeciti, basta incrociare i dati e controllare la situazione che alla fine gli eventuali malfattori saltano fuori da soli, devono operare allo scoperto prima o poi. Certo e' grave il fatto ma comunque sottolineo che almeno un alto responsabile dello stato si e' scusato davanti alla nazione per l'accaduto ..... (Si sarebbero scusati fosse successo in Italia ???? :anger: )

miguel
22-11-2007, 12.43.07
mah, per quanto riguarda l'uso magari gli escamotages ci sono, ci sta che uno possa usarli in modo malizioso...c'e' da dire che comunque la cosa e' grave.
Comunque NON SOLO un alto responsabile dello stato si e' scusato davanti alla nazione (il primo ministro), ma il massimo responsabile di quei dati, il ministro attuale delle finanze, si e' dimesso. Come e' giusto che sia, e le colpe devono scendere per la catena di responsabilita'.
In Italia sarebbe successo che: chi le ha perse (le poste) si sarebbe nascosto dietro le clausole (se perdiamo la vostra posta sono catsi vostri), chi ha spedito si sarebbe rivolto al sindacato dicendo che a lui hanno detto di spedire e che e' prassi normale, chi ha ordinato di spedire sarebbe svanito nel nulla, il ministro delle finanze avrebbe scaricato il barile dicendo che lui non puo' mica occuparsi di tutte le formalita' d'Italia, e il presidente del consiglio (di qualunque parte esso fosse stato) avrebbe detto un "non so mica io..."

RNicoletto
23-11-2007, 10.23.25
Comunque NON SOLO un alto responsabile dello stato si e' scusato davanti alla nazione (il primo ministro), ma il massimo responsabile di quei dati, il ministro attuale delle finanze, si e' dimesso. Piccola precisazione: non si è dimesso il Ministro delle Finanze ma bensì il responsabile dell'Agenzia di Fisco e Dogane di Sua Maestà (in Italia corrisponderebbe al Direttore Generale dell'Agenzia delle Entrate).

exodus68
23-11-2007, 14.43.58
Comunque, chi ha inviato i dischi (immagino dei CD) e' un emerito pirla superficiale.

Io lavoro presso il sistema informativo di una struttura pubblica e a volte devo inviare dei dati a strutture esterne. Beh, con questi che devono ricevere i miei dati siamo daccordo che glieli mando almeno compressi con password... Per lo meno quando si tratta di dati non particolarmente sensibili. Se poi sono molto sensibili, li crittografo pure, cosi', se dovesse capitare che non arrivano dove devono arrivare, almeno sono inutilizzabili.

Eppur, basta poco...
Exodus

zen67
23-11-2007, 15.48.07
la madre dei fessi è sempre pregnant...:o


:D

ottobre_rosso
23-11-2007, 16.34.45
la madre dei fessi è sempre pregnant...:o


:D


Amen :o