PDA

Visualizza versione completa : Pessotto cade da finestra uffici Juventus, è grave


Gigi75
27-06-2006, 14.31.18
http://www.juventusturyn.com/pessotto.jpg

TORINO (Reuters) - L'ex-terzino della Juventus e della Nazionale Gianluca Pessotto è caduto stamani da una finestra del quartier generale della società bianconera a Torino ed è stato portato all'ospedale Le Molinette di Torino, in condizioni gravi anche se non critiche.

A comunicarlo è l'ufficio stampa della Juventus, precisando che l'ex calciatore ha riportato fratture multiple ma non è in pericolo di vita. Al momento non è chiara la dinamica di quanto accaduto.

Secondo una prima ricostruzione, Pessotto sarebbe caduto dal secondo piano della palazzina alta circa 15 metri.

Fonti investigative hanno riferito che l'ex-calciatore aveva un rosario tra le mani e che la caduta è stata attutita da due auto parcheggiate sulla strada.

Sconcerto per quanto accaduto è stato espresso dalla dirigenza della squadra bianconera.

"Non riusciamo a spiegarci la causa per dire come sia accaduto...L'unica cosa che voglio dire siamo tutti con lui, vicino a lui in questo momento, con la speranza e certezza che si risolverà tutto e in breve tornerà a riprendere quel ruolo che con tanta emozione e volontà ha accettato un mese fa", ha detto Alessio Secco, direttore sportivo del club, in collegamento telefonico con SkyTg 24.

Pessotto, dopo aver militato nella squadra bianconera dal 1995, è stato nominato a maggio nuovo team manager della squadra al posto di Secco.

Il difensore ha realizzato di 22 presenze in Nazionale ed è stato titolare in una delle formazioni bianconere che ha totalizzato il maggior numero di vittorie nella storia del club: in 11 anni ha vinto 6 scudetti e una Champions League nel 1996.

Il capitano dell'Italia e difensore della Juventus Fabio Cannavaro oggi ha abbandonato la conferenza stampa nel quartier generale degli azzurri a Duisburg quando ha avuto la notizia della caduta di Pessotto.

La Juventus è una delle squadre maggiormente coinvolte nello scandalo che ha travolto il calcio italiano in questi ultimi due mesi ed è stata deferita alla Commissione d'appello federale dal procuratore della Figc Stefano Palazzi dopo le indagini condotte dall'ex magistrato Francesco Saverio Borrelli.

L'ex direttore generale bianconero Luciano Moggi è indagato dalla procura di Napoli per associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva.
http://today.reuters.it/news/newsArticle.aspx?type=topNews&storyID=2006-06-27T122031Z_01_POL744401_RTRIDST_0_OITTP-SP-CALCIO-PESSOTO-PUNTO.XML&ImageID=

Pessotto: stop conferenza Cannavaro
L'ex giocatore, ora dirigente della Juve, caduto da finestra
(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Subito dopo aver appreso la notizia di Gianluca Pessotto, Fabio Cannavaro ha interrotto la conferenza stampa visibilmente scosso. Il difensore, appresa la notizia dal vice capo ufficio stampa della Figc Stefano Balducci, ha abbassato la voce interrompendosi subito e, visibilmente scosso, si e' alzato andandosene. Gianluca Pessotto, ora team manager della Juve, e' caduto da una finestra della sede bianconera mentre era solo nel suo ufficio.
http://www.ansa.it/mondiali2006/news/topnews/2006-06-27_1274228.html


PESSOTTO IN PROGNOSI RISERVATA, FRATTURE MULTIPLE
(AGI) - Torino, 27 giu - Ginaluca Pessotto, ricoverato alle Molinette di Torino e' in prognosi riservata con fratture multiple, ma non sarebbe in pericolo di vita. Questo e' quanto filtra dall'ospedale Molinette di Torino, dove Pessotto, 35 anni, gia' giocatore della Juventus ed oggi team manager, e' stato ricoverato dopo essere caduto da una finestra della sede della societa' bianconera, in Corso Galileo Ferraris a Torino.
Per quanto riguarda le sue condizioni di salute dall'ospedale torinese si parla di "Codice Giallo".
http://www.agi.it/news.pl?doc=200606271411-1130-ROM-SPR-A-ORD01


:((F)

Gigi75
27-06-2006, 14.34.33
CALCIO: IN CORSO ACCERTAMENTI SCIENTIFICA SU INCIDENTE PESSOTTO

Torino, 27 giu. (Adnkronos) - Sono in corso, in questo momento, accertamenti da parte della Polizia scientifica presso la sede della Juventus di Torino, dove un'ora fa circa, l'ex calciatore ed ora dirigente bianconero Gianluca Pessotto e' caduto nel vuoto. In breve tempo, davanti al Palazzo del club bianconero, in corso Galileo Ferraris, si sono radunati decine tra giornalisti, fotografi e cineoperatori.
http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Sport&loid=1.0.482595347

Lo choc tra gli azzurri
DUISBURG (Ger), 27 giugno 2006 - "Scusatemi, ma non me la sento di continuare". Fabio Cannavaro abbandona la conferenza stampa, allestita sotto il tendone del centro sportivo di Duisburg, appena viene a conoscenza della terribile notizia di Gianluca Pessotto. Il capitano passa dal sorriso luminoso a una smorfia di dolore. Letteralmente sconvolto si alza e se ne va. "Che si so' persi", aveva dichiarato poco prima, a proposito dei personaggi politici italiani che sembrano un po' snobbare il cammino della Nazionale qui in Germania, disertando un contatto diretto in tribuna.
Poi un giornalista dà la notizia dell'Ansa: "Pare che Pessotto sia caduto da una finestra della sede della Juventus". Fabio e tutti i rappresentanti realizzano la drammaticità dell'annuncio qualche istante dopo. Il capitano della Nazionale diventa bianco in volto, e impietrito si precipita dai compagni di squadra. Più in là parlano anche Materazzi e Barzagli, ma la notizia che arriva da Torino azzera tutto. "E' un amico, sono sconvolto - dice Materazzi -. E' stato anche a lungo in Nazionale. Gli auguro di uscirne presto senza danni. Gli faccio gli auguri miei e di tutta la Nazionale". "Era in tribuna ad Amburgo per il match contro la Repubblica Ceca - dichiara Antonello Valentini, capo ufficio stampa della Figc -. Era con il direttore generale della Juventus, Alessio Secco. Era sereno, tranquillo. Non capisco. Grande persona Gianluca. Un esempio per tutti noi". E corre da Marcello Lippi. Dicono che il c.t. sia sotto choc. L'Australia diventa improvvisamente un pallido ricordo
http://www.gazzetta.it/Speciali/Mondiale_2006/Primo_Piano/2006/06_Giugno/27/poppessotto.shtml

Cannavaro: "Pessottino è l’uomo più buono del mondo"

DUISBURG - A Duisburg, nel ritiro dell’Italia, la notizia della tragedia sfiorata presso la sede della società bianconera con la caduta dell’ex giocatore bianconero Gianluca Pessotto da una finestra della sede stessa (per gli inquirenti si tratterebbe di un tentativo di togliersi la vita) è arrivata come un fulmine a ciel sereno. A portarla è stato il vice capo ufficio stampa della Figc, Stefano Balducci.

CANNAVARO SCONVOLTO
Il capitano della nazionale, Fabio Cannavaro, compagno di squadra di Pessotto, che stava in quel momento tenendo una conferenza stampa, ha interrotto il suo incontro con i giornalisti e si è allontanato visibilmente turbato: «Sono sconvolto, Pessottino è l’uomo più buono di questo mondo», dice lasciando la sala. Domina l’incertezza e l’incredulità, anche perchè mancano notizie sulle circostanze dell’episodio.

«Ho incontrato Pessotto nell’intervallo della partita di Amburgo contro la Repubblica Ceca. Ci siamo abbracciati era contento» dice il capo ufficio stampa azzurro, Valentini. Sbigottito Materazzi: «Era qui con noi l’altro giorno. Cosa è successo ora? È un nostro amico, molti di noi hanno giocato con lui in Nazionale. Gli siamo vicini».
http://www.calcio2000.it/pub/147/show.jsp?id=999&iso=10&is=147

Flying Luka
27-06-2006, 14.39.00
In quanto dirigente, è' ipotizzabile che l'abbiano "suicidato" visti i non onorevoli ultimi intrallazzi?

Forse che era a conoscenza di qualcosa di molto scomdo?

gardy77
27-06-2006, 14.39.45
perchè mai fare una cosa del genere????

lui è sempre stato un giocatore leale ed onesto... forse nasconde qualche verità scomoda che non vuole rivelare???


cmq sono altamente rattristato da questa notizia!!

spero si possa rimettere (F)

Gigi75
27-06-2006, 14.40.01
Calcio: Pessotto, potrebbe aver tentato il suicidio
27/06/2006 14.23.00
[Italia/mondo]


(ANSA) - TORINO, 27 GIU - Alcune circostanze fanno propendere gli inquirenti per l'ipotesi che Gianluca Pessotto abbia tentato di togliersi la vita. Pessotto e' infatti salito fino a un abbaino, stringendo tra le mani un rosario e da li' e' precipitato nel cortile interno. Dapprima e' finito su un'Alfa 147 che era parcheggiata, poi e' rimbalzato su una Lancia Phedra che era a fianco ed e' quindi finito a terra. Sul posto si sono recati il questore Rodolfo Poli e il sostituto procuratore Andrera Calice. KSP (Riproduzione Riservata)
http://www.basilicatanet.it/news/article.asp?id=441204

PESSOTTO PRECIPITA DA FINESTRA DELLA JUVE, FORSE TENTATO SUICIDIO

TORINO - L' ex giocatore e ora dirigente della Juventus Gianluca Pessotto è precipitato dalla finestra della sede della Juventus, a Torino. E' stato trasportato in gravi condizioni all' ospedale Molinette. Alcune circostanze fanno propendere gli inquirenti per l' ipotesi che Gianluca Pessotto abbia tentato di togliersi la vita. Pessotto è infatti salito fino a un abbaino, stringendo tra le mani un rosario e da lì è precipitato gettato nel cortile interno. Dapprima è finito su un 'Alfa 147 che era parcheggiata, poi e' rimbalzato su una Lancia Phedra che era a fianco ed è quindi finito a terra. Sul posto si sono recati il questore Rodolfo Poli e il sostituto procuratore Andrera Calice.

Fabio Cannavaro ha appreso dell'incidente di Gianluca Pessotto mentre era in conferenza stampa a Duisburg. Il capitano azzurro ha subito interrotto l'incontro con i giornalisti. Dopo aver avuto la notizia dal vice capo ufficio stampa della Figc Stefano Balducci, ha abbassato la voce interrompendosi subito e, visibilmente scosso, si è alzato e se ne e' andato.

Pessotto era stato nominato poche settimane team manager dalla nuova dirigenza della Juventus e, come ogni mattina, si era recato nel suo ufficio della sede bianconera, in corso Galileo Ferraris, nell' elegante quartiere torinese della Crocetta. Poco dopo e' avvenuto l' incidente. L' ex terzino della Juventus e della Nazionale era solo nel suo ufficio al secondo piano. Scattato l' allarme, è stato trasportato con un' ambulanza del 118 al Pronto Soccorso di chirurgia delle Molinette. Ha riportato fratture multiple ed è in prognosi riservata.

Marco Girotto, capo ufficio stampa della Juventus, che si è recato all' ospedale Molinette ha detto che l' ex calciatore "ha riportato fratture multiple, ma la sua vita non è in pericolo".

"Non ho idea di che cosa possa essere successo, sono sconvolto", ha commentato il direttore marketing della Juventus, Romy Gai, richiamato in sede dopo il grave incidente a Pessotto. "Non sappiamo ancora come siano andate le cose, vedremo - ha detto Marco Girotto, capo ufficio stampa della Juventus che si è recato all' ospedale Molinette - Gianluca ha riportato fratture multiple, ma la sua vita non è in pericolo".

Il nome di Pessotto non è mai comparso nelle inchieste di "calciopoli" e nemmeno fra i deferiti alla Commissione d' appello federale che dovrà giudicare dei reati sportivi. Era però finito come testimone nell' inchiesta sul doping condotta dal pubblico ministero Raffaele Guariniello ed era stato interrogato durante il processo. Pessotto, il 27 maggio scorso era stato nominato team manager della Juventus, al posto di Alessio Secco, nominato direttore sportivo. Aveva accettato le offerte del nuovo amministratore delegato pro tempore, Carlo Sant' Albano, e lasciato l'attività agonistica nonostante l'anno di contratto che ancora lo legava alla Juventus come calciatore. A chi gli aveva chiesto del nuovo incarico si era dichiarato "felice di questa esperienza". "Mi permette - aveva aggiunto - ancora di restare a contatto con la squadra e assorbire meglio il distacco dal campo".

LO STUPORE DI MATERAZZI, ERA CON NOI L'ALTRO GIORNO
Sbigottimento. E' questa lo stato d'animo che ha pervaso la sala stampa di Duisburg e gli azzurri, quando dall'Italia è arrivata la notizia di Gianluca Pessotto. "Era qui con noi l'altro giorno - ha detto Marco Materazzi - cosa è successo ora?". Materazzi ha poi espresso l'augurio di tutto il gruppo azzurro. "E' un nostro amico, molti di noi hanno giocato con lui in Nazionale. Io lo conosco personalmente. L'augurio è che si riprenda presto, senza alcun danno. Noi azzurri gli siamo vicini".
http://www.ansa.it/main/notizie/fdg/200606271440246712/200606271440246712.html

Fëanor
27-06-2006, 14.44.45
a cosa porta l'esasperazione del calcio...

(F)

Silence
27-06-2006, 14.48.59
Assurdo...se ha tentato il suicidio sono senza parole :(


Forza Gianluca (F)

wilhelm
27-06-2006, 14.55.21
(F)

Gigi75
27-06-2006, 15.28.58
Calcio: per pessotto frattura del bacino, atteso bollettino medico

Torino, 27 giu. - (Adnkronos) - A quanto apprende l'ADNKRONOS l'ex giocatore Gianluca Pessoto avrebbe riportato una frattura al bacino. Al momento sono ancora in corso accertamenti e si attende un bollettino medico della direzione sanitaria dell'ospedale Molinette di Torino. Accanto a Pessoto c'e' la moglie, un amico e anche alcuni dirigenti bianconeri.
http://www.metronews.it/det.php?id=124328&fid=adnk_id

CALCIO, PESSOTTO OPERATO PER FORTE EMORRAGIA INTERNA

Gianluca Pessotto si trova in sala operatoria all'ospedale Molinette di Torino per un intervento non invasivo che viene effettuato dal primario di radiologia interventista Claudio Rabbia. L'intervento si è reso necessario per una forte emorragia interna.
http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/2006/rep_nazionale_n_1609263.html?ref=hprepnews

Downloader
27-06-2006, 15.32.40
Sono rimasto di sasso quando l'ho letto.

Rimettiti presto Gianluca, sei troppo giovane per lasciare questa vita (F)

Gigi75
27-06-2006, 15.37.44
Accertamenti per Pessotto: tra un'ora il bollettino medico

Gianluca Pessotto, caduto in circostanze ancora non chiarite dal secondo piano della sede della Juventus, è stato sottoposto in questi minuti ad accertamenti medici, in particolare ad una tac.

Tra un'ora dovrebbe essere reso noto il primo bollettino medico ufficiale.
http://www.sports.it/it/cmc/calcio/200626/cmc_97857.html

Muttley
27-06-2006, 16.33.14
Juve: Pessotto sottoposto ad angiografia

15.57 Gianluca Pessotto e' attualmente sottoposto a un intervento di angiografia da parte del primario di radiologia interventistica professor Claudio Rabbia al pronto soccorso dell'ospedale delle Molinette di Torino. L'intervento serve per arginare l' emorragia interna provocata dalle fratture.

Calciomercato.com (http://www.calciomercato.com/index.php?c=21&a=8671)

(F)

Flying Luka
27-06-2006, 16.35.13
In quanto dirigente, è' ipotizzabile che l'abbiano "suicidato" visti i non onorevoli ultimi intrallazzi?

Forse che era a conoscenza di qualcosa di molto scomdo?

Qualcuno mi risponde per favore? :)

Muttley
27-06-2006, 16.40.58
Qualcuno mi risponde per favore? :)
Prova a dare un occhio a quest'articolo (http://www.gazzetta.it/Calcio/Squadre/Juventus/Primo_Piano/2006/06_Giugno/27/PESSO.shtml) della gazzetta.

Mut .

Astro
27-06-2006, 16.42.05
Qualcuno mi risponde per favore? :)

E' presto per questo tipo di risposte....

Anche io ho fatto (http://www.wintricks.it/forum/showpost.php?p=1187546&postcount=1690) una simile considerazione... :rolleyes:

interceptor
27-06-2006, 16.46.09
:( (f)

Thor
27-06-2006, 16.49.44
Assurdo...se ha tentato il suicidio sono senza parole :(
Forza Gianluca (F)
(F)

Gigi75
27-06-2006, 16.56.19
Pessotto, cellulare trovato sul tetto

La polizia sta ancora eseguendo accertamenti nella sede della Juventus in corso Galileo Ferraris dopo il drammatico incidente occorso a Gianluca Pessotto.

Alla reception della sede juventina hanno raccontato di un suo comportamento anomalo: giunto con la sua Grande Punto, Pessotto l'ha portata nel garage sotterraneo e non nel cortile che è a livello strada come faceva di solito.

Sul davanzale dell'abbaino, dal quale si sarebbe gettato, sono state trovate le chiavi dell'auto e il suo telefono cellulare. Sul tetto della palazzina sono saliti alcuni uomini dei vigili del fuoco per fare accertamenti.

Dottor Agricola: "Pessotto non era malato"

"E' un'idea ridicola, come coloro che la sostengono. Una cosa che mi fa ridere, roba da pazzi. Posso dire soltanto questo", raggiunto telefonicamente dall'agenzia radiofonica GRT, Riccardo Agricola, commenta con sdegno l'ipotesi, secondo la quale Gianluca Pessotto, caduto da una finestra mentre si trovava nella sede della Juventus in corso Galileo Ferraris, possa aver scoperto di essere malato.

http://www.sports.it/

Fëanor
27-06-2006, 17.00.24
sul "dottor" agricola non spenderei nemmeno due parole.
spero per lui che non abbia sulla coscienza la vita di questo poveraccio...

Gigi75
27-06-2006, 17.03.10
Pessotto: condizioni stabili
Prognosi riservata, intervento per bloccare emorragia

Le condizioni di Pessotto sono definite 'stabili compatibilmente alla grave situazione generale' in un bollettino emesso dai medici. L'ex calciatore e' tutt'ora sottoposto a intervento endovascolare per 'embolizzazione delle lesioni arteriose'. In particolare nella caduta ha riportato la lesione dell'arteria ipogastrica di sinistra e una conseguente emorragia retroperitoneale. Ha anche riportato fratture varie.
http://www.raisport.rai.it/sportarticolo/0,10719,40267,00.html

biologist1972
27-06-2006, 17.12.51
pensava forse di volare come il passero di del piero.... :)
spero che si riprenda al più presto (F) (F)

Gigi75
27-06-2006, 17.54.11
sul "dottor" agricola non spenderei nemmeno due parole.
spero per lui che non abbia sulla coscienza la vita di questo poveraccio...

27.06.2006 - ore 15:15:18
CASO PESSOTTO - NESTI - Si fa largo l'ipotesi che Pessotto avesse un tumore. Avendo scelto la sede della Juventus come luogo simbolico del tentato suicidio, c'è un legame con l'abuso di farmaci e il processo doping? E' una delle domande che si fanno.
27.06.2006 - ore 17:21:36
CASO PESSOTTO - NESTI - Questo sito si dissocia ufficialmente dall'ipotesi tumore-abuso di farmaci-suicidio. Ci siamo solo limitati, da cronisti, a riportare voci circolanti a Torino, senza condividerle in alcun modo.
http://www.carlonesti.it/diretta/

Gigi75
27-06-2006, 17.57.31
Pessotto: la Procura potrebbe riaprire il fascicolo doping

Sempre secondo indiscrezioni la magistratura sarebbe interessata ad acquisire informazioni sulle condizioni di salute dell'ex giocatore. Il medico sociale Agricola: 'Malato? Un'ipotesi ridicola'

Torino, 27 giugno 2007 - A fronte dell'incidente che ha coinvolto Gianluca Pessotto, secondo alcune fonti, la Procura della Repubblica di Torino potrebbe in qualche modo riaprire un fascicolo legato alla situazione sanitaria dei giocatori della Juventus.

Sempre secondo indiscrezioni la magistratura sarebbe interessata ad a cquisire informazioni sulle condizioni di salute dell'ex giocatore e oggi dirigente juventino che stamane è stato coinvolto in una caduta dell'ultimo piano della sede della società in corso Galileo Ferraris a Torino.

Pessotto era stato sentito più volte durante il processo doping. Il nome di Pessotto non e' mai comparso nelle inchieste di '' calciopoli'' e nemmeno fra i deferiti alla Commissione d'appello federale che dovra' giudicare dei reati sportivi.

AGRICOLA 'MALATO? IDEA RIDICOLA'
"E' un'idea ridicola, come coloro che la sostengono. Una cosa che mi fa ridere, roba da pazzi. Posso dire soltanto questo". Contattato dall'agenzia radiofonica GRT, il medico sociale della Juventus, Riccardo Agricola, smentisce seccamente l'ipotesi secondo la quale il gesto di Gianluca Pessotto sarebbe legato al fatto che avrebbe scoperto di essere malato.
Sulle condizioni di Pessotto, il responsabile dello staff medico bianconero non si e' sbilanciato: "Se ne stanno occupando gli specialisti. Speriamo che non ci siano particolari problemi. Presto lo raggiungero' anch'io".
http://qn.quotidiano.net/art/2006/06/27/5422555

Gigi75
27-06-2006, 18.00.51
...
Riguardo a una eventuale malattia, la cui scoperta avrebbe gettato Pessotto nello sconforto spingendolo al tentato suicidio, il dottor Repellino ha smentito: `Risulta solo un trauma da precipitazione. Meno male, a questo proposito, che e` venuto qui perche` siamo attrezzati`.
...
http://www.datasport.it/leggi.aspx?id=3833251

Gigi75
27-06-2006, 18.21.42
Pessotto era in cura per depressione

Gianluca Pessotto era in cura da un medico per depressione. Oggi aveva preso un appuntamento col sanitario. E' quanto trapela dagli ambienti investigativi e vicini alla Juventus. Il suo stato depressivo sarebbe stato legato a problemi personali. Intanto Del Piero, Zambrotta e Ferrara stanno lasciando il ritiro azzurro per andare a Torino a trovare l'ex compagno di squadra. I due azzurri e il componente dello staff tecnico andranno in Italia con un volo privato.
http://www.sports.it/it/cmc/calcio/200626/cmc_97868.html

Gigi75
27-06-2006, 18.26.27
CASO PESSOTTO - NESTI - Torino, 27 giu. - Si e' concluso poco fa l'intervento endovascolare per suturare l'arteria ipogastrica che Gianluca Pessotto si e' lesionato nella caduta. A quanto si apprende l'intervento e' giudicato dai sanitari riuscito. Ora l'ex calciatore juventino e' sottoposto a risonanza magnetica per valutare l'entita' dei traumi subiti, gia' evidenziati dalla Tac effettuata al suo arrivo in ospedale. In serata sara' sottoposto ad un intervento per stabilizzare la frattura del bacino. Domani, poi, dovrebbe essere sottoposto a un nuovo intervento chirurgico per ricomporre la frattura esposta alla gamba. (Abr/Zn/Adnkronos)
http://www.carlonesti.it/diretta/

:)

Flying Luka
27-06-2006, 19.07.44
Gigietto ma non sei ancora partito per Torino? ;) :) :p

Robbi
27-06-2006, 19.21.38
Le ferite fisiche si rimarginano...
Quelle del cuore a volte no!

Forza ragazzo!!

(F)



Incollo il pensiero che avevo espresso in bar sport, mi sembra piu' adatto qui!

Dav82
27-06-2006, 21.59.46
Spero si rimetta presto, di fisico ma, soprattutto, dai problemi che l'hanno spinto a fare quel che ha fatto :(

Gigi75
28-06-2006, 09.39.00
Depressione, il crac del campione

TORINO — Anche questa volta, che lui desiderava fosse l’ultima, Gianluca Pessotto si è dimostrato un uomo ordinato e meticoloso. Appena oltre la porta dell’abbaino che lo separava dal tetto e dal vuoto, ha appoggiato per terra il telefonino e le chiavi di casa, disponendole con cura in orizzontale, perfettamente parallele. Come se prima di collegarsi al caos, gambe spezzate, ambulanza a sirene spiegate, fotografi che cercano di zompare sulla barella, avesse voluto rimarcare quello che era, che è sempre stato.
Chi l’ha visto due giorni fa nella sede della Juventus c’era rimasto male. Gianluca Pessotto aveva una faccia «grigia come il cemento», e la testa altrove. In qualche luogo lontano dove poter sperare che anche la sua vita nuova potesse essere quella che si era appena lasciato alle spalle. Doveva organizzare il ritiro a Pinzolo, perché questo tocca a chi sta per diventare team manager di una società di calcio, ma lui non riusciva proprio a concentrarsi su Pinzolo, e l’aveva anche detto.
La depressione è come il morso di un cane feroce. Ti prende di sorpresa, non si stacca più e ad ogni stretta amplifica il dolore. Quando con metodo molto torinese ci si affida a comunicati semiufficiali per annunciare che «Gianluca Pessotto era in cura da un medico per uno stato depressivo legato a problemi personali » significa che in società e a casa sapevano. Ma questo buio che ti prende non è mai palpabile, non si può mai quantificare. La scorsa settimana aveva pianto all’improvviso davanti alle segretarie.
Lacrime, non singhiozzi, perché Gianluca Pessotto è uno della provincia di Udine, un friulano chiuso che mai accetterebbe di farsi leggere dentro. «Passeggiamo tanto insieme, in silenzio, con lui non c’è mai bisogno di parlare troppo», dice il suo amico Michelangelo Rampulla, che (giustamente) si rifiuta di coniugare i tempi al passato. In televisione sorrideva, e scherzava. Aveva accettato di partecipare ad una striscia quotidiana di Sky, parlare dei Mondiali facendo come se si fosse al bar. Dopo due puntate la Juve lo aveva spedito in Germania per parlare con i giocatori. Era tornato sabato, spedendo sms scherzosi agli amici, argomento Marcello Lippi.
Adesso, nel confessionale del bar delle Molinette che profuma di cloroformio e candeggina, sono tutti a cercare il perché di un crollo, trovare una spiegazione sempre e per forza rasserena soprattutto gli altri, ci fa sentire meno indifesi davanti a quel buio che può colpire tutti. Rampulla allarga le braccia, un telefonino per ogni mano: «Io davvero non riesco a capire. Credo di conoscerlo bene come uomo, siamo amici dal 1995, è un ragazzo per bene, uno solido, e anche due giorni fa l’ho visto bene, umile e concreto». Si vede che davvero fa fatica, a parlare e a capire. Reana Pessotto liscia con la mano i bordi del tavolino tondo. Valentina, la moglie di Zambrotta, ha appena finito di dirle che «la tua famiglia è un esempio, tu e Gianluca siete sempre stati il modello che volevamo imitare». Lei non si toglie gli occhiali scuri neppure per asciugarsi le lacrime. Dice che il suo uomo era depresso, certo. Aveva appena lasciato il calcio giocato «e forse non era pronto», forse il ruolo che questa Juventus dal futuro così precario gli aveva ritagliato lo spaventava, lo agitava. «Dorme poco, sta sempre a pensare, si macera», dice.
È una bella donna, alta e bionda, ex giocatrice di basket nella serie C svizzera, che a Gianluca ha dato due figlie bionde come lei, da far vivere in una villa bianca sulla collina. Quand’era da solo, Pessotto abitava di fronte al Comunale, perché gli bastava andare a piedi all’allenamento, esserci sempre e più degli altri. Ma la casa per sempre l’ha comprata in un altro posto, a Lavena Ponte Tresa, sopra il lago di Lugano, dov’è nata Reana, il luogo dove si sono conosciuti. Tutti scriveranno del terzino intellettuale, e in questo c’è del vero. Si è sempre definito «gregario» ma non di lusso, perché ci vedeva del disprezzo in questa sottolineatura. Un calciatore diverso. Uno capace di andare in giro con una frase di Dostoevskij nel portafoglio: «Senza Dio, tutto è lecito». L’amore tra il nobile e la ragazza povera di Umiliati e offesi l’aveva colpito da ragazzo, i Karamazov l’avevano steso quando era già in ritiro con la Juventus. Uno capace di pregare per davvero, citando Padre Turoldo come guida, uno per cui la fede era una cosa seria.
Nel confessionale delle Molinette nessuno ha voglia di abbandonarsi ai ricordi. Rampulla ha ragione quando definisce il suo amico «un uomo che più normale non si può», perché Gianluca ci ha sempre tenuto a non accettare l’etichetta del diverso, ci vedeva una diminuzione dei suoi compagni di squadra. Giocava anche lui alla Playstation, leggeva le Affinità elettive di Goethe ma recitava a memoria le peggiori porcherie di Alvaro Vitali con Pierino, come è giusto che sia. Eppure è in questa vita interiore sempre tenuta nascosta che vanno cercate le radici del suomalessere, perché la sensibilità, quando si sta male, è soltanto una debolezza e non una virtù.
Più il tempo passava, più Pessotto ha amato il suo mestiere di calciatore, come si ama qualcosa che capisci che stai per perdere. «Quest’anno ha sofferto molto—dice uno degli juventini che lo sono andati a trovare—perché sapeva che stava per avvicinarsi la fine della carriera».
È il rito di passaggio più difficile, quello dagli stadi alla vita vera, dal microcosmo privilegiato dello spogliatoio alla scrivania, non importa quale. E in questo crepuscolo juventino forse c’era anche il timore di perdere qualcos’altro, i soliti beninformati raccontano delle crepe che affioravano nella serenità della famiglia modello, i dissapori con Reana.
Quando ti senti perso, perché è questa la depressione, basta poco, anche una discussione su un fine settimana da passare a Laigueglia rimandato ad oltranza, perché c’è la Juve che chiama e detta i tempi, perché non è più come prima, le ferie di un dirigente agli esordi non possono essere quelle di un calciatore a fine stagione. Bastano queste piccole crepe in una superficie liscia e perfetta per spiegare quei venti metri nel vuoto con un rosario stretto in mano? Ci si dividerà tra i fautori della crisi personale e quelli della crisi familiare per spiegare il più intimo e privato dei gesti che può fare un uomo, quello di togliersi la vita? C’è anche chi tira in ballo il solito Guariniello e le sue nuove inchieste sul doping, senza ricordarsi che ci era già passato, una deposizione calma, senza traumi.
Gianluca Pessotto si è semplicemente sentito perso, anche soltanto per un attimo. Forse un uomo come lui merita una merce rara di questi tempi, il rispetto. E, se è possibile, un po’ di silenzio.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2006/06_Giugno/28/imarisio.shtml

Astrid
28-06-2006, 10.04.23
(F)

Sbavi
28-06-2006, 10.07.29
Ieri da barbiere c'era un tizio che discuteva, molto banalmente, sul fatto che se uno come Pessotto, con la sua posizione, si lascia andare così, la gente comune (NOI) dovrebbe gettarsi dalla cima di un grattacielo.
Bene, questo episodio è l'esempio lampante di come il denaro, la sicurezza "materiale", non siano tutto nella vita.

Gigi75
28-06-2006, 10.20.17
Anche a me è passata velocemente questa riflessione.
Ma la verità è che appunto quando ti svegli con il maldivivere non puoi renderti conto di ciò che hai, e sei costretto a guardare in faccia le tue paure che pian piano si cibano della tua gioia che si consuma.

Se fosse così, ben pochi avrebbero il "diritto" di essere depressi, per assurdo neppure chi è colpito da una malattia tremenda potrebbe deprimersi visto che nel mondo ci sono vite torturate e spezzate in ogni modo.
Ed invece è umano che ognuno viva la propria gioia e le proprie tragedie come si vive un amore: con l'illusione che sia unio ed irripetibile.

Se questo gesto è dovuto ad un cambio di vita repentino, stiamo parlando di qualcosa che va molto oltre i soldi, ma dell'immagine che ognuno ha di sè, del suo ruolo nella società, della sicurezza che si riceve sapendo cosa sei per gli altri.

E' una storia molto triste questa, però credo che se non trattata con i soliti banalismi calcistici (vedi la riapertura del dossier doping, le voci su un tumore dovuto all'uso di sostanze proibite), menzogne create ad arte, può insegnare qualcosa a tutti.

Dai Pessottino!(F)

interceptor
28-06-2006, 10.27.32
Parla la moglie di Pessotto: "Avevamo litigato poco prima che tentasse il suicidio"

Mercoledí 28.06.2006 09:21

Ha trascorso una notte tranquilla, compatibilmente con le sue condizioni fisiche, il dirigente bianconero Gianluca Pessotto, caduto ieri dalla sede della
Juventus, a Torino. Nella tarda serata di ieri Pessotto è stato nuovamente sottoposto ad intervento chirurgico al bacino e l'operazione, secondo quanto riferiscono dall'ospedale Molinette di Torino, è andata bene. Per questa mattina è previsto un nuovo intervento per la frattura al perone e alla tibia.

All'ospeale Molinette di Torino, dove è ricoverato l'ex calciatore, è arrivato il medico sociale della Juventus, Riccardo Agricola, che era già stato informato sulle condizioni attuali del calciatore. "Sì, le condizioni sono stazionarie - ha dichiarato Agricola, entrando in ospedale, al già folto gruppetto di giornalisti che si è radunato - ora sarà una battaglia lunga ma per il momento va bene".

Parla a fatica Reana Pessotto che sulle colonne de La Stampa tenta di darsi e dare una spiegazione del tragico gesto del marito che poche ore prima ha tentato di suicidarsi gettandosi dal tetto della sede della Juventus. "Mi ha chiamato poco prima di mezzogiorno - racconta Reana - per dirmi che il nostro week end a Laigueglia con le bambine e alcuni amici sarebbe saltato perché doveva andare fare un sopralluogo per un ritiro della Juventus. E io ho perso la pazienza".

'Ma l’abbiamo già rinviato altre volte per colpa del tuo lavoro e adesso di nuovo. Federica e Benedetta hanno già quasi la borsa pronta, cosa gli racconto adesso?'. E lui si è offeso? "Forse sì, ma la verità è che lui da tempo soffriva di depressione. Era diventato molto fragile: una depressione nera per il nuovo ruolo che ha nella Juventus, in fondo non gli piaceva veramente come aveva creduto all’inizio".

Come si è accorta che suo marito soffriva di depressione? "Da un mese e mezzo la mattina faceva fatica ad andare in ufficio: la proposta di diventare Team manager della Juventus lo aveva allettato, ma poi si era reso conto che quella non era la vita adatta a lui. Ma forse per lui era presto per appendere le scarpette al chiodo".


http://canali.libero.it/affaritaliani/cronache/mogliepessotto2806.html

Gigi75
28-06-2006, 10.39.27
CALCIO, PESSOTTO: CONDIZIONI STAZIONARIE

E' stato emesso stamattina un nuovo bollettino medico sulle condizioni di Gianluca Pessotto. Il bollettino, in sintesi, dice: "La risonanza magnetica eseguita nella serata di ieri ha escluso la presenza di lesioni evidenti a livello del midollo spinale. Il pazienze è stato sottoposto ad intervento di stabilizzazione del bacino ed è stata inoltre ridotta la lussazione a livello del piede destro. Pessotto ha presentato in serata una turba della coagulazione con allungamento dei tempi coagulativi e riduzione delle piastrine, fenomeno probabilmente dovuto alle plurime trasfusioni di emazie a cui è stato sottoposto di necessità". I medici hanno dichiarato che la prognosi si potrà sciogliere fra 48 ore. (28/06/2006) (Spr)
http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/2006/rep_nazionale_n_1610827.html?ref=hprepnews

NightMan
28-06-2006, 12.29.57
Forza Pes (F)

biologist1972
28-06-2006, 12.46.24
Anche a me è passata velocemente questa riflessione.
Ma la verità è che appunto quando ti svegli con il maldivivere non puoi renderti conto di ciò che hai, e sei costretto a guardare in faccia le tue paure che pian piano si cibano della tua gioia che si consuma.

Se fosse così, ben pochi avrebbero il "diritto" di essere depressi, per assurdo neppure chi è colpito da una malattia tremenda potrebbe deprimersi visto che nel mondo ci sono vite torturate e spezzate in ogni modo.
Ed invece è umano che ognuno viva la propria gioia e le proprie tragedie come si vive un amore: con l'illusione che sia unio ed irripetibile.

Se questo gesto è dovuto ad un cambio di vita repentino, stiamo parlando di qualcosa che va molto oltre i soldi, ma dell'immagine che ognuno ha di sè, del suo ruolo nella società, della sicurezza che si riceve sapendo cosa sei per gli altri.

E' una storia molto triste questa, però credo che se non trattata con i soliti banalismi calcistici (vedi la riapertura del dossier doping, le voci su un tumore dovuto all'uso di sostanze proibite), menzogne create ad arte, può insegnare qualcosa a tutti.

Dai Pessottino!(F)
(Y)

infinitopiuuno
28-06-2006, 18.18.43
In questa occasione i giornalisti hanno dato il peggio di sè.

Rovistare fra le notizie di famiglia, inventare situazioni, congetture....magari quello si sveglia e dice che è caduto per sbaglio.

Mi spiace parecchio perchè è proprio un bravo ragazzo!

Gigi75
28-06-2006, 18.26.07
S'è sentito solo una volta, poi l'hanno tagliato...

alla conferenza stampa di Cannavaro, appena ricevuta la notizia, uno dello staff accanto al giocatore ha detto una cosa del tipo: "vabbè dai ora non perdiamo tempo, finiamo velocemente, fate la prossima domanda.." - Cannavaro è rimasto un secondo di sasso e nessuno faceva la domanda e il tipo "dai , forza la domanda" e a quel punto Cannavaro dice quello che hanno fatto vedere sempre "non me la sento scusate"

:rolleyes:

Gigi75
28-06-2006, 18.31.23
"Prima il ritiro, poi lo scandalo la sua vita era andata in pezzi"

TORINO - Certe volte è più facile dire quello che non è. "È falso che ci fossero problemi fra di noi. Sono cattiverie terribili in un momento come questo, per favore non ricamateci sopra. Io e Gianluca avevamo appena organizzato tre giorni di vacanza a Laigueglia con le bambine. E poi guardate dove l'ha fatto, guardate...".

Lo ha fatto nella sede della Juventus, palazzina moderna nel cuore del quartiere di lusso della Crocetta. Un rosario stretto in pugno, alcuni passi sul tetto prima di buttarsi giù. La signora Pessotto si chiama Reana. Con Gianluca si sono conosciuti ragazzini, quando lui era nelle giovanili del Varese e lei giocava a pallacanestro. Alle due di ieri pomeriggio aspettava con la schiena appoggiata al muro del pronto soccorso delle Molinette. Con lei c'era Mario Firriolo, parrucchieri dei giocatori della Juventus, uno dei migliori amici di famiglia.

Signora Pessotto, girano voci terribili. Forse la peggiore è che suo marito abbia tentato il suicidio dopo aver saputo di essere gravemente malato. Una malattia collegata al doping, dicono. Cosa c'è di vero?

"Nulla. Assolutamente nulla: vi prego di dirlo a tutti. Gianluca al massimo era stressato, depresso".
Qual è la prima cosa che ha pensato?
"Che non doveva mettersi dietro a una scrivania, aveva molte offerte per continuare a giocare. Invece ha accettato di diventare un dirigente per amore della Juventus e anche per senso del dovere".

Perché venerdì era andato in Germania?
"Proprio per il suo nuovo lavoro. Ma nel ritiro della nazionale aveva incontrato i vecchi compagni: non è stato facile vedersi dall'altra parte".

Perché suo marito era stanchissimo?
"Non faceva vacanze da un anno e mezzo. Ultimamente dormiva poco. Non era così convinto di smettere di giocare. E comunque, smettere è sempre un momento delicato. Smettere poi in un anno così...".

Parlava delle inchieste che coinvolgono la Juventus?
"Soffriva molto, era più che dispiaciuto. Diceva sempre: "È ingiusto. È come se tutto il nostro lavoro di colpo non valesse più niente"".

È vero che c'è stato un litigio al telefono proprio per quei tre giorni di vacanza a Laigueglia?
"Ci tenevo tantissimo. Volevo che Gianluca staccasse un po' la spina, pensavo che potesse fargli bene. Avevamo già organizzato tutto".

Invece?
"Ha saputo che doveva occuparsi di qualcosa per la Juventus. Mi ha chiamato al telefono, abbiamo discusso come sarebbe successo in tutte le famiglie. Ma un litigio per le vacanze non giustifica quello che è successo".

Secondo lei come si spiega?
"Tutte le cose messe insieme: stanchezza, malinconia, amarezza per le vicende della squadra. In queste condizioni, certe volte, le persone reagiscono insultando chi gli frega il posteggio. Gianluca ha fatto la cosa peggiore di tutte".
http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/sport/calcio/moglie-pessotto/moglie-pessotto/moglie-pessotto.html

Variac
28-06-2006, 21.44.33
A me dispiace un casino quando sento queste notizie, però non capisco mai perchè dopo fatti del genere sono tutti con lui... mentre prima, quando la vicinanza magari avrebbe aiutato, nessuno c'era e nessuno avvisava di una situazione grave del genere.
Parlo in generale, in questo, e in tant altri casi simili.

Flying Luka
28-06-2006, 22.15.04
Perchè forse il (tentato) suicidio di una persona è proprio l'ultimo grido di aiuto in contrapposizione all' indifferenza.

Variac
28-06-2006, 22.18.54
Boh... so solo che prima nessuno lo sosteneva... ora sembra tutti si leverebbero un braccio per lui... e son sicuro che tra 1 annetto nessuno si ricorderà + di lui (purtroppo).

Flying Luka
28-06-2006, 22.54.08
Temo tu abbia ragione, ma credo che sia un comportamento intrinseco nell' essere umano.

Ho visto quando ho perso il mio papà... i primi giorni avevo il mondo intorno, forse anche troppe persone, poi poco a poco sono spariti tutti.

Non vuole neanche essere una critica... chissà quante volte mi sono comportato pure io nello stesso modo senza neanche essermene reso conto...

Sbavi
29-06-2006, 17.31.32
(f)

biologist1972
29-06-2006, 17.36.49
Perchè forse il (tentato) suicidio di una persona è proprio l'ultimo grido di aiuto in contrapposizione all' indifferenza.
non posso non quotare il tuo pensiero, è pura verità

ReDragon
29-06-2006, 18.29.08
Forza Gianluca!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Gigi75
29-06-2006, 18.57.47
Pessotto, i medici: «Non possiamo dire se sopravviverà»

«Non possiamo dire che sopravviverà». Una doccia gelata è arrivata dai medici delle ospedale "Molinette". Ghiaccia le speranze prima della lettura del bollettino di Gianluca Pessotto che lotta tra la vita e la morte dopo essere sopravvissuto al tentativo di suicidio compiuto martedi nella sede della Juventus. L'ex calciatore ha trascorso la notte e questo è un dato positivo - dicono i medici a quanti si trovano al capezzale dello sportivo bianconero - ma un grosso problema sono l'ematoma al bacino e le situazione delle vertebre. Solo quando potrà essere risvegliato dal coma farmacologico sarà possibile verificare altre lesioni.

Vicino a Pessotto, oltre ai familiari, con la presenza e con il cuore, si sono tifosi, uomini del mondo sportivo, gente qualsiasi. Il presidente della Juventus ha aperto l'assemblea degli azionisti con un saluto a Pessotto. Marcello Lippi, dalla Germania dove venerdì torna in campo la nazionale italiana, è sempre in contatto con Torino, e con l'ospedale dove Pessotto è ricoverato. Davanti alle Molinette i tifosi scandiscono «non mollare».
http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=57654

Robbi
29-06-2006, 19.19.48
Posso dire la mia??
Ho gia' avuto questa "sensazione" ieri appena appresa la notizia!!
Quest'uomo NON vuole piu' vivere!! :(
Dai ragazzo!! lotta!!! (F)

Astro
29-06-2006, 22.35.18
Non sono mai stato così spiazzato da una notizia del gener.

Non conosco Pessotto, ho solo vaghi ricordi del giocatore Pessotto.

Ma la cosa che mi ha rimasto sbigottito è il fatto che l'uomo Pessotto si sia buttato di sotto (sempre se è vero). Una persona come lui, benestante e in salute, decide di togliersi la vita per la troppa sofferenza accumulata in questi ultimi periodi.

Mi dispiace davvero molto per lui, per la sua sensibilità. Se riuscirà a cavarsela, e me lo auguro, avrà avanti una vita fatta di sofferenza e problemi. E ciò mi lascia davvero l'amaro in bocca.

Auguro all'uomo Pessotto di rimprendersi e ristabilirsi alla grande. (F)

Gigi75
30-06-2006, 12.38.29
Pessotto operato per la terza volta
I medici: "Sarà percorso difficile"

TORINO - Gianluca Pessotto sta per essere operato di nuovo, la terza volta in quattro giorni, per stabilizzare la frattura al piede destro. Un'operazione resa possibile da un quadro clinico stabile, ma che rimane "grave". I medici dell'ospedale Molinette si sono mostrati cauti: "Le cause acute di morte immediata sono superate, ma adesso ha di fronte un percorso difficile", ha precisato nell'ultimo bollettino medico Pierpaolo Donadio, primario del reparto di rianimazione.

Ieri la moglie Reana ha detto di essere stata riconosciuta da Gianluca: "Mio marito oggi mi ha stretto la mano, adesso torno da lui e gli porto i disegni delle nostre bambine Federica e Benedetta". Una sensazione che hanno avuto anche il fratello Vanni e il padre Remigio. Ma i medici sono molto più cauti: "E' come dire - ha aggiunto Donadio utilizzando una metafora calcistica - che ha fatto gol ed è 1-0 al 20' del primo tempo, ma questo non significa aver vinto la partita. Il giocatore è stabile in una condizione di gravità pesante".

Un parziale contrordine rispetto all'annuncio che era arrivato ieri mattina, una frase secca: "Non possiamo dire se sopravviverà, anche se tra ieri e oggi non ci sono stati peggioramenti", aveva detto con grande freddezza Donadio. "Non scioglieremo la prognosi - aveva proseguito - e non possiamo dire quando potremo farlo". Il nodo critico nelle condizioni di Pessotto resta l'ematoma, non le fratture. Ma per capire con precisione se ci potranno essere complicanze gravi per l'ex terzino "non basteranno altre 72 ore e forse neppure un mese".


Rampulla: "Lo aiuterà la fede in Dio". L'ex portiere bianconero Michelangelo Rampulla parla di Pessotto: "E' come un fratello. Gli avevo parlato la sera prima, nulla faceva prevedere una decisione così drammatica". Augurandosi che "questo brutto incubo si concluda presto", Rampulla ha voluto ricordare che Pessotto è "un uomo di fede": "Ho letto anch'io sui giornali il particolare del rosario, ma non so neppure se corrisponda al vero. Di vero c'è che Gianluca credeva in Dio, e Dio lo aiuterà a rimettersi in piedi".
http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/sport/calcio/pessotto-intervento/pessotto-intervento/pessotto-intervento.html

Sbavi
30-06-2006, 12.50.43
Quindi è cosciente!!??

Dai Gianluca! (F)

Gigi75
30-06-2006, 12.55.34
E' arrivato cosciente e ora è tenuto in coma farmaceutico

biologist1972
30-06-2006, 13.15.55
(F)