PDA

Visualizza versione completa : Microsoft/UE:ultimo atto


Flying Luka
25-04-2006, 15.13.12
<p align="center"><img src="http://www.seppo.net/politics/eu_vs_microsoft_04.jpg" /></p><p align="center" /><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Ultime battute per la dura battaglia legale tra Microsoft e l'Ue. Il colosso dell'informatica avrà infatti a disposizione <strong>cinque giorni</strong> per tentare di far cancellare dalla giustizia europea una condanna per abuso di posizione dominante costata ben <strong>497 milioni di euro</strong>. Davanti alla Corte di Lussemburgo, i legali di Bill Gates saranno impegnati nell'ultimo atto della più grande inchiesta nelle storia dell'Antitrust auropeo. </font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">La posta è alta sia per la Commissione europea, che ha in gioco molta della sua credibilità, sia per Microsoft, che vede messo a repentaglio il futuro dei suoi metodi commerciali, anche se entrambi affermano che al cuore della vicenda ci sia il diritto all'innovazione. Il colosso Usa intende preservare la proprietà intellettuale delle sue ricerche,_l'Ue ritiene invece_che Microsoft non possa usare la sua posizione quasi da monopolista per ridurre la concorrenza. In aula la battaglia si protrarrà fino a venerdì 28 aprile e non si escludono colpi di scena. </font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Ad oggi pare che Microsoft non abbia ancora fornito una documentazione adeguata, mantenendo segrete informazioni che non dovrebbero esserlo. A dicembre l'Antitrust Ue ha stabilito che Microsoft non ha fatto abbastanza per aiutare i concorrenti a sviluppare software compatibili e ha minacciato una <strong>multa da 2,43_milioni di euro al giorno</strong>. </font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">Per garantire un corretto e trasparente svolgimento del processo, la lotta finale tra il gigante di Redmond e l'Ue si terrà_ di fronte alla Grande Sessione della Corte di Giustizia, una formazione di 13 giudici che affronta i casi particolarmente delicati. La sala delle udienze sarà con ogni probabilità stracolma, tenendo conto che Microsoft da sola porterà con_decine e decine di consiglieri. Per cinque giorni avvocati, esperti e ingegneri si succederanno in aula secondo un ordine studiato nel dettaglio, sotto l'occhio attento del direttore Affari giuridici di Microsoft, Brad Smith._</font></p><p align="justify"><font face="verdana,arial,helvetica,sans-serif" size="2">A dividersi la scena per difendere il colosso Usa saranno soprattutto l'avvocato scozzese Ian Forrester e il belga Jean-Franois Bellis, mentre la Commissione Ue, la cui posizione è supportata anche da numerose associazioni come Ecis, European Committee for Interoperable Systems, formata da Ibm, Oracle, Sun Microsystems, Real Networks, e dalla Fondazione europea del software libero, sarà rappresentata da tre difensori. Dopo due giorni dedicati a Media Player e altri due all'interoperatività, solo venerdì verrà affrontata la questione della multa. La sentenza del Tribunale dovrebbe essere pronunciata alla fine del 2006 o all'inizio 2007. </font></p><br><br><a href=".http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://news.zdnet.com/2100-3513_22-6052460.html" target="_blank"> Fonte </a><br><br><br><br>

Marmag
25-04-2006, 21.59.57
Comunque vadano le cose bisogna riconoscere che Microsoft ha pesantemente contribuito ad informatizzare l'intero globo. Chissà se Bill Gates non avesse avuto quell'intuizione (se non erro la prima versione di windows vide la luce 21 anni fa) avremmo oggi la possibilità di possedere un computer versatile e relativamente poco costoso?
Pur riconoscendo l'enorme potenzialità e convenienza dell'open source non mi sento di criticare troppo Gates perché vuole proteggere il parto del suo intelletto. Se dovessero riuscirci con lui perché poi non chiedere anche alla Coca Cola di rivelare la famosa formula? :confused:

Flying Luka
25-04-2006, 23.36.24
Come già detto in passato, non concepisco questa guerra UE alla Microsoft cominciata con, mi pare, IE e seguita da WMP.

Un utonto può essere tale all'inzio ed accettare quanto viene imposto ma fino ad un certo punto.
Poi sceglie, e nulla gli vieta di usare FireFox od Opera al posto di Internet Explorer piuttosto che Winamp al posto di Windows Media Player.

Windows viene fornito anche con altri software aggiuntivi: per masterizzare, per fotoritocco, per scrivere, ecc...

Com è che, nell'ordine, alla Maneurope, o all'Adobe, o alla Roxio (solo per citarne alcuni)o a chi per loro, non è saltato in mente di far causa alla Microsoft? Perchè i loro prodotti sono COMUNQUE MIGLIORI di quanto offerto da Miscrosoft nel pacchetto.

Perchè Firefox è in ascesa? Perchè in molti ne hanno decretato AUTONOMAMENTE il successo senza bisgno di nessuna grancassa di risonanza legale e mondiale. In altre parole perchè il prodotto è buono, è migLiore.

Devo dedurre che un giorno che la Microsoft decidesse di implemantare un antivirus o un anti spyware saranno allora tutti contro tutti: Symantec, Lavasoft e via discorrendo.

Se questi altri lettori multimediali non prendono piede mi viene legittiamente da pensare che allora forse non sono un granchè... che questi produttori di software non riescano ad essere competitivi ne concorrenziali.

E che l'unico modo che hanno di distribuire il loro software (che forse nessuno vuole? Real Player per fare un esempio?) sia quello di sopravvivere dietro la battaglia legale.

Sarei infatti curioso di sapere quante copie di Windown "N", quello depurato da Windows Media Player, sono state vendute! :rolleyes:

Fumettos
26-04-2006, 02.38.18
Originariamente inviato da Flying Luka Sarei infatti curioso di sapere quante copie di Windown "N", quello depurato da Windows Media Player, sono state vendute! :rolleyes:
:confused:
E chi l'ha mai vista una copia?!?! :D
Secondo me è solo una "versione" pubblicizzata per tenere buoni gli avvocati, io fino ad ora non ne ho visto nessuna e lavorando nell'ambito con una media di 50-70 sistemi venduti al mese... o la versione "N" non esiste o i produttori non la implementano... (e per dire la verità non l'ho neanche a listino :rolleyes: ).

PansaTeam
26-04-2006, 04.57.41
Originariamente inviato da Flying Luka
Come già detto in passato, non concepisco questa guerra UE alla Microsoft cominciata con, mi pare, IE e seguita da WMP.


Io davvero non so se i vostri post sono volutamente ironici o sinceramente dispiaciuti nei confronti della casa di Redmond!
Non si tratta di fare guerra alla Microsoft ma, e sembra strano ripeterlo ogni volta, cercare di far applicare le normative vigenti in fatto di monopoli sulle attivita' produttive cioe' quell'insieme di norme che tutelano (o dovrebbero tutelare....) tutti quelli che lavorano e producono nel mondo dell'IT compresi quei soggetti che non possono presentarsi in una causa con 20 o 30 avvocati o gestiti magari da decine di studi legali al qua e al di la' dell'oceano. La potenza e la prevaricazione di una grande multinazionale e' anche questo! Prova a citare magari per abuso di posizione dominante la Microsoft. Vediamo nel miracoloso caso avessi l'opportunita' di far valere le tue ragioni, per quanti anni la tua causa verrebbe trascinata in avanti e soprattutto se saresti in grado di sostenerla economicamente!! Ci siamo assefuatti ormai al linguaggio corrente senza mai porsi dei dubbi se quello che sentiamo e' veramente legittimo o no? Voi pensate - ad esempio - che oggi vi sia davvero un libero mercato del software in particolare nei Sistemi Operativi? Voi mi direte: che domanda certo che si! Allora rispondetemi solo a questo: io domani mattina mi alzo e vado ad acquistare un'auto di una qualsiasi marca creata o importata in Italia ad es. Audi, BMW FIAT Citroen Renault Honda Volvo Skoda etc. etc. ho solo l'imbarazzo della scelta (e dei limiti del mio portafoglio...). Bene. Io domani mattina mi alzo e voglio andare a comprare un Sistema Operativo commerciale per il mio PC che NON sia Microsoft Windows. MI FATE UN NOME PER PIACERE?? UNO SOLO!!!

Hugh! LV&P :)

Downloader
26-04-2006, 09.29.03
GNU/Linux (e derivati) che in moltissimi casi sono anche free.

Flying Luka
26-04-2006, 09.32.51
Nessuna ironia e sincerità assoluta.
La risposta alla tua domanda è semplicissima: nessuno ha ancora prodotto (Linux a parte e forse anche Mac) una sistema operativo valido che sia un'altrettanto valida alternativa a Microsoft.

Nel passato, chi l'ha fatto, ha immesso sul mercato dei sistemi operativi che lasciavamo molto a desiderare, quindi subito abbandonati e dimenticati.

Al momento, per gli schizzinosi e detrattori indefessi di Microsoft (che peraltro continuano altrettanto indefessamente ad usare Windows), c'è sempre Linux che è più di un ottimo concorrente e ci sono pure diversi programmi disponibili, molti dei quali gratuti.

Ultima nota: ma la UE con tutti i problemi che ci sono in Europa e non solo, non ha altro di meglio a cui pensare?

Downloader
26-04-2006, 09.34.24
Io piuttosto mi chiedo questo:
ok, c'è una posizione dominante di Microsoft anche e sopratutto riguardo alcuni software (WMP ed IE), ma non sarebbe possibile come accadeva nei sistemi 9x e come accade nulle disribuzioni linux (su mac non so dire) di poter scegliere i software da installare?

Nessuno potrebbe dir piu nulla a Microzzoz perchè se un'utente usa WMP o IE è solo per una sua scelta e non pechè ha trovato quei software gia là.

O sbaglio?

kafka
26-04-2006, 09.50.22
secondo me, come dice il buon Beppe Grillo, tutta questa invenzione moderna del copyright è un offesa al progresso. Se uno scopre una cosa che fa progredire l'uomo non può imporci sopra dei diritti, dovrebbe bastargli l'onore. Ma è già un pezzo che l'onore è andato a farsi friggere. Immaginate se da Socrate ad Einstein tutti questi luminari dell'umanità avessero impoisto il copyright alle loro opere e scoperte... ma per favore!

dave4mame
26-04-2006, 11.06.47
di windows N ne sono state vendute 3000 copie, ho letto di recente.

la mia personale posizione coincide con quella di downloader; mi sta benissimo che windows mi offra tutta una serie di gadget addizionali (siano il media player, explorer, i giochini o i viewer)... però mi lascia la possibilità di installarli, non mi ci obblighi!
(e, se non chiedo troppo, la scelta di default sia "non installare"; se voglio me la seleziono).

infine, non per dar adito a flame con kafka, ma la sua sparata "grilliana" mi sembra doppiamente fuori luogo.
per due motivi.
primo perchè il copyright non è eterno; 75 anni e poi diventa patrimonio dell'umanità.

in secondo luogo è il termine "scopre" che mi lascia perplesso.
le "scoperte" moderne non sono come la mela di newton che ti casca sul naso e ti illumina sui massimi sistemi; costano applicazione, fatica e, soprattutto un bel pò di soldini.

non so se a me (come privato, non come organizzazione governativa) piacerebbe l'idea di mettere di tasca mia una tot di soldi "a fondo perso" solo per l'onore.
a te si? ;)

kafka
26-04-2006, 16.19.10
Originariamente inviato da dave4mame

infine, non per dar adito a flame con kafka, ma la sua sparata "grilliana" mi sembra doppiamente fuori luogo.
per due motivi.
primo perchè il copyright non è eterno; 75 anni e poi diventa patrimonio dell'umanità.



nella nostra epoca 75 anni equivalgono a 5 secoli di una volta, nel campo tecnologico ancora di più. Nel frattempo Gates e simili acquistano il monopolio del mondo. Ti sembra un bene per l'umanità?



in secondo luogo è il termine "scopre" che mi lascia perplesso.
le "scoperte" moderne non sono come la mela di newton che ti casca sul naso e ti illumina sui massimi sistemi; costano applicazione, fatica e, soprattutto un bel pò di soldini.


a parte che la storia della mela di Newton è una favola, pensi che Socrate, Cartesio, Galilei, Einstein e altri non ce ne abbiano messa di fatica, impegno e soldi (persi in quanto studiare invece di guadagnare facendo altro)?



non so se a me (come privato, non come organizzazione governativa) piacerebbe l'idea di mettere di tasca mia una tot di soldi "a fondo perso" solo per l'onore.a te si?

mi sta benissimo che chi inventa una cosa nuova ci guadagni la parte che si merita. E' questa parte che andrebbe un po' regolata. Quando l'opera supera enormemente il suo valore oggettivo e ne acquista un'altro, intrinseco, di carattere planetario, considero immorale che un individuo possa pretenderne ancora i proventi. Lo so che nel mondo d'oggi, dove tutto è ridotto a moneta, è peccato parlare di ciò che è morale o no. La cosa più triste è che oramai quasi tutti si sono rassegnati all'ineluttabilità di questa deriva.
Per quale ragione poi uno abbia diritto ad arricchirsi fino a comprare intere nazioni qualche d'uno me lo vorrà spiegare? ..no no..lasciate perdere

Gonzo
29-04-2006, 13.25.20
Cmq la "crociata" presunta contro MS non è certo guidata dalla UE, bensì dagli altri operatori del settore a cui, per come la si rigiri, non è in ogni caso possibile non garantire le pari opportunità e pari condizione sul libero mercato. Di fatto oggi questo non avviene, come non avviene per esempio con Telecom in italia.
Sono situazioni inaccettabili da qualsiasi punto di vista e per quanto possono esistere in maniera sotterranea molto spesso anche in altri ambiti e altri paesi, una volta venute alla luce non è possibile ignorare colo eprchè è piu comodo e "normale". Fine della storia.

dave4mame
29-04-2006, 21.36.10
lo so bene che la mela di newton è una favoletta da bambini; era il concetto che conta.
la scoperte non sono mai state gratuite.
se una volta bastava il lavoro di una persona (che per di più spesso e volentieri era sovvenzionata da un mecenate o da uno stato) adesso le "scoperte" sono frutto di ingenti capitali privati.
chi li paga?

sul monopolio del mondo: mi pare che nessuno obblighi a usate windows.
le alternative ci sono e alcune sono pure gratis.

a me sembra che a volte la gente faccia fatica a capire che una cosa anche se immateriale deve venire tutelata allo stesso modo di un bene materiale....

Gonzo
30-04-2006, 10.39.25
Sono obbligate invece molte strutture commerciali, da catene di negozi a produttori hardware a certificare e distribuire sistemi preistallati e preconfigurati MS. Prova ne è lo scalpore e che destò il passaggio di IBM a Linux e le vicende di Dell per riuscire a aprire una nicchia al preistallato Linux. Ovviamente non fisicamente obbligati ma indotti e sostenuti da certe politiche e situazioni commerciali affatto eque. In america ,che non è come l'italia, dove il sistema legislativo è estremamente rigido e molto meno "parziale" le posizioni di abuso di mercato di Microsoft sono state riconosciute dai legislatori..non si parla di insinuazioni ma stati di fatto quindi. La politica di Microsoft a riguardo è comunque sempre stata quella di pagare e minimizzare, dato che dalla sua posizione se lo puo' permettere. Ed è quello che farà anche in Italia o europa, quindi niente di nuovo fà parte del marketing aziendale di Redmond muoversi in certi modi discutibili.
E' possibile che commercialmente non si commetta un illecito esplicito o diretto, ma fortunatamente le leggi si stanno adeguando al mondo del commercio attuale che vive di logiche eticamente spesso inaccettabili. Che una multinazionale che produce capitali e interessi socioeconomici per alcuni possa trascendere allegramente delle logiche costituzionali o democratiche (perchè in ultima parte di questo si tratta quando si intende fornire pari oppurtunità a tutti) è assolutamente comprensibile ma non per questo accettabile. Poi naturalmente ognuno puo' avere le sue opinioni in merito, ma se la prospettiva storica è una scienza imparziale i primi frutti di certe logiche di sviluppo sono già piuttosto evidenti e non sono per niente positivi.

PansaTeam
01-05-2006, 01.13.09
[QUOTE]Originariamente inviato da Gonzo
...Che una multinazionale che produce capitali e interessi socioeconomici per alcuni possa trascendere allegramente delle logiche costituzionali o democratiche (perchè in ultima parte di questo si tratta quando si intende fornire pari oppurtunità a tutti) è assolutamente comprensibile ma non per questo accettabile./QUOTE]

Esatto! Non e' accettabile per il semplice fatto che una societa' per azioni (piccola o enorme quanto la Microsoft) e' una persona giuridica e come tale DEVE, non PUO', rispettare le leggi vigenti e non aggirarle o saltarle a pie' pari. Non so chi di voi abbia visto un bellissimo documentario del 2003 dal nome The corporation. Li' si trovano molti spunti e riflessioni sul modus operandi delle grandi Major industriali di oggi. E non sono particolarmente ottimistici...

Hugh! LV&P