PDA

Visualizza versione completa : [Politica & co.] Il nuovo miracolo italiano?


Pagine : 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 [11] 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Astro
05-10-2006, 20.39.38
Infatti potra essre ben inserito in OT News o Politica... ;)

Non infervoratevi ragazzi, basat solo unire i Thread...

Cmq
__________________
Se esprimi un desiderio è perché vedi cadere una stella.. Se vedi cadere una stella è perché stai guardando il cielo.. Se stai guardando il cielo è perché credi ancora in qualcosa...

Astro
05-10-2006, 20.40.00
Infatti potra essre ben inserito in OT News o Politica... ;)

Non infervoratevi ragazzi, basat solo unire i Thread...

Cmq è bellina... purtroppo...
__________________
Se esprimi un desiderio è perché vedi cadere una stella.. Se vedi cadere una stella è perché stai guardando il cielo.. Se stai guardando il cielo è perché credi ancora in qualcosa...

sono arrivato
05-10-2006, 20.41.22
E perchè dovrei avercela con te, nemmeno ti conosco.
Cerco solo di farti capire che, anzichè aprire una nuova discussione, potevi inserire quello che hai scritto, in altri thread. ;)


tu sei vecchio del forum e conosci tutti i thresd e sai a cosa riferirti
io che "sono arrivato" da poco dovrei leggerli tutti per trovare quello che tratta l'argomento.
(Come collega dell'AVIS non mi aspettavo da te questa bacchettata)

Silence
05-10-2006, 20.42.33
Ma infatti non si infervora nessuno :)

Facevo il nonno :D

Prima si capiscono queste cose, meno lavoro futile hanno i mod.





















Che già poco fanno!

:p :inn: :inn:

Silence
05-10-2006, 20.44.12
(Come collega dell'AVIS non mi aspettavo da te questa bacchettata)

Ma che c'azzecca?

Vabbeh...buon proseguo.

dave4mame
05-10-2006, 20.47.35
così fa più ridere....

http://www.youtube.com/watch?v=M25e-S9TL3M

:D

sono arrivato
05-10-2006, 20.48.38
Ma che c'azzecca?
Vabbeh...buon proseguo.


c'azzecca e come anziche' mettere a proprio agio i nuovi arrivati fai il nonno.
Speriamo che non ne escano altri

Sbavi
05-10-2006, 20.50.26
Sento una certa puzza..secondo me sta per arrivare il Comandante.. :D :D

Silence
05-10-2006, 20.54.39
c'azzecca e come anziche' mettere a proprio agio i nuovi arrivati fai il nonno.
Speriamo che non ne escano altri


Guarda, stai facendo tutto da solo.

Ho specificato dall'inizio che non ce la potevo avere con te perchè nemmeno ti conosco, ho detto "nonno" con duecento faccine che testimoniavano il tono scherzoso.

Se vuoi continuare continua pure, per me la cosa finisce qua perchè non è mai iniziata.

Ripeto...buon proseguo.


Ps. Se vuoi chiedermi altro o per chiarirci, puoi mandarmi un messaggio privato, così evitiamo di sporcare qua.

Doomboy
05-10-2006, 21.18.14
Sento una certa puzza..secondo me sta per arrivare il Comandante.. :D :D

:D

Mi sa che rimanda a domani :D

biologist1972
05-10-2006, 21.19.56
non toccate tristezza :o
:p :p

Silence
05-10-2006, 21.32.38
Agghiacciante puntata di Anno Zero.


Tosta sperare di cambiare qualcosa se la gente è questa.

Mamma mia :(

einemass
05-10-2006, 21.46.42
vabbè ... per sfottere questo governo si tira fuori un sms, per l'altro ci sono ormai enciclopedie per contenere tutte le ...zzate che hanno fatto :D
e cmq la metà delle cose che dice quel sms nn sono ancora avvenute, anche se purtroppo credo che avverranno
ciaoooooo

exion
05-10-2006, 22.35.09
Francamente non capisco questo modo di far politica. Fa solo del male al proprio paese. Nel suo piccolo, chi fa rimbalzare questi sms affossa solo un pò di più un dibattitto politico già molto ma molto caduto in basso.

Su questo forum vige una regola: se io ora dovessi dare del coglione con disprezzo e cattiveria a un altro utente, come minimo qualcuno mi sospenderebbe, forse persino mi bannerebbe.

Questo non è un bizzarro capriccio tirannesco di chi gestisce il forum: è una semplice regola di buona educazione. Me lo hanno insegnato da piccolo i miei genitori, non l'amministratore di un forum: non si insultano le persone. Punto e basta.

Beh, a me di pensare che ci sono in questo momento milioni di persone in Italia che se la ridono sotto i baffi e sbeffeggiano altri milioni di italiani chiamandoli coglioni.... Mi vien da vomitare.... http://www.club2share.com/forums/images/smilies/newsmile/Vomit.gif

UG0_BOSS
05-10-2006, 22.49.13
non ho parole -.-

Flying Luka
05-10-2006, 23.29.46
Non avevo forse detto CHIARAMENTE in pieno clima elettorale:
"Occhio a votare Prodi!
Berlusconi e Prodi sono due facce delle stessa moneta!"

e poi avevo anche aggiunto:

"Vi siete dimenticati COSA ha fatto nel suo precedente governo?"

e che ORA, col senno del POI, posso dire: e che rifarà esattamente ADESSO.

Fëanor
05-10-2006, 23.39.16
Scusa se te lo dico...ma ti sembra il caso di aprire una discussione del genere?
Ci sono thread appositi dove poter trattare argomenti del genere.

non è un granché amichevole come risposta :devil:

Robbi
06-10-2006, 01.31.19
Adesso e' tardi e me ne vado a nanna (S)
In effetti andrebbe unito al thread politica, se non passa lukino faccio io domani con la speranza di non tirare giu' tutto il forum! :D

Bbbboni pero' mi raccomando eh??
notte
:)

Sbavi
06-10-2006, 01.34.34
Bbbboni pero' mi raccomando eh??
notte
:)


Guarda che sei tu il casinista :D

exion
06-10-2006, 06.34.04
Non avevo forse detto CHIARAMENTE in pieno clima elettorale:
"Occhio a votare Prodi!
Berlusconi e Prodi sono due facce delle stessa moneta!"
e poi avevo anche aggiunto:
"Vi siete dimenticati COSA ha fatto nel suo precedente governo?"
e che ORA, col senno del POI, posso dire: e che rifarà esattamente ADESSO.


vabbeh ma le alternative erano quelle... O Prodi o Berlusconi.... O l'uno o l'altro.


O forse mi è sfuggito qualche cosa? :mm:

biologist1972
06-10-2006, 08.24.19
:o :fiufiu:

wilhelm
06-10-2006, 08.49.10
Era passato anche a me...

:D:D:D

Flying Luka
06-10-2006, 09.50.28
Beh, a me di pensare che ci sono in questo momento milioni di persone in Italia che se la ridono sotto i baffi e sbeffeggiano altri milioni di italiani chiamandoli coglioni.... Mi vien da vomitare.... http://www.club2share.com/forums/images/smilies/newsmile/Vomit.gif
Beh... anche così fosse, carissimo exion, "la battutaccia" ve la siete voluta e cercata con il vostro voto.
Mi spiace, ma è così! Sai come dice il proverbio, no? "Chi è causa del suo mal....

E poi, devo forse ricrodarti la vs. massiccia campagna di denigrazione ed insulti ai tempi del governo Berlusconi?

Spero, almeno, proviate un minimo senso di vergogna! :mad:
Saranno molte le famiglie italiane a ringraziarvi prossimamente per il vostro voto di aprile!
______________
P.S. Unite le discussioni

Flying Luka
06-10-2006, 09.56.05
vabbeh ma le alternative erano quelle... O Prodi o Berlusconi.... O l'uno o l'altro.
O forse mi è sfuggito qualche cosa? :mm:


evidentemente ti sta sfuggendo parecchio.

Visti i brillanti risultati di questo governo, l'evidente dissenso popolare e pure quello della stampa (che notoriamente è mancina), direi che non è neanche il caso di porsi una domanda in merito all'alternativa, visto che l'alternativa che AVETE astutamente votato si sta rivelando disastrosa.

:rolleyes:

wilhelm
06-10-2006, 10.21.32
Perché ti viene da vomitare?

Intanto è, purtroppo, un ridere per non piangere...

In pochi mesi questo governo ha fatto disastri e, per giunta, sotto il ricatto politico della fiducia...

Aprire le carceri è stato un gesto di una gravità inaudita: che segnale di sicurezza e protezione dà uno stato ai suoi cittadini quando invece di proteggerli da chi vorrebbe fare loro del male rimette tutti assieme, pecore e lupi nello stesso campo? - Ricordo che molti sono stati colti in flagranza dello stesso reato poche ore dopo essere stati scarcerati - Quale piacere ha fatto a molti carcerati che si sono trovati fuori, con meno del nulla in tasca, no lavoro, no famiglia, niente di niente?

La cittadinanza facile? - Perché sarà facile, diciamo le cose come stanno... - Ci ha il coraggio di dire che non è solo una mossa per recuperare voti una volta persi quelli di chi si sarà accorto di questo sfacelo? Avreste il coraggio di dare la residenza in casa vostra al primo che capita solo perché a casa sua vive male e bisogna aiutarlo? Fata, fate, poi quando sparirà tutta l'argenteria non venite a piangere, NOI VE L'AVEVAMO DETTO.

Gli stessi detrattori del nucleare italiano sono fervidi sostenitori del nucleare iraniano: è sicuro o non è sicuro? Porta progresso o non porta progresso? Perché a casa degli altri sì e a casa nostra neanche a nominarlo? Almeno a questo punto rispondete, perché la cosa in questi giorni mi ha fatto altamente girare... :mad:

Questa Finanziaria ha separato i ceti economici in maniera quanto mai semplicistica e ingenua, e siccome non sono né ingenui né stupidi, si traduce in maniera falsa e furba.
Si può ritenere un uomo con moglie e due figli che porta a casa 1500€ netti al mese ceto medio? Perché se hanno confuso la situazione media degli italiani con quella che normalmente è chiamata "Classe media" si sbagliano di grosso: la soglia di povertà è salita, il numero di famiglie al di sotto di questa soglia è aumentata: mettere un limite forzosamente basso produrrà solo danni perché schiaccerà inevitabilmente chi ci è di poco sopra...

E ancora avete il coraggio di dire che con Silvio era peggio?
Al prossimo 740, non ve lo auguro ma ne sono sicuro, avrete la conferma del contrario!

RNicoletto
06-10-2006, 10.35.10
Agghiacciante puntata di Anno Zero.

Tosta sperare di cambiare qualcosa se la gente è questa.

Mamma mia :(
Non l'ho vista... Che hanno detto??

exion
06-10-2006, 11.16.27
evidentemente ti sta sfuggendo parecchio.
Visti i brillanti risultati di questo governo, l'evidente dissenso popolare e pure quello della stampa (che notoriamente è mancina), direi che non è neanche il caso di porsi una domanda in merito all'alternativa, visto che l'alternativa che AVETE astutamente votato si sta rivelando disastrosa.
:rolleyes:


No in realtà ti chiedevo se l'uno è solo l'altra faccia dell'altro allora, se si equivalgono, che alternativa resta?




Comunque no, non mi vergogno di nulla, non mi vergogno di aver fatto il mio dovere di cittadino andando a votare sebbene la mia situazione personale mi suggerisse di fare altro quella domenica, non mi vergogno di aver votato secondo coscienza, non mi sento responsabile per le scelte di un governo che certo ho minimamente contribuito a fare eleggere ma di cui non porto la responsabilità per ogni singola decisione presa come se al governo ci fossi io.

In compenso trovo questa tua insistenza sulla "vergogna", sulla "irresponsabilità", sul "ve lo siete meritate" un pò al limite della buona educazione.

Sbavi
06-10-2006, 12.02.28
Posso solo guardare dentro casa mia..

La situazione nel meridione è storicamente drammatica.
E' difficile, quasi impossibile, anche tentare di lavorare, quando la nostra brava manovalanza si adopera per fottersi i cavi telefonici lasciando vaste zone prive di telefono/fax/internet per intere settimane. E' viene da pisciarsi sotto dalle risate nel vedere un cantiere Telecom, bloccato nei lavori di ripristino perchè si sono pure fottuti pure i cavi dell'alta tensione!
Ovviamente è un granello di sabbia, un avvenimento circoscritto, ma forse utile per spiegare come si vive qua.

Il punto è che in ogni caso riusciamo a sopravvivere, da sempre, oggi e domani. E questo a dispetto dei Governi che si sono susseguiti fino ad oggi, a dispetto dei nostri bravi ragazzi che si fregano il rame Telecom, a dispetto della Destra e della Sinistra.

A me vien da sorridere leggendovi, mentre vi azzuffate per una battuta, per la stampa mancina, per i ceti medi (ma cos'è un ceto? :D )

Ci saranno famiglie italiane ridotte sul lastrico? Probabilmente si, ma chissene :D Ne abbiamo tante, tantissime qui, 10.000 famiglie in più o in meno non faranno molto peso, e di certo non affosseranno il Mezzogiorno :jump:

exion
06-10-2006, 13.14.05
Posso solo guardare dentro casa mia..
La situazione nel meridione è storicamente drammatica.
E' difficile, quasi impossibile, anche tentare di lavorare, quando la nostra brava manovalanza si adopera per fottersi i cavi telefonici lasciando vaste zone prive di telefono/fax/internet per intere settimane. E' viene da pisciarsi sotto dalle risate nel vedere un cantiere Telecom, bloccato nei lavori di ripristino perchè si sono pure fottuti pure i cavi dell'alta tensione!
Ovviamente è un granello di sabbia, un avvenimento circoscritto, ma forse utile per spiegare come si vive qua.
Il punto è che in ogni caso riusciamo a sopravvivere, da sempre, oggi e domani. E questo a dispetto dei Governi che si sono susseguiti fino ad oggi, a dispetto dei nostri bravi ragazzi che si fregano il rame Telecom, a dispetto della Destra e della Sinistra.
A me vien da sorridere leggendovi, mentre vi azzuffate per una battuta, per la stampa mancina, per i ceti medi (ma cos'è un ceto? :D )
Ci saranno famiglie italiane ridotte sul lastrico? Probabilmente si, ma chissene :D Ne abbiamo tante, tantissime qui, 10.000 famiglie in più o in meno non faranno molto peso, e di certo non affosseranno il Mezzogiorno :jump:



Solito vittimismo meridionalistico :devil:



(scherzo eh :o)


I cavi se li fottono anche qui in Francia, sulle linee del TGV. La SNCF ha calcolato che i proprio treni accumulano in media 10 ore di ritardo al giorno su tutta la rete ferroviaria francese a causa di interruzioni dei servizi di segnalazione automatica interrotti dal furto di cavi in rame :eek:

biologist1972
06-10-2006, 13.24.46
No in realtà ti chiedevo se l'uno è solo l'altra faccia dell'altro allora, se si equivalgono, che alternativa resta?
Comunque no, non mi vergogno di nulla, non mi vergogno di aver fatto il mio dovere di cittadino andando a votare sebbene la mia situazione personale mi suggerisse di fare altro quella domenica, non mi vergogno di aver votato secondo coscienza, non mi sento responsabile per le scelte di un governo che certo ho minimamente contribuito a fare eleggere ma di cui non porto la responsabilità per ogni singola decisione presa come se al governo ci fossi io.
In compenso trovo questa tua insistenza sulla "vergogna", sulla "irresponsabilità", sul "ve lo siete meritate" un pò al limite della buona educazione.
Mi permetto di fare una considerazione su ciò che hai scritto: un cittadino manifesta con il suo voto una preferenza politica a qualsivoglia partito, proprio sulla base dei programmi che lo stesso ha divulgato e diffuso in campagna elettorale.
Esprimere il proprio voto, significa quindi scegliere, avendone il pieno convincimento, un determinato partito e/o candidato nell'ambito dello scenario politico, che si concretizza nell'attribuzione del mandato parlamentare. La conseguenza ultima di ciò, si estrinseca in una responsabilità soggettiva e diretta che l'elettore si assume nel momento in cui entra nell'urna. Quindi in virtù della rappresentanza che tu hai conferito al candidato che poi siede in parlamento, si pone in essere nella tua scelta e quindi nella tua persona anche la responsabilità dei provvedimenti che quel deputato o senatore andrà a votare. E' poco convincente la storia del voto dato in coscienza, ma slegato dall'azione politica successiva insita in quella precisa scelta. Il tuo voto non ha dato carta bianca a nessuno, ma anzi ha vincolato il parlamentare ad un preciso rapporto con i suoi elettori, che lo impegna a tener fede al programma in base al quale è stato eletto.Ovviamente questo discorso si estende anche all'azione del governo, i cui membri non sono stati eletti, ma la cui attività discende dalla maggioranza parlamentare.
Sembra quasi dalle tue argomentazioni che tu abbia fatto, esercitando il tuo voto, una professione di fede. Il tuo voto ha in una democrazia delle ripercussioni importantissime, che coinvolgono tutti gli aspetti della nostra quotidianità. Infine un'ultima precisazione: alla finanziaria di Tremonti ebbe seguito uno strascico di polemiche e agitazioni sollevate ad arte dai suoi detrattori che abbaiavano alla luna, profetizzando sciagure e sfasci sociali, gli stessi che forniti di paraocchi, ora sommessamente fingono di contestare decreti e provvedimenti del centro-sinistra poichè coinvinti forse della sua infallibilità ispirata magari da qualche celeste divinità.

wilhelm
06-10-2006, 13.34.02
Mi hai tolto le parole di bocca! (Y)

Flying Luka
06-10-2006, 14.11.06
cut...
E' poco convincente la storia del voto dato in coscienza, ma slegato dall'azione politica successiva insita in quella precisa scelta. Il tuo voto non ha dato carta bianca a nessuno, ma anzi ha vincolato il parlamentare ad un preciso rapporto con i suoi elettori, che lo impegna a tener fede al programma in base al quale è stato eletto.Ovviamente questo discorso si estende anche all'azione del governo, i cui membri non sono stati eletti, ma la cui attività discende dalla maggioranza parlamentare.



:act: :act: :act:

Non sarei riuscito a spiegarmi meglio!

Flying Luka
06-10-2006, 14.14.47
cut...
Infine un'ultima precisazione: alla finanziaria di Tremonti ebbe seguito uno strascico di polemiche e agitazioni sollevate ad arte dai suoi detrattori che abbaiavano alla luna, profetizzando sciagure e sfasci sociali, gli stessi che forniti di paraocchi, ora sommessamente fingono di contestare decreti e provvedimenti del centro-sinistra poichè coinvinti forse della sua infallibilità ispirata magari da qualche celeste divinità.

vivadio! (Y)

exion
06-10-2006, 14.51.49
Mi permetto di fare una considerazione su ciò che hai scritto: un cittadino manifesta con il suo voto una preferenza politica a qualsivoglia partito, proprio sulla base dei programmi che lo stesso ha divulgato e diffuso in campagna elettorale.
Esprimere il proprio voto, significa quindi scegliere, avendone il pieno convincimento, un determinato partito e/o candidato nell'ambito dello scenario politico, che si concretizza nell'attribuzione del mandato parlamentare. La conseguenza ultima di ciò, si estrinseca in una responsabilità soggettiva e diretta che l'elettore si assume nel momento in cui entra nell'urna. Quindi in virtù della rappresentanza che tu hai conferito al candidato che poi siede in parlamento, si pone in essere nella tua scelta e quindi nella tua persona anche la responsabilità dei provvedimenti che quel deputato o senatore andrà a votare. E' poco convincente la storia del voto dato in coscienza, ma slegato dall'azione politica successiva insita in quella precisa scelta. Il tuo voto non ha dato carta bianca a nessuno, ma anzi ha vincolato il parlamentare ad un preciso rapporto con i suoi elettori, che lo impegna a tener fede al programma in base al quale è stato eletto.Ovviamente questo discorso si estende anche all'azione del governo, i cui membri non sono stati eletti, ma la cui attività discende dalla maggioranza parlamentare.
Sembra quasi dalle tue argomentazioni che tu abbia fatto, esercitando il tuo voto, una professione di fede. Il tuo voto ha in una democrazia delle ripercussioni importantissime, che coinvolgono tutti gli aspetti della nostra quotidianità. Infine un'ultima precisazione: alla finanziaria di Tremonti ebbe seguito uno strascico di polemiche e agitazioni sollevate ad arte dai suoi detrattori che abbaiavano alla luna, profetizzando sciagure e sfasci sociali, gli stessi che forniti di paraocchi, ora sommessamente fingono di contestare decreti e provvedimenti del centro-sinistra poichè coinvinti forse della sua infallibilità ispirata magari da qualche celeste divinità.

Ma io mi assumo pienamente la responsabilità del mio voto! E ne vado fiero: resto convinto che l'Italia governata da ministri DS sia malgrado tutto in mani decisamente migliori che in quelle di ministri forzisti e leghisti. Il mio voto l'ho dato ai DS, e purtroppo, lo sapevo anche in partenza, la responsabilità del mio voto viene "annacquata" dalla necessità di condividere il governo con altre forze politiche di cui non condivido necessariamente la linea (come la Margherita) o di cui mi ritengo palesemente avverso (RC e Mastella per esempio).

Non ci posso fare niente: la parte politica che mi rappresenta meglio ha deciso , e non c'è alternativa possibile oggi, di governare alleandosi con Bertinotti, on Mastella, con Rutelli. Preferirei che non fosse così, ma oggi è per forza così.

Beh non vedo di cosa dovrei vergognarmi. E persino il solo fatto di dover stare qui a giustificarmi del mio voto con voi è una cosa paradossale!

Flying Luka
06-10-2006, 15.44.48
.

infinitopiuuno
06-10-2006, 23.23.30
Quando ci fù la legge contro il fumo, io mi incazzai di brutto e la contestai.

La legge sugli spinelli...ridicolo/drammatico quantificare il "numero"; è stata una delle ultime leggi della CdL.

Ora è prevista la norma che vieta la vendita di alcool ai 16enni(passa ai 18).

Senza entrare nel merito, noto un certo lassismo critico sui giornali come se le leggi del CS siano di per sè migliori.....tra l'altro è una legge che mi trova d'accordo.

Insomma anch'io ho tifato per certe leggi del CD con gli occhi un po' bendati ma alcune le ho criticate.

Per quanto riguarda l'attuale Governo e le poche norme emanate, dal mio punto di vista potrebbero essere in parte buone ad eccezione del METODO troppo rigido ed intransigente.

Per quanto concerne la finanziaria...è sotto gli occhi di tutti...rimangono solo i "tifosi" che non possono ammettere che questi fanno peggio di quelli.

infinitopiuuno
06-10-2006, 23.55.10
http://liberazione06.rifondazione.co.uk/Notizie06/02febbraio06/0602N023.htm

Prodi: «Detassare gli stipendi e alzare le pensioni minime»

Fabrizio Salvatori

Liberazione 1 febbraio 2006


Berlusconi se la cava con una battuta: «Devo stare ad ascoltare barzellette», dice a proposito dell'intenzione di Prodi di controllare, come primo atto del suo governo, la vera entità del buco lasciato dal centrodestra. Ma il leader dell'Unione Romano Prodi, che ieri ha parlato dai microfoni di "Radio 24" non sembra aver l'aria di scherzare tanto. Sui temi economici e del lavoro, nel giorno del richiamo del presidente della Repubblica Ciampi alla concertazione, Prodi ha specificato meglio alcune direzioni di lavoro accennate nei mesi scorsi. Lo slogan del professore è "O così, o pomi". Questo dovrebbe dare il senso, secondo lui, della nuova ventata di radicalismo che sta entrando nella coalizione. Dopo la controllatina sui conti si dovrebbe passare a una serie di provvedimenti sul lavoro a cominciare da una riduzione dell'imposta sulle ore lavorate, seguita da «un grande piano di ricerca e innovazione». Sulle pensioni, poi, l'idea è quella di «adeguare le pensioni soprattutto quelle basse». «E' un criterio necessario perché non si muoia di fame». «Il paese ha bisogno - ha aggiunto - di un salto in avanti e di vincere in qualche settore per cambiare il clima». Sempre con lo stile del "o così, o pomì" («altrimenti non ci sto», ha detto), il leader dell'Unione ha prospettato l'intenzione di intervenire sulle plusvalenze. L'esempio indicato è l'anomalia dei "furbetti del quartierino". «Si può tassare le rendite finanziarie meno del lavoro?», si è chiesto il professore. «E' un paese civile questo?», ha aggiunto. sulla tassazione delle rendite giura: «Saremo severissimi». non certo con i piccoli risparmiatori, ha assicurato. «I bot e i cct su cui le persone di reddito medio o basso aggiustano un pochino il loro stipendio - ha detto - saranno sicuramente salvaguardati». «Noi non siamo quelli che vogliono alzare le tasse, siamo quelli che, volendo far pagare le imposte a tutti, le faranno pagare meno a chi le paga perché qui il livello di evasione, per dichiarazione esplicita del presidente del Consiglio, raggiunge il 40%. Facciamoci lo sconto come in tutte le cose che dice, ma è una evasione enorme», ha detto Prodi a Radi024. Per il Professore la lotta all'evasione fiscale è una delle priorità. «La gente deve sapere che se tutti non pagano le tasse, l'Italia non va avanti». «Quando ero al governo, ogni 3 mesi, con Visco facevamo i conti e c'erano sempre più soldi del previsto. All'inizio ero stupito, ma poi ho capito che i cittadini pagavano regolarmente le imposte perché sapevano che eravamo seri». Ieri Romano Prodi ha dedicato anche un capitolo dei suoi interventi al Sud. «Quando la politica si occupa dei temi legati allo sviluppo economico e civile del Mezzogiorno difficilmente riesce ad evitare un tono paternalistico. Nel programma del centrosinistra abbiamo indicato alcune prioritaà che il nostro governo si impegna a realizzare», ha scritto ieri su "Il Mattino". E tra le priorita' per il Sud elencate da Prodi compaiono: «Puntare sul rinnovamento ed il rafforzamento delle risorse umane: scuola, scuola, scuola. E poi ricerca e innovazione». «Puntare -scrive ancora Prodi- sugli investimenti che dall'Oriente si riverseranno sull'Europa».

Sempre nel corso del suo intervento a Radio 24 il leader dell'Unione ha anche azzardato qualche anticipazione sulla formazione del governo. Per i ministeri economici sarà possibile che «in qualche ruolo nel quale serve un aspetto tecnico particolare, per dare fiducia anche agli stranieri, può benissimo esserci un non politico», sottolineando che, visto che con la nuova legge elettorale sarà possibile, soprattutto al Senato che ci sia una maggioranza risicata, chi avrà ruoli di governo «per esempio i sottosegretari, non dovranno avere impegni particolari come parlamentari».

Su Alitalia, infine, «o c'è una cura energica che rovesci la situazione oppure arriva l'effetto per cui l'azienda continuerà a perdere quote di mercato. Quindi: o c'è la consapevolezza, a partire dai sindacati, che si tratta di una questione di vera emergenza, oppure la situazione diventerà gravissima».

:act: :act: :act:

biologist1972
08-10-2006, 11.36.28
articolo tratto da "Repubblica":
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/politica/cala-fiducia-governo/cala-fiducia-governo/lapr_8996848_45180.jpg

Indagine Demos-Eurisko: tra gli italiani prevale l'insoddisfazione
E nella sfida tra i poli Cdl avanti di un soffio.
Soffre la lista dell'Ulivo
Cala la fiducia nel governo manovra ok per uno su tre
Nel centrosinistra salgono Di Pietro e Prc. Nel centrodestra in crescita Udc e An, passo indietro di Fi. Cala la fiducia in Prodi



Romano Prodi, popolarità in calo
E' cambiato il governo, ma non il clima d'opinione. L'insoddisfazione per le condizioni del Paese rimane diffusa e, dopo la "luna di miele" di inizio estate, i giudizi positivi nei confronti dell'esecutivo sono scesi sotto il 40%. Sebbene l'apprezzamento verso l'opposizione sia ancora più basso, la Casa delle Libertà, sfruttando le perplessità degli elettori di centrosinistra, torna a condurre nelle intenzioni di voto. E' quanto emerge dal decimo Atlante Politico Demos-Eurisko, che ha interpellato, per la Repubblica, un campione di oltre 1800 cittadini.
A luglio, a poche settimane dal varo, la squadra di Romano Prodi poteva contare su un consenso piuttosto esteso. Le successive mosse del governo hanno suscitato, però, reazioni contrastanti. La Finanziaria, così come il decreto Bersani sulle liberalizzazioni e la proposta di concedere la cittadinanza agli immigrati dopo 5 anni, hanno accentuato la polarizzazione dell'opinione pubblica: si tratta di provvedimenti approvati dalla maggioranza degli elettori di centrosinistra, ma fortemente avversati da quelli della Cdl. Il sostegno all'invio di truppe italiane all'estero (in Afghanistan e in Libano) è invece minoritario in tutte le aree elettorali. Ancora più ridotto è il consenso per l'indulto: benché sostenuto da quasi tutti i partiti, viene criticato dal 76% del campione.
Se in Parlamento le maggiori difficoltà, per il governo, sono venute dal caso Telecom, lo scontro fra Prodi e Tronchetti Provera non sembra aver sortito effetti degni di nota sulle opinioni degli elettori: solo pochi cittadini hanno seguito la vicenda e si sono fatti un'idea chiara. Chi prende posizione, peraltro, critica sia Palazzo Chigi sia i vertici di Telecom.
Altre sfide che il premier deve fronteggiare appaiono, invece, di natura "congenita" a questa legislatura. L'esiguità (e la litigiosità) della maggioranza parlamentare induce molti a pronosticare una durata breve per il governo: appena un terzo degli intervistati pensa che Prodi reggerà per l'intera legislatura. Agli occhi degli elettori non sembrano esserci però alternative: la maggioranza delle persone, anche tra i simpatizzanti dell'Unione, auspica il ricorso ad elezioni anticipate, in caso di caduta del governo.
Così, la situazione appare radicalmente cambiata rispetto all'inizio dell'estate. Al nuovo esecutivo vanno i favori di circa quattro elettori su dieci: un giudizio analogo ha accompagnato il governo Berlusconi, nell'ultimo scorcio della precedente legislatura. Sugli stessi valori si attesta anche l'apprezzamento per il premier, che, dopo i picchi di luglio, si ferma ai livelli del suo avversario nella recente sfida elettorale.
L'inversione di ruoli tra maggioranza ed opposizione è visibile anche dalle intenzioni di voto. Le previsioni vedono prevalere, per la prima volta da molto tempo, le aspettative di una vittoria della Cdl. Gli elettori di centrodestra appaiono molto convinti di questo risultato, mentre nell'area di centrosinistra si rilevano forti dubbi sulle possibilità di successo dell'Unione. Le differenze di atteggiamento e di percezione si rispecchiano sugli orientamenti elettorali. Il fenomeno che si manifesta con maggiore evidenza è la relativa difficoltà di diversi settori del centrosinistra a riconfermare la scelta del 9-10 aprile: anche se sono pochi gli spostamenti verso la Cdl, una parte non trascurabile preferisce non esprimersi.
Sembra così ripresentarsi, a parti rovesciate, la situazione che aveva caratterizzato l'elettorato di centrodestra nel periodo del governo Berlusconi (anche se alla fine, molti elettori incerti hanno confermato la preferenza per FI o per altri partiti dello schieramento).
Nel voto di aprile, le due coalizioni avevano ottenuto quasi le stesse percentuali. Oggi questo equilibrio sembra modificarsi lievemente a favore del centrodestra. Se nel centrosinistra le difficoltà si manifestano soprattutto per la formazione principale (Ulivo), nell'ambito della Casa delle libertà la situazione è più complessa. Tendono a crescere i consensi per An e Udc, mentre si ridimensionano quelli per Forza Italia e Lega.


(8 ottobre 2006)


http://www.vocinelweb.it/faccine/cartelli/05.gif

Flying Luka
08-10-2006, 12.49.52
Speriamo.... tengo le dita incrociate.
Vedo che almeno agli italiani è tornato un po' di grano salis in zucca.
Meno male, ci sono ancora delle speranze! (Y)

Silence
08-10-2006, 13.11.44
La speranza di solito, è un qualcosa di profondo, che uno avverte quando si rende conto che c'è qualcuno che può cambiare le cose.

Beh...io non lo vedo e non nutro speranza alcuna.

biologist1972
08-10-2006, 13.39.47
Articolo tratto da "Il Corriere della Sera"

Cinque mesi di politica estera
Un bilancio non all'altezza
di
Mario Monti

La Legge finanziaria ha ricevuto critiche ingiustificate, ma il bilancio della politica economica del governo non è all'altezza delle aspettative. La Finanziaria opera una correzione rilevante nei conti pubblici, per il rispetto dei vincoli europei. Il ministro dell'Economia vigilerà affinché il Parlamento non accresca il disavanzo. E' un'esigenza imperativa, tanto più che la migliore congiuntura avrebbe se mai suggerito un percorso di rientro più veloce. Eccessive appaiono le critiche mosse alla parte tributaria. La lotta all' evasione è essenziale in un'economia di mercato: mira ad eliminare iniquità, ma anche distorsioni della concorrenza. E non dispiace un certo recupero della dignità dello Stato, dopo una stagione di promesse sul fisco del tipo: «Eleggete noi e sarete ricompensati dallo Stato (minori tasse) e dai Comuni (abolizione dell' Ici)». Né è improprio che la politica fiscale abbia una finalità di redistribuzione, anche per rendere accettato e rispettato il ruolo-chiave del mercato. Luigi Einaudi, che non apparteneva alla sinistra radicale, lo spiegava spesso da queste colonne. Ma il bilancio di questi cinque mesi non è incoraggiante, e proprio perché il governo non è stato coerente con i suoi programmi per quanto riguarda il mercato e il rapporto tra Stato e mercato. Questi aspetti, più ancora che la pressione fiscale o il cuneo fiscale, sono determinanti per la competitività e lo sviluppo. Rispetto ai propositi annunciati, il contenimento del disavanzo è affidato dalla Finanziaria più a maggiori entrate che a minori spese. Sono limitati i provvedimenti di carattere strutturale. Nessuno sottovaluta la difficoltà di questi interventi ma, come ha sintetizzato Luigi Spaventa, «il bilancio è magro».
L'inefficienza dell'apparato pubblico e la sua pesantezza sull'economia non sembrano avviate a riduzione. Per ora sono modesti anche gli interventi strutturali sull'economia. Avevamo salutato con entusiasmo le liberalizzazioni decise a luglio, presentate come l'inizio di una nuova politica economica, orientata ai consumatori e non più alla tutela conservatrice degli interessi dei produttori. Speravamo che questa linea si estendesse a categorie più vicine alla base sociale della maggioranza, inclusi i lavoratori dipendenti, anche del settore pubblico. Nell'interesse, soprattutto, dei giovani e dei disoccupati. Da allora, i segnali non sono stati incoraggianti. Mentre il nuovo corso della Banca d'Italia sta già dimostrando che l'apertura al mercato dà frutti, nel governo riappaiono disegni dirigistici di politica industriale, che presuppongono una visione strategica e capacità amministrative non facilmente rinvenibili neppure in Francia. L'economia ha disperato bisogno di infrastrutture, ma prevalgono logiche che le bloccano. Alcuni casi di rapporti opachi — se è consentito un understatement — tra politica e imprese penalizzano l'immagine dell'Italia. Il provvedimento della Finanziaria sul Tfr — forse elusivo delle norme europee sulla contabilità pubblica, certo contrario nello spirito a quelle contro il finanziamento forzoso degli Stati — allontana la prospettiva di un sistema previdenziale e di un mercato dei capitali moderni. La ownership di questa politica economica, che certo ha una sua dignità, viene rivendicata con civile coerenza dalla sinistra radicale e dal sindacato. Ma difficilmente eviterà il declino dell'economia italiana.
08 ottobre 2006

biologist1972
08-10-2006, 13.43.51
Articolo tratto da "Il Corriere della Sera"
«Finanziaria, pronti a tante manifestazioni»
Berlusconi: «Contro questa Finanziaria penso a tante manifestazioni in ogni capoluogo di provincia e in ogni piazza»
SAINT VINCENT (AOSTA) - «Non ci tireremo indietro di fronte alle esigenze di un atto collettivo di opposizione a questa Finanziaria e non penso ad una unica manifestazione a Roma o a Milano, ma a tante manifestazioni in ogni capoluogo di provincia e in ogni piazza». Lo ha detto il leader della Cdl Silvio Berlusconi, intervenendo alle Giornate dell’amicizia, organizzate dalla Democrazia cristiana per le autonomie. L’ex premier ha ribadito che "per prima cosa" l’opposizione cercherà «in Parlamento un dialogo con le forze della maggioranza che non sono contente di questa Finanziaria e cercheremo di emendarla». «Intanto - ha aggiunto Berlusconi - faremo un tax-day e sosterremo le proteste dei vari rappresentanti di ogni settore, ma non ci tireremo indietro di fronte a una protesta in piazza».
FIDUCIA - Io non penso possano arrivare a porre la fiducia, certo sarebbe un fatto grave su una legge finanziaria» ha aggiunto Berlusconi. Il leader di Forza Italia ha quindi ribadito che se venisse posta la fiducia «non potremmo fare altro che dare ragione ai tanti che ci chiedono una manifestazione collettiva».
Il leader di Forza Italia si è poi soffermato sugli ultimi sondaggi elettorali: «Siamo avanti di sei punti tondi tondi» ha commentato Berlusconi.

08 ottobre 2006

exion
08-10-2006, 18.11.11
Articolo tratto da "Il Corriere della Sera"
Cinque mesi di politica estera
Un bilancio non all'altezza
di
Mario Monti
La Legge finanziaria ha ricevuto critiche ingiustificate, ma il bilancio della politica economica del governo non è all'altezza delle aspettative. La Finanziaria opera una correzione rilevante nei conti pubblici, per il rispetto dei vincoli europei. Il ministro dell'Economia vigilerà affinché il Parlamento non accresca il disavanzo. E' un'esigenza imperativa, tanto più che la migliore congiuntura avrebbe se mai suggerito un percorso di rientro più veloce. Eccessive appaiono le critiche mosse alla parte tributaria. La lotta all' evasione è essenziale in un'economia di mercato: mira ad eliminare iniquità, ma anche distorsioni della concorrenza. E non dispiace un certo recupero della dignità dello Stato, dopo una stagione di promesse sul fisco del tipo: «Eleggete noi e sarete ricompensati dallo Stato (minori tasse) e dai Comuni (abolizione dell' Ici)». Né è improprio che la politica fiscale abbia una finalità di redistribuzione, anche per rendere accettato e rispettato il ruolo-chiave del mercato. Luigi Einaudi, che non apparteneva alla sinistra radicale, lo spiegava spesso da queste colonne. Ma il bilancio di questi cinque mesi non è incoraggiante, e proprio perché il governo non è stato coerente con i suoi programmi per quanto riguarda il mercato e il rapporto tra Stato e mercato. Questi aspetti, più ancora che la pressione fiscale o il cuneo fiscale, sono determinanti per la competitività e lo sviluppo. Rispetto ai propositi annunciati, il contenimento del disavanzo è affidato dalla Finanziaria più a maggiori entrate che a minori spese. Sono limitati i provvedimenti di carattere strutturale. Nessuno sottovaluta la difficoltà di questi interventi ma, come ha sintetizzato Luigi Spaventa, «il bilancio è magro».
L'inefficienza dell'apparato pubblico e la sua pesantezza sull'economia non sembrano avviate a riduzione. Per ora sono modesti anche gli interventi strutturali sull'economia. Avevamo salutato con entusiasmo le liberalizzazioni decise a luglio, presentate come l'inizio di una nuova politica economica, orientata ai consumatori e non più alla tutela conservatrice degli interessi dei produttori. Speravamo che questa linea si estendesse a categorie più vicine alla base sociale della maggioranza, inclusi i lavoratori dipendenti, anche del settore pubblico. Nell'interesse, soprattutto, dei giovani e dei disoccupati. Da allora, i segnali non sono stati incoraggianti. Mentre il nuovo corso della Banca d'Italia sta già dimostrando che l'apertura al mercato dà frutti, nel governo riappaiono disegni dirigistici di politica industriale, che presuppongono una visione strategica e capacità amministrative non facilmente rinvenibili neppure in Francia. L'economia ha disperato bisogno di infrastrutture, ma prevalgono logiche che le bloccano. Alcuni casi di rapporti opachi — se è consentito un understatement — tra politica e imprese penalizzano l'immagine dell'Italia. Il provvedimento della Finanziaria sul Tfr — forse elusivo delle norme europee sulla contabilità pubblica, certo contrario nello spirito a quelle contro il finanziamento forzoso degli Stati — allontana la prospettiva di un sistema previdenziale e di un mercato dei capitali moderni. La ownership di questa politica economica, che certo ha una sua dignità, viene rivendicata con civile coerenza dalla sinistra radicale e dal sindacato. Ma difficilmente eviterà il declino dell'economia italiana.
08 ottobre 2006

Monti ha ragione. Ragione da vendere.

Peccato che quando Monti e Spaventa criticavano altrettanto duramente la politica di Tremonti da destra venivano trattati da poveri rincoglioniti :rolleyes:

Flying Luka
09-10-2006, 14.11.53
.

Gigi75
09-10-2006, 14.45.21
http://www.brest.it/Archivio/Foto/Politici/senato.gif
"Un onorevole su tre fa uso di droghe"
Test delle Iene su 50 parlamentari. I risultati saranno presentati nella trasmissione in onda domani sera alle 21

ROMA - Un onorevole su tre fa uso di stupefacenti, prevalentemente cannabis ma anche cocaina: è il risultato di un test eseguito, a loro insaputa, su 50 deputati dalle Iene, che ne proporranno i risultati nella prima puntata della nuova serie del programma, domani alle 21 su Italia 1.
Il test eseguito con uno stratagemma è il drug wipe, un tampone frontale che, spiega Davide Parenti, capo autore delle Iene, "ha una percentuale di infallibilità del 100%".
Il 32% degli 'intervistati' è risultato positivo: di questo il 24% (12 persone) alla cannabis, e l'8% (4 persone) alla cocaina.
Naturalmente nel servizio-inchiesta proposto domani non si riconosceranno i deputati sottoposti al test.
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/droga-parlamentari/droga-parlamentari/droga-parlamentari.html

biologist1972
09-10-2006, 15.00.17
http://www.brest.it/Archivio/Foto/Politici/senato.gif
"Un onorevole su tre fa uso di droghe"
Test delle Iene su 50 parlamentari. I risultati saranno presentati nella trasmissione in onda domani sera alle 21
ROMA - Un onorevole su tre fa uso di stupefacenti, prevalentemente cannabis ma anche cocaina: è il risultato di un test eseguito, a loro insaputa, su 50 deputati dalle Iene, che ne proporranno i risultati nella prima puntata della nuova serie del programma, domani alle 21 su Italia 1.
Il test eseguito con uno stratagemma è il drug wipe, un tampone frontale che, spiega Davide Parenti, capo autore delle Iene, "ha una percentuale di infallibilità del 100%".
Il 32% degli 'intervistati' è risultato positivo: di questo il 24% (12 persone) alla cannabis, e l'8% (4 persone) alla cocaina.
Naturalmente nel servizio-inchiesta proposto domani non si riconosceranno i deputati sottoposti al test.
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/droga-parlamentari/droga-parlamentari/droga-parlamentari.html
:eek: :eek: :eek: :eek: :eek:

Flying Luka
09-10-2006, 15.01.16
http://www.brest.it/Archivio/Foto/Politici/senato.gif
"Un onorevole su tre fa uso di droghe"
Test delle Iene su 50 parlamentari. I risultati saranno presentati nella trasmissione in onda domani sera alle 21
ROMA - Un onorevole su tre fa uso di stupefacenti, prevalentemente cannabis ma anche cocaina: è il risultato di un test eseguito, a loro insaputa, su 50 deputati dalle Iene, che ne proporranno i risultati nella prima puntata della nuova serie del programma, domani alle 21 su Italia 1.
Il test eseguito con uno stratagemma è il drug wipe, un tampone frontale che, spiega Davide Parenti, capo autore delle Iene, "ha una percentuale di infallibilità del 100%".
Il 32% degli 'intervistati' è risultato positivo: di questo il 24% (12 persone) alla cannabis, e l'8% (4 persone) alla cocaina.
Naturalmente nel servizio-inchiesta proposto domani non si riconosceranno i deputati sottoposti al test.
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/droga-parlamentari/droga-parlamentari/droga-parlamentari.html

Adesso ho capito!!!!

Si spiegano molte cose.

Che i poco rispettabili sigg Padoa e Schioppa si siano sniffati un litro di trielina a testa prima di concepire la finanziaria? :mm:

biologist1972
09-10-2006, 15.07.55
http://www.brest.it/Archivio/Foto/Politici/senato.gif
"Un onorevole su tre fa uso di droghe"
Test delle Iene su 50 parlamentari. I risultati saranno presentati nella trasmissione in onda domani sera alle 21
ROMA - Un onorevole su tre fa uso di stupefacenti, prevalentemente cannabis ma anche cocaina: è il risultato di un test eseguito, a loro insaputa, su 50 deputati dalle Iene, che ne proporranno i risultati nella prima puntata della nuova serie del programma, domani alle 21 su Italia 1.
Il test eseguito con uno stratagemma è il drug wipe, un tampone frontale che, spiega Davide Parenti, capo autore delle Iene, "ha una percentuale di infallibilità del 100%".
Il 32% degli 'intervistati' è risultato positivo: di questo il 24% (12 persone) alla cannabis, e l'8% (4 persone) alla cocaina.
Naturalmente nel servizio-inchiesta proposto domani non si riconosceranno i deputati sottoposti al test.
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/droga-parlamentari/droga-parlamentari/droga-parlamentari.html
non saranno tutti mancini? :devil: :devil:


http://www.vocinelweb.it/faccine/pazze/89.gif

Astro
09-10-2006, 15.21.35
Beh... che dire, si sospettava da tempo che alcuni on. potevano assumere delle droghe...

[MODO SCHERZOSO: ON]

Prendiamo ad esempio il Berlusca, col sorriso sempre a 32 denti e con questi ultimi bianchissimi ed espressione gioviale-non-capisco-una-mazza tipico di allucilogeni e coca, e prendiamo Prodi, con quell'espressione e quel modo di fare di chi è strafatto di erba e "fumo"...


[MODO SCHERZOSO: OFF]
__________________
A volte non basta una vita per cancellare un attimo, ma basta un attimo per cancellare una vita

Silence
09-10-2006, 18.39.31
Ok ho deciso...posso ufficialmente candidarmi :o



:D :D :D

biologist1972
09-10-2006, 18.51.26
Ok ho deciso...posso ufficialmente candidarmi :o
:D :D :D
sei in tempo, tanto a breve si torna alle consultazioni elettorali :devil:

Silence
09-10-2006, 20.00.23
sei in tempo, tanto a breve si torna alle consultazioni elettorali :devil:


La cosa che mi fa più scompisciare è se ripenso ai discorsi di Fini e di molti altri politici bigotti sulle droghe leggere.

:D :D :D :D :D

Dei fenomeni davvero!

Ps. Nome del partito in esclusiva: RastaMan

Motto: Hasta il Rasta siempre

Gigi75
09-10-2006, 20.27.02
sei in tempo, tanto a breve si torna alle consultazioni elettorali :devil:

magari! :crying:

ma guarda non ci conto minimamente..stanno agganciati con le cinture di sicurezza alle sedie!

Non so cosa darei per levarmeli dalle @@.. è un incubo sto governo.. :wall: :crying:

biologist1972
10-10-2006, 08.22.02
magari! :crying:
ma guarda non ci conto minimamente..stanno agganciati con le cinture di sicurezza alle sedie!
Non so cosa darei per levarmeli dalle @@.. è un incubo sto governo.. :wall: :crying:
(Y) (Y) (Y)

p.s. anche in aereo si allacciano le cinture, ma non sempre servono :devil:

Flying Luka
10-10-2006, 09.30.56
Pure io sono "quasi" sicuro che questo governo non duri molto.
Ne hanno fatte troppe, hanno le idee molto confuse e stanno creando un malcontento popolare di tale e vaste proporzioni che neanche il governo Berlusconi è riuscito a fare.

Ne vedremo di belle i prossimi mesi! :devil:

Gergio
10-10-2006, 09.33.30
"Un onorevole su tre fa uso di droghe"

ma... e' stupefacente :p

The_Prof
10-10-2006, 11.30.10
Pure io sono "quasi" sicuro che questo governo non duri molto.
Ne hanno fatte troppe, hanno le idee molto confuse e stanno creando un malcontento popolare di tale e vaste proporzioni che neanche il governo Berlusconi è riuscito a fare.
Ne vedremo di belle i prossimi mesi! :devil:
Ci voleva questa finanziaria per accelerare il processo di formazione del nuovo Partito Democratico (vedi Orvieto).
E forse Robbi si ricorderà del mio post in tempi non sospetti.
Rutelli e Fassino si sono accorti che, soprattutto al Nord, hanno consegnato i loro voti alla CDL.
Vedremo cosa succederà nel dibattito parlamentare.
E' sospetto anche il frettoloso beneplacito di Almunia non solo sull'entità della manovra, ma del furto del TFR ai lavoratori dipendenti.
Non potrebbe essere ipotizzabile che Padoa-Schioppa, a Bruxelles, abbia suggerito di approvare questa finanziaria, che comunque riporta il deficit sotto il 3%, prospettando un imminente caduta di questo Governo ?
Infatti il Cav. ritiratosi in prima persona dalla politica attiva, tiene stretti contatti con i moderati del Governo e con il Presidente del Senato.
Io sono fiducioso.

Ciao :)

Robbi
10-10-2006, 11.48.34
Ricordo Cesare, ricordo :)
Ricordo anche ti dissi che le tue previsioni erano tutt'altro che campate per aria. Anzi dissi che ti amavo pure :D

Su una caduta imminente di Prodi, pero' non spererei troppo almeno nell'immediato, poi in politica non si puo' mai dire una parola certa su nulla!

Negli anni ho visto crisi pazzesche ricompattarsi quando tutto sembrava perduto, e cadere governi per uno stormir di fronda!

Comunque tranquilli anche se cade Prodi, c'e' gia' Casini pronto a fare il salto della quaaglia.. non vede l'ora di smarcarsi da Berluscao meravigliao! :D

Le elezioni non sono cosi' vicine come tanti sperano!

IMHO!

:)

Flying Luka
10-10-2006, 11.51.44
Le elezioni, lontane o vicine che siano, speriamo siano abbastanza vicine prima che Prodi faccia danni irreparabili.

Anche se, appena scoppierà del tutto il bubbone Telecom, credo che sarà Prodi stesso (se ha un minimo di coscienza politica) a dimettersi.

crazy.cat
10-10-2006, 12.47.04
http://www.ansa.it/opencms/export/main/visualizza_fdg.html_1996667807.html

ROMA - Il garante per la Privacy ha deciso di bloccare il servizio delle Iene sul test antidroga a 50 deputati.

TEST ANTIDROGA A ONOREVOLI

Quella del test 'drug wipe' è solo l'ultima delle diavolerie utilizzate dalle Iene per smascherare malefatte e assurdità della politica e non solo.

Con un infallibile tampone che rivela se si sono assunte sostanze stupefacenti nelle ultime 36 ore, una Iena 'in borghese' ha avvicinato 50 deputati con il pretesto di una intervista sulla Finanziaria per una tv satellitare, facendo 'tamponare' la loro fronte durante le riprese da una finta truccatrice. Risultato del test: 16 onorevoli positivi sui 50 del campione analizzato.

Di questi, 12 avevano assunto cannabis e quattro cocaina. Con lo scoop della iena Matteo Viviani si sarebbe dovuta aprire la decima edizione del programma cult 'le Iene Show', che torna in prima serata su Italia 1 con Cristina Chiabotto, Luca e Paolo.

Robbi
10-10-2006, 13.05.10
E il garante per la privacy fa benissimo e malissimo nello stesso tempo! :mad:

Benissimo perche' se uno si imbenzina sono fondamentalmente fatti suoi sul piano del diritto, anche se come appare evidente sul piano morale assolutamente disdicevole, visto che questi signori sono chiamati a quello che dovrebbe essere un alto compito LEGIFERARE!!

Malissimo perche' trovo sempre, sempre molto tempestivi questi interventi a tutela dei potenti!
Questi organismi dovrebbero servire a tutelare i cittadini, TUTTI!! anche quelli comuni!

Provate a fare un'interpellanza ad una delle varie autority perche' vi e' stato leso un diritto.... credo faccia prima a passare il becchino, prima che abbiate avuto soddisfazione anche solo di una lettura

:rolleyes:

wilhelm
10-10-2006, 14.01.47
(Y)(Y)(Y)

zen67
10-10-2006, 14.14.37
Sul piano del diritto non posso essere d'accordo che con robbi riguardo alla privacy sul lato umano avrei desiderato fortemente che questa censura non ci fosse stata.

Vedere questi personaggi alla gogna sarebbe una soddisfazione notevole...

zen67
10-10-2006, 14.17.35
Le elezioni, lontane o vicine che siano, speriamo siano abbastanza vicine prima che Prodi faccia danni irreparabili.
Anche se, appena scoppierà del tutto il bubbone Telecom, credo che sarà Prodi stesso (se ha un minimo di coscienza politica) a dimettersi.

:devil: :devil:

Mi viene da pensare al decreto salva furfanti di Mastella ... ha mandato tutti i galeotti fuori.... :grrr:

zen67
10-10-2006, 14.18.09
Previti finalmente è LIBERO....

exion
10-10-2006, 15.05.45
Previti finalmente è LIBERO....


Ah meno male... Ero molto preoccupato per lui... Poretto... :o

Gigi75
10-10-2006, 15.22.29
Non capisco la privacy di chi?

I nomi non li fanno..i volti non si vedono..

la privacy a protezione di una categoria?

Come dire .. vietare un servizio sull'uso delle droghe tra i *baresi*...

mah!

wilhelm
10-10-2006, 15.53.41
Esatto, la privacy di chi?

Questi atteggiamenti puramente burocratici e vuoti mi lasciano sempre più perplesso... :(

Silence
10-10-2006, 16.01.48
A me continua a venire da ridere :D :D :D



Mi viene da pensare anche a Pannella e alle sue scenate di piazza, dove distribuiva hascish.


Tutti a criticarlo...e invece la loro preoccupazione era che finisse la roba!

:D :D :D

Dav82
10-10-2006, 16.17.13
A me continua a venire da ridere :D :D :D
Mi viene da pensare anche a Pannella e alle sue scenate di piazza, dove distribuiva hascish.
Tutti a criticarlo...e invece la loro preoccupazione era che finisse la roba!
:D :D :D


LOL :D


Cmq assolutamente d'accordo con Gigi :o

biologist1972
10-10-2006, 16.45.51
Non capisco la privacy di chi?
I nomi non li fanno..i volti non si vedono..
la privacy a protezione di una categoria?
Come dire .. vietare un servizio sull'uso delle droghe tra i *baresi*...
mah!
(Y) (Y) (Y) (Y) (Y)

RNicoletto
10-10-2006, 17.01.37
Non capisco la privacy di chi?

I nomi non li fanno..i volti non si vedono..

la privacy a protezione di una categoria?
In effetti non ho capito neppure io... Questo intervento pro-Privacy puzza veramente di marcio! :grrr:

exion
10-10-2006, 17.37.55
se le iene invece di andare in parlamento andavano in una discoteca, il giorno dopo la trasmissione ci mandavano la polizia coi cani a fare una retata e chiudere tutto :D

Dav82
10-10-2006, 17.45.21
se le iene invece di andare in parlamento andavano in una discoteca, il giorno dopo la trasmissione ci mandavano la polizia coi cani a fare una retata e chiudere tutto :D


Proprio quello che ho pensato io.
Se il campione fosse stato "discotecari del sabato sera", tutti giù a condannare i cattivissimi drogati-piratiDellaStrada-flashati (oh, non che mi stiano particolarmente simpatici, ben inteso :o), invece il campione è "parlamentari" e allora bisogna andare cauti, rispettosi di non so quale privacy, deferenti... assurdo :o

n@ndo
10-10-2006, 17.55.32
pensavo fossero di più :mm:

Sbavi
10-10-2006, 18.00.24
Bah secondo me hanno violato si la privacy, come del resto fanno da sempre. E si sono sempre tutelati mandando in onda i loro servizi più "hot" con i volti oscurati.
Quindi, trovo che sia inopportuno censurare il servizio*

Detto questo, vorrei vedere se qualcuno piazzasse una bella telecamera nascosta verso i figli/mogli/mariti degli autori, rivelando omosessualità/tradimenti/porcherie..farebbero salti di gioia?



....

* EDIT
Mi fanno giustamente notare, che la frase "Per cui, è sicuramente illegittima la censura" nel contesto stride parecchio :inn: :devil:
LOLLONE :D

Gigi75
10-10-2006, 18.04.06
gli autori sono 3 o 4..per cui.. sarebbero tutti sospettati..anche senza essere visti in faccia..

i parlamentari sono un po' di più...

La privacy non è un concetto nebuloso da usare quando serve.

AvvAlessandra
10-10-2006, 18.18.50
D'accordo con Gigi (Y)

A quanto pare la decisione sarebbe giustificata da una "raccolta illecita di dati di natura sensibile in quanto attinenti allo stato di salute"....
Mah.

dave4mame
10-10-2006, 20.18.41
pensavo fossero di più :mm:

il test è positivo solo se si sono assunte droghe nelle ultime 36 (!) ore.

biologist1972
10-10-2006, 20.20.24
pensa te se avessero fatto a tutti un emocromo :devil:

biologist1972
10-10-2006, 20.45.47
Durante la trasmissione "Porta a Porta", condotta dal giornalista Bruno Vespa, è emerso che la finanziaria di Tremonti approvata dal centrodestra, tagliava gli stanziamenti destinati ai comuni, di una cifra pari alla metà di quella prevista dai provvedimenti dell'attuale ministro Padoa-Schioppa. Ma vi ridordate le polemiche e gli strascichi che ne seguirono e quante profezie di sciagura sentenziarono i signori del centrosinistra? Ora invece, dopo qualche effimera e sommessa sollevazione di qualche sindaco mancino, è bastato un semplice tavolo di concertazione per placare tutti gli animi.
click (http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/10_Ottobre/10/schioppa.shtml)
Ma secondo voi è normale tutto ciò?
Non esiste un solo barlume di razionalità. E per finire non dimentichiamoci della possibilità da parte dei comuni di richiedere al forestiero (anche cittadino italiano) una sorta di balzello in virtù del suo soggiorno nel territorio comunale.

Tratto da "Il Corriere della sera"

TASSA DI SOGGIORNO NEI CAMPEGGI - In arrivo, nei Comuni che lo vorranno, la tassa di soggiorno destinata ai turisti e comunque a tutti i soggetti non residenti che «prendono alloggio, in via temporanea, in strutture alberghiere, campeggi, villaggi turistici, alloggi agro-turistici». Il contributo può arrivare fino alla somma di 5 euro per ciascun non residente a notte. Esenti solo coloro che sceglieranno di dormire negli ostelli della gioventù o in strutture che l'amministrazione comunale vorrà esplicitamente esentare nell'apposito regolamento. La tassa è destinata a contribuire per la realizzazione di «interventi di manutenzione urbana e di valorizzazione dei centri storici». Può essere applicata anche solo per periodi limitati dell'anno. Multe pesanti per i gestori del strutture ricettive che non riscuotano correttamente la tassa: «per l'omessa o infedele presentazione della dichiarazione si applica la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento dell'importo dovuto».

dave4mame
10-10-2006, 21.14.51
nel mentre la corte dei conti fa notare che *forse* tutte queste tasse mettono a rischio la crescita.
ma va?

biologist1972
10-10-2006, 21.34.21
nel mentre la corte dei conti fa notare che *forse* tutte queste tasse mettono a rischio la crescita.
ma va?
(Y) (Y) infatti

wilhelm
10-10-2006, 22.43.49
Già, quale sorpresa... :rolleyes:

Dav82
11-10-2006, 01.42.05
se le iene invece di andare in parlamento andavano in una discoteca, il giorno dopo la trasmissione ci mandavano la polizia coi cani a fare una retata e chiudere tutto :D


Proprio quello che ho pensato io.
Se il campione fosse stato "discotecari del sabato sera", tutti giù a condannare i cattivissimi drogati-piratiDellaStrada-flashati (oh, non che mi stiano particolarmente simpatici, ben inteso :o), invece il campione è "parlamentari" e allora bisogna andare cauti, rispettosi di non so quale privacy, deferenti... assurdo :o


Ecco!! (http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/cronaca/droga-parlamentari/garante-blocca-programma-iene/garante-blocca-programma-iene.html)

A chiamata rispondono!

E adesso voglio vedere se per caso il garante rompe le balle per "il popolo della discoteca" come ha fatto per "il popolo del palazzo" :rolleyes: Perchè io non credo che tutti e 40 i "discotecari" abbiano dato la liberatoria per la messa in onda, il trattamento dei dati, sia personali che sensibili!

Flying Luka
11-10-2006, 09.11.46
nel mentre la corte dei conti fa notare che *forse* tutte queste tasse mettono a rischio la crescita.
ma va?

E' il più classsico (e bieco) esempio della NON coerenza dei mancini:

Se lo fanno loro, cioè è una loro idea: tutto OK in quanto è un 'indiscutibile illuminazone divina.

Se lo fanno altri allora è una schiefezza ancor prima di nascere.

exion
11-10-2006, 09.59.09
mynk@ quanto astio! :p :p

Gigi75
11-10-2006, 10.51.53
bah infatti la cosa più irritante di questo nuovo corso politico non sono quelli che giudico errori (si sa che la politica è fatta di opinioni premiate o punite col senno di poi..), quanto per la supponenza e l'arroganza.

E' così perchè è così..e tu zitto perchè sei un ladro/evsore fiscale/successore universale di un patrimonio da magnate/imprenditore immobiliare schiavista/tassinaro della Tatcher.

Mi aspettavo esattamente il contrario: un governo molto più di concertazione.

E io ora dovrei demonizzare uno solo perchè fa gaffe e va in giro con la bandana..o aveva bandito il (biondo..) Santoro?

mmm..mi mettono i brividi sti qui..

Flying Luka
11-10-2006, 11.09.17
Ma se Bartolomeo Colleoni è passato alla storia per aver avuto 3 coglioni, che ne sarà di Prodi che ne ha avuti ben 23.000.000 ?!?

:D:D:D

Robbi
11-10-2006, 11.11.55
Ma
LOL
:D:D

exion
11-10-2006, 12.18.28
Ammettiamo che ora in qualche thread qualcuno vada a scrivere che i 23 milioni di italiani che non hanno votato centrosinistra dovrebbero andarsene a f@nculo perché qualcuno si è rotto di farsi dare del coglione un giorno sì e pure l'altro, cosa succederebbe?

così, come ipotesi...

Gigi75
11-10-2006, 12.43.46
[per amore della dialettica]

mandare a f@nculo è una immagine figurata che sta a significare solo una volontà di insulto senza intenti di dialogo
dare del c@glione, richiamando la famosa frase è un (bonario..quando le circostanze lo permettono) modo di ricordare le tante critiche, timori e scetticismo pre-elezioni.
Un modo come un altro per mettere sul piatto un tema politico :)

[/per amore della dialettica]

:p

Robbi
11-10-2006, 12.58.43
@exion
Allora diciamo che era una battuta anche divertente! Perchè ti sei impermalosito??

Si forse andava nel thread delle barzellette. Vuoi che sposto l'intervento??
Anzi meglio di no. Sai non son tanto bravo con il Pannello Mod. :D

Veramente mat, non credo ci fosse nessun intento offensivo!

Sbavi
11-10-2006, 13.04.19
Vediamo se qua dentro devo bannare qualcuno :anger:

biologist1972
11-10-2006, 13.53.48
Ma se Bartolomeo Colleoni è passato alla storia per aver avuto 3 coglioni, che ne sarà di Prodi che ne ha avuti ben 23.000.000 ?!?
:D:D:D
http://www.vocinelweb.it/faccine/biggrin/50.gif

biologist1972
11-10-2006, 14.30.20
articolo tratto da "Il Corriere della Sera"
Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto quelle con meno indigenti
Istat: al sud il 70% dei poveri italiani
Le regioni con più famiglie povere in assoluto sono la Campania (con il 27%) e la Sicilia (con il 30,8%)
ROMA - Il fenomeno della povertà è anche nel 2006, un problema soprattutto del Mezzogiorno. Nel Sud risiede infatti ben il 70% delle famiglie povere residenti in Italia. Inoltre, nel Mezzogiorno, ad una più ampia diffusione del fenomeno si associa una maggiore gravità del disagio: l’intensità della povertà (cioè di quanto la spesa media mensile equivalente delle famiglie povere è al di sotto della linea di povertà) raggiunge il 22,7%, rispetto al 17,5% e al 18,9% nel Nord e nel Centro. Lo stima l’Istat nella sua indagine annuale sulla povertà relativa in Italia nel 2005.
DATI REGIONALI - Scendendo nel dettaglio regionale, la povertà risulta meno diffusa in Emilia Romagna, dove l’incidenza è pari al 2,5%, valore non significativamente diverso da quelli registrati in Lombardia, in Veneto e nella provincia di Bolzano (tutti inferiori al 4,5%). Più elevate, invece, sebbene inferiori alla media nazionale, sono le incidenze osservate in tutte le altre regioni del Centro-nord: dal 4,6% della Toscana al 7,3% dell’Umbria. La diffusione della povertà nelle regioni del Mezzogiorno è più elevata rispetto al resto del Paese con l’eccezione dell’Abruzzo, dove la percentuale delle famiglie povere (11,8%) è molto prossima a quella media nazionale. Più contenuta, rispetto alla media relativa al Sud (24%), è anche l’incidenza rilevata in Sardegna (15,9%) e in Puglia (19,4%). La situazione più grave è quella delle famiglie campane (l’incidenza è del 27%) e siciliane (30,8%, valore significativamente più elevato anche della media ripartizionale specifica).
FAMIGLIE A RISCHIO - Una famiglia non povera ogni dieci rischia la condizione di povertà, spiega il rapporto dell'Istat. Questo rapporto arriva ad 1 su 5 se la famiglia vive al Sud. Le famiglie povere, quelle al di sotto della soglia di povertà, sono l'11,1%. Ma fra quelle non povere (l'88,9%), il 7,9% rischia di diventarlo e sono considerate «quasi povere», ossia presentano livelli di spesa per consumi superiori alla linea standard di non oltre il 20%. Si tratta, appunto, di una famiglia non povera ogni 10, di una ogni 5 al Sud. Nel 2005, circa 1 milione 179 mila famiglie (5,1% del totale), risultano «sicuramente povere», hanno cioè livelli di spesa mensile equivalenti al di sotto della linea standard di oltre il 20%. Circa i tre quarti di queste famiglie risiede nel mezzogiorno. Risulta invece «appena povero», avendo valori della spesa di non molto inferiori alla linea di povertà standard, il 6% delle famiglie residenti in Italia, ossia poco più della metà delle famiglie povere; il rapporto si inverte nelle regioni del Nord e le famiglie appena povere sono quasi il doppio di quelle sicuramente povere (2,9% contro l'1,6%). Le famiglie «sicuramente non povere» sono l'81% del totale ma variano tra il 90,4% del nord, l'88,2% del centro e il 62,7% del mezzogiorno. Ne deriva - conclude l'Istat - che più della metà delle famiglie non povere (53,8%) risiede al nord.
11 ottobre 2006

Silence
11-10-2006, 16.19.35
se le iene invece di andare in parlamento andavano in una discoteca, il giorno dopo la trasmissione ci mandavano la polizia coi cani a fare una retata e chiudere tutto :D


Ma...se non ricordo male invece una puntata ci fu.

Proprio nei bagni di una discoteca e con lo stesso metodo.

Ora chiedo a voi avvocatoni (visto che non ne sò una beneamata), dove sta la differenza?
In quella puntata si videro persone, tutte comunque oscurate.

La differenza sta solo nel doppiopetto? :mm:

Silence
11-10-2006, 17.14.44
Il bilancio è di 20 volte superiore a quello fornito dal presidente Bush lo scorso dicembre e di 10 volte rispetto a quello dell'Iraq Body Count.


New York, 11 ott. (Adnkronos/Ign) - Da marzo 2003 a oggi sono morti almeno 655mila iracheni. È la stima di un gruppo di ricercatori americani e iracheni, riportata dai quotidiani statunitensi 'The New York Times' e 'Washington Post', che sottolineano come si tratti del bilancio più alto mai registrato sinora e come si discosti molto dalle stime fornite da altre organizzazioni e anche dal governo di Baghdad. Il bilancio pubblicato oggi è 20 volte superiore a quello fornito dal presidente statunitense George W. Bush lo scorso dicembre e 10 volte superiore a quello dell'Iraq Body Count.
Secondo I ricercatori, dai dati raccolti nel corso di questi tre anni si nota un regolare aumento della mortalità dai primi giorni della guerra, con un picco nell'ultimo anno. Quanto alle cause, 601mila persone sarebbero morte in seguito ad atti di violenza, mentre le altre 54mila sarebbero decedute per malattie o per altre ragioni.
Nessun commento diretto ai risultati dello studio è arrivato dalle autorità statunitensi. Il portavoce del dipartimento della Difesa, il colonnello Mark Ballesteros, citato dal 'Washington Post', ha sottolineato come il dipartimento "rimpianga sempre la perdita di vite innocenti in Iraq e in qualsiasi altro luogo". Ballesteros ha quindi sottolineato come "le forze della coalizione adottino sempre precauzioni per evitare la morte o il ferimento di civili".
Contraria allo scetticismo con cui i dati della ricerca sono stati accolti in alcuni ambienti, compreso quello militare, è Sarah Leah Whitson, funzionario di Human Rights Watch di New York. "Non abbiamo alcuna ragione per mettere in dubbio quanto scoperto e l'accuratezza dello studio - ha detto la donna -. Credo sia importante che, piuttosto che mettere in dubbio i risultati, si realizzi che i dati che arrivano dalle autorità irachene sono molto poco affidabili".
Lo studio è stato realizzato, tra il 20 maggio e il 10 giugno scorsi, da otto medici iracheni dell'Ateneo Mustansiriya di Baghdad supervisionati dagli epidemiologi della Scuola medica Bloomberg dell'Università Johns Hopkins e verrà pubblicato dalla rivista britannica 'Lancet'. Per la ricerca è stato scelto un campione di 1.849 famiglie, composte in media da sette membri, che vivono in 47 zone diverse del Paese arabo scelte in base alla densità di popolazione. I membri di ogni nucleo familiare hanno riferito delle perdite avute nei 14 mesi prima del conflitto e di quelle nel periodo successivo.
Secondo i risultati della ricerca, prima della guerra si registravano 5,5 morti ogni mille persone, mentre dopo il conflitto si è arrivati a 13,3 ogni mille e a 19,8 ogni mille alla fine di giugno.
A causare il 56% delle morti violente sarebbero state le ferite da arma da fuoco, mentre le autobombe e altre esplosioni avrebbero provocato il 14% delle perdite. Responsabili del 31% delle morti sarebbero le forze della coalizione.
Lo studio viene pubblicato, fa notare il 'New York Times', in un momento delicato per il governo iracheno, che è sottoposto a forti pressioni da Washington: gli Stati Uniti chiedono a Baghdad, infatti, di agire contro le milizie attive nel Paese. Nell'ultima settimana di settembre, tra l'altro, le autorità irachene hanno impedito all'obitorio della capitale e al ministero della Salute di diffondere dati ai media circa i decessi di civili. Adesso quindi, ricorda il giornale, solo il governo è autorizzato a fornire dati in merito, ma un funzionario della polizia irachena - a condizione di anonimato - ha rivelato che ogni giorno in Iraq si contano almeno 200 morti.

Fonte (http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Esteri&loid=1.0.562741991)

exion
11-10-2006, 17.49.35
@exion
Allora diciamo che era una battuta anche divertente! Perchè ti sei impermalosito??
Si forse andava nel thread delle barzellette. Vuoi che sposto l'intervento??
Anzi meglio di no. Sai non son tanto bravo con il Pannello Mod. :D
Veramente mat, non credo ci fosse nessun intento offensivo!

Diciamo che trovo, eufemisticamente parlando, che sia un humour molto greve perché se la prende alle intime convinzioni delle persone.... Tanto più che un bel gioco dura poco: sono mesi che 'sta storia va avanti e onestamente non se ne può più.

Dav82
11-10-2006, 18.33.01
Dal Corriere della Sera (http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/10_Ottobre/11/iene2.shtml)

L'onorevole: «Il Darfur? E' uno stile di vita» (http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2006/10_Ottobre/11/iene2.shtml)



Non ho visto il servizio ma... c'è da piangere :S