PDA

Visualizza versione completa : Tunnel Alaska-Russia


Robbi
23-04-2007, 09.35.38
<p align="center"><strong><img hspace="0" src="http://worldheritage.heindorffhus.dk/russia-MapAlaskaBeringSea.gif" align="baseline" border="0"></strong></p><p align="justify"><strong>News Atipica!</strong></p><p align="justify">La Russia sta progettando di costruire il più lungo tunnel sottomarino al mondo, e la prossima settimana i funzionari di Mosca presenteranno ufficialmente il progetto ai governi canadese e statunitense. L'imponente opera collegherà la Siberia all'Alaska e conterrà condutture per petrolio e metano, cavi per l'elettricità, fibre ottiche, un'autostrada e una linea ferroviaria per il trasporto merci. </p><p align="justify">Il collegamento supererà lo stretto di Bering, coprendo una lunghezza di più di 100 Km sott'acqua e battendo quindi di gran lunga il record attualmente detenuto dall'Eurotunnel della Manica (39 Km). La costruzione del «Bering Strait Tunnel» è solo una parte del colossale progetto d'ingegneria destinato a rifornire di energia Canada e USA: è prevista infatti la costruzione e il potenziamento di un corridoio di trasporto superficiale, sia su suolo russo che americano, per un totale di circa 6.000 Km. </p><p align="justify">Per completare i lavori saranno necessari 10-15 anni e lo stanziamento di circa 65 miliardi di dollari. In Alaska si sta già pensando a come sviluppare un piano di condutture per trasportare gli idrocarburi dall'estremo Nord agli altri 48 Stati della Federazione. </p><div class="p" align="justify">Il_collegamento trans-oceanico farà risparmiare al Nord America e alla Russia circa 20 miliardi di dollari in elettricità, grazie a cavi ad alto voltaggio della capacità di 15 Gigawatt. Allo stesso modo sembra che tutti gli investimenti nella nuova rete di trasporto verranno recuperati in pochi anni grazie ai guadagni derivati dagli scambi tra i Paesi messi in collegamento. </div><br /><br /><a href="http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.arctic.net/~snnr/tunnel/" target="_blank"> <li>Altre Info</li> </a><br /><br />

rondix
23-04-2007, 10.24.25
Speriamo che non faccia Flop come quello nella Manica, non avevano fatto i conti sul fatto che molte persone non se la sentono di percorrere cosi' tanti chilometri all'interno di un budello ...... (Non solo questo comunque)

Perusar
23-04-2007, 10.30.19
C'è anche da dire che con tutta probabilità non sarà una tratta molto frequentata dai turisti... :D anche perchè le zone collegate non sono così densamente popolate

Poseidon
23-04-2007, 10.54.21
E come la mettiamo con i terremoti sottomarini e la tettonica a placche? d'accordo che la tettonica a placche richiede milioni di anni per provocare effetti, ma di terremoti sottomarini penso se ne continio a migliaia. E poi tutti quei cavi dell'alta tensione, sebbene opportunamente schermati, non interferiranno con l'habitat sottomarino?.. che ne so magari andando a disturbare i sistemi sonar dei cetacei o cose del genere.

AndrejChikatjlo
23-04-2007, 11.59.33
<p align="center"></p><p align="justify"><strong>News Atipica!</strong></p><p align="justify">....... e conterrà condutture per petrolio e metano, cavi per l'elettricità, fibre ottiche, un'autostrada e una linea ferroviaria per il trasporto merci. </p><p align="justify">........destinato a rifornire di energia Canada e USA</div><br /><br />

Pls, leggere bene cosa passerà nei tubi.... A qualcuno forse sfugge che la Russia sta portando avanti una politica di conquista del mondo. Si parla naturamente di conquista del mercato energetico. E non solo. Provate a immaginare chi è che ha le maggiori produzioni (e riserve, e giacimenti) di:
Petrolio
Uranio
Metano
GPL
Carbone
Acqua
ecc ecc

Allo stesso tempo, gli oleodotti che dall'alaska al resto degli usa sono stati ridimensionati (downsizing) portandoli a un quarto della loro precedente capacità. E se vengono ridotti c'è un solo possibile motivo. CNon c'è niente da metterci dentro...

RNicoletto
23-04-2007, 12.23.36
Speriamo che non faccia Flop come quello nella Manica, non avevano fatto i conti sul fatto che molte persone non se la sentono di percorrere cosi' tanti chilometri all'interno di un budello ...... (Non solo questo comunque)
Il problema principale dell'Eurotunnel non è la claustrofobia dei passeggeri quanto invece i costi esorbitanti per attraversarlo.

Un viaggio di sola andata in auto Francia ==> Inghilterra può costare da un minimo di 69€ ad un massimo di 279€ !! :wall:

zen67
23-04-2007, 13.57.31
..........................
Allo stesso tempo, gli oleodotti che dall'alaska al resto degli usa sono stati ridimensionati (downsizing) portandoli a un quarto della loro precedente capacità. E se vengono ridotti c'è un solo possibile motivo. CNon c'è niente da metterci dentro...

Ragazzi ma non penserete mica che l'invasione dell'Iraq sia stata fatta per le armi di distruzione di massa e quella del Afghanistan per stanare Bin Laden e i talebani (ex Mujaidin quando questi combattevano contro i russi ed erano sostenuti dallo stesso zio sam....)

AndrejChikatjlo
23-04-2007, 14.08.41
Ragazzi ma non penserete mica che l'invasione dell'Iraq sia stata fatta per le armi di distruzione di massa e quella del Afghanistan per stanare Bin Laden e i talebani (ex Mujaidin quando questi combattevano contro i russi ed erano sostenuti dallo stesso zio sam....)

Certo che no! Basta guardare chi non ha preso parte alla "liberazione" dell'Iraq (Francia, Germania, Russia; proprio quelli che i pozzi ce l'avevano già...). L'Afghanistan è un crocevia fondamentale per il petrolio.
Negli usa da estrarre ne è rimasto ben poco, in Russia ce n'è ancora tanto. L'Artico è pieno di petrolio, e quanti sono i paesi che si affacciano sull'Artico? E chi è che ci si affaccia? Vi aiuto io: Russia (per quasi metà artico), poi Norvegia (2° produttore al mondo di petrolio), Canada, Danimarca (con la Groenlandia) e USA con l'Alaska (ma sono in minoranza rispetto agli altri 4).

E poi l'acqua, indovinate un po' chi e' che sta investendo in acquedotti dalla siberia al medio oriente? Altro che oro nero...

zen67
23-04-2007, 15.28.29
......................

E poi l'acqua, indovinate un po' chi e' che sta investendo in acquedotti dalla siberia al medio oriente? Altro che oro nero...

Questa sarà la vera causa di guerre e casini nei prox decenni.....(oggi fiume Pò -80 lago garda -50.......)


apparentemente http://forum.nipogames.com/images/smilies/novembre2003/offtopic.gif
Sarà ma io la vedo veramete nera... e nel medio, non più nel lungo periodo... :crying: , penso che gli effetti di queste variazioni climatiche ci savranno in maniera esponenziale..... :wall: saranno xxxxxx per tutti.....

RNicoletto
23-04-2007, 16.11.11
...poi Norvegia (2° produttore al mondo di petrolio)...
Stando a questo schema (http://en.wikipedia.org/wiki/Chart_of_exports_and_production_of_oil_by_nation) la Norvegia è 9a tra i produttori di petrolio.

Comunque il tuo discorso è più che valido! (Y)

rondix
23-04-2007, 16.13.50
[QUOTE=RNicoletto]Il problema principale dell'Eurotunnel non è la claustrofobia dei passeggeri quanto invece i costi esorbitanti per attraversarlo.

Verissimo, difatti la mia era all'inizio una provocazione, comunque vera anche quella in parte minore (sottolineata dai puntini di sospensione e fra parentesei "non solo questo comunque")

La loro rete di hovercraft era gia' molto economica ...... e veloce (35 minuti)

rondix
23-04-2007, 16.14.31
.

Cissiboy
23-04-2007, 18.54.37
Stando a questo schema (http://en.wikipedia.org/wiki/Chart_of_exports_and_production_of_oil_by_nation) la Norvegia è 9a tra i produttori di petrolio.

non per fare il pignolo che tanto non cambia nulla..cmq secondo quello schema, quanto a produzione, la Norvegia è al 7° posto nel mondo..

AndrejChikatjlo
24-04-2007, 11.25.34
non per fare il pignolo che tanto non cambia nulla..cmq secondo quello schema, quanto a produzione, la Norvegia è al 7° posto nel mondo..

Infatti, poi bisogna vedere le fonti (opec, unione petrolifera, ecc ecc), e anche cosa considerano come produzione, se quella sul territorio o anche in giro per il mondo. Poi, io sapevo che era 2° nel 2006. Ma insomma, siamo la, la sostanza non cambia.