PDA

Visualizza versione completa : WiMax ai blocchi di partenza!


Robbi
15-10-2007, 08.11.07
<p align="center"><img class="" alt="" src="http://static.blogo.it/downloadblog/wimax.gif" /></p><p align="justify">Luci e ombre sulla procedura di assegnazione delle licenze sul WiMax voluta dal ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni.</p><p align="justify">Il lato positivo &egrave; indubbiamente il fatto che finalmente anche in Italia si inizia a regolamentare l'utilizzo delle frequenze WiMax (Worldwide Interoperability for Microwave Access), che sfruttano la propagazione via radio della banda larga e consentiranno di raggiungere parti del territorio italiano fino ad ora escluse dalla possibilit&agrave; di un collegamento Internet veloce (su rete fissa). In pratica una vera alternativa alla Adsl.</p><p align="justify">Le ombre restano invece sulle modalit&agrave; scelte dal Ministro per rilasciare queste licenze. &Egrave; stato infatti indetto un bando per l'assegnazione di tre diritti d'uso complessivi (blocchi A, B e C); i primi due sono destinati a solo tre operatori per ognuna delle &quot;macroregioni&quot; appositamente create, mentre l'ultimo blocco &egrave; rilasciato a livello regionale.</p><p align="justify">Inoltre la concessione d'uso di queste frequenze ha una durata di 15 anni (rinnovabile), non pu&ograve; essere ceduta a terzi e decade nel momento in cui la frequenza non sia utilizzata per 30 mesi consecutivi.</p><p align="justify">Purtroppo in questo provvedimento non si fa riferimento alcuno alla possibilit&agrave; di lasciare una parte di frequenze al libero utilizzo senza scopo di lucro. Viene negata in questo modo l'idea che almeno una parte della rete WiMax sia destinata a tutti e venga considerata un bene comune.</p><p align="justify">&nbsp;</p><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/tecnologia/grubrica.asp?ID_blog=30&ID_articolo=3259&ID_sezione=38&sezione=News" target="_blank">Altre Info </a><br /><br /><br /><br /><br />