PDA

Visualizza versione completa : Anteprima: Porsche 911 Turbo 2006


Gigi75
14-02-2006, 21.28.57
http://www.motorbox.com/static/upl/p/porsche911turbo2006-7563-018-f.jpg

http://www.motorbox.com/static/upl/p/porsche911turbo2006-7563-030-f.jpg

480 cv, 620 Nm, 3,9 secondi e 310 km/h: bastano quattro numeri per far capire di che pasta è fatta la Turbo, proverbiale ciliegina sulla torta della gamma 911. L’ultimo brivido lo regala il prezzo: 138.939 euro.

TRADIZIONE RISPETTATA Che alla Porsche siano legati alla tradizione non è certo una novità. C’è dunque poco da stupirsi che con il classico, leggero ritardo, arrivi la versione Turbo a completare la gamma dell’ultima 911, quella nota agli appassionati con il nome in codice 997. Se sulla sua apparizione si poteva scommettere qualche euro a occhi chiusi, la 911 Turbo ha comunque tutte le carte in regola per sorprendere lo stesso: l’estetica lascia a bocca aperta e le prestazioni dichiarate sono un vero e proprio attentato alla articolazione della mascella.

SI DA’ LE ARIE Da dietro, di lato, davanti, da qualunque lato la si guardi la 911 Turbo non può certo essere confusa con una 911 qualsiasi. I fari bi-xenon hanno sguardo insolitamente intenso e il paraurti è molto più esteso del normale, con indicatori di direzioni a Led e minuscoli fendinebbia a fare capolino accanto a prese d’aria maggiorate. Ampi squarci si aprono anche tra le porte e i parafanghi posteriori, spallati come non mai, tanto da risultare più larghi di 22 mm rispetto a quelli della vecchia Turbo. Pure il paraurti posteriore ha un disegno tormentato. Ai lati ci sono sfoghi per l’aria calda utili a rinfrescare le idee al motore e più al centro spuntano i terminali di scarico. A completare il quadro è poi l’immancabile alettone posteriore, qui caratterizzato da bordi leggermente piegati verso il basso.

PROMESSE MANTENUTE A mantenere le promesse fatte da un look tanto grintoso provvede il motore sei cilindri boxer, dopato dalla Porsche con due turbine a geometria variabile. La sua potenza massima è di 480 cv a 6.000 giri, mentre la coppia massima è di 620 Nm, costantemente disponibili tra i 1.950 e i 5.000 giri. Passando dalla carta alla strada, con il cambio manuale a sei marce standard, si registra un tempo di 3,9 secondi per scattare da 0 a 100 km/h e uno di 12,8 per toccare i 200. L’elasticità non è da meno, con un crono di 3,8 secondi per il passaggio da 80 a 120 km/h in quinta marcia mentre, insistendo, si può arrivare a vedere la lancetta del tachimetro arrivare fino a quota 310 km/h. Il tutto con percorrenze medie dignitosissime, nell’ordine dei 7,8 km/litro.

ANCHE MEGLIO Contrariamente a quanto accade di solito, le prestazioni migliorano con il cambio automatico Tiptronic S, disponibile in opzione. La pratica 0-100 km/h viene sbrigata in soli 3,7 secondi e quella 0-200 ne richiede 12,2. Anche in ripresa la Turbo automatica lima il tempo della manuale, impiegando tre decimi in meno nella stessa prova da 80 a 120 km/h, ovvero 3,5 secondi. La velocità massima resta invariata a 310 km/h mentre l’unico dato a peggiorare è quello del consumo: con un litro di benzina la Tiptronic S non fanno più di 7,4 km.

PULSANTE MAGICO Per chi proprio non si sa accontentare, la Porsche propone il pacchetto Sport Chrono Turbo. Il fiore all’occhiello è il pulsante magico Sport, posto accanto alla leva del cambio, che alza di 0,2 bar la pressione del turbo quando si entra a gamba tesa sull’acceleratore. In questo modo la coppia massima sale per una decina di secondi da 620 a 680 Nm, permettendo di abbassare di tre decimi di secondo il tempo nel passaggio da 80 a 120 km/h.

IN CERAMICA Il merito di simili prestazioni va anche al sistema di trazione integrale Porsche Traction Management, PTM per gli amici, capace di individuare in tempo reale la ripartizione ottimale della coppia motrice e di offrire quindi un’ottima motricità. Anche l’impianto frenante è all’altezza della situazione, con quattro dischi autoventilanti forati da 350 mm. In alternativa si può comunque richiedere l’impianto in ceramica PCCB, sigla che, srotolata, sta per Porsche Ceramic Composite Brake. I suoi vantaggi sono soprattutto un notevole risparmio di peso, 17 kg per la precisione, e un’elevata resistenza all’affaticamento.

A GIUGNO La Porsche 911 Turbo farà il suo debutto in società al Salone di Ginevra, dove a farle compagnia ci sarà anche la nuova 911 GT3. Dopo la kermesse elvetica si farà un po’ desiderare, visto che il lancio è atteso per giugno. Nessun dubbio, comunque, per quanto riguarda il prezzo. Quando arriverà sul mercato, la Turbo costerà 138.939 euro. Iva compresa.
http://www.motorbox.com/

Dav82
14-02-2006, 21.38.54
Che brutto il quadro :vomit:

Kaioshin
15-02-2006, 19.52.10
adesso come adesso la ferrari è la numero 1.... il modello più piccolo della ferrari ha quasi gli stessi cavalli :p

Doomboy
16-02-2006, 12.07.43
Originariamente inviato da Dav82
Che brutto il quadro :vomit:

Non è il più bello che abbia mai visto, ma ho anche visto di gran lunga peggio :p

RNicoletto
17-02-2006, 10.28.01
Originariamente inviato da Dav82
Che brutto il quadro :vomit:
A me non dispiace. :)

Il prezzo invece mi dispiace moltissimo! :p

Tommy_hell
16-03-2006, 19.43.49
E' una macchina stupenda, come del resto tutte le versioni della 911 GT3 ;)

ciau

succhione
20-03-2006, 20.01.09
...Porsche...Ferrari..Lamborghini....
..il meglio che si adatta a diversi stili...
..:o..averle tutte sarebbe l'ideale x capire le differenze......