PDA

Visualizza versione completa : La corte Europea boccia bollini SIAE


Robbi
16-11-2007, 08.36.31
<p align="center"><img class="" style="width: 370px; height: 238px" height="264" alt="" width="434" src="http://www.europarl.europa.eu/eplive/expert/photo/20060120PHT04552/pict_20060120PHT04552.jpg" /></p><p align="justify">Un'interessante sentenza &egrave; stata emessa in questi giorni dalla Corte di Giustizia delle Comunit&agrave; Europee, e va a toccare un tasto sempre molto caldo in Italia: il diritto d'autore. In sintesi, la pronuncia emanata dispone che l'obbligo di apporre sui CD contenenti opere protette dal diritto d'autore il contrassegno SIAE ai fini della commercializzazione, non pu&ograve; essere fatto valere nei confronti di un privato allo stato attuale in Italia, sussistendo una carenza a carico dello Stato Italiano che non ha ancora provveduto ad ottemperare degli obblighi &quot;procedurali&quot; sulla materia, nei confronti della Commissione Europea competente.</p><p align="justify">Nel 2000 la Procura della Repubblica di Forl&igrave; avvia una indagine preliminare nei confronti del rappresentante legale di una societ&agrave;, &quot;accusato&quot; di detenere - al fine di commercializzazione - una determinata quantit&agrave; di cd importati dalla Germania e contenenti riproduzione di opere pittoriche. Motivo dell'indagine: i cd erano sprovvisti di bollino SIAE.</p><p align="justify">Avviato il procedimento, l'avvocato difensore dell'indagato solleva una questione di non poco conto, ovvero &quot;insinua&quot; la mancanza di &quot;regolarit&agrave;&quot; da parte della normativa nazionale. Difatti nel caso di specie - ovvero in materia di disciplina dei contrassegni - l'Italia avrebbe dovuto provvedere a notificare alla competente Commissione delle Comunit&agrave; Europee, il fatto di aver adottato una disciplina in materia di contrassegni, in contrasto con la direttiva del Consiglio 83/189/CEE del 28 marzo 1983. Questa mancata notifica della normativa tecnica specifica, poneva dei seri dubbi sulla &quot;pretesa punitiva&quot; dello Stato Italiano rispetto all'indagato.</p><p align="justify">Sulla questione &egrave; cos&igrave; intervenuta la Corte di Giustizia Europea che si &egrave; trovata a dover accertare se le nostre norme italiane in tema di contrassegno SIAE siano compatibili o meno con le direttive vigenti, e se in caso negativo, il contrassegno SIAE possa considerarsi una &quot;specificazione tecnica&quot; tale da dover essere preventivamente notificata alla Commissione, per potersi ritenere valida.</p><p align="justify">&nbsp;</p><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.notizie.net/sites/notizie.net/themes/notizie.net/go/go.php?url=http%3A%2F%2Fwww.i-dome.com%2Fdocs%2Fpagina.phtml%3F_id_articolo%3D12 009" target="_blank">Altre Info </a><br /><br /><br /><br /><br />

rondix
16-11-2007, 09.19.17
Torniamo allora un passo indietro per vedere che cos'e' veramente la SIAE: http://www.report.rai.it/R2_popup_articolofoglia/0,7246,243%255E90082,00.html
:inkaz:

bricci_mn
20-11-2007, 11.22.20
Perché non è legale l'uso del lanciafiamme contro certa gente, in Italia?

Ricordo un mio commento qualche tempo fa riguardo alla SIAE...