PDA

Visualizza versione completa : Gioco ONU per i diritti umani


Robbi
25-08-2007, 09.28.42
<p align="center"><img hspace="0" src="http://www.adnkronos.com/IGN/Assets/Imgs/G/Gioco_diritti_umani--200x150.jpg" align="baseline" border="0"></p><p align="justify">Se Ban Ki-Moon allunga le braccia e riesce a prendere la Dichiarazione dei diritti umani delle Nazioni Unite, hai guadagnato_cento punti. Tanti quanti ne vale la libertà di espressione. Sono questi i due ''oggetti positivi'' in cima alla classifica, come li ha definiti il web master che ha creato<a href="http://www.saddleup.co.uk/liberalinternational/">/</a>il videogame per la difesa dei diritti umani. <a href="http://www.saddleup.co.uk/liberalinternational/">http://www.saddleup.co.uk/liberalinternational/</a></p><p align="justify">Uno spazio virtuale diviso, come lo è il mondo reale, in buoni e cattivi dove il delegato a salvare il mondo è nientemeno che il segratario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon. </p><p align="justify">Ideato da Liberal International (LI), la federazione mondiale dei partiti liberali, democratici e progressisti, il videogioco ha come obiettivo quello di informare sull'importanza di tutelare i diritti umani e di abrogare quanto li mette a rischio. </p><p align="justify">Su tutto, il genocidio: basta avvicinarsi e il gioco finisce. Game over. Perché con la morte non si gioca, almeno qui. Se nel Web spopolano i videogiochi di al-Qaeda o quelli di Hezbollah dove si accumulano punti ''uccidendo il nemico sionista'', qui il gioco è bello se dura tanto. </p><p align="justify">Nell'area del meno, ovvero dei punti che si perdono se si viene investiti da talune tragedie, troviamo invece la pena di morte: viene subito dopo il genocidio e comporta una penalità di cento punti. Se ne perdono 75, invece, se si prevedono i bambini soldato, i priginieri politici, i brogli elettorali o la corruzione. Meno 50 punti, invece, per i terroristi. Punteggi, o sottrazioni di punteggio, sui quali si potrebbe discutere, ma dei quali comunque fare tesoro. Il bene vale più del male. E il gioco, questa volta, non ha la connotazione negativa che spesso accompagna quello fatto dagli adulti. </p><p align="justify">Inoltre, tra una partita e l'altra, c'è spazio per la riflessione. Sul sito, infatti, compiano stime e definizioni fornite direttamente dall'Onu. Come quella sui bambini soldato: le Nazioni Unite stimano che siano più di 300mila quelli impegnati nei conflitti armati. O la definizione di rifugiato: persona che viene perseguitata per questioni di razza, religione, appartenenza a un gruppo etnico o politico, costretto per questo a vivere lontano dal paese natìo. O, ancora, la pena di morte, definita una ''combinazione di eccessiva crudeltà e profonda ingiustizia'' in vigore in ben 68 Paesi. </p><p align="justify">Una domanda, alla fine della partita, misura il grado di consapevolezza del giocatore. Per non dimentare, una volta spento il pc. <br></p><br /><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=90&ID_articolo=180&ID_sezione=163&sezione=" target="_blank"> <li>Altre Info</li> </a><br /><br />