PDA

Visualizza versione completa : Eicma 2007


TyDany
10-11-2007, 20.12.29
Ieri sono stato all'Eicma, probabilmente il più importante salone motociclistico europeo, e volevo scambiare qualche impressione con voi.

Innanzitutto sui biglietti che hanno raggiunto la "modica" cifra di 18€... a questo aggiungiamoci che di parcheggio finisci per spendere tra i 10 e i 15 euro e abbiamo fatto filotto... pazzia! Se non fosse che io i biglietti non li ho pagati non sarei mai andato.

Ma passiamo al salone vero e proprio, a questo link (http://www.tydany.it/Monster/Foto/Eicma2007/index.html) potete trovare una galleria fotografica, è personale quindi ovviamente mi sono soffermato solo sulle cose che mi hanno colpito o mi interessavano di più. Buona parte di quanto dirò sarà incentrato sull'estetica, una moto senza provarla non la si può certo giudicare e le migliorie tecniche le possiamo solo leggere ;)

Ma partiamo con ordine, il primo stand all'ingresso, ovviamente parlo di quelli dei grossi costruttori, è quello Kawasaki. Subito la prima sorpresa negativa, la nuova ZX10R (immagini 1098 e 1099) è veramente brutta, anzi, io la trovo assolutamente inguardabile! Assolutamente imparagonabile alla vecchia, bella, grossa ed ignorante come le verdone ci piacciono. Per il resto il solito bello stand grosso e spazioso e una miriade, come vedrete in foto, di tope. La Kawasaki vince la palma di stand a più altro rischio di mal di cuore :D. Fanno poi bella mostra di se, una vicino all'altra, le Kawa da corsa, motogp, SBK e supersport.

Poco più in là lo stand MV - Cagiva (Da 1108 a 1115), fino all'anno scorso c'erano anche cross e motard giallo blu ceduti ora a BMW. Si notano il restyling della Cagiva Mito, anche se non mi colpisce più di tanto, e poi l'aumento di cilidrata dei motori di F4 e Brutale che vengono presentate in varie livree, tra cui un F4 blu che io ho trovato proprio brutta. Poche novità quindi che sembrano avvalorare le voci per cui MV non stia per niente passando un bel momento.

Passiamo a Suzuki (Da 1118 a 1127), oltre alla paurosa B-King, di cui non digerisco gli scarichi, troviamo dei ritocchi alla GSX, poco da dire, continuo a trovarla una bella moto. Accanto allo stand principale ce ne sono alcuni piccoli con le moto da corsa, si nota subito come manchino le moto di Biaggi e Hopkins a cui sono state preferite quelle di Vermuelen e Kagayama. Lo stesso ha fatto Ducati, moto col 65 non ne ho viste, mentre gli altri costruttori se ne sono abbastanza fregati.

Una capatina a vedere la Superbike Vectrix (1129 e 1130), moto elettrica, accreditata di una velocità massima di 200 orari!, e poi tappa alla Yamaha da cui porto a casa solo la foto della splendida R1 di Haga. Novità qui ne ho viste poche, esteticamente R1 ed R6 non sono cambiate molto.

In Aprilia (1135-1140) mi soffermo particolarmente su questo coraggioso e, a mio modo di vedere, bellissimo prototipo. Della nuova SBK quattro cilindri c'è ancora solo il motore, dovremo ancora aspettare.

Arriviamo alla Honda (1142-1145), mi rifiuto di fotografare il nuovo CBR, lo trovo veramente anonimo, e mi soffermo un pò di più sulla vecchia con le grafiche del team Ten Kate, è la moto che ha portato al titolo Giacomino Toseland, ma viene messa decentrata... in piena vista, invece, in mezzo allo stand la grande sconfitta del motomondiale di quest'anno, nella versione Pedrosa ed in quella Melandri.

Signori e signore mettetevi comodi, a questo punto i miei amici si siedono e pregano che io mi stufi, siamo arrivati allo stand Ducati! A dire il vero non c'è moltissimo di nuovo, esteticamente parlando. Appena entrato però mi lancio verso l'angolo dei nostri eroi, in bella mostra la campionessa del mondo motogp, la replica stradale, la 1098 campionessa del mondo Superstock e la 1098, ancora grezza, con cui Troy Bayliss darà l'assalto al mondiale SBK 2008. Dalla 1147 alla 1165 potete ammirare la perfezione da pista made in Borgo Panigale. E passiamo alle note dolenti, la novità più chiaccherata di questo stand, il nuovo Monster. Guardatela, gli ho fatto un servizio coi fiocchi, dalla 1166 alla 1185, e non fatevi distrarre dalla splendida modella. A me NON piace, mi dispiace, ma non piace proprio, l'ho guardata e riguardata, l'ho sezionata, alla fine mi sono girato poco convinto e mi sono trovato davanti l'S4R tricolore (1186-1187)... ecco, questo è un Monster!
Tante poi le novità sulle supersportive, ma esteticamente sono tutte come la bellissima 1098, e merita una menzione la 848 perla (1188) che a me ha fatto sbavare :p

Saltino alla BMW, per vedere la nuova sportiva, non è male (1190-1191) e la moto campione stunt (1194)

Arriviamo quindi alla KTM e tutte le nostre attenzioni vengono attirate dalla prima superbike arancione, la RC8 (foto dalla 1197 alla 1204). A me non piace, il muso poi sembra è allucinogeno, però devo ammettere che la casa austriaca ha fatto una scelta coraggiosa e ha mantenuto il family feeling con il resto della gamma, le tipiche linee dure e spigolose.

Il racconto si conclude con una serie di piccole case italiane che dimostrano quanta fantasia e quanto estro ci sia nella nostra penisola. Quest'anno secondo me le italiane battono nettamente per distacco le jap, e perfino asutriache e tedesche gli danno un bel filo da torcere! Ma veniamo alla "casettine" italiane, alla Moto Morini (1205-1207) trovo la più bella sorpresa della stagione, la Granpasso! Moto sul segmento della BMW GS che ho trovato davvero bellissima. In Guzzi c'era qualcosa di simili ma con un muso assolutamente inguardabile! C'è poi l'NCR (1209-1215) con i suoi gioielli su base Ducati, leggerissime, potentissime e piene di materiali preziosi... i costi sono da svenimento! Anche la Bimota presenta una fila di novità motorizzate Ducati, ma purtroppo di queste mi mancano le foto, lo stile è quello Bimota, a me personalemente piaciono tantissimo! In Benelli la novità è una moto da cross e una supermotard non male, su supersportive e naked le stesse cose.

Girovaghiamo in giro e prima di uscire incrociamo Melandri, scortato da ben tre poliziotti, mentre Bayliss girovaga in scioltezza... incrocio altre due D16 che catturano l'attezione della mia reflex e, per chiudere in bellezza, ripassiamo in Kawasaki... eh sì, lì mi sa che le moto le notano in pochi... con cotante standiste!