PDA

Visualizza versione completa : [Politica & co.] Il nuovo miracolo italiano?


Pagine : 1 2 3 4 [5] 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Silence
14-06-2006, 22.48.54
Ma ancora intervistano Bossi?





:D :D :D :D :D

Flying Luka
14-06-2006, 23.03.30
Originariamente inviato da Tristezza
Ma ancora intervistano Bossi?





:D :D :D :D :D

Beh certo! ;)

Se lasciano governare Prodi & Co., se non altro nello spirito comune del "politically correct", devono quantomeno lasciar parlare Bossi. :devil:

Gigi75
14-06-2006, 23.05.27
Mah insomma.. se parla per dire certe cose..possono confinarlo a scelta tra Rebibbia e San Vittore.. :rolleyes:

succhione
14-06-2006, 23.12.08
...andrebbero anche rinchiusi quelli ( giornali & c ) che diffondono notizie uscite dalla bocca di una persona "inutile"...

TyDany
14-06-2006, 23.25.20
Sul fatto che "Bossi" sia stato inutile per la politica Italiana non sono per niente daccordo... anzi...

Dav82
14-06-2006, 23.34.35
Cos'è? Mo ritira fuori la storia delle migliaia di contadini che scendono dalle valli padane armati di forconi? :D :D :D


Che persona inutile!

Flying Luka
14-06-2006, 23.56.51
Originariamente inviato da Gigi75
Mah insomma.. se parla per dire certe cose..possono confinarlo a scelta tra Rebibbia e San Vittore.. :rolleyes:


... e pensa che invece Prodi è ancora a piede libero... ed è pure stato eletto! :D

Lui però, prima, era stato messo nella prigione di Bruxelles!

Se a questo poi aggiungiamo che ha formato un governo con un Napolitano che grazia Bompressi, e fra poco pure Sofri.

D'Elia noto terrosista di prima linea che ricopre una carica politica...

E a questo punto ci scandalizziamo di Bossi?!?! :rolleyes:

Direi che ci sarebbero, allo stato attuale delle cose, motivi ben più gravi per gridare allo scandalo.

succhione
15-06-2006, 02.30.07
Originariamente inviato da TyDany
Sul fatto che "Bossi" sia stato inutile per la politica Italiana non sono per niente daccordo... anzi...

...Bossi è l'espressione peggiore di ogni cosa giusta da lui sbandierata....
...nei modi, nei fatti...ha sempre fatto sorridere....
..rappresenta l'ignoranza, la violenza, e tante altre virtù...
..l'unica nota "positiva" che gli si può riconoscere...l'aver stimolato la politica a non sottovalutare il malcontento dei cittadini....

biologist1972
16-06-2006, 16.45.39
...

E a questo punto ci scandalizziamo di Bossi?!?! :rolleyes:

Direi che ci sarebbero, allo stato attuale delle cose, motivi ben più gravi per gridare allo scandalo.


condivido :act:

TyDany
16-06-2006, 17.34.24
...Bossi è l'espressione peggiore di ogni cosa giusta da lui sbandierata....
...nei modi, nei fatti...ha sempre fatto sorridere....
..rappresenta l'ignoranza, la violenza, e tante altre virtù...
..l'unica nota "positiva" che gli si può riconoscere...l'aver stimolato la politica a non sottovalutare il malcontento dei cittadini....

Mi dispiace ma non sono daccordo, in molte occasioni avrà avuto modi sbagliati ma molte delle sue idee le condivido in pieno

succhione
16-06-2006, 17.40.18
Mi dispiace ma non sono daccordo, in molte occasioni avrà avuto modi sbagliati ma molte delle sue idee le condivido in pieno

..stiamo dicendo la stessa cosa..!
...Idee, iniziative, provocazioni...vanno bene solo se supportate da un comportamento equilibrato ( non dimentichiamoci che stiamo parlando di un "rappresentante" )...
...mai, dico mai, potrei èrgere a portavoce una persona che basa la sua causa sulla rivolta e la discriminazione....

RNicoletto
21-06-2006, 16.50.02
..stiamo dicendo la stessa cosa..!
...mai, dico mai, potrei èrgere a portavoce una persona che basa la sua causa sulla rivolta e la discriminazione....
Tu no, ma non hai idea di quante persone sono pronte a prendere Bossi alla lettera! :o

Dav82
21-06-2006, 19.43.12
Fonte: Repubblica.it (http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/politica/referendum-due/comizio-finale/comizio-finale.html)


Berlusconi: "Indegno di essere italiano chi voterà no al referendum"
ROMA - Berlusconi apre la manifestazione per il sì al referendum a Roma denigrando chi voterà no. "Nessun italiano può sentirsi degno di essere tale se domenica non sarà andato a dare il proprio sì alla riforma Costituzionale che darà a questo paese più democrazia e libertà - ha detto l'ex presidente del consiglio - E' importante essere cittadini italiani al 100%, è importante domenica partecipare al cambiamento della Costituzione".


L'altra volta ero COGLIONE, stavolta INDEGNO DI ESSERE ITALIANO.

:01: :01: Alè!! :01: :01:

Flying Luka
21-06-2006, 20.09.42
Im questo caso temo che Berlusconi abbia ragione, anche se un po' mi secca ammetterlo vista la mia non particolare stima nei suoi confronti.

L'Italia, fino a prova contaria, E' una repubblica democratica. Negare questo princìpio, oltretutto dopo tutte le bugie di basso rango che sta diffondendo il CS senza un minimo di ritegno, direi che non fa di nessuno, se non proprio "indegno di essere italiano", una persona responsabile.

Direi che "ammodernare" una costituzione vecchia e stantia, datata 1948, considerando poi il macello fatto dalla sinistra nel 2001 con la "loro" riforma federalista, fatta ad hoc per i "loro" interessi, non sarebbe male, anzi!

Confermare quindi una buona riforma, che divide con chiarezza i compiti di Stato e Regioni e che velocizza e razionalizza la procedura per fare le leggi. Una riforma che garantisce più potere ai cittadini, istituzioni più efficienti e che riduce di 175 il numero dei parlamentari, misura simbolo di uno Stato meno costoso e più produttivo, con tutte le garanzie di minor sprechi e sperperi e meno burocrazia direi che possa fare di chiunque, se non un italiano degno, quanto meno un "italiano responsabile".

wilhelm
21-06-2006, 20.11.08
Latitavo da un po' qua dentro, ma torno per sostenere Luka e Ty! (Y)

Dav82
21-06-2006, 20.34.11
Sono un indegno :01: :01:

Dav82
21-06-2006, 20.37.31
Cioè, chiariamo: è aberrante dire che una persona è indegna, indegna di essere italiana solo perchè non approva qualcosa che lui ha fatto.

:rolleyes:

Bea*
21-06-2006, 20.39.21
Ascoltando i dibattiti in TV, mi meraviglio sempre più dell'ignoranza dei politici italiani. I dibattiti si fermano sempre allo slogan, senza approfondire senza spiegare in cosa consiste questa riforma e cosa comporterebbe. Il senato federale è amio avviso un'idea disatrosa, studiata malissimo (mi conferma sempre più che i politici sono dei pessimi tecnici) un vero macello! Dire semplicemente di voler ammodernare la costituzione è un po' pochino, vorrei risposte molto più concrete e tecniche. Rimpinago i padri della costituzione, la classe politica è veramente decaduta!

exion
21-06-2006, 21.08.35
SONO UN INDEGNO COGLIONE!!! AHEEE!!!! :01: http://niappanige.supereva.it/dancing.gifhttp://niappanige.supereva.it/dancing3.gifhttp://niappanige.supereva.it/sole.gif :01:

Potete bannarlo dal forum per favore? Mi ha appena insultato :)

infinitopiuuno
21-06-2006, 21.53.30
Per me è una riforma sbagliata perchè non è stata votata dalla stragrande maggioranza del Parlamento.

La Costituzione si tocca solo così per me, tramite "larghe intese".

E' vero, il governo prima della CdL l'aveva modificata e poi come pecoroni tutti a votare il referendum "SI"...adesso, gli stessi votano "NO" perchè?

Perchè lo dice il partito o il giornale di riferimento...coglioni:)


Io non andrò a votare per i motivi di cui sopra anche perchè, dovesse vincere il "SI" per qualche strano motivo, l'attuale parlamento modificherebbe la legge e alè...un altro referendum.....e intanto i problemi veri rimangono.

succhione
21-06-2006, 21.59.51
Tu no, ma non hai idea di quante persone sono pronte a prendere Bossi alla lettera! :o

...si, fortunatamente la gente che lo ascolta non sarà mai la maggioranza e ciò basta a rendere il movimento un autobus che si muove nel traffico....
...resta comunque il "dolore" x certe forme di politica "ignorante"....

dave4mame
21-06-2006, 22.22.58
è davvero curioso.
bossi dice "io piglio un pezzo del paese lo "secessiono" e ce ne faccio un altro".
e prodi e soci a urlare che è un criminale.

ocalan davvero si muove per pigliare un pezzo del paese, cerca davvero di secessionarlo, ammazza qualche poveraccio a destra e a manca.. e gli stessi prodi e soci fanno a gara a farsi fotografare a braccetto.

mi sembra molto giusto e coerente...

succhione
21-06-2006, 22.31.44
è davvero curioso.
bossi dice "io piglio un pezzo del paese lo "secessiono" e ce ne faccio un altro".
e prodi e soci a urlare che è un criminale.
ocalan davvero si muove per pigliare un pezzo del paese, cerca davvero di secessionarlo, ammazza qualche poveraccio a destra e a manca.. e gli stessi prodi e soci fanno a gara a farsi fotografare a braccetto.
mi sembra molto giusto e coerente...

..infatti nessuno può dire che la politica sia sinonimo di coerenza...anzi...
...coerentemente non si arriva a farsi amici tra i nemici e nemici tra gli amici...
....quando avremo un politico coerente...vedrai che andrà all'estero...:p

Flying Luka
21-06-2006, 22.32.56
è davvero curioso.
bossi dice "io piglio un pezzo del paese lo "secessiono" e ce ne faccio un altro".
e prodi e soci a urlare che è un criminale.
ocalan davvero si muove per pigliare un pezzo del paese, cerca davvero di secessionarlo, ammazza qualche poveraccio a destra e a manca.. e gli stessi prodi e soci fanno a gara a farsi fotografare a braccetto.
mi sembra molto giusto e coerente...
Quando mai Prodi ha dimostrato coerenza scusa? :mm: E' l'esempio vivente della contraddizione!

Guarda solo con che loschi figuri ha formato il governo e troverai tutte le risposte che cerchi.

succhione
21-06-2006, 22.35.53
Guarda solo con che loschi figuri ha formato il governo e troverai tutte le risposte che cerchi.

...diciamo pure che la "formazione italiana"..negli ultimi decenni...va avanti a sgomitate....

exion
22-06-2006, 09.19.32
Per me è una riforma sbagliata perchè non è stata votata dalla stragrande maggioranza del Parlamento.
La Costituzione si tocca solo così per me, tramite "larghe intese".
E' vero, il governo prima della CdL l'aveva modificata e poi come pecoroni tutti a votare il referendum "SI"...adesso, gli stessi votano "NO" perchè?
Perchè lo dice il partito o il giornale di riferimento...coglioni:)
Io non andrò a votare per i motivi di cui sopra anche perchè, dovesse vincere il "SI" per qualche strano motivo, l'attuale parlamento modificherebbe la legge e alè...un altro referendum.....e intanto i problemi veri rimangono.


Per modificare una grande costituzione, non ci vuole un parlamento grande, ma un grande parlamento! :D

exion
22-06-2006, 09.22.19
è davvero curioso.
bossi dice "io piglio un pezzo del paese lo "secessiono" e ce ne faccio un altro".
e prodi e soci a urlare che è un criminale.
ocalan davvero si muove per pigliare un pezzo del paese, cerca davvero di secessionarlo, ammazza qualche poveraccio a destra e a manca.. e gli stessi prodi e soci fanno a gara a farsi fotografare a braccetto.
mi sembra molto giusto e coerente...


Ma che te frega della Turchia? Pensa al tuo di paese! :)

Bossi andrebbe mandato in esilio, altro che palle.

exion
22-06-2006, 09.34.27
Im questo caso temo che Berlusconi abbia ragione, anche se un po' mi secca ammetterlo vista la mia non particolare stima nei suoi confronti.
L'Italia, fino a prova contaria, E' una repubblica democratica. Negare questo princìpio, oltretutto dopo tutte le bugie di basso rango che sta diffondendo il CS senza un minimo di ritegno, direi che non fa di nessuno, se non proprio "indegno di essere italiano", una persona responsabile.

...cut...


Dal poco che riesco a leggere dai giornali in questi giorni, l'Italia è una Repubblica fondata sullo squallore, la truffa di piccolo cabotaggio, il privilegio provincialistico e l'immoralità.

exion
22-06-2006, 09.36.33
:eek::eek::eek::eek::eek:
REFERENDUM: BOSSI,SE VINCE NO,TROVARE VIE NON DEMOCRATICHE
"Se vincono i no, questi qui non toccheranno piu' la Costituzione. Non cambia il Paese democraticamente. Bisognera' trovare altre vie, perche' democraticamente non sara' piu' possibile cambiare niente. E' questo il dramma". Lo afferma il leader della Lega Umberto Bossi in una intervista al Tg1 sul prossimo referendum.
http://www.repubblica.it/news/ired/ultimora/2006/rep_nazionale_n_1587120.html?ref=hprepnews
:eek::eek::eek::eek::eek:


Ma perché non è ancora in galera questo qua? :mm:

exion
22-06-2006, 09.44.57
...diciamo pure che la "formazione italiana"..negli ultimi decenni...va avanti a sgomitate....



Quando va avanti va già bene, anche se a sgomitate. E' quando torna indietro che fa paura.

exion
22-06-2006, 10.23.02
Ma sbaglio o tu vivi e paghi le tasse in Francia, che non mi sembra sia messa tanto bene.
Quindi per favore potresti esimerti dall'esprimere giudizi offensivi sul Governo precedente.

Im questo caso temo che Berlusconi abbia ragione, anche se un po' mi secca ammetterlo vista la mia non particolare stima nei suoi confronti.
L'Italia, fino a prova contaria, E' una repubblica democratica. Negare questo princìpio, oltretutto dopo tutte le bugie di basso rango che sta diffondendo il CS senza un minimo di ritegno, direi che non fa di nessuno, se non proprio "indegno di essere italiano", una persona responsabile.


...cut....

Se io dovessi scrivere qui sul forum, puta caso, faccio un esempio, "Chi vota
centro destra è un coglione", ci sarebbe subito qualcuno che mi salterebbe addosso a dirmi "ma come ti permetti?", e tu o Gigi mi richiamereste subito all'ordine.

In compenso se Berlusconi dice che noi elettori di sinistra siamo coglioni, indegni, e chi più ne ha più ne metta, c'è sempre qualcuno pronto, anche su questo forum, se non a difenderlo almeno a giustificarlo.

Anche questo non è coerente.

La buona educazione viene prima di qualunque altra cosa. Non si può essere "democratici", "liberali", paroloni, senza prima essere educati.
Berlusconi è un gran screanzato. Solo questo fatto, solo questa basilare lapalissiana considerazione a monte di tutto il resto, lo rende indifendibile. Chi si spertica a difenderlo comunque, altro non fa che appiattirsi, spesso incosciamente, sullo squallore di un paese che non ha più moralità. Un paese Canale 5.

TyDany
22-06-2006, 10.30.38
Sempre detto io che chi vota a destra è brutto, cattivo, maleducato, appiattito, di bassa moralità e, soprattuttp... è piccolo e nero! :eek: ... perchè sono brutto, piccolo e nerooooooooooo :crying:

P.S. E comunque anche a maleducazione è una bella gara, devo ricordare, giusto un episodio, chi era ad un funerale in veste ufficiale e se la ghignava bellamente? :rolleyes:

harman
22-06-2006, 10.35.43
Semplicemente andiamo a votare per una pessima riforma.

mao
22-06-2006, 10.49.13
e bocciamola

Dav82
22-06-2006, 11.00.54
Se io dovessi scrivere qui sul forum, puta caso, faccio un esempio, "Chi vota
centro destra è un coglione", ci sarebbe subito qualcuno che mi salterebbe addosso a dirmi "ma come ti permetti?", e tu o Gigi mi richiamereste subito all'ordine.
In compenso se Berlusconi dice che noi elettori di sinistra siamo coglioni, indegni, e chi più ne ha più ne metta, c'è sempre qualcuno pronto, anche su questo forum, se non a difenderlo almeno a giustificarlo.
Anche questo non è coerente.


(Y) :)

Flying Luka
22-06-2006, 11.14.26
Sempre detto io che chi vota a destra è brutto, cattivo, maleducato, appiattito, di bassa moralità e, soprattuttp... è piccolo e nero! :eek: ... perchè sono brutto, piccolo e nerooooooooooo :crying:
P.S. E comunque anche a maleducazione è una bella gara, devo ricordare, giusto un episodio, chi era ad un funerale in veste ufficiale e se la ghignava bellamente? :rolleyes:
Putroppo TY il CS ha sempre dimostrato una doppia faccia da guiness dei primati, nonchè 2 pesi e 2 misure da sempre : se sono "altri" a far qualcosa che a loro non va bene: apriti cielo.
Se invece la fanno loro, va tutto bene.
Ma dai! Ancora ti meravigli?
Solo una settimana fa ho fatto notare il brillante governo Prodi e vedo che è più comodo stare zitti.
Anche se, a dire il vero, preferisco un silenzio dignitoso alla solita arrampiacta in verticale ssugli specchi! :rolleyes:

... e pensa che invece Prodi è ancora a piede libero... ed è pure stato eletto! :D
Lui però, prima, era stato messo nella prigione di Bruxelles!
Se a questo poi aggiungiamo che ha formato un governo con un Napolitano che grazia Bompressi, e fra poco pure Sofri.
D'Elia noto terrosista di prima linea che ricopre una carica politica...
E a questo punto ci scandalizziamo di Bossi?!?! :rolleyes:
Direi che ci sarebbero, allo stato attuale delle cose, motivi ben più gravi per gridare allo scandalo.

Flying Luka
22-06-2006, 11.32.43
Sarebbe poi di pubblica utilità leggere i motivi, magari suffragati da valide ragioni, del "no".
Facile trincerarsi criticando il personaggio Berlusconi e le sue sparate, ma credo più difficile documentare il motivo per cui votare NO al prossimo referendum, visto che tutt'ora stiamo pagando una riforma del 2001 voluta dalla sinistra, ed i cui i risultati non mi sembrano particolarmente brillanti.

biologist1972
22-06-2006, 12.07.44
Sarebbe poi di pubblica utilità leggere i motivi, magari suffragati da valide ragioni, del "no".
Facile trincerarsi criticando il personaggio Berlusconi e le sue sparate, ma credo più difficile documentare il motivo per cui votare NO al prossimo referendum, visto che tutt'ora stiamo pagando una riforma del 2001 voluta dalla sinistra, ed i cui i risultati non mi sembrano particolarmente brillanti.
(Y)

tutti i cittadini dovrebbero riflettere oggettivamente, decidere senza dietrologie e senza schierarsi aprioristicamente. :act:

Bea*
22-06-2006, 12.29.55
Una ragione per votare no è senz' altro il progetto del senato federale. Senato che farebbe venire meno il bicameralismo (che oggi garantisce una doppia lettura nelle camere). Inoltre non è chiaro il criterio di divisione delle competenze tra camera e senato, visto che in alcuni casi la copetenza può spettare ad entrambe le camere...e questo porterebbe ad una lungaggine insopportabile del procedimento legislativo per stabilire (ogni volte attraverso la convocazione di un'apposita commissione) quale delle due camere può legiferare sulla materia contestata. Tra l'altro nel caso in cui la commissione non giunge ad una soluzione (caso molto probabile, visto che è composta da due deputati e due senatori) la legge non pone alcun rimedio. Il senato federale che questa riforma propone non corrisponde a nessun senato federale esistente (non si sa con quale coraggio lo si vuole definire tale). I promotori del "SI" hanno più volte dichiarato che la materia inerente al senato andrà rivista, quello che non viene detto è che in caso di scioglimento anticipato delle camere la riforma entrerà in vigore senza poterla modificare. Un vero disastro!

Bea*
22-06-2006, 12.31.40
Tutti gli ex presidenti della repubblica, tutti gli ex presidenti della corte costituzionale voteranno no a questa riforma, una ragione ci sarà?!

biologist1972
22-06-2006, 12.41.29
Tutti gli ex presidenti della repubblica, tutti gli ex presidenti della corte costituzionale voteranno no a questa riforma, una ragione ci sarà?!
non è che saranno tutti mancini... :devil:

Flying Luka
22-06-2006, 12.43.41
Un vero disastro!
Non è vero che la riforma faccia scempio della Costituzione: i principi fondamentali e i diritti di libertà contenuti nella prima parte non vengono toccati, perché la riforma modifica la seconda parte della Costituzione, che riguarda il funzionamento degli organi statali e regionali. Peraltro se vincessero i no non torneremmo alla Costituzione del 1948 ma a quella del 2001, modificata dal "federalismo" della sinistra, che ha creato tanti contenziosi tra Regioni e Stato e dunque sprechi di tempo e denaro.

La riforma non mette in pericolo l'unità nazionale ma al contrario la rafforza, perché: a) introduce il concetto di interesse nazionale e dà al governo il potere di bloccare le leggi regionali che danneggino l'interesse collettivo; b) distingue con chiarezza le materie di competenza statale e quelle di competenza regionale, riportando allo Stato la competenza su tredici importanti materie (prime fra tutte energia e infrastrutture) e perfezionando il meccanismo di devoluzione alle Regioni.

Sarebbe meglio fare le riforme costituzionali con l'accordo di tutti: peccato che nel 2001 la sinistra per prima riformò la Costituzione da sola. Inoltre "dimenticano" che la Costituzione stessa prevede un procedimento di modifica a maggioranza e di conseguenza un referendum confermativo come giudizio ultimo affidato al popolo.

Putroppo, noto, che la sinistra continua ad ignorare queste evidenze... e non è neanche difficile capirne il perchè.

harman
22-06-2006, 12.43.52
Il procedimento legislativo previsto dalla riforma è un assoluto pastrocchio, basta dare una occhiata a come verrebbe modificato l'art 70
adesso è questo:
La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere.
invece quello riformato sarebbe
La Camera dei deputati esamina i disegni di legge concernenti le materie di cui all'articolo 117, secondo comma, fatto salvo quanto previsto dal terzo comma del presente articolo. Dopo l'approvazione da parte della Camera, a tali disegni di legge il Senato federale della Repubblica, entro trenta giorni, può proporre modifiche, sulle quali la Camera decide in via definitiva. I termini sono ridotti alla metà per i disegni di legge di conversione dei decreti-legge.
Il Senato federale della Repubblica esamina i disegni di legge concernenti la determinazione dei princìpi fondamentali nelle materie di cui all'articolo 117, terzo comma, fatto salvo quanto previsto dal terzo comma del presente articolo. Dopo l'approvazione da parte del Senato, a tali disegni di legge la Camera dei deputati, entro trenta giorni, può proporre modifiche, sulle quali il Senato decide in via definitiva. I termini sono ridotti alla metà per i disegni di legge di conversione dei decreti-legge.
La funzione legislativa dello Stato è esercitata collettivamente dalle due Camere per l'esame dei disegni di legge concernenti le materie di cui all'articolo 117, secondo comma, lettere m) e p), e 119, l'esercizio delle funzioni di cui all'articolo 120, secondo comma, il sistema di elezione della Camera dei deputati e per il Senato federale della Repubblica, nonché nei casi in cui la Costituzione rinvia espressamente alla legge dello Stato o alla legge della Repubblica, di cui agli articoli 117, commi quinto e nono, 118, commi secondo e quinto, 122, primo comma, 125, 132, secondo comma, e 133, secondo comma. Se un disegno di legge non è approvato dalle due Camere nel medesimo testo i Presidenti delle due Camere possono convocare, d'intesa tra di loro, una commissione, composta da trenta deputati e da trenta senatori, secondo il criterio di proporzionalità rispetto alla composizione delle due Camere, incaricata di proporre un testo unificato da sottoporre al voto finale delle due Assemblee. I Presidenti delle Camere stabiliscono i termini per l'elaborazione del testo e per le votazioni delle due Assemblee.
Qualora il Governo ritenga che proprie modifiche a un disegno di legge, sottoposto all'esame del Senato federale della Repubblica ai sensi del secondo comma, siano essenziali per l'attuazione del suo programma approvato dalla Camera dei deputati, ovvero per la tutela delle finalità di cui all'articolo 120, secondo comma, il Presidente della Repubblica, verificati i presupposti costituzionali, può autorizzare il Primo ministro ad esporne le motivazioni al Senato, che decide entro trenta giorni. Se tali modifiche non sono accolte dal Senato, il disegno di legge è trasmesso alla Camera che decide in via definitiva a maggioranza assoluta dei suoi componenti sulle modifiche proposte.
L'autorizzazione da parte del Presidente della Repubblica di cui al quarto comma può avere ad oggetto esclusivamente le modifiche proposte dal Governo ed approvate dalla Camera dei deputati ai sensi del secondo periodo del secondo comma.
I Presidenti del Senato federale della Repubblica e della Camera dei deputati, d'intesa tra di loro, decidono le eventuali questioni di competenza tra le due Camere, sollevate secondo le norme dei rispettivi regolamenti, in ordine all'esercizio della funzione legislativa. I Presidenti possono deferire la decisione ad un comitato paritetico, composto da quattro deputati e da quattro senatori, designati dai rispettivi Presidenti. La decisione dei Presidenti o del comitato non è sindacabile in alcuna sede. I Presidenti delle Camere, d'intesa tra di loro, su proposta del comitato, stabiliscono sulla base di norme previste dai rispettivi regolamenti i criteri generali secondo i quali un disegno di legge non può contenere disposizioni relative a materie per cui si dovrebbero applicare procedimenti diversi.

C'è poco da aggiungere: la riforma è stata scritta e voluta da "analfabeti del diritto pubblico".

Ieri Terracini, De Gasperi e De Nicola, oggi Calderoli.....

Robbi
22-06-2006, 12.44.02
Sarebbe poi di pubblica utilità leggere i motivi, magari suffragati da valide ragioni, del "no".
Facile trincerarsi criticando il personaggio Berlusconi e le sue sparate, ma credo più difficile documentare il motivo per cui votare NO al prossimo referendum, visto che tutt'ora stiamo pagando una riforma del 2001 voluta dalla sinistra, ed i cui i risultati non mi sembrano particolarmente brillanti.
Luka, tu che sei bravo in queste cose, tempo fa, diciamo inizio anno, forse anche prima avevo fatto un post e se non ricordo male anche recentemente, cercando di illustrare, le principali novita' di questa riforma costituzionale, solo che non li trovo.
Puo' essere uno spunto per una articolata riflessione, mi rimetto alla ricerca!
:)

Flying Luka
22-06-2006, 12.44.11
non è che saranno tutti mancini... :devil:

Mi hai tolto le parole di bocca! ;)

Dav82
22-06-2006, 12.47.15
Oh, si dice tanto che i sinistri non danno motivazioni... ma a vedere le motivazioni portate da chi è per il sì, rimando a uno qualsiasi dei siti del comitato per il "no"... a leggere i post sembra di leggere il pieghevole o il sito di FI! :o

biologist1972
22-06-2006, 12.49.10
con la normativa attuale, l'iter formativo delle leggi è in media di 18 mesi......l'hanno detto in tv l'altra sera.
peggio di così non potrebbe andare, la nuova riforma pone un tetto di 90 giorni se non erro.....mi sembra già qualcosa che ne dite?

Flying Luka
22-06-2006, 12.50.20
Oh, si dice tanto che i sinistri non danno motivazioni... ma a vedere le motivazioni portate da chi è per il sì, rimando a uno qualsiasi dei siti del comitato per il "no"... a leggere i post sembra di leggere il pieghevole o il sito di FI! :o
Infatti spiegazioni dai "sinistri" a parte l'intervento di harman (degno di nota.. e lo dico seriamente in quanto articolato e motivato), ne ho letti ben pochi.... a parte le solite batute e faziosità.

Chiaro che poi "i sinistri" siano smaniosi di difendere privilegi obsoletì, ma nessuna meraviglia in merito... :rolleyes:

Bea*
22-06-2006, 12.50.54
La riforma inoltre toglierebbe al presidente della repubblica (super partes, nonché mediatore) il potere di sciogliere le camere. Potere che invece verrebbe attribuito al presidente del consiglio (che rappresenta la maggioranza). Ma come può un'organo di maggioranza controllare il parlamento che è l'organo democratico per eccellenza (visto che rappresenta maggioranza e opposizione?!). E poi chi è a questo punto che controlla il governo?!
Non basta dire che dopo il "SI" la rifroma si può cambiare e rivedere, questa riforma è talmente ampia e mal concepita che il lavoro di revisione sarebbe immenso e difficoltoso. Ma perché bisogna peggiorare le cose?!

dave4mame
22-06-2006, 12.54.32
Ma che te frega della Turchia? Pensa al tuo di paese! :)
Bossi andrebbe mandato in esilio, altro che palle.

di quello che fa la turchia me ne sciacquo le... parti accalorate.
di quello che fa chi governa il mio paese, permetti che mi interessi un pò di più.
e se una parte del popolo italiano (facciamo la maggioranza, a scanso di equivoci) volesse secedere?

Bea*
22-06-2006, 12.57.23
Oh, si dice tanto che i sinistri non danno motivazioni... ma a vedere le motivazioni portate da chi è per il sì, rimando a uno qualsiasi dei siti del comitato per il "no"... a leggere i post sembra di leggere il pieghevole o il sito di FI! :o

(Y) titoletti, senza alcun approfondimento. Avrei tante di quelle domande...ma perché i giornalisti sono incapaci di intervistare i politici. E perché i politici si limitano sempre a questi slogan insignificanti?! :crying:

Bea*
22-06-2006, 13.03.04
Altra cosa che mi dispiace è che si confonde questo refernedum per delle elezioni politiche. Sono di sinistra, voto quello che mi dice di votare la sinistra. Sono di destra e voto a destra. Siamo freschi di elezioni , lo capisco...ma manca un qualsiasi spirito critico.

exion
22-06-2006, 13.08.00
Sempre detto io che chi vota a destra è brutto, cattivo, maleducato, appiattito, di bassa moralità e, soprattuttp... è piccolo e nero! :eek: ... perchè sono brutto, piccolo e nerooooooooooo :crying:
P.S. E comunque anche a maleducazione è una bella gara, devo ricordare, giusto un episodio, chi era ad un funerale in veste ufficiale e se la ghignava bellamente? :rolleyes:

Non sei brutto piccolo e nero. E nemmeno io.

Allora dillo chiaramente anche tu, non per una questione politica ma di buon senso: "gli insulti sono maleducazione"

Si o no?

biologist1972
22-06-2006, 13.09.59
Altra cosa che mi dispiace è che si confonde questo refernedum per delle elezioni politiche. Sono di sinistra, voto quello che mi dice di votare la sinistra. Sono di destra e voto a destra. Siamo freschi di elezioni , lo capisco...ma manca un qualsiasi spirito critico.

ben detto bea (Y)

Dav82
22-06-2006, 13.21.29
Oh, cmq mi sembra siano chiari i motivi del perchè questa sia una riforma assolutamente schifosa:

- il presidente della repubblica è ridotto al ruolo di "vecchietto saggio" e nulla più: non ha più il potere di sciogliere le camere, strumento che garantiva una certa qual forma di controllo sullo strumento fondamentale di democrazia che possiede oggi la nostra repubblica

- il primo ministro ha facoltà ad ampissimo raggio, come revocare i ministri senza dover dare alcuna spiegazione (poi magari la darà pure, ma non è previsto che lo faccia) o che sia sottoposto a qualunque regola;

- all'inizio dell'incarico viene dato un giudizio sul programma e non un voto di fiducia al governo

- cambia in modo sostanziale la composizione dei componenti del CSM: ora la quasi maggioranza (7 su 15) è eletta dal parlamento, e ciò affievolisce l'indipendenza della magistratura dal parlamento... divisione dei poteri, Montesquieu... chi li conosce?

- farraginosa procedura di assegnazione delle competenze in materia legislativa fra le due camere: fra un comma e l'altro, ci si perde (e da questo punto di vista pure la riforma del 2001 non è che sia sta gran cosa); il meccanismo poi dei quattro commissari, due di ciascuna camera, che sanciscono - in caso di non accordo comune la competenza di una o dell'altra camera, è quantomeno risibile.. come dire: 100 contro 100 non eravamo d'accordo, vediamo un po' 2 contro 2: certo, la discussione forse è più facile, ma la conclusione forse sarà la stessa... e che si fa?

- non mi piace *per nulla* la riforma sul senato: la composizione della maggioranza può variare *ad ogni rinnovo*, ripeto *ad ogni* rinnovo di un consiglio regionale... ma non si sta cercando di perseguire, negli anni e con varie leggi elettorali, la stabilità? E non mi piace neanche, al di là della divisione dei poteri fra una camera e l'altra, il meccanismo di formazione della legge: il senato può dare pareri alla camera, che però se ne può infischiare e saltarli a piè pari... mi sembra un modo di mascherare la perdita del bicameralismo perfetto, che però tale più non è (e anche questo non mi piace, anche se può portare ad una velocizzazione dell'approvazione delle leggi)

- non mi piace, e ancora *per nulla*, il fatto che alle regioni siano dati poteri sull'organizzazione e sulla gestione scolastica e sull'assistenza e organizzazione sanitaria regionale: sono argomenti che non devono essere gestiti a livello regionale, sono troppo importanti e rientrano fra quegli elementi di pari dignità sociale, che devono essere garantiti al di là di qualsiasi distinzione, direi compresa la residenza in una regione piuttosto che in un'altra




A scanso di equivoci, questo non l'ho letto su alcun sito di organizzazione/movimento/partitolo... l'ho "partorito" (bene o male, ovviamente a seconda delle opinioni) leggendomi vecchia e nuova costituzione... du palle lo so, ma mi son preso un'oretta buona per decidere in base al mio pensiero il mio voto di domenica.

Bea*
22-06-2006, 13.23.04
Quello che mi sembra di capire è che chi vota no ( o buona parte di questi) teme che la sinistra possa fare peggio. Consapevole della pessima riforma vota "SI" perché: "chissà cosa possono combinare Prodi & co?!" Non si pensa però al fatto che la maggioranza che il centrosinistra ha al senato è estremamente risicata. Un'eventuale riforma della costituzione, in questa situazione, potrebbe esserci solo a seguito di un'ampia discussione parlamentare (che sarebbe già una buona garanzia). Un'imposizione unilaterale sarebbe impossibile.
Sono però timori di questo tipo che riportano il cittadino a farsi portavoce delle idee dei politici.
Soprattutto in un referendum confermativo questo senso critico sarebbe auspicabie, vista la responsabilità che ci è rimessa.

Dav82
22-06-2006, 13.57.52
Uh ecco, mi ero dimenticato una cosa: premesso che sono totalmente in disaccordo con la possibilità di voto degli italiani residenti all'estero (quelli che sono lì da decenni, non quelli all'estero qualche anno per lavorare.. mi vengono in mente alcuni dipendenti eni per esempio) beh... 18 su 500 mi sembrano un'esagerazione!!! Già 12 su 630 sono tantini, ma 18 su 500 sono veramente troppi!
Che poi con l'attuale legge elettorale non contino troppo, o quasi per nulla, ok... ma visto che la legge elettorale può cambiare in quattro e quattr'otto mentre il loro numero no... beh, un altro motivo per votare no.
Certo, se poi li abolissero del tutto, sarebbe una bella cosa :o

Flying Luka
22-06-2006, 15.00.10
Tanto discutere è inutile. Anche questa volta, in un' Italia in mano ad una sinistra arrogante e bugiarda, dove vige la legge non scritta del Politically Correct: "se la pensi come me sei degno di stima, in caso contrario sei un fesso", non ci sono dubbi che vincerà il "NO".

Abbiamo dato l' Italia in mano alla sinistra, peggio di così non potrebbe andare; però poi non lamentiamoci se siamo, e a questo punto rimarremo a lungo, il fanalino di coda delle UE.

Dav82
22-06-2006, 15.13.46
Tanto discutere è inutile. Anche questa volta, in un' Italia in mano ad una sinistra arrogante e bugiarda, dove vige la legge non scritta del Politically Correct: "se la pensi come me sei degno di stima, in caso contrario sei un fesso", non ci sono dubbi che vincerà il "NO".


No scusa, ma sembrerebbe proprio il contrario :D

Quelli indegni sono quelli che votano no, l'ha detto Lui proprio ieri :D :D

(e, per inciso, tu sembravi abbastanza d'accordo... non sul termine particolare, certo, ma sul concetto sì :o O sbaglio?)



E poi oh, che cavolo: prima bisogna dare le motivazioni, poi le motivazioni arrivano e discutere è inutile: ma che storia è???
Puoi confutare, controargomentare, visto che hai chiesto le motivazioni... non è corretto avere questo atteggiamento!

Bea*
22-06-2006, 15.18.53
No scusa, ma sembrerebbe proprio il contrario :D

Quelli indegni sono quelli che votano no, l'ha detto Lui proprio ieri :D :D

(e, per inciso, tu sembravi abbastanza d'accordo... non sul termine particolare, certo, ma sul concetto sì :o O sbaglio?)



E poi oh, che cavolo: prima bisogna dare le motivazioni, poi le motivazioni arrivano e discutere è inutile: ma che storia è???
Puoi confutare, controargomentare, visto che hai chiesto le motivazioni... non è corretto avere questo atteggiamento!


effettivamente, quando ho letto che erano richieste delle motivazioni, mi sono data da fare...ma così mi cascano le braccia :rolleyes:

exion
22-06-2006, 17.55.59
Tanto discutere è inutile. Anche questa volta, in un' Italia in mano ad una sinistra arrogante e bugiarda, dove vige la legge non scritta del Politically Correct: "se la pensi come me sei degno di stima, in caso contrario sei un fesso", non ci sono dubbi che vincerà il "NO".

Abbiamo dato l' Italia in mano alla sinistra, peggio di così non potrebbe andare; però poi non lamentiamoci se siamo, e a questo punto rimarremo a lungo, il fanalino di coda delle UE.


che ossessione questa del politcally correct :D

exion
22-06-2006, 18.01.11
effettivamente, quando ho letto che erano richieste delle motivazioni, mi sono data da fare...ma così mi cascano le braccia :rolleyes:


Benvenuta su Politica & Co. :D :D :D

exion
22-06-2006, 18.01.49
Domenica, chi vota no è un deficiente!!!





E ora che fate? :o



Alla faccia del politically correct :o

Flying Luka
22-06-2006, 18.10.46
che ossessione questa del politcally correct :D


Più che un'ossessione direi che per me è una constatazione, ovvero un dato di fatto. Consolidato.

D'altro canto, e qui mi viene in aiuto anche Wilkipedia (mi auguro "non di parte"... a meno che Berlusconi abbia delle compartecipazioni anche in quel portale) che oltre a definire il Politically Correct come Espressione coniata negli Stati Uniti negli anni '30 dalla sinistra comunista statunitense per indicare l’ortodossia partitica , ne dà infne una "spiegazione" quanto mai azzeccata, soprattutto se applicata al triste scenario della sinistra nostrana: Il politically correct, è considerato come una forma di ipocrisia da coloro che vedono nelle buone maniere linguistiche un modo per rimuovere le parole, ma non (necessariamente) i problemi: chiamare afroamericani e diversamente abili gli ex negri e gli ex handicappati è ben altra cosa dal rimuovere il razzismo e le barriere architettoniche.

Ne abbiamo avuto un esempio nei terroristi islamici chiamati "resistenti" da certi magistrati "mancini", e così via.

... e chi ha orecchie per intendere....

succhione
22-06-2006, 19.53.49
...ogni "scusa" è buona per riaprire le "elezioni"...poichè x l'ennesima volta si cerca di dirottare il senso del referendum, se vince il SI..Berlusconi fa il gol della bandiera, con il NO..la SX affossa sempre di + la libertà...!
..Davvero ridicolo....

exion
22-06-2006, 20.02.12
Più che un'ossessione direi che per me è una constatazione, ovvero un dato di fatto. Consolidato.
D'altro canto, e qui mi viene in aiuto anche Wilkipedia (mi auguro "non di parte"... a meno che Berlusconi abbia delle compartecipazioni anche in quel portale) che oltre a definire il Politically Correct come Espressione coniata negli Stati Uniti negli anni '30 dalla sinistra comunista statunitense per indicare l’ortodossia partitica , ne dà infne una "spiegazione" quanto mai azzeccata, soprattutto se applicata al triste scenario della sinistra nostrana: Il politically correct, è considerato come una forma di ipocrisia da coloro che vedono nelle buone maniere linguistiche un modo per rimuovere le parole, ma non (necessariamente) i problemi: chiamare afroamericani e diversamente abili gli ex negri e gli ex handicappati è ben altra cosa dal rimuovere il razzismo e le barriere architettoniche.
Ne abbiamo avuto un esempio nei terroristi islamici chiamati "resistenti" da certi magistrati "mancini", e così via.
... e chi ha orecchie per intendere....

Beh Luka, tra chiamare un "negro" afroamericano e chiamare un elettore "indegno coglione", capisco che tu possa criticare la prima ma mi stupisco, anzi non capisco come tu possa, persona intelligente ed educata, avvallare la seconda.

Essere politically correct è male e ipocrita? Forse. Di sicuro però non diventerò maleducato e cafone per non essere "politically correct".

Concordi?

Flying Luka
22-06-2006, 20.15.56
Concordo eccome!

Infatti non più tardi di ieri ho espresso la mia approvazione a Berlusconi: NON nella forma (altamente deprecabile per se stessa, e peggio ancora se espressa da un politico), MA nella sostanza.

Non a caso, non più tardi di ieri, ho scritto:
"...Confermare quindi una buona riforma, che divide con chiarezza i compiti di Stato e Regioni e che velocizza e razionalizza la procedura per fare le leggi. Una riforma che garantisce più potere ai cittadini, istituzioni più efficienti e che riduce di 175 il numero dei parlamentari, misura simbolo di uno Stato meno costoso e più produttivo, con tutte le garanzie di minor sprechi e sperperi e meno burocrazia direi che possa fare di chiunque, se non un italiano degno, quanto meno un "italiano responsabile"."

Se poi vogliamo disquisire sull' essere o non essere degno di essere Italiano, io dopo i recenti risultati elettorali non mi sento affatto "degno" di essere italiano, anzi.

Non mi sento degno al punto che, per dirla tutta, è un po' che sto pensando di rinunciare definitivamente al passaporto e relativa cittadinanza.

succhione
22-06-2006, 20.34.29
Non mi sento degno al punto che, per dirla tutta, è un po' che sto pensando di rinunciare definitivamente al passaporto e relativa cittadinanza.

...quoto la sostanza....

...se dentro un'individuo, qualsiasi sia la sua appartenenza politica/religiosa...matura uno stato di sdegno nei confronti della sua patria, per motivi simili:
..non c'è mai stata appartenenza, se non ad una condizione di comodità personale...
...questo sempre x franchezza, vista l'altrettanta usata....

Bea*
22-06-2006, 21.40.35
Ma come ci si può sdegnare a 2 mesi dalle elezioni?!...ancora non sono successi disastri. Meglio ridimensionare i prori impeti e cercare di mantenere una certa obbiettività. La frase pronunciata ieri dall'ex presidente del consiglio è di una gravità assoluta. Non ha senso, in questo caso, distinguere la forma dalla sostanza. Nella sua posizione una frase del genere è gravissima. Paradossalmente la gravità sembra attutita dal fatto che questa "frasaccia" è l'ultima di una lunga serie: insomma ci siamo abituati e Berlusconi, in questo senso, ha perso da tempo di credibilità.

TyDany
22-06-2006, 22.03.55
Non sei brutto piccolo e nero. E nemmeno io.
Allora dillo chiaramente anche tu, non per una questione politica ma di buon senso: "gli insulti sono maleducazione"
Si o no?
Dipende dal contesto e da come sono detti, in media direi di sì... ma il punto non è questo, il punto è che ci si attacca agli insulti ma questo topic è stato giù per giorni mentre il cs fa le sue boiate... ed ora Prodi promette che se passerà il NO diminuirà i parlamentari... ma se li ha appena aumentati? Facciamo come per il saldi? Un giorno prima alziamo il prezzo e il giorno dei saldi lo abbassiamo rispetto al giorno prima ma più alto della settimana scorsa?
Prendere per il chiulo è meno grave di insultare? Ghignarsela ad un funerale è meno grave di un insulto? E allora ognuno pensi alle propie travi piuttosto che alle pagliuzze degli altri!

Edit x aggiunta:
DOvremmo ricordarci che TUTTE queste cose non centrano una beata mazza con il referendum che non centra una fava con le elezioni!

Dav82
22-06-2006, 22.08.50
Dipende dal contesto e da come sono detti, in media direi di sì... ma il punto non è questo, il punto è che ci si attacca agli insulti ma questo topic è stato giù per giorni mentre il cs fa le sue boiate... ed ora Prodi promette che se passerà il NO diminuirà i parlamentari... ma se li ha appena aumentati? Facciamo come per il saldi? Un giorno prima alziamo il prezzo e il giorno dei saldi lo abbassiamo rispetto al giorno prima ma più alto della settimana scorsa?
Prendere per il chiulo è meno grave di insultare? Ghignarsela ad un funerale è meno grave di un insulto? E allora ognuno pensi alle propie travi piuttosto che alle pagliuzze degli altri!

1) E' stato giù? Chi vuole parlarci ci parla... le "boiate" di Prodi io sinceramente non le ho ancora viste (e so bene che ci saranno), potete sempre esprimerle! Mi sembra che (ok, in altro 3D, ma sempre politica era) delle frecce tricolori si sia parlato (a sproposito e con informazioni fuorvianti)... della composizione del governo, della fiducia, del presidente si è parlato... delle proposte sul ponte si è parlato...

2) Parlamentari aumentati? Ma guarda che i deputati e i senatori sono sempre stati, dico SEMPRE, rispettivamente 630 e 315 + quelli a vita... chi è che li avrebbe aumentati? No perchè questa me l'ero persa! Dove sta sta cosa!!!

TyDany
22-06-2006, 22.11.48
1) E' stato giù? Chi vuole parlarci ci parla... le "boiate" di Prodi io sinceramente non le ho ancora viste (e so bene che ci saranno), potete sempre esprimerle!
2) Aumentati? Ma guarda che i deputati e i senatori sono sempre stati, dico SEMPRE, rispettivamente 630 e 315 + quelli a vita... chi è che li avrebbe aumentati? No perchè questa me l'ero persa! Dove sta sta cosa!!!

1) Non sono abituato a lamentarmi sun abituà a fa andà i sciampìt mì ;)

2) Dav finche mi piglia per i fondelli Prodi è un conto ma te no nè? (B) Hai capito benissimo a cosa mi riferivo, mi sono espresso male, ok, ma tu che sei sempre informato non ci credo che non hai capito cosa intendevo ;)

harman
22-06-2006, 22.13.36
Dipende dal contesto e da come sono detti, in media direi di sì... ma il punto non è questo, il punto è che ci si attacca agli insulti ma questo topic è stato giù per giorni mentre il cs fa le sue boiate... ed ora Prodi promette che se passerà il NO diminuirà i parlamentari... ma se li ha appena aumentati? Facciamo come per il saldi? Un giorno prima alziamo il prezzo e il giorno dei saldi lo abbassiamo rispetto al giorno prima ma più alto della settimana scorsa?
Prendere per il chiulo è meno grave di insultare? Ghignarsela ad un funerale è meno grave di un insulto? E allora ognuno pensi alle propie travi piuttosto che alle pagliuzze degli altri!
Edit x aggiunta:
DOvremmo ricordarci che TUTTE queste cose non centrano una beata mazza con il referendum che non centra una fava con le elezioni!
Capperi, Prodi ha davvero aumentato i parlamentari?
E come avrebbe fatto se posso chiedere...la cosa non mi risulta
Il centrosinistra presentò mozioni per diminuire il numero dei parlamentari già in sede di redazione della legge costituzionale votata dal CD.
Diminuzione più sostanziosa (400 deputati) di quella fatta passare nel testo approvato.
Un insulto (una serie di insulti) è molto più grave di un ghigno ad un funerale.

:)

harman
22-06-2006, 22.14.19
Ops...devo essere più veloce ;)

Dav82
22-06-2006, 22.19.25
Ci sono arrivato adesso... i componenti del governo dici?


Se sì (e non c'è dubbio :)), le due cose sono differenti: è *verissimo* che Prodi ha fatto un governo che è il più "popoloso" della storia, 102 contro i 101 di Andreotti e i 99 di Berlusconi... (e, permettimi l'inciso... Silvio l'ha letteralmente menata in lungo e in largo con "poltrone, poltroncine, financo strapuntini", tanto che l'ho imparata a memoria... la differenza fra 102 e 99 non è tale da gridare allo scandalo, mi sembra :p Resto cmq dell'opinione che siano troppi)
Capisci bene però che sono due problemi differenti: si sta parlando di parlamentari, regolati in numero attraverso la costituzione... che centrano i componenti del governo? :) Se poi vogliamo fissare anche un tetto per questi, ben venga, anzi sarebbe ora... ma non è questo l'argomento del dibattere, non trovi? ;)


PS: assolutamente non mia intenzione pigliarti per le ciapèt eh ;) Davvero non avevo colto.

TyDany
22-06-2006, 22.34.53
(B);)
Dav il problema è il gioco ai saldi, evidentemente Prodi sì è accorto che la diminuzione nel testo di legge del referendum sta facendo presa tra gli italiani e così... saldiiiiiiii, se passa il NO diminuiamo noi! Ennesima presa per il culo ed ennesima incoerenza visto che ha appena aumentato di là ;)

crazy.cat
23-06-2006, 14.31.18
Qui ci sarà sicuramente un accordo bipartisan per approvare questa nuova e importante riforma.....

http://liberoblog.libero.it/blogdilibero/bl3979.phtml
http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/articolo315384.shtml
http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=98887

Camera:settimana di ferie al mese
La propone Bertinotti per i deputati

I deputati lavoreranno meno. Tre settimane al mese di attività, per essere liberi gli ultimi sette giorni. La proposta del Presidente della Camera Fausto Bertinotti verrà discussa nei prossimi giorni dai capigruppi parlamentari, ma l'assenso alla legge che sancirà il diritto al "mese corto" è quasi certo. Lo stesso Bertinotti , infatti, ne ha già discusso con i presidenti di commissione "registrando un sostanziale consenso".

Tre settimane di lavoro mensili, dunque, che per un deputato diventano dieci giorni su trenta, visto che l'attività di Montecitorio comincia il martedì e finisce il venerdì mattina. Un invito al riposo per i politici stressati? Niente di tutto questo. Le ferie obbligate sono già previste da un regolamento della Camera, che il leader di Rifondazione Comunista intende applicare per permettere agli eletti all'estero di rientrare nei propri collegi elettorali. Principio che già stava alla base del week end lungo di cui i parlamentari hanno sempre goduto, e che ora regolamenterà il diritto di tornare a casa anche per chi deve percorrere migliaia di chilometri.

Se Bertinotti parla di "sostanziale consenso" registrato nell'aula di Montecitorio, qualche mormorio di dissenso sembra trapelare tra le fila dell'opposizone, che giudica "un po' troppa" la riduzione dell'orario di lavoro. E non solo. Dalle pagine di Europa, arriva il timore che il "mese corto", come è stato definito dal presidente della commissione Affari Costituzionali Luciano Violante, possa essere percepito dagli elettori come un ulteriore privilegio concesso ai politici. Contro questo rischio, il quotidiano della Margherita oppone come garanzia l'autorevolezza del presidente Bertinotti, ma si lascia andare comunque ad una considerazione:"Forse, di questi tempi, l'idea che Montecitorio lavori solo tre settimane al mese, non sarà accolta tanto bene".

Quell'alleggerimento lavorativo che Bertinotti aveva cercato di concedere ai dipendenti, auspicando 35 ore a settimana, il presidente della Camera sta per ottenerlo per i suoi colleghi, ma con conseguenze molto più allettanti dal punto di vista economico. Lo stipendio mensile di un deputato è di 15.236 euro al mese che, per 14 giorni di lavoro mensili fanno 1.008 euro al giorno. Con la nuove ferie di una settimana, un deputato lavorerà solo dieci giorni e mezzo al mese, ma il suo stipendio rimarrà intatto. Risultato: il guadagno giornaliero salirà a 1.451 euro. Sette giorni di lavoro in meno, per recuperare, in proporzione, il 33% in più nello stipendio.

dave4mame
23-06-2006, 14.34.08
è belliffima questa corsa a chi riduce di più...

quasi quasi lancio anche io una proposta.
eleggettemi e avrete UN SOLO parlamentare...

Dav82
23-06-2006, 14.40.12
(B);)
Dav il problema è il gioco ai saldi, evidentemente Prodi sì è accorto che la diminuzione nel testo di legge del referendum sta facendo presa tra gli italiani e così... saldiiiiiiii, se passa il NO diminuiamo noi! Ennesima presa per il culo ed ennesima incoerenza visto che ha appena aumentato di là ;)

Noooo, m'ero salvato il post ma mi sa che ho cancellato per sbaglio il txt :crying:

Cmq il succo era questo: quello che dici è verissimo eh ;)
Solo una cosa: ricordi l'annuncio sull'ICI, quello fatto a sorpresa, che tanto sapeva di (ed era) spot pubblicitario "tanto per"? E il rilancio appena dopo, se non sbaglio sempre di FI o cmq della CdL, con l'abolizione della tarsu?

Non è per spiritio di polemica, ma per dire che nella corsa ai saldi, di qua e di là pari sono ;) (B) (poi ovviamente per me sono peggio di là, per te peggio di qua, ovvio :p)

Flying Luka
23-06-2006, 15.06.17
Ma come ci si può sdegnare a 2 mesi dalle elezioni?!...ancora non sono successi disastri. Meglio ridimensionare i prori impeti e cercare di mantenere una certa obbiettività. La frase pronunciata ieri dall'ex presidente del consiglio è di una gravità assoluta. Non ha senso, in questo caso, distinguere la forma dalla sostanza. Nella sua posizione una frase del genere è gravissima. Paradossalmente la gravità sembra attutita dal fatto che questa "frasaccia" è l'ultima di una lunga serie: insomma ci siamo abituati e Berlusconi, in questo senso, ha perso da tempo di credibilità.

E come sempre stiamo a discutere sulla forma e non sulla sostanza.
Si criticano (ancora!) le sparate di Berlusconi - leggesi: la forma - che non conta praticamente più nulla, e non si guardano i tira e molla, le indecisioni, le promesse che slittano di giorno in giorno, i giochini al rialzo che fa Prodi come se fossimo in una sala del Bingo, i membri di dubbia fama, etica e reputazione che compongono questo governo (che se poco credibili erano quelli del governo Berlusconi, questi ci stanno dietro alla grande) - leggesi: la sostanza - che penso siano immensamente più gravi e preoccupanti di qualsiasi sparata Berlusconiana nei massimi momenti di egocentrismo ed onnipotenza.

Bea*
23-06-2006, 15.57.42
E come sempre stiamo a discutere sulla forma e non sulla sostanza.
Si criticano (ancora!) le sparate di Berlusconi - leggesi: la forma - che non conta praticamente più nulla, e non si guardano i tira e molla, le indecisioni, le promesse che slittano di giorno in giorno, i giochini al rialzo che fa Prodi come se fossimo in una sala del Bingo, i membri di dubbia fama, etica e reputazione che compongono questo governo (che se poco credibili erano quelli del governo Berlusconi, questi ci stanno dietro alla grande) - leggesi: la sostanza - che penso siano immensamente più gravi e preoccupanti di qualsiasi sparata Berlusconiana nei massimi momenti di egocentrismo ed onnipotenza.


Secondo me il tuo intervento non riporta neanche un dato. Insomma parli di sale bingo, di etica, di forma e sostanza(in modo secondo me un po' confuso), di giochini, di dubbia reputazione...come faccio a risponderti?! :( Non te la prendere, ma veramente non so cosa dire :)
ciao Bea* :)

Flying Luka
23-06-2006, 16.04.23
Secondo me il tuo intervento non riporta neanche un dato. Insomma parli di sale bingo, di etica, di forma e sostanza(in modo secondo me un po' confuso), di giochini, di dubbia reputazione...come faccio a risponderti?! :( Non te la prendere, ma veramente non so cosa dire :)
ciao Bea* :)

Evidentemente ti sono sfuggite le recenti critiche scritte sui maggiori quotidiani italiani, nonchè questo mio intervento, di qualche giorno fa, che per comodità ti riporto:

... e pensa che invece Prodi è ancora a piede libero... ed è pure stato eletto! :D

Lui però, prima, era stato messo nella prigione di Bruxelles!

Se a questo poi aggiungiamo che ha formato un governo con un Napolitano che grazia Bompressi, e fra poco pure Sofri.

D'Elia noto terrosista di prima linea che ricopre una carica politica...

E a questo punto ci scandalizziamo di Bossi?!?! :rolleyes:

Direi che ci sarebbero, allo stato attuale delle cose, motivi ben più gravi per gridare allo scandalo.

...e a questo potrei aggiungere l'arbitrario aumento dei componenti di governo, in netta contraddizione con il "dover tirar la cingia". Ma chi la deve tirare, mi chiedo?

Potrei aggiungere il cuneo fiscale opportunamente dimenticato o slittato a data da stabilirsi.

Oppure vogliamo parlare della mazzata fiscale che sta per pioverci addosso? Visto che alla fine il CS ha risolto, risolve e sempre risolverà i problemi di natura di bilancio con la magica formua "tasse"?

Per tanto se vogliamo continuare ad immolare Prodi a santo redentore dell'Italia siete liberi di farlo, dopotutto l'avete votato ed è giusto e sacrosanto che crediate nelle sue abilità di politico e di statista.
Dopotutto la parola democrazia suggerisce anche la libera scelta di un leader (o pseudo tale). :rolleyes:

Spero, malgrado tutto, e se non è chiedere troppo, che almeno mi sia concesso di dubitarne.

biologist1972
23-06-2006, 16.39.17
...e a questo potrei aggiungere l'arbitrario aumento dei componenti di governo, in netta contraddizione con il "dover tirar la cingia". Ma chi la deve tirare, mi chiedo?

Potrei aggiungere il cuneo fiscale opportunamente dimenticato o slittato a data da stabilirsi.

Oppure vogliamo parlare della mazzata fiscale che sta per pioverci addosso? Visto che alla fine il CS ha risolto, risolve e sempre risolverà i problemi di natura di bilancio con la magica formua "tasse"?

Per tanto se vogliamo continuare ad immolare Prodi a santo redentore dell'Italia siete liberi di farlo, dopotutto l'avete votato ed è giusto e sacrosanto che crediate nelle sue abilità di politico e di statista.
Dopotutto la parola democrazia suggerisce anche la libera scelta di un leader (o pseudo tale). :rolleyes:

Spero, malgrado tutto, e se non è chiedere troppo, che almeno mi sia concesso di dubitarne.

(Y)

questa è musica per le mie orecchie :)

Dav82
23-06-2006, 17.18.41
http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/politica/referendum-tre/cimitato-rinvio-scrutinio/cimitato-rinvio-scrutinio.html



UAHAHAHAHA :D :D :D
LOOOOOOOOLLLL :D :D :D


Vi prego, ossigeno :D

The_Prof
23-06-2006, 17.23.35
Domenica, chi vota no è un deficiente!!!
E ora che fate? :o
Alla faccia del politically correct :o

Sono un deficiente :D
Non mi va il fatto che l'articolo 117 preveda che lo Stato possa bocciare le leggi delle regioni a statuto speciale in nome di una sicurezza nazionale, nè che la modifica dell'articolo 116 preveda che nessuna regione possa chiedere l'autonomia.
In compenso l'articolo 114 prevede una qualche forma di federalismo fiscale per Roma.
Inoltre manca completamente la modifica riguardo il federalismo fiscale per tutte le regioni.
Ma siamo sicuri che il testo di modifica sia stato dettato da Bossi ?

Ciao :)

RNicoletto
23-06-2006, 17.25.17
Edit x aggiunta:
DOvremmo ricordarci che TUTTE queste cose non centrano una beata mazza con il referendum che non centra una fava con le elezioni!
Questa è la cosa più drammatica!

Qui si chiede agli italiani di modificare la Costituzione e questi giocano a fare propaganda politica... :crying:

Sbavi
23-06-2006, 17.26.08
Ciao a tutti. Faccio solo una capatina...sto spammando per testare il nuovo forum :)

Silence
23-06-2006, 17.29.35
Questa è la cosa più drammatica!

Qui si chiede agli italiani di modificare la Costituzione e questi giocano a fare propaganda politica... :crying:


Verissimo e se posso dire un'altra cosa, premettendo che non ho letto gli ultimi post, trovo assurdo che serva un quorum, nei referendum in cui si decide se i cacciatori possono, o meno, passare nei terreni dei contadini, e che invece non serva per referendum importanti come questo.

Mah...paura dell'astensionismo? Perchè secondo me al voto andranno in pochissimi, anche perchè molti non hanno capito COSA si voti.

infinitopiuuno
23-06-2006, 17.37.45
Verissimo e se posso dire un'altra cosa, premettendo che non ho letto gli ultimi post, trovo assurdo che serva un quorum, nei referendum in cui si decide se i cacciatori possono, o meno, passare nei terreni dei contadini, e che invece non serva per referendum importanti come questo.

Mah...paura dell'astensionismo? Perchè secondo me al voto andranno in pochissimi, anche perchè molti non hanno capito COSA si voti.


Comprendi ora l'esigenza di modificare la carta costituzionale? :inn:

Silence
23-06-2006, 17.39.46
Comprendi ora l'esigenza di modificare la carta costituzionale? :inn:


Carta che?


:D

infinitopiuuno
23-06-2006, 17.46.17
Seriamente, credo che dipenda dal fatto che una legge è comunque stata promulgata anche se non con i 2/3 del Parlamento.

Quindi il referendum può legittimamente essere senza quorum.


Tristezza...sei senza quorum:)

RNicoletto
23-06-2006, 17.55.06
Verissimo e se posso dire un'altra cosa, premettendo che non ho letto gli ultimi post, trovo assurdo che serva un quorum, nei referendum in cui si decide se i cacciatori possono, o meno, passare nei terreni dei contadini, e che invece non serva per referendum importanti come questo.

Mah...paura dell'astensionismo? Perchè secondo me al voto andranno in pochissimi, anche perchè molti non hanno capito COSA si voti.
Straquoto! (Y)

Bea*
23-06-2006, 23.04.57
Evidentemente ti sono sfuggite le recenti critiche scritte sui maggiori quotidiani italiani, nonchè questo mio intervento, di qualche giorno fa, che per comodità ti riporto:



...e a questo potrei aggiungere l'arbitrario aumento dei componenti di governo, in netta contraddizione con il "dover tirar la cingia". Ma chi la deve tirare, mi chiedo?

Potrei aggiungere il cuneo fiscale opportunamente dimenticato o slittato a data da stabilirsi.

Oppure vogliamo parlare della mazzata fiscale che sta per pioverci addosso? Visto che alla fine il CS ha risolto, risolve e sempre risolverà i problemi di natura di bilancio con la magica formua "tasse"?

Per tanto se vogliamo continuare ad immolare Prodi a santo redentore dell'Italia siete liberi di farlo, dopotutto l'avete votato ed è giusto e sacrosanto che crediate nelle sue abilità di politico e di statista.
Dopotutto la parola democrazia suggerisce anche la libera scelta di un leader (o pseudo tale). :rolleyes:

Spero, malgrado tutto, e se non è chiedere troppo, che almeno mi sia concesso di dubitarne.

Ribadisco che a meno di due mesi dall'insediamennto del nuovo governo non sarei particolarmente allarmista.

Ribadisco che è opportuno un po' di senso critico...e questo vale anche per la lettura dei giornali.

Ovviamente si è liberi di pensare quel che si vuole.


Per quanto riguarda il referendum, quello di domenica è un referendum confermativo. Serve a confermare o meno un procedimento legislativo (in modo particolare una legge costituzionale o che modifica la costituzione) iniziato in parlamento e per il quale non è stato raggiunto il numero di voti necessari richiesti dalla legge. Il quorum in questo caso non serve perché il procedimento iniziato in parlamento è considerato una garanzia sufficiente.

Il referendum abrogativo, abroga una legge esistente su iniziativa del popolo (raccolta di firme), regioni (mi pare) e non ricordo più. In questo caso è necessario il quorum perché si deve abrogare una legge esistente e quindi è importante che l'ineteresse ad abrogarla coinvolga un alto numero di votanti. Da qui il fallimento del referendum in caso di bassa affluenza alle urne. La legge in questo caso rimane in piedi.

nikzeno
24-06-2006, 11.48.34
Ciao gente :) Come butta da ste parti?

Domani si vota: sembra che almeno 9 costituzionalisti su 10 consiglino di votare NO, mi tocca di fidarmi... peccato, perchè alcune proposte erano interessanti.
Mi toccherà pure fidarmi di chi dice che vuole cambiare per bene la costituzione con le "larghe intese". Aspetterò volentieri il prossimo giro.

L'articolo di Sartori è semplice ed illuminante.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Editoriali/2006/06_Giugno/24/sartori.shtml

Robbi
24-06-2006, 13.38.36
Per quanto riguarda il referendum, quello di domenica è un referendum confermativo. Serve a confermare o meno un procedimento legislativo (in modo particolare una legge costituzionale o che modifica la costituzione) iniziato in parlamento e per il quale non è stato raggiunto il numero di voti necessari richiesti dalla legge. Il quorum in questo caso non serve perché il procedimento iniziato in parlamento è considerato una garanzia sufficiente.

Il referendum abrogativo, abroga una legge esistente su iniziativa del popolo (raccolta di firme), regioni (mi pare) e non ricordo più. In questo caso è necessario il quorum perché si deve abrogare una legge esistente e quindi è importante che l'ineteresse ad abrogarla coinvolga un alto numero di votanti. Da qui il fallimento del referendum in caso di bassa affluenza alle urne. La legge in questo caso rimane in piedi.

Direi che la spiegazione dal punto di vista tecnico non fa una grinza.

Mi permetto un piccolo inciso per maggior chiarezza circa il non raggiungimento dei 2/3 dei consensi durante l'iter di approvazione di una modifica Costituzionale. Preciso che

L'art.138 della Costituzione dice che se una legge di modifica Costituzionale non è approvata da entrambi i rami del parlamento con la maggioranza dei due terzi, questa può essere sottoposta a referendum popolare, ovvero NON e' previsto nessun tipo di automatismo in tal senso, entro 3 mesi dall'ultima approvazione. La richiesta può essere fatta da un quinto dei membri di una Camera, o cinquemila elettori, o cinque consigli regionali.

A tale proposito ricordo che la modifica Costituzionale del 2001 promossa dal CS anche se passo' con i voti a maggioranza relativa, NON fu sottoposta a referendum confermativo, se non ricordo male.


:)

harman
24-06-2006, 13.42.42
A tale proposito ricordo che la modifica Costituzionale del 2001 promossa dal CS anche se passo' con i voti a maggioranza relativa, NON fu sottoposta a referendum confermativo, se non ricordo male.


:)

Ricordi male
http://it.wikipedia.org/wiki/Referendum_costituzionale_del_2001

:)

Robbi
24-06-2006, 14.01.51
perfetto ricordo male.. :p ehhh! sto diventando vecchio :D

cio' non inficia il ragionamento sopra
:)

infinitopiuuno
24-06-2006, 14.02.53
Non solo ci fù il referendum ma passò con la stragrande maggioranza dei "SI".

Non perchè era giusta o sbagliata(un abbozzo di devolution ) ma perchè lo schieramento politico di allora disse di andare a votare sì.

Questa modifica o riforma costituzionale, porposta dalla CdL, è a dir poco rivoluzionaria; per questo chi ragiona con la propria testa ed è del CD non andrà a votare, come me; e non andrà a votare NO, solo perchè, il voto appunto, ha molta valenza politica.


Vincerà il NO di sicuro ma non perchè le persone sanno di cosa si tratti ma perchè stimolate dai loro vertici politici che paventano dittature ed epidemie, senza considerare che l'attuale maggioranza potrà successivamente proporre modifiche e di fatto "sterilizzare" i futuri danni della riforma che in realtà, ammetto, stravolge i cardini costituzionali fondanti.

Nonostante ciò ricordo che molte delle questioni oggetto di riforma, sono state commentate favorevolmente e proposte dalle varie commissioni che si sono succedute in questi decenni.

Il muro contro muro continua e fà solo ma al paese; unica mia speranza è la caduta del governo NON ora ma fra un annetto, giusto per dimostrare quanto fallimentare possa essere questo groviglio di parlamentari ma Prodi si dimostra sempre più un moderatore straordinario(scuola DC).

infinitopiuuno
24-06-2006, 14.09.14
Ciao gente :) Come butta da ste parti?

Domani si vota: sembra che almeno 9 costituzionalisti su 10 consiglino di votare NO, mi tocca di fidarmi... peccato, perchè alcune proposte erano interessanti.
Mi toccherà pure fidarmi di chi dice che vuole cambiare per bene la costituzione con le "larghe intese". Aspetterò volentieri il prossimo giro.

L'articolo di Sartori è semplice ed illuminante.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Editoriali/2006/06_Giugno/24/sartori.shtml


Bell'articolo veramente anche se, a mio avviso, Sergio Bartole non può giudicare assurda la proposta della CdL e cioè votare SI per poi rivedere insieme i punti da modificare dato che è la stessa identica tesi dell'altra parte.

O è il malafede e di parte o non lo comprendo.

succhione
24-06-2006, 15.19.19
Ribadisco che a meno di due mesi dall'insediamennto del nuovo governo non sarei particolarmente allarmista.

Ribadisco che è opportuno un po' di senso critico...e questo vale anche per la lettura dei giornali.

Ovviamente si è liberi di pensare quel che si vuole.




...infatti, proprio per quel "principio" di ottimismo che ha sempre contraddistinto il leader del CDL, sparare sul governo appena nato non serve a nulla..oltre che mancare di argomenti....
...se a malapena una legislatura può dire la sua...pochi gg.....