PDA

Visualizza versione completa : [LINUX] A parte il sw iniziale, in cosa differiscono ?


realtebo
27-07-2006, 12.59.09
Esistono decine e decine di distro, m mi chiedevo se, a parte la dotazione sw iniziale, quali il desktop system (kde/gnome per es.), hanno delle profonde differenze tra di loro...

ovvero: cercando, scaricando legalmente, e installando quanto mi serve, ogni distro puo fare le stesse cose ? o ci sono dei profondi divari tra le varie distro ?

escluderei anche le differenze con la gestione dei pacchetti per le installazioni, prima o poi ognugno impara a compilarseli ed installarli.

Ghandalf
27-07-2006, 17.45.06
Una distribuzione non è altro che il kernel linux, un gestore di pacchetti, un installer e degli applicativi GNU.

Detto questo, non tutte le distro offrono le stesse cose, ad esempio mandriva e suse offrono un certro di controllo piuttosto completo.

Inoltre, cosa intendi per dotazione? I pacchetti applicativi oppure i tools per la gestione del sistema? In quest'ultimo caso, ci si trova sempre su un sistema linux possono cambiare i front-end implementati e sviluppati dalle diverse distro. Ma se vado ad editare a mano i files di configurazione ottengo spesso (non sempre) la stessa cosa che avrei ottenuto attraverso il tool grafico.

Potenzialmente ogni distro può fare tutto, praticamente non è sempre così poiché spesso il kernel viene patchato dal distributore stesso e questo vincola le prestazioni e le funzionalità del sistema alla particolare versione del kernel.

Per quanto riguarda i gestori di pacchetti non sono d'accordo sul fatto che prima o poi si impara ad installarli dai sorgenti. Installare un software dal sorgente non ha un graché di senso se esiste per la propria distro già compilato e pronto all'installazione. Utilizzare i sorgenti crea spesso dei problemi soprattutto se si deve lavorare e non studiare il sistema..;)

Se hai un'ora per metter su un server è comodo avere apache, samba, squid etc etc pronti per essere installati con un semplice comando che sia apt, yum od urpmi. Inoltre spesso installando dai sorgenti si hanno problemi con la rimozione del software a meno di non conservare i log ed i sorgenti installati.

Non parlerei di divari, ogni ditro può far girare apache piuttosto che samba, si tratta di un differente approccio alla soluzione delle diverse problematiche.

Il supporto spesso fa la differenza oppure la disponibilità di pacchetti ottimizzati, la frequenza degli aggiornamenti...etc etc

Tenendo fuori distro che nascono per fare dei precisi lavori, come quelle dedicate alla creazione di firewall, router o proxy.

Tutto questo rende ogni distribuzione diversa dall'altra, lavorando con la linea di comando generalmente importa poco su quale distribuzione ci si trovi, i tools GNU sono sempre gli stessi e funzionano sempre allo stesso modo, file di configurazione compresi..

:)

realtebo
27-07-2006, 21.03.11
Potenzialmente ogni distro può fare tutto, praticamente non è sempre così poiché spesso il kernel viene patchato dal distributore stesso e questo vincola le prestazioni e le funzionalità del sistema alla particolare versione del kernel.


Non parlerei di divari, ogni ditro può far girare apache piuttosto che samba, si tratta di un differente approccio alla soluzione delle diverse problematiche.


credo che mi hai risposto: cambia l'approccio e talvolta il kernel, ma per l'utente medio-basso (io)... non cambia nulla.

con la frase, errata, 'installare dai sorgenti', intendevo poi dire che se ci sono rpm o simili si usano quelli, sennò a manazza li compilo con calma, etc. quest'ultima è davvero l'ultima strada, specie con redhat o mandriva dove rpm e simili sono molto disponibili e pratici, compreso il gestore dei pacchetti, ottimo in mandriva, per esempio.

si sa di grosse patch ai kernel che rendono come si suol dire qualcosa di questa distro non compatibile con quella distro là ?

Ghandalf
28-07-2006, 10.54.45
credo che mi hai risposto: cambia l'approccio e talvolta il kernel, ma per l'utente medio-basso (io)... non cambia nulla.

E' proprio per l'utete finale che cambia molto, personalmente indipendentemente dalla distro su cui mi trovi utilizzo molto la linea di comando -->> poche differenze operative da una distro all'altra.
Se utilizzassi i tools grafici, passando da mandriva a slack dovrei sicuramente imparare ad utilizzare tools grafici diversi, idem per SUSE.


con la frase, errata, 'installare dai sorgenti', intendevo poi dire che se ci sono rpm o simili si usano quelli, sennò a manazza li compilo con calma, etc. quest'ultima è davvero l'ultima strada, specie con redhat o mandriva dove rpm e simili sono molto disponibili e pratici, compreso il gestore dei pacchetti, ottimo in mandriva, per esempio.
si sa di grosse patch ai kernel che rendono come si suol dire qualcosa di questa distro non compatibile con quella distro là ?


Il problema non sono le grosse patch, magari semplici e piccole patch o correzioni al codice sorgente etc etc. Un buon tentativo didattico è quello di avviare una distribuzione con l'immagine del kernel di un'altra, ad esempio avviare una suse con il kernel di una mandriva. Il sistema probabilmente partirà ma ci saranno sicuramente dei problemi in monti front-end. Nel tempo le piccole patch tendono ad essere molto numerose differenziando il kernel molto più di quanto potrebbe fare un'unica grossa patch.